Arrivano i Facebook Shops: per aiutare le piccole imprese a vendere online

19 Maggio 2020 33

Mark Zuckerberg ha annunciato i Facebook Shops pensati per aiutare le aziende a realizzarsi gratuitamente un unico negozio online al quale i clienti possano accedere sia da Facebook che da Instagram.

Le aziende possono scegliere i prodotti che vogliono inserire nel loro catalogo e personalizzare il design. Inoltre, in caso di necessità, nei Facebook Shops si potrà inviare messaggi a un'azienda attraverso WhatsApp, Messenger o Instagram Direct per fare domande, ottenere supporto, monitorare le consegne e altro ancora. In futuro si potranno anche fare acquisti direttamente in una chat di WhatsApp, Messenger o Instagram Direct.


In questo momento molte piccole imprese stanno lottando per sopravvivere e, con la chiusura dei negozi fisici, stanno cercando di portare il proprio business online. Il nostro obiettivo è quello di rendere lo shopping sempre più immediato e di consentire a chiunque, dal piccolo imprenditore al marchio globale, di usare le nostre app per connettersi con i propri clienti. Ecco perché lanciamo i Facebook Shops e investiamo in nuove funzionalità delle nostre app che possano ispirare le persone nel loro shopping rendendo, allo stesso tempo, più facile il commercio online.

I Facebook Shops vengono lanciati oggi ma saranno resi disponibili in modo più ampio nei prossimi mesi.

Quest'estate, a partire dagli Stati Uniti, arriveranno gli Instagram Shop per scoprire e acquistare i prodotti direttamente dalla sezione Esplora di Instagram. Nel corso dell'anno, inoltre, sarà aggiunta una nuova tab per shop nella barra di navigazione per accedere più rapidamente al negozio.


Altra novità sono le funzionalità di Live Shopping che permetterà ad imprenditori, brand e creator di taggare i prodotti del loro Facebook Shop o catalogo prima di effettuare una diretta, prodotti che verranno mostrati al termine del video. Queste funzionalità sono attualmente in fase di test con alcune aziende su Facebook e Instagram.Facebook sta anche testando delle modalità per rendere più semplice la realizzazione di programmi fedeltà.


Tra i partner che stano lavorando a più stretto contatto cin Facebook per lo sviluppo di questi strumenti ci sono Shopify, BigCommerce, WooCommerce, Channel Advisor, CedCommerce, Cafe24 e Tienda Nube and Feedonomics


33

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
DonBurioni

Non so dove vivi tu.
Ma l'e-commerce fuori da Amazon è morto.
Hanno già fagocitato tutto.

I cinesi col drop shipping ci hanno annientato 10 anni fa.

Resistono solo le grandi catene e chi evade.

DonBurioni

aiutare
[a·iu·tà·re]
TR.
Sostenere con i propri mezzi chi si trova in difficoltà o nell'impossibilità di fare da solo;

Ora eclissati ignorante.

L0RE15

Le vendite sui social sono spesso e volentieri il regno del nero...

CiKappa

A me è successo lo stesso con la carta del docente. Acquistare online in quarantena è l'unica via, poi su mediamondo e unieuro puoi usare la carta docente SOLO recandoti in negozio (non online) e già partiamo malissimo. Poi vai su amazon e con qualche click puoi convertire il bonus carta docente in buono amazon (come ho fatto) acquistando il pc per mia mamma (scontato di 500 euri, lg gram a 999 euro anzichè 1499) e riceverlo in 2gg lavorativi. E poi dovremmo ancora preferire i negozietti sotto casa o anche famose catene di elettronica?

Discaz

non vedo niente di male, se un'azienda vende o produce qualcosa, perchè discriminare questa possibilità diversa di rendere fruibile il prodotto al pubblico?
La privacy, si si...le utopie. Allora iniziamo a spegnere tutti i dispositivi connessi a internet, partendo da quello da cui stai leggendo ora

stefanoc

Una sorta di Etsy?

Dark!tetto

Hai dimenticato che ti verranno proposte nella home prodotti che ti interessa, analizzando le tue preferenze quando fai shopping o solo guardi le vetrine su FB. È scontato, ma non vedo perchè non dirlo visto che Marco Montagnadizucchero ci ha dedicato un paragrafo ;)

Desmond Hume

Sei una persona falza. Le foto secsi da attention whore con sermoni allegati nella didascalia di fianco sono l'avanguardia del social.

