Il Comune di Milano sbarca su WhatsApp, info per il cittadino con l'assistente virtuale

21 Maggio 2020 96

Milano è il primo comune in Europa a sbarcare su WhatsApp con un proprio assistente virtuale proprietario pensato per offrire supporto gratuito ai cittadini nella gestione dell'attuale emergenza sanitaria.

Il Comune di Milano, primo comune in Europa, lancia oggi il servizio “020202” su WhatsApp, con l’obiettivo di dare a tutti i cittadini informazioni accurate, affidabili e aggiornate sulla città.

Il servizio sfrutta un chatbot automatizzato e potrà essere utilizzato da tutti gli iscritti all'app di messaggistica istantanea per ricevere risposte (24 ore su 24) in merito a:

  • domande più frequenti sul coronavirus
  • notizie aggiornate su Milano
  • informazioni accurate sulle attività commerciali aperte
  • info sui servizi pubblici disponibili
  • info su spostamenti consentiti e viabilità
  • info per le persone con disabilità
  • informazioni sanitarie e su decreti, ordinanze e circolari.
COME UTILIZZARE 020202 DEL COMUNE DI MILANO

Per utilizzare il servizio 020202 del Comune di Milano su WhatsApp sarà sufficiente salvare il numero 020202 tra i propri contatti, creare o aprire la conversazione con il chatbot, scrivere la parola “Ciao” in un messaggio. A questo punto l'assistente virtuale si attiverà indicando una serie di opzioni tra cui scegliere per ottenere una risposta immediata:

  • A) Servizi di supporto alla cittadinanza
  • B) Ripresa della attività economiche
  • C) Servizi pubblici e luoghi di culto
  • D) Spostamenti consentiti
  • E) Viabilità e parcheggi
  • F) Persone con disabilità
  • G) Aiutare la città di Milano
  • H) Informazioni sanitarie
  • I) Decreti, ordinanze e circolari
  • J) Condividimi con parenti ed amici

Una volta fatto ciò, basterà scrivere la lettera che indica il servizio desiderato per ricevere tutte le risposte del caso. Il servizio, fa sapere il Comune di Milano, utilizza le API di WhatsApp Business ed è stato sviluppato gratuitamente da Facebook e Infobip che hanno risposto al bando "Alleanza per #milanodigitale" rivolto a soggetti pubblici e privati che vogliano donare all’Amministrazione comunale progetti tecnologici e digitali volti al miglioramento della città e dei servizi rivolti ai cittadini e ai city user.

A seguire la dichiarazione di Roberta Cocco, assessora alla Trasformazione digitale.

Grazie alla collaborazione con Facebook presentiamo oggi ai cittadini l'assistente virtuale del Comune di Milano. Un sistema semplice e intuitivo per fornire ai cittadini tutte le informazioni utili in un momento così delicato direttamente sul loro smartphone. È un modello già utilizzato dall'OMS e dalla Gran Bretagna per rispondere alle domande più frequenti legate al coronavirus e Milano è la prima città d'Europa a sperimentare questa interazione. I contenuti sono stati selezionati in base alle informazioni più richieste al nostro infoline 020202 e saranno costantemente aggiornati per offrire informazioni puntuali sui servizi e le attività della città. I cittadini potranno anche proporre idee e suggerimenti o darci il loro parere attraverso il breve questionario disponibile dopo l'utilizzo.

DOWNLOAD WHATSAPP

96

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Davide

Be no, se per ogni cosa bastasse la forza di volontà non ci sarebbero più le professioni le scuole e le competenze specifiche..volevo solo capire se dietro un bot ci fosse della programmazione per cui non basta la sola forza di volontà, oppure se ci fossero già piattaforme di sviluppo semplificato dove con impegno si può realizzare qualcosa

Theta

KAFFÈÉÉ?1!!1!1?

