"Lo": 50 anni fa veniva inviato il primo messaggio via internet

29 Ottobre 2019 96

Lo

È il primo messaggio trasmesso via internet: accadeva esattamente 50 anni fa, il 29 ottobre 1969. Il piccolo team di due ricercatori dell'università americana UCLA - il professore Leonard Kleinrock e lo studente Charley Kline - volevano scrivere un messaggio più complesso, contenente la parola "login", ma la rete andò in crash dopo la pressione della lettera "o". E così Bill Duval all'università di Stanford ricevette solo quelle due lettere.

Col senno di poi, non fu un brutto modo per iniziare la storia di internet: è la prima parola che compone l'espressione americana "lo and behold", che si usa per sottolineare che è successo qualcosa di sorprendente, di speciale. Pensare come siano evolute le cose al giorno d'oggi è da capogiro: l'anno scorso, WhatsApp diceva che ogni giorno sulla sua rete vengono inviati 65 miliardi di messaggi. Ed è una rete sola, anche se una delle più grandi del mondo.

Il registro dell'avvenimento. Evidenziata in rosso la voce che certifica l'avvenuta comunicazione.

Il messaggio fu trasmesso attraverso la rete ARPANET. In quel momento i computer di UCLA e Stanford erano gli unici due nodi online; entro fine anno ne sarebbero arrivati altri due - sempre universitari. Nel 1977 i nodi erano diventati 100; 100.000 nel 1989 (anno in cui Tim Berners-Lee inventò il World Wide Web); un milione nei primi anni '90; un miliardo nel 2012. In occasione del cinquantenario di quella che è una pietra miliare non solo per internet, ma per la tecnologia e l'intera umanità, Kleinrock ha scritto un articolo per Techcrunch riflettendo sulla sua evoluzione e sulle speranze del futuro.

I tre protagonisti del primo messaggio. Foto 1: Leonard Kleinrock | Foto 2: Charley Kline (sx) e Bill Duval (dx)

Kleinrock esprime un punto di vista che per molti aspetti coincide con quello espresso da Tim Berners-Lee in più occasioni (quando festeggiavamo i 25 anni di open-source del Web, per esempio, o quando l'anno scorso il Web compiva 30 anni). Per farla breve, l'arrivo di governi e aziende - leggasi: il desiderio di controllo e monetizzazione - ha offuscato gli ideali di libertà, condivisione etica di informazioni e democrazia che avevano guidato i fondatori. Ne sono derivate anche cose positive, certo: motori di ricerca, accesso alle informazioni sempre più strutturato, servizi utili per i consumatori, democratizzazione dell'educazione, possibilità di rimanere in contatto con amici e famiglia in qualunque momento e a qualunque distanza.

L'apparecchio usato per far comunicare i due computer. Si tratta sostanzialmente del primo router della storia.

Per il futuro, Kleirock prevede che internet sarà sempre di più un servizio "invisibile" - come l'elettricità: all'utente non interesserà sapere come arriva in casa, sarà semplicemente data per scontata. L'avvento dell'Internet of Things renderà internet un "sistema nervoso globale pervasivo". Ma riconosce che finora è stata un'invenzione che ha saputo riservare sorprese inaspettate anche ai più esperti - ovvero coloro che l'hanno realizzata.

Indubbiamente abbiamo creato un sistema globale per coglierci di sorpresa - che mondo interessante potrebbe diventare!


96

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Aster

Ora che ricordo si

Danylo

Pure nei film, sparano ai display per fermare il computer (cattivo) di turno.

Danylo

e questa volta non e' colpa di windows :)

Davide

Esattamente lo and behold

Davide

Proprio Lo and behold

Davide

Lo and behold

Alexv

La vera invenzione è il buco sullo schermo per avere il telefono borderless!!!

TLC 2.0

quello è il WWW, inventato al CERN da Lee e dai suoi colleghi. ARPANET, l'antenato di INTERNET, è una rete degli anni 60 sviluppata da alcune università e dal Pentagono

Robì Netto

C'erano i rebus?
Li guardavo alla mattina quando ero a casa da scuola.

Raffaele

Si erano tutti usrobotics i primi che arrivarono in Italia e costavano una fucilata

Luca Lindholm

Ahahaahh!

La Summer Card Omnitel dell'estate 2001!

E chi se la dimentica.