Snapdragon

Quanto concordo su tiktok lol

Snapdragon

Io non ne uso nessuno lol

Desmond Hume

Ho capito ma sempre un servizio di Zucchina è. Che stai su Facebook o vai su Instagram sempre lui incassa quindi sapessi cosa gliene frega degli sfottò di chi preferisce l'uno all'altro.
Quelli che invece hanno circuiti cerebrali difettosi o disautonomia neurovegetativa stanno su tiktok e lì la proprietà almeno cambia con somma gioia del PCC.

daniele

Su Facebook ci sono quelli che leggono ancora, su instagram più che postare una foto con una didascalia non puoi fare.

Io sono vecchio nell'anima e uso twitter ma credo abbiano proprio target diversi.

daniele

Tecnicamente è una buona contrapposizione a un monopolio di Amazon se il venditore di zona può avere FB per vendere senza dover sottostare alle imposizioni senza senso di AMazon

daniele

Il commercialista si, ma per e-commerce hai costi di hosting, di sviluppo, di assistenza e percentuali verso paypal.

Cosi sostituisci tutto con una percentuale a FB

daniele

A parer mio darebbe un po' di forza ai commercianti locali per vendere anche online senza averne competenza...

daniele

Beh ti risparmi i costi di sviluppo di un e-commerce (per quanto ora sia economico) e delegando a facebook il pagamento compensi la loro percentuale con quella che avresti dovuto dare a paypal.

daniele

Vero ma potrebbe essere utile a contrastare l'attuale monopolio e-commerce di Amazon che alla lunga non farebbe bene a nessuno (vedi gli aumenti di 10€ l'anno del prime)

makeka94

Vero, ma i prodotti non vengono prodotti da amazon e spesso sono venduti comunque da venditori terzi che si appoggiano ai vari servizi di corrieri con cui sono convezionati, spesso chi vende su amazon ha dietro una piccola realtà (motivo per cui non vendo principalemente in proprio sul proprio sito), parlando invece dei negozi fisici, sia le grandi catene che i piccoli negozi hanno prezzi "folli", il commerciante di turno per giustificarsi usa sempre la storia che deve tenere dei margini superiori per avere un servizio migliore, allora perchè il servizio non è migliore?
La verità è che le aziende (anche micro imprese) che vendono su amazon se sbagliano, tardano o imbrogliano vengono punite subito.
Il commerciante locale che semplicemente non vede un guadagno nel mandare subito a riparare il tuo dispositivo comprato guasto ti tratta come se ti stesse facendo un favore.
Poi possiamo stare qui a discutere del nulla ma se ragioniamo così allora non solo non dovete comprare prodotti dai colossi, ma non dovete comprare prodotti non prodotti (o assemblati) in Italia, non dovreste usare praticamente nessun APP (perchè le APP sono comunque prodotti!) e non dovreste usare nessun social network.

Broccolino

Il verbo aiutare non implica gratuità della prestazione.

È sparita sicuramente perché non si aspettava nulla da chi non conosce bene neanche l'italiano

Simone

Sul funzionamento e sulla convenienza di Amazon non c'è storia ne paragone.
Il problema che affidandosi ai colossi, si penalizza il commercio locale con danni alla struttura sociale che ti circonda.
Molti di noi vivono dell'economia locale e il rischio è di rimanere senza risorse perché si concentra tutto su un'unica grande società che guadagna molto dalle nostre spese ma, non operando sul territorio, non ne rilascia alcun beneficio.

DonBuro

Cosa risulta complicato dal punto di vista fiscale?

Pagare un commercialista? Vedi che lo devi pagare ugualmente, non è che facebook ti fa da sostituto d'imposta.

DonBuro

Che figata il marketing, adesso si dice aiutare.

L'altro giorno mi scrive una commerciale su linkedin, l'incipit era "sarò nella sua zona per aiutare le aziende..."

Le ho risposto che voler aiutare in questo momento era davvero un atto generoso, e che le avrei segnalato aziende in crisi che avevano bisogno di assistenza pro-bono.