Federico

Se si tratta di una piccola provincia ovviamente a Zuckerberg non importa nulla, ma se le scelte del ministero della Salute invece che alle deludenti cifre attuali avessero portato allo spostamento artificioso di milioni di utenti la denuncia al garante sarebbe stata certa.
Capisco che si tratti di servizi accessori e gratuiti, ma uno Stato non può alterare intenzionalmente gli equilibri del mercato.
Se si vuole fornire un servizio di nicchia come Telegram va bene, ma non si può prescindere dal darlo anche agli utenti della piattaforma di gran lunga più diffusa.
E' un po' come se per la famosa app Immuni (ma sul serio non lasceranno perdere?) il Ministero avesse deciso di supportare solo iOS. Il ricorso al Garante sarebbe stato immediato.

Simone

Bah... Non mi sembra che un comune debba utilizzare obbligatoriamente la piattaforma più popolare... Altrimenti potrei esporre 3 o 4 Milà denunce a tutti i comuni che conosco.
Semplicemente c'era solo quello a disposizione e quello di è fatto.
Anche per per fare segnalazioni etc, usiamo dei format fatti ad hoc, dovrei denunciarli anche per quello? Ma per piacere dai.
Non è un servizio indispensabile, è un extra, il comune fa ciò che è in grado di fare.
Altrimenti sarebbero obbligati a usare tutti i servizi esistenti.
Se io uso WeChat denuncio il comune perché mi obbliga ad installare Whatsapp?
E poi si tratta di servizi gratuiti in tutti i casi e tutti proprietari...

Federico

Ho detto che se un pubblico servizio costringe qualcuno a variare le proprie abitudini riguardo a prodotti commerciali si tratta una distorsione alla libera concorrenza.
Quindi o nel tuo Comune hanno fatto uno studio preliminare che ha stabilito che in precedenza Telegram aveva percentuali di adozione superiori a Whatsapp e quindi si è scelta la piattaforma più diffusa, o sono da denuncia al Garante della Concorrenza.
Gli estremi ci sono eccome.

Simone

Non ho capito cosa hai detto scusa...

Il comune non ha costretto nessuno lol non capisco cosa c'enri

Semplicemente il servizio telegram ha raggiunto molte più persone...

Non ho mai detto che il comune ha costretto qualcuno: "Anche perchè nel mio comune il servizio telegram raggiunge molte più persone di quello Whatsapp" questi sono dati di fatto comunque, c'è poco da dubitare perchè ci sono i numeri... ora come ora il confronto non lo posso più fare perchè il servizio Whatsapp è in fase di abbandono perchè non c'è il personale competente a gestirlo. Avevono provato a fare un broadcast ma poi non è funzionato perchè erano troppe le persone iscritte e quindi dovevano creare decine di broadcast.
Non c'è nessun estremo per denunce tranquillo

Federico

Quali sarebbero le spese???

yepp

Peccato che siano i cittadini a pagae le spese per la pessima scelta di orientarsi verso un servizio a pagamento come WhatsApp Business. Con Telegram non avrebbero speso nulla!

Theta

Il canale è nato un mese fa, il 14 aprile se non sbaglio
610 mila iscritti in un mese non sono così pochi

Federico

Anche perchè nel mio comune il servizio telegram raggiunge molte più persone di quello Whatsapp

Perdonami Simone, questo semplicemente non è sostenibile.
Spero tu non mi stia dicendo che sia stata fatta una cosa così scorretta e contaria ai principi della libera concorrenza come il costringere un utente ad installare un'applicazione che prima non aveva per utilizzare un servizio pubblico!
Evidentemente no, perchè sarebbe da denuncia... quindi il sostenere che nel tuo Comune avesse già in precedenza delle quote di adozione superiori a Whatsapp... beh, consentimi di dubitarne.

Vincenzo

Ci vuole solo tanta voglia di scoprire e di smanettare, come ogni cosa bisogna imparare, non devi essere del mestiere.

