Giornali gratis su Telegram: rimossi 7 canali, ma la guerra alla pirateria è lunga

24 Aprile 2020 138

Telegram è una delle migliori e più diffuse applicazioni di messaggistica istantanea, ma nel tempo è diventata anche molto di più. L'applicazione viene infatti utilizzata per diffondere una variegata serie di contenuti compresi quelli che violano palesemente la normativa del diritto d'autore. Non è tanto lo strumento in sé ad essere in discussione ma l'uso che se ne fa e proprio su tale punto l'Autorità per la Garanzia delle Comunicazioni ha voluto vederci chiaro dopo la segnalazione della Federazione Italiana degli Editori.

I contenuti contestati riguardano le versioni digitali di numerosi quotidiani. Complici anche il lockdown e il desiderio di rimanere sempre informati sulla pandemia c'è chi ha aumentato l'offerta di giornali 'pirata' e chi ha scelto di usare l'applicazione per recuperarli. Per la FIEG la vittoria è quasi completa: degli otto canali segnalati ne sono stati rimossi sette. E' una battaglia vinta, ma vincere la guerra è una questione più complessa.

Al provvedimento della cancellazione si è arrivati dopo un confronto tra l'AGCOM e Telegram: quest'ultimo ha accettato di oscurare i singoli canali sulla base di una decisione volontaria. L'AGCOM però non ha il potere di ordinare la rimozione selettiva dei soli contenuti illeciti diffusi tramite Telegram (nel caso specifico i giornali veicolati tramite determinati canali) perché non le è consentito dall'attuale normativa.

L'alternativa - è quello che chiedeva la FIEG - riguarda il blocco dell'intera piattaforma: l'AGCOM ne avrebbe il potere anche se Telegram non opera in Italia, potrebbe infatti ordinare ai provider italiani di disabilitare l'accesso all'intero sito. Ma un provvedimento di questo tipo risulterebbe sproporzionato rispetto al fine (colpire solo i canali che diffondono contenuti illeciti). E' palese che esistono anche tanti altri canali che operano nel pieno della legalità e che verrebbero compromessi senza motivo.

VITTORIA DI PIRRO? NON PROPRIO

Mentre l'AGCOM invoca modifiche normative che le diano maggiore margine di manovra con il potere di chiedere la cancellazione di singoli contenuti illeciti su Telegram, alcuni dei canali colpiti dai recenti provvedimenti già preannunciano che "torneranno più forti di prima" - forse anche consapevoli dell'intricata questione normativa che per il momento gli dà la possibilità di sparire e ricomparire senza andare incontro a conseguenze... più o meno.

I risultati dell'indagine dell'AGCOM sono stati infatti trasmessi all'autorità giudiziaria che ha molti meno vincoli dell'AGCOM e può punire penalmente gli autori delle violazioni. La Polizia Postale e la Guardia di Finanza collaboreranno con il Garante per perseguire gli utenti che caricano e condividono su Telegram le copie dei giornali, si legge nella nota.

L'app stessa viene considerata una sorvegliata speciale negli store di app in relazione all'utilizzo che se ne fa in Italia. L'AGCOM dice al riguardo che segnalerà a Google Play ed Apple store, i principali negozi virtuali di app, di tener conto dell’utilizzo dell’app Telegram degli italiani, più che altrove destinato ad usi illeciti.

VIOLAZIONI PER UNA FALSA BATTAGLIA SULLA LIBERTA' DI INFORMARSI

La vicenda e alcuni proclami dei canali Telegram interessati dai provvedimenti restrittivi sembrano fare eco ad altre storiche lotte tra quelle che qualcuno dipinge come le lobby cattive che costringono a pagare per avere musica, libri, film e videogiochi e chi si professa paladino della liberà, un Robin Hood che ruba ai ricchi per dare ai poveri. Nel caso specifico (diffusione dei giornali) però il ruolo di un Telegram che diventa un novello Napster o Torrent mal si adatta alla constatazione di quanto sia semplice reperire i contenuti in oggetto senza violare alcuna legge e senza pagare alcun centesimo.

Un esempio pratico tratto dalla nostra esperienza: il servizio della Rete Bibliotecaria Bergamasca ci dà accesso ogni giorno alla sezione edicola che conta 7.000 e passa quotidiani, riviste e periodici nazionali e internazionali. Più di quanto umanamente si possa leggere nell'arco di una giornata. E' tutto legale, basta registrarsi e siamo sicuri che non è l'unica iniziativa di questo tipo attiva nel nostro Paese. Di fronte ad un'offerta lecita così ampia, decidere di seguire un canale Telegram che diffonde gli stessi contenuti in maniera illecita è una scelta che sembra dettata principalmente da pigrizia e scarsa informazione.