Sparita!

oeppo

Negli anni 90 quando studiavo economia ci mettevano in guardia dai monopoli e oligopoli, oggi sembriamo tutti rimbambiti. Comunque non mi sono mai iscritto a Facebook & Co.

Snapdragon

Nel senso nessuno usa più Facebook, visto che sono tutti su Instagram, Facebook è pieno di depressi, Instagram è pieno di gente che finge di fare la bella vita, tra i due quale sceglieresti? :D

apps accaunt

No beh assolutamente..io "odio" il modello economico che si sta imponendo nella nostra società, ma se l.azienda più grande del mondo (quindi anche quella con più intrallazzi con sicuramente più schifezze dentro ecc ecc) risulta anche essere la più seria quella più facile con cui da cliente avere dialogo ecc ecc beh allora alzo le mani e mi devo comunque rivolgere a lei, niente da fare...Amazon ha vinto e ha vinto proprio lavorando su questi aspetti...tutte le altre catene possono morire oggi stesso per quanto mi riguarda anzi strano non siano gia fallite con gli incompetenti che le guidano

Desmond Hume

"divorato da instagram" che esagerazione se tutto in casa rimane.

21

Grandissimo Zucchio, un genio. Più servizi = più dati degli utenti aggratisss. Iscritto perché considerato "sf1g@70" a scuola ed eliminato dopo averla finita. Questo si sta comprando tutto internet.

Pagi

Amazon domenica scorsa mi ha consegnato un pacco non Prime che sarebbe dovuto arrivarmi venerdì prossimo. Questi consegnano anche di domenica, non può esserci competizione. Poi uno dice, dai acquista localmente. Aiuta il piccolo negozio.

Bene, acquisto uno smartphone da una famosa catena, dopo 15 giorni ancora sto aspettando. Porto un portatile con problemi allo schermo in un centro riparazioni in città, sono 13 giorni e ancora deve partire al centro riparazioni. Ma ancora peggio la cattiva educazione di questa gente, che non solo gli porti il lavoro, sembra pure che gli fai un dispetto.

Arturo

Cosa cambia dalla vetrina che già c'è su fb? Capisco la comodità di delegare sempre tutto però così per chi vende si sommeranno sempre percentuali da pagare e si riduce il margine perché per il cliente un aumento del prezzo è inconcepibile, rischi di perderlo

Paneeno

Non so che pensare. Da una parte penso di vari Subito, ebay e compagnia bella, che soffrirebbero e non poco, ma dall'altra penso a quanto potrebbe essere bello avere tanti strumenti utili per raggiungere il cliente direttamente da Facebook e Instagram, avendo la possibilità, praticamente, di raggiungere sia i più giovani sia i consumatori di kaffè terrapiattisti.

Potrebbe essere una bella cosa, ma bisogna vederla in azione prima di parlare. Sicuramente spalare m3rd4 sull'idea solo perchè a proporla è Facebook mi sembra un po' da... Persone poco intelligenti, sì dai, che c'è la moderazione.

Kamgusta

Veramente serve per affossare ebai

ADM90

Punterei su delle pagine e-commerce su Instagram è Facebook gestite direttamente da Facebook. 1-3% del prodotto venduto va a Facebook. Facebook gestisce tutto. Dalla gestione dati clienti alla parte fiscale...

Redmew

Me lo sentivo che prima o poi FB/IG si sarebbe mangiato i siti web di vetrina / vendita prodotti.
Sono sincero, da sviluppatore la cosa mi intristisce non poco.
Un giorno sarà tutto uniformato come vuole Zuck, e il caro vecchio web sarà in mano a pochi di questo passo.

Inoltre, mia ipotesi personale, vogliono cambiare target perché FB negli ultimi anni è calato tantissimo (divorato da Instagram) e non vogliono rischiare una perdita di utenza.

Apple e Google, più privacy per le app di tracciamento: cosa cambia per l'utente

Coronavirus e 5G: rischi reali e fake news, facciamo chiarezza | Video

Spesa online: la nostra esperienza a Bergamo, Milano, Roma, Reggio Emilia e Palermo

Scontrino elettronico dal 1° gennaio per tutti, cosa cambia