Libra si farà, ma serve tempo. Dubbi e ritardi della criptovaluta di Facebook

20 Dicembre 2019 26

Libra non si farà, anzi sì. L'incipit è frutto della situazione ingarbugliata in cui si è trovata la criptovaluta voluta e creata da Facebook, annunciata appena sei mesi fa ma già testimone di tensioni politiche e improvvisi voltafaccia da parte dei soci che inizialmente avevano aderito all'iniziativa.

A sollevare i dubbi è Patrick Ellis, uno dei cinque membri del consiglio di Libra Association con sede a Ginevra, in Svizzera. "Non esiste ancora una strategia definita per i mercati o per il prodotto, o per come verrà effettivamente implementata", ha recentemente affermato a Reuters. In altre parole, non esiste ancora "un piano solido" per il suo debutto, essendo il suo lancio dipendente dalle decisioni che prenderanno i regolatori.


"Sì. Sì, verrà lanciata", ha ribadito e confermato Ellis, ma quando - e come - ancora non si sa. Le attese delle varie approvazioni regolamentari e l'abbandono in itinere di diversi partner rischia di frenare la corsa verso il debutto. Non solo: di traverso si son messi anche diversi Paesi, Francia in primis, il cui Ministro dell'Economia e delle Finanze Bruno Le Maire parla esplicitamente di "rischio per la sovranità monetaria dell'Europa".

Anche negli Stati Uniti la musica non cambia di molto: repubblicani e democratici si trovano d'accordo nel ritenere la criptovaluta di Facebook pericolosa, stando soprattutto agli scandali che hanno coinvolto la società di Zuckerberg in questi ultimi tempi riguardo la protezione dei dati degli utenti e la privacy.

Molte aziende hanno criticato Libra in questi mesi: durante una visita in Italia Tim Cook ha espresso il suo pensiero, ritenendo la scelta di Facebook un errore in quanto le società private non dovrebbero entrare nel campo delle valute monetarie. Insomma, sono più le voci contro che quelle a favore, e le perplessità vengono sviscerate anche in un nostro approfondimento #prospettive pubblicato da Andrea Nepori a fine ottobre.

Libra non è di Facebook, si è sempre detto, Libra è un'organizzazione no-profit, Libra permetterà di mettere ordine sul mercato delle criptovalute consentendo agli utenti di pagare servizi tanto online quanto offline nella massima libertà e sicurezza. Fatto sta che, dei 30 partner iniziali, buona parte se n'è andata: è il caso di PayPal, socio-chiave per la sua esperienza nel campo dei sistemi di pagamento digitale, che ha deciso di rinunciare alla partecipazione all'Associazione seppur continuando ad appoggiarla dall'esterno. Pochi giorni dopo se ne sono andati anche Visa, Mastercard e Booking, impoverendo sempre di più il gruppo ideato da Facebook.

I membri che hanno aderito inizialmente a Libra Association. Di questi, diversi hanno già dato forfait.

Dunque manca ancora un "piano solido" per il lancio, previsto a giugno e che a questo punto è facile possa slittare più in là. Avverrà, conferma il board a Ginevra, ma non si sa ancora quando perché si dovranno superare gli ostacoli normativi, i dubbi dei portatori d'interesse, le perplessità del mondo politico e dei soci stessi. Ed è anche una questione di soldi: ciascun membro deve partecipare versando (almeno) 10 milioni di dollari. Al momento, uno solo ha contribuito: Facebook.


26

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Giovanni Giorgi

Il QE dovrebbe essere una soluzione temporanea da attuare per particolari momenti di crisi.
Prolungarlo per lunghi periodi non è solo inutile ma addirittura deleterio.

Nel QE di norma l'incremento di base monetaria è momentaneo.
La banca centrale compra titoli dalle private, stampando moneta, ma:
-quei titoli erano gia all'attivo nelle banche, cambia solo la tipologia; non è un regalo.
-quando i titoli scadono, la banca centrale riassorbe automaticamente la moneta.

