Instagram nasconde le immagini false ma potrebbe danneggiare gli "artisti digitali"

16 Gennaio 2020 22

Uno degli obiettivi comuni di tutti i social network è quello di cercare di limitare quanto più possibile la disinformazione. Abbiamo visto nei mesi scorsi come si stiano muovendo in tal senso sia Facebook, che Twitter, Google ed Instagram. Un compito sicuramente non semplice, vista l'enorme quantità di contenuti che vengono quotidianamente condivisi.

Instagram, uno dei social più utilizzati, ha già annunciato lo scorso dicembre la sua intenzione di migliorare la qualità dei post presenti sulla sua piattaforma e dopo aver iniziato a testare degli strumenti che riconoscono frasi o parole potenzialmente offensive, ha introdotto il fact checking, una nuova funzionalità (già presente su Facebook da inizio 2018 per i temi politici) che consentirà di verificare la veridicità dei contenuti.


Quando un post verrà valutato come falso o parzialmente falso - ha spiegato Instagram in un post sul blog ufficiale - ne verrà automaticamente ridotta la distribuzione. Una sorta di "shadow ban". Instagram, inoltre, oscurerà con degli avvisi i post pubblicati nei feed, nel profilo, nelle storie e nei messaggi diretti.

Tuttavia, sebbene questa funzionalità possa essere utile per combattere la diffusione di disinformazione, ha tutto il potenziale per essere un ostacolo per gli "artisti digitali" che pubblicano foto manipolate digitalmente.


Alcune foto realizzate ed editate dal fotografo Toby Harriman, infatti, sono state identificate ed etichettate come false da siti addetti alla "Verifica dei fatti" anche se poi, con controlli successivi, le limitazioni sono state rimosse.

Questi avvertimenti rappresentano comunque un ulteriore passaggio per coloro che vogliono visualizzare un post e rischiano comunque di influire sulla sua diffusione. C'è anche la possibilità che l'account di un artista possa essere etichettato come uno che diffonde spesso false informazioni, anche se non è sua intenzione.

Il top di Huawei al miglior prezzo? Huawei P30 Pro, in offerta oggi da Mobzilla a 539 euro oppure da ePrice a 607 euro.

22

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Matt7even
qaandrav

hdblog:
"Uno degli obiettivi comuni di tutti i social network è quello di cercare di limitare quanto più possibile la disinformazione."

engadget:
https://www.engadget.com/2020/01/08/facebook-still-running-anti-vaccination-ads/

ma siete veramente ancora così creduloni nel 2020?

Squak9000

beh... non sempre... succede

Purtroppo non siamo più nel medioevo e nessun magnate ospita artisti a corte a sue spese per il gusto di circondarsi d'arte ed elevare il suo spirito

Alberto Colopi

Mi è capitato qualche settimana fa, una storia era stata "nascosta" nel modo descritto nell'articolo perché l'immagine postata nelle storie non era la vincitrice di una competizione di cui non ricordo il nome. Era solo un meme, però

Andhaka

E questo succede perchè ci ostiniamo ad voler far fare il lavoro di discernimento del vero o falso ad un algoritmo anzichè accendere il cervello.

Cheers

Ginomoscerino

non ci sono più gli artisti di una volta

Sandro

10 commenti e 10 critiche a tutto... che associale che sei, rilassati un attimo sei di acidita spaventosa.

Sandro

E Martina Stella in bichini?

Squak9000

io penso che quando entra il business in gioco non è più arte... ma, appunto, business

Giulk since 71'

Quindi tutti quei finti blogger con canali che pubblicano foto di macchine e smartphone aggiungendo qualche didascalia spariranno? xD

Squak9000

nessuna pietà!

beh così anche con i big... mi sembra logico.

Squak9000
Filo Montani

ramzy masri prende delle foto e le pitta tutte coi colori dell'arcobaleno?

Ginomoscerino

agli artisti serve più visibilità possibile per farli conoscere

Andrej Peribar

La maggior parte sono "artisti" proprio perché stanno sui social e riescono a racimolare un guadagno.

Fuori dai social... nessuna pietà

Super Rich Vintage

Ma tutti gli artisti sono commerciali, per vendere serve pubblicità e un social come Instagram che è nelle mani di tutti ti permette di avere un risalto immenso, altre piattaforme sono piccole. E poi come diceva Wilde: "Non importa che se ne parli bene o male, l'importante è che se ne parli."

GianlucaA

Se con l'arte ci campi è ovvio che hai bisogno di fare business

Super Rich Vintage
Squak9000

ma gli artisti non potrebbero spostarsi altrove che stare su questo social per dementi?

Cioè alla fine tutta questa necessità di mostrarsi su instagram... questai artisti li vedo un poco troppo alla ricerca di business

Matt7even

Tempi bui questi, dove l'ignoranza è stata amplificata in modo esponenziale da dei social, dove ora - mai come in passato - un fake (news, foto) genera introiti, paura, diffama, storpia concetti.
L'unica arma è il 'saper discernere' che vale esclusivamente per il singolo individuo. Ma contando che sia in Italia che nella maggior parte dei paesi 'moderni' pullulano di analfabeti funzionali, stiamo messi bene.

Tanto...

"è il concetto che conta".

Panteghino

Non solo danneggia gli artisti digitali, ma devasta anche molte menti umane. :P

Scontrino elettronico dal 1° gennaio per tutti, cosa cambia

DJI Mavic Mini ufficiale: pesa solo 249 grammi, prezzi da 399 euro

Recensione PowerBeats Pro: gli Apple AirPods per gli sportivi

Surface: tutte le novità presentate da Microsoft