Vincenzo
Markk
Turianosaurus Wrex

"omento telegram è in rapida ascesa"
Quando in bilico.
Il suo successo è dovuto a pirateria e pornografia.
Basta un niente e viene bloccato.

"ma si sta espandendo a vista d'occhio basti pensare al canale del Ministero Della Salute"
Che ha zero utenti ancora ( si 600k sono il nulla cosmico per un canale ministeriale che diffondeva notizie ufficiale sul Covid)

"Purtroppo essere un fanboy di whatsapp "
Non lo sono.
Uso entrambe le piattaforme allo stesso modo, ma negare i problemi di telgram rende te un un fanboy

In un settore di che base la sua forze esclusivamente su economie di rete (ovvero il numero di utilizzatori) in questo momento Telegram è il nulla cosmico rispetto WA.

Quindi è giusto e sacrosanto che abbiano fatto per WA.

"lo ha perso quando è nato Telegram"
Mi sa che viviamo in universi paralleli.

"Altro che semplicità di whatsapp, sta diventando datato"
Certo che i fanboy sono veramente il cancro dei siti

Turianosaurus Wrex

Dico il numero delle persone presenti nel canale.
Se poi ti devi limitare a mettere notizie va più che bene WA

Theta

Nulla cosmico? Aggiungono circa 2 volte al giorno qualche notizia per la prevenzione, e ogni giorno il bollettino d’aggiornamento della situazione del giorno
Cos’altro dovrebbero fare

Vincenzo

Riparliamone tra qualche anno, so soltanto che in questo momento telegram è in rapida ascesa e che in quanto funzionalità è fruibilità è superiore a whatsapp, non voglio dilungarmi su cosa, basta una semplice ricerca su internet, l'utenza c'è, non c'è ancora superiore a whatsapp, questo è ovvio, ma si sta espandendo a vista d'occhio basti pensare al canale del Ministero Dell'istruzione. Purtroppo essere un fanboy di whatsapp non la rende la migliore anzi contribuisce soltanto a quello che tu hai descritto cioè rimanere sempre nell'arretratezza e pensare che whatsapp manterrà il "monopolio" per sempre, lo ha perso quando è nato Telegram. Altro che semplicità di whatsapp, sta diventando datato.

Simone

No non ho capito che volevi intendere...
Anche perchè nel mio comune il servizio telegram raggiunge molte più persone di quello Whatsapp

Federico

Si Simone, ma capisci che un'istituzione non può sacrificare un numero prossimo al 100% di utenza a vantaggio di un 10%?
Cioè... farlo può pure farlo, ma si tratta di una scelta quanto meno discutibile.
Tanto più se, come nel caso del Ministero, poi si trova costretta a pubblicizzare il canale Whatsapp di OMS.

Simone

Nessuno vuole contraddire o smentire la validità e le scelte fatte sull'utilizzo di WA.
Ma gente che entra in una chat uscendosene con "prima che arrivino quelli di Telegram" dalla da qualche parte.
E questo è dimostrato dai dati, il servizio Telegram è estremamente efficiente e c'è poco da screditare.
Il ministro della salute indietro settimane ha raggiunto il 10% di tutta la popolazione italiana... Un successo straordinario superiore anche a quello di Instagram e delle piattaforme al quale sono iscritte il "100%" della popolazione

Simone

Ci sono dei sistemi più semplici comr ad esempio un bot (ufficiale e non) che ti permette di creare altri bot e modificarli, mettendo risposte automatiche e cose simili, poco più.
Altrimenti devi saperlo fare... E nel mio caso abbiamo fatto la seconda cosa.
Comunque no non è il mio mestiere almeno non ora

Pirullo

no, e tu dove avere un sacco di fratelli...

Federico

OMS ha scelto Whatsapp.

Federico

Devi metterci anche che OMS ha scelto Whatsapp, quindi Whatsapp è un po' la la linea guida.

Federico

Ripeto, non è controllato ma do per scontato che lo abbia.
Quanto all'essere cinese... beh, la Cina ha appena stanziato 4 mld di dollari, quindi se lo è magari lo è a ragione.