593 pagine di giornali e riviste per un totale di oltre 7000 contenuti liberamente consultabili

Per dirla in altri termini, anche se le battaglie contro i contenuti pirata diffusi via Telegram (e altre piattaforme equivalenti) sul piano dell'offerta sono complesse, la vittoria finale potrebbe arrivare annientando la domanda. Non è un obiettivo che si raggiunge solo minacciando e punendo anche gli utenti finali - si vedano i provvedimenti adottati in tema di IPTV in Italia - ma anche informando su quanto è vasta e ricca l'offerta di giornali, libri, film, musica e videogiochi che possono essere utilizzati gratis o a prezzi irrisori.


138

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
muchoman

Spesso notizie troppo telegrafiche. Uno apre una notizia per capirne di più e alla fine nessuno meno di prima

Tizio Caio

Mmm vediamo: 1 elemento non di messaggistica contro quanti di telegram? 10000? Su telegram puoi piratare di tutto e se ti va mandi anche un messaggio.. per messaggiare di gran lunga meglio whatsapp, per tutto il resto va bene telegram

Kwicli

Ma se anche li hanno aggiunto le storie? Mi sembra piu social network che messaggistica questa.

Tizio Caio

Il motivo per cui preferisco whatsapp a telegram è proprio per il fatto che se voglio messaggiare e basta uso whatsapp.. se ho bisogno di scaricare un film o cercare serie tv uso telegram..

Marco

Scommetto che sei uno di quelli che fa parte dei gruppi di revenge porn

Aldo

Hai ragione meglio chiudere anche internet per sicurezza.

accasquit

Più che il giornale in sé, mi è scaduto il Gruppo Sole 24 Ore, dagli articoli pressapochisti sul sito al protagonismo di Napoletano (prima dello scandalo), passando per quello che è diventata Radio24: la piega irritante che ha preso Barisoni una decina di anni fa, l'incredibile schifezza de La Zanzara (programma di punta che vende spazi pubblicitari fomentando violenza con retorica di bassissima lega), ecc...

LucaMW
d_

Ottima anche l'app.

d_

Io preferisco l'economist perché é settimanale. Articoli sempre ben scritto, chiari ed esaustivi. Il Sole, essendo un quotidiano, é piú frammentario e soprattutto dovrei stargli dietro ogni giorno.

Sucklord9000

Se non ricordo male, è resto condividere del materiale protetto da copyright,mentre la fruizione è lecita.o sbaglio?

michelerossi

Bah, se ci pensi è pure curioso che la piattaforma sia comune MLOL e che i diversi enti sottoscrivano servizi diversi.

Paolo Giulio

Yes... con il CF + PSW entro sereno. Con USERNAME (della registrazione con mail di conferma annessa) + PSW mi dava errore...

michelerossi

Quindi i problemi di accesso inizialmente riscontrati dipendevano dal fatto che giustamente provavi a utilizzare la username anzichè il CF?

Paolo Giulio

Io mi sono iscritto online dalla biblioteca di Milano con i miei dati reali (anche domicilio fuori Milano) ...
Unica cosa che mi ha creato "fastidi" è che, nonostante me la chiedesse in fase di registrazione, l'USERNAME scelto è "inutile" poichè al LOGIN mi funziona solo se inserisco il Codice Fiscale (+ la PSW dell'iscrizione) ...

michelerossi

E se provo ad iscirvermi a milano.biblioteche come avete provato alcuni di voi a fare?
PS: sì, ho dei tab che non potevo chiudere, per questo non ho riavviato

Paolo Giulio

Allora la tua tipologia di iscrizione all'Università evidentemente non dà accesso a tutto...
Dovresti informarti con l'Ateneo se sono loro a dover "sbloccare" qualcosa o se devi fare tu qualcos'altro.

P.S.
Hai la nota di update di Chrome... basta che riavvii... ;-)

michelerossi

Innanzitutto grazie per il tempo che mi stai dedicando e per quanto rapido sei nel rispondere. Adesso ti faccio vedere cosa visualizzo io. Non è che dipende dall'ente attraverso il quale entri nel sistema MLOL? Io entro attraverso il mio ateneo, Federico II di Napoli. https://uploads.disquscdn.c...