XD

ciro mito

Per i rebus dovevi essere bravo come i tizi di superflash

Robì Netto

Kim e Trump però...ci avevano fatto pensare il peggio.

Robì Netto

Ai tempi in TV c'era Mike Bongiorno con il quiz Bis.
Pensi che questo compensi?

ciro mito

Nel film il computer viene sconfitto grazie al gioco del tris

ciro mito
iclaudio

Every day every night
Every second of my life
www mipiacitu
tu tu tu tu tu tu
i love you you love me
e mi manchi sempre più

Aster

Purtroppo è gente che sa fare solo una cosa! Io non dico che devi essere un ingegnere ma ti hanno datto uno strumento di lavoro almeno impara le basi.Anche perché lavori con dati sensibili e a rischio per la sicurezza degli altri!Rimane ancora mistero come certa gente ottiene posti di lavoro?!

Lorenzo Balestra

ahahah grandi

e per i gattini

Mr. Sauron

LOL ^^

Matt Ds

edita e scrivilo adesso, la mia risposta e' bella e merita un contesto vincente

Mr. Sauron
che c'e' di male?

Ma dove ho scritto che è male?

makeka94

Ho colleghi che lavorano nel settore ICT che non conoscono la differenza tra HTTP e internet, quindi tutto regolare.

Matt Ds

un piccolo passo per l'uomo, un balzo enorme per il porno.

Matt Ds

che c'e' di male? per caso ti intendi di pistoni ed ottani e consideri la coppia all'albero motore quando guidi?

Matt Ds

che incompetenza, come si fa a non sapere che il pc e' nel mouse?

Aster

classico,mi ricordo le batutte con il call center"riavvia il pc" dopo 2 secondi fatto!

E K

99,9999999%

ikmor

"non va google"... io è questo che sento dire dalla gente...

Robì

E' detto nel film che col tris potrebbe non esserci un vincitore.

Andhaka

Immagino si riferisca a "Lo and Behold" diretto da niente meno che Werner Herzog.

Cheers

Domenico Nicola Belforte

mi aggrego

Mr. Sauron
Per il futuro, Kleirock prevede che internet sarà sempre di più un servizio "invisibile" - come l'elettricità: all'utente non interesserà sapere come arriva in casa, sarà semplicemente data per scontata

Secondo me in parte lo è già. Ho amici che non saprebbero dire cosa sia internet.

Maselli Luca

Davvero! L'altro giorno stavo facendo una nuova tessera per gli autobus in un ufficio. Il sistema si è impallato e la signora ha pensato bene di staccare il cavo di alimentazione del monitor e reinserirlo. Fantastico.

ciro mito

Il tris

Robì

Meglio gli scacchi, non credi?

Aster

20 minuti fa ,mi chiama una collega scusa ho il pc arancione schermata nera ,gia riavviato!vai li ce il monitor in standby che non sentiva l'uscita video,la luce arancione era il led del monitor .o peggio sposti monitor o cambi,devo fare backup perdo tutto?!

Andrej Peribar

Davvero, 2019 ancora monitor = PC

IRNBNN

erano ottimisti...credevano di farcela a trasmettere un patrimonio di 5 lettere e invece il sistema è andato in crash dopo 2

Aster

peggio lavorano ogni giorno e pensano ancora che il monitor sia il pc

Aster

peggio lavorano ogni giorno e pensano ancora che il monitor sia il pc

Tiwi

tanti auguri

cmq, scrivere HI invece di LO forse era meglio XD

ciro mito

Siamo arrivati ad un punto che chi non sa accendere un computer può comunque navigare , niente di più sbagliato

Ad occhio è successo pure col primo messaggio quando hanno visto apparire le lettere per la prima volta nella storia

quello di cui parli è il web.

Ovvero il protocollo usato dai browser (HTTP + HTML).
Sono solo un protocollo di alto livello che stanno in piedi grazie a quelli sottostanti che formano il vero internet.

ciro mito

La guerra termonucleare globale

Galy

Io avevo capito che la prima rete internet fosse stata inventata al Cern in svizzera per far comunicare gli scienziati tra loro...

iNicc0lo

Domani esplode tutto

Internet down: migliaia di siti offline, tra cui Amazon e Twitch | Cos'è successo

Amazon Prime Day 2021 le date e le offerte già attive: 21 e 22 giugno ufficiale

I migliori smartphone 5G economici | Guida

Recensione Huawei Band 6: eleganza in formato slim