Vive

Ci puoi scommettere quello che vuoi che l'Organizzazione Cinese della Sanità é anche su WeChat.

Federico

Simone, visto che OMS ha scelto Whatsapp e non Telegram immagino che non esistano problemi nel supporto di 600K utenti su Whatsapp Business.

Federico

E io avevo scritto prossimo al 100% e non 100%, quindi l'intervento era del tutto inutile.
la focalizzazione di questo thread è sulla creazione di Bot, e quindi sulle API.

Estiquaatsi

Calma, ho solo detto che io non lo uso, non arrabbiarti.

Federico

Quindi il fatto che Federico non usi Telegram significa che in Italia nessuno usa Telegram????
Quasi nessuno significa che esiste comunque una marginale quota di utenti che non lo usano, ma è talmente bassa da non risultare significativa.

Federico

Però OMS ha scelto Whatsapp, ma immagino che essendo una organizzazione sovranazionale abbia anche WeChat (non ho controllato).
Quindi al di là delle scelte di un piccolo Paese il grosso dell'informazione sanitaria è su Whatsapp.

Estiquaatsi

Io non lo uso

Federico

Credo (credo) che il servizio Whatsapp Business disponga delle API adette all'interfacciamento con i sistemi informativi; se è così si può fare ben più di un Bot.
Ma al di là di questo, quando una struttura pubblica offre un servizio dee farlo sui mezzi di massima diffusione, e Whatsapp è presente su un numero prossimo al 100% dei cellulari attivi in Occidente.

Turianosaurus Wrex

Che sono il nulla cosmico per un canale in teoria di interesse nazionale per tutti in questo periodo

Turianosaurus Wrex

Sempre trovato tutto in 2 minuti

Se poi neanche più leggere sapete...

Turianosaurus Wrex

Credo che la relaizazzione di questo servizio ed il mantenimento costi quando 1/4 di ventilatore.
Ma si fate polemiche alla meloni/salvini

Turianosaurus Wrex

Voti lega?

Pirullo

i siti della PA fanno cag4r3 sorci verdi

Pirullo

basterebbe un sito fatto a regola, altro che wa. Includere negli affari pubblici un software proprietario di una multinazionale straniera è fuori da ogni logica

Pirullo

devi escludere bambini piccoli e persone anziane

Pirullo

pochi posti (meno male) perchè realizzato tardi quando cioè si cominciava a intravedere un luce

Pirullo

infatti, il più delle volte le risposte saranno generiche e scontate

Davide

Siccome sono molto curioso vorrei capire se telegram offre una piattaforma di sviluppo semplice che non richiede conoscenze da programmatore oppure se lo fai di mestiere..

IlFuAnd91

Purtroppo si. Avete troppa fiducia nel caro vecchio "utente medio"

Stepa
camillo777

Ma non capisco quale è il vantaggio rispetto a un menù o a una FAQ? Se ho un problema non mi aiuta a risolverlo.

Massimo Potere

forse confondi regione con comune. Forse confondi sanità con gestione municipale e servizio per il cittadino. Forse la tua è solo una polemica gratuita.

Vuoshino

Come si fa per creare un bot del genere? Sarebbe molto utile

Turianosaurus Wrex

che mare di idiozie.
Credete veramente che sia così semplice?
Credete veramente che un'altro servizio di messaggistica possa imporsi così?
Che illusi

Simone

La cosa si è evoluta. Sicuramente su Telegram c'è un bot al quale puoi chiedere moduli da compilare e informazioni.
Ora se lo faccia anche su WhatsApp non sto dirtelo, non lo uso più di WA

App Immuni è disponibile al download su Android e iOS

Covid-19: come non cadere nella trappola della falsa informazione | Podcast

Apple e Google, più privacy per le app di tracciamento: cosa cambia per l'utente

Coronavirus e 5G: rischi reali e fake news, facciamo chiarezza | Video