Paolo Giulio

??? ... se entri in MLOL, clicchi "risorse", trovi i Quotidiani...

https://uploads.disquscdn.c...

michelerossi

Ma sicuro? Perchè il le credenziali le ho, ma devo inserire come ente il mio ateneo e i giornali non si sono, ma solo gli ebook. Se ne parlò qui molti mesi fa e riscontrai lo stesso problema.

Marco

Quelli che dicono meglio telegram lo dicono anche quando Telegram permette la creazione di canali e gruppi di scambio di materiale pornografico di ex ragazze di esseri malati di testa?

Telegram che permette l'eliminazione di intere chat da parte degli interlocutori anche dopo giorni?

Matteo Cerchiai

Posso sapere perchè ha smesso di piacerti il Sole? Ho intenzione di abbonarmi per 3 mesi (visto che c'è la promozione) al The Economist

efremis

Purtroppo è anche l'occasione che fa l'uomo ladro e Telegram la crea. In effetti dentro è un farwest (e lo dico da amante e utilizzatore assiduo da anni di Telegram).
Secondo me c'è da trovare una quadra aldilà di questo caso.

Raffaele

La mia domanda è semplice e vorrei rivolgerla agli editori: premesso che la cosa è illegale, vorrei sapere secondo loro quante delle persone che "leggevano gratis" da domani andranno in edicola (o online) ad acquistare il quotidiano o la rivista. Magari sbaglierò, ma secondo me quasi nessuno....

efremis

Beh dai siamo onesti, adoro Telegram ma dentro è il farwest tra giornali, film e tutto quello che vuoi. Per ogni singolo contenuto che scarichi ci lavorano spesso centinaia se non migliaia di persone. A me farebbe fastidio se il mio lavoro venisse reso gratuito come nulla fosse.

Era un esempio, nel senso di pensare più alle cose veramente importanti, non a chiudere due canali Telegram che offrono giornali, su.

A me ha accettato.
Ad un altro che abita qui.. no.
Boh.

The Evil Queen

Da notare la coerenza : se scarichi film ti mangiano vivo e sei una brutta persona, se leggi gratis su Telegram non c’è nessun problema.

accasquit

Sono piuttosto differenti per matrice ideologica, formato, frequenza di pubblicazione ecc...
Io sono abbonato da diversi anni al The Economist ed il Sole ha smesso di piacermi parecchio tempo fa

Dario Prince

Esatto per non parlare degli adesivi p0rn0 di whatsapp

Zyxel Mino

La gente non sa niente magari si pensa che è gratuita per il COVID

Harry

Sì (?) con un PIL doppio e fondamentali completamente diversi. "Oxford, Cambridge o Bocconi?" cit.

Chirurgo Plastico

Comunque la Federazione degli editori autori è una lobby potentissima. Secondo me cervano di infangare Telegram perché è un app sempre più usata.
E poi per il revenge porn e altro di più grave (che troviamo anche su FaceBook, Instagram, WhatsApp e simili, non vapisco l’accampamento su Telegram) non si muove un dito e per i giornali in pdf si chiede la chiusura di Telegram..
Che poi con tutti i problemi che abbiamo, perché proprio sempre Telegram è coinvolto nelle questioni illegali?

uncletoma

tutti e tre

uncletoma

Sono iperchiusi, serve invito (quando è possibile averlo) per entrarci ;)

mikelino666

Capisco, meglio così! Io mi ero iscritto al sistema bibliotecario della mia provincia e in automatico ho anche mlol. Direi comodissimo. Ormai lo uso da oltre un anno.

simone

Non tutte le info le trovi sui siti.. o magari non approfondite allo stesso modo

simone

Esiste un canale per 24+, sono molto interessato

Paolo Giulio

No, no.. ho "combinato"...
Semplicemente (+ o -) invece dell'USERNAME inserito in fase di registrazione, al LOGIN devo inserire il CODICE FISCALE e tutto funziona sia su Biblioteca Milano che su MLOL... ^_^

mikelino666

Penso che tu debba iscriverti al sistema bibliotecario della tua provincia prima di tutto. Con alcune province si può fare tutto online, con altre si ci deve recare in biblioteca per l'attivazione.

mikelino666

Mi sono iscritto al sistema bibliotecario della mia provincia ed associa l'iscrizione alla tessera sanitaria. Il servizio è destinato ai residenti/domiciliati nella provincia. Ciò da accesso a mlol

L0RE15

Di etico c'è, oltre a quello, anche molto di più su torrent...

ermo87

Abbastanza validi tutti e tre

Nino

Giuro non e' mia intenzione fare polemica, ma ora che c'entra la mafia? Non si puo' pretendere che fermino ogni azione contro le altre illegalita' finchè non si risolve il problema mafia. Sarebbe come dire puntiamo ad ottenere prima la pace nel mondo, poi al'inquinamento, alla poverta' e alla fame pensiamo dopo.