L'attuale politica della BCE, con QE e tassi negativi, sembra voler incentivare gli investimenti ma non porta ad una crescita sostenibile dell'economia reale e risulta deleteria perché:
-diminuisce i rendimenti
-inflaziona i safe haven asset
-aumenta la ricerca del rischio
-diminuisce la sostenibilità del business bancario (alias, le banche saltano)
-sovrastima l'importanza della finanza nell'economia reale

Fonte, la BCE neanche un mese fa:
https:// www. ecb. europa. eu/ pub/ financial-stability/ fsr/ html/ ecb. fsr201911~facad0251f. en. html#toc1

Giovanni Giorgi

Il QE dovrebbe essere una soluzione temporanea da attuare per particolari momenti di crisi; prolungarlo per lunghi periodi non è solo inutile ma addirittura deleterio.

Nel QE di norma l'incremento di base monetaria è momentaneo.
La banca centrale compra titoli dalle private, stampando moneta, ma:
-quei titoli erano gia all'attivo nelle banche, cambia solo la tipologia; non è un regalo.
-quando i titoli scadono, la banca centrale riassorbe automaticamente la moneta.

L'attuale politica della BCE, con QE e tassi negativi, sembra voler incentivare gli investimenti ma non porta ad una crescita sostenibile dell'economia reale e risulta deleteria perché:
-diminuisce i rendimenti
-inflaziona i safe haven asset
-aumenta la ricerca del rischio
-diminuisce la sostenibilità del business bancario (alias, le banche saltano)
-sovrastima l'importanza della finanza nell'economia reale

Fonte, la BCE neanche un mese fa:
https:// www. ecb. europa. eu/ pub/ financial-stability/ fsr/ html/ ecb. fsr201911~facad0251f. en. html#toc1

GorillaMaschio

Buongiorno,
Solo un appunto, la BCE stampa già denaro, seppur elettronico, come se non ci fosse un domani. Si chiama QE , ed è un’operazione che va avanti da almeno 15 anni. Crede sia migliorato qualcosa? (Intendo per i comuni cittadini)

Squak9000

https://uploads.disquscdn.c...

Giovanni Giorgi
Davide Bonadeni

Sembra che abbiano fatto apposta a prima aderire e poi tirarsi indietro, per far fallire il progetto.

Ombra

Vale per tutte le crypto

Michele D'Alessio

Le preghiere fratello

ale

Sì ma mica hanno creato una valuta, c'è una bella differenza fra un sistema di pagamento (carte di credito, PayPal, ecc) che usa valute emesse da uno stato (dollari, euro, ecc) e un sistema che usa una valuta propria eh.

momentarybliss

Senza un governo garante dietro pronto ad intervenire in caso di fluttuazioni speculative o peggio affidarsi a questo valuta è pura follia secondo me

Noti

SANTOSSS

salvatore esposito
Tim Cook ha espresso il suo pensiero, ritenendo la scelta di Facebook un errore in quanto le società private non dovrebbero entrare nel campo delle valute monetarie

... due settimane dopo...

Apple annuncia iCoin per il iWallet, più sicuro della sicurezza e poi ricordate "what happens on your iWallet, stays on your iWallet...maybe"

ciro mito

L'hai già dato con i dati , siamo i soci invisibili

ghost

Come quando raccogli i soldi per pagare il conto e li hai messi solo tu.

A quanto pare la E-Corp sta producendo la sua E-coin.

I famosi e-coin diventano realtà. E brava E-Corps.

Francesco Renato

Ci vuole un piano solido per una valuta... liquida.

CAIO MARIOZ

Attento, che non ti vadano di traverso

I_MODERATORI_FANNO_SCHIFO

STO GIA' FACENDO LE SCORTE

Desmond Hume
Squak9000
Desmond Hume
Aristarco

dai non era malaccio in pratica aveva di serie il navigatore, non ne ho mai vista una senza

Gaio Giulio Cesare

Oh io ho 10€, se volete il mio contributo, Zuckerberg saprà rintracciarmi.

MartinTech

la lancia l'ha fatta anni fa e sembrava il restyling della fiat 850 :P
(però come suonava bene quell'impianto bose che era di serie sulla versione lx)

Jon Knows

https://media1.giphy.com/me...

Recensione Huawei Band 6: eleganza in formato slim

Snapdragon 888 vs Exynos 2100: qual è il migliore?

Echo 4° generazione vs Nest Audio: quale scegliere? Tutte le differenze

Il confrontone 2021: Galaxy S21 Ultra vs iPhone 12 Pro Max, Find X3 Pro e Mi 11 5G