Io intendo che solo in Italia pensano ad oscurare i canali e non oscurare per sempre la mafia

Oblomov

Guarda che in percentuale la Germania evade quanto noi. Torna a studiare, socialista statalista.

Matteo Cerchiai

Secondo voi, tra questi che cito, quali sono i migliori? Il Sole 24 Ore, New York Times o The Economist?

PilotaFulmine

E comunque da 2 settimane stanno girando quotidiani come catene di sant'antonio. Mio padre che, ignaro di tutto, mi fa: "scusa ma che succede ai quotidiani? piovono dal cielo? Chi paga questa roba? passo svariati minuti della mia colazione a cancellare quotidiani che ricevo da gente. Pensano di farmi un favore. Cosa rischio?"
e si viene a scoprire che la stessa gente che manda in realtà non legge nemmeno 1 rigo di quel che condivide ma pensa di fare del bene al prossimo...

the_joker_IT

i c.d. giornali avranno diritto di frignare solo quando avranno restituito tutti i soldi pubblici regalatoli negli anni per tirare a campare poiché fuori mercato ovvero quando finiranno di ricevere soldi pubblici per scrivere spazzatura sotto dettatura mainstream.

Fino ad allora giornalacci utili neanche come carta da cubo in caso di emergenza.

Vincenzo

Credo che tutto questo teatrino creato dalla FIEG e alimentato dalla AGCOM sia totalmente inutile. Non so cosa credano di ottenere con la chiusura di questi 7 canali, l'80% delle persone presenti in questi canali, sì sono all'interno del canale ma non scaricano effettivamente i pdf giornali etc ma ci sono giusto all'eventualità potessero servire ma di sicuro non si recerebbero mai in un edicola o qualsiasi altro posto per acquistarli regolarmente, il restante 20% è realmente intenzionato a leggere i giornali costantemente ma anche loro non si recerebbero mai in un edicola. Passiamo alla questione "telegram" è stata colpita pesantemente nell'ultimo periodo da vari "scandali", la mentalità delle persone è completamente arretrata o si tratta di finta solidarietà o alimentare scalpore, andando sulle recensioni di telegram del Playstore si leggono numerose recensioni negative di persone che non hanno neanche provato telegram (numerosissime) ma da buonisti e moralisti danno la colpa all'app dell'uso di cui viene fatta, telegram offre anonimato, questo credo sia una delle cose più preziose di telegram, ma telegram non ha ALCUNA responsabilità dell'uso di cui viene fatta visto che, sarò di parte, ma credo nessun altra app di messagistica offra funzionalità e prestazioni migliori di essa. L'AGCOM ha fatto chiudere 7 canali? No, è stato telegram di sua spontanea volontà a chiuderli per dargi il contentino e ricordiamoci la FIGC "impedire l'accesso a telegram in Italia", ma viviamo nel mondo dei sogni o cosa? Se l'editoria sta andando a pezzi negli ultimi anni di sicuro non è colpa di telegram/canali (attenzione non sono a favore dei canali telegram che pubblicano giornali infrangendo il diritto di autore) ma dell'editoria stessa che non riesce a rivoluzionarsi e ad arrivare ai lettori, la chiusura di questi canali non cambierà niente altro che perdita, le perdite continueranno ad aumentare se non cambieranno qualcosa, inoltre stiamo parlando di Telegram giusto? Ma L'AGCOM e la FIGC sanno che non serve telegram per trovare un semplice giornale? Facendo una semplice ricerca su Google si può trovare qualsiasi giornale, volendo anche internazionali, addirittura senza dover neanche scaricare un applicazione "come telegram" WOW CHE ROBA, allora che facciamo AGCOM perché non impediamo l'accesso a Google in Italia? Ahahahah, ma per favore, hanno anche sfruttato un momento di debolezza di telegram, quante energie sprecate per nulla.

Recensione Huawei Band 6: eleganza in formato slim

Snapdragon 888 vs Exynos 2100: qual è il migliore?

Echo 4° generazione vs Nest Audio: quale scegliere? Tutte le differenze

Il confrontone 2021: Galaxy S21 Ultra vs iPhone 12 Pro Max, Find X3 Pro e Mi 11 5G