Tutti i prezzi sono validi al momento della pubblicazione. Se fai click o acquisti qualcosa, potremmo ricevere un compenso.

La prossima versione di Windows punterà tantissimo sull'AI

06 Dicembre 2023 16

La prossima versione di Windows, codename Hudson Valley, punterà tantissimo sull’intelligenza artificiale: forse non sarà l’indiscrezione più sensazionale del mondo, visto ciò che ha fatto Microsoft nell’ultimo periodo (proprio ieri si celebrava il primo anno della serie di assistenti virtuali Copilot), ma i colleghi di Windows Central forniscono qualche informazione concreta e tangibile in più su cosa possiamo aspettarci.

NOMI, DATE E SUPPORTO

Tanto per cominciare, qualche coordinata tecnica di riferimento: il nome Hudson Valley fa riferimento alla parte client del sistema operativo - diciamo l’interfaccia, le applicazioni e tutti gli elementi con cui l’utente interagisce. Il “motore”, invece, o piattaforma, dovrebbe chiamarsi (sempre parlando di codename interni) Germanium. Windows 11 è basata sulla piattaforma “Cobalt”, mentre il client è “Sun Valley”.

Finora Microsoft ha sempre rilasciato aggiornamenti della piattaforma e del client in contemporanea, come parte di un singolo pacchetto, ma con Germanium e Hudson Valley le cose potrebbero cambiare. A quanto pare Germanium uscirà per alcuni PC già nella prossima primavera, mentre Hudson Valley non arriverà prima dell’autunno. Secondo la fonte, per Microsoft è una scelta obbligata: i nuovi chip Snapdragon X Elite di Qualcomm saranno compatibili solo con Germanium, e aspettare Hudson Valley significherebbe ritardare di circa sei mesi l’uscita dei laptop ARM di prossima generazione.

La roadmap di rilascio e supporto software è cambiata radicalmente con la fuoriuscita di Panos Panay. Secondo la fonte, i nuovi responsabili di Windows hanno deciso che si dirà addio ai cosiddetti “Moment Update” in favore di un ritorno a un singolo aggiornamento delle funzionalità all’anno. Possiamo dire che è un po’ ciò che fanno tutti i principali sviluppatori di sistemi operativi desktop e mobile (Chrome OS e varie distro Linux le eccezioni più significative), ma con una differenza chiave.

Se è vero che Android, macOS e iOS incrementano il proprio numero di versione ogni anno, pare che Microsoft non sia del tutto convinta che chiamare Hudson Valley Windows 12 sia la scelta migliore. La società teme di frammentare troppo la propria user base, che già al momento è divisa tra Windows 10 e Windows 11.

WINDOWS 2024 ''HUDSON VALLEY'': LE PRINCIPALI NOVITÀ

Per quanto riguarda i contenuti, come anticipavamo, la parola d’ordine numero uno sarà AI, che anche grazie alle capacità dei coprocessori neurali delle CPU moderne (potrebbero addirittura diventare obbligatori!) creeranno esperienze molto più integrate rispetto a quanto abbiamo visto finora, e, per riportare le parole della fonte, "rivoluzionarie". Di seguito un elenco schematico:

  • Nuova shell con un Copilot avanzato sempre attivo in background, in grado di rendere più efficaci ricerca e multitasking, di comprendere il contesto nelle richieste dell’utente, di aiutarlo a ottimizzare flussi di lavoro o ad avviare nuovi progetti e molto altro ancora.
  • Nuova funzionalità cronologia/timeline che permetterà all’utente di rivedere tutte le app e siti web visitati in passato e che Copilot ricorda, con la possibilità di filtrare e cercare tra i dati usando i classici prompt AI. Per esempio, si potrebbe dire “trovami il PDF che mi ha inviato Tizio l’altro ieri su WhatsApp”.
  • Super Resolution. La tecnologia di upsampling che noi conosciamo nei videogiochi grazie a termini come NVIDIA DLSS e AMD FSR saranno integrati nel sistema operativo e funzioneranno anche con i video.
  • Miglioramento radicale della funzione Live Captions che crea in tempo reale trascrizioni testuali di flussi audio. Sarà inclusa anche la traduzione da e verso svariate lingue in tempo reale.
  • Generatore di sfondi AI. L’algoritmo analizzerà le immagini statiche di sfondo e ne genererà una versione 3D con leggeri effetti di parallasse.
  • Non solo AI:
    • Area “creator” in Esplora File e Start. Sarà sostanzialmente un hub per avviare progetti nelle app che fanno parte di Microsoft 365, o di aprire documenti già esistenti per continuare a lavorarci.
    • Miglioramenti alla gestione energetica, che potrebbero estendere l’autonomia di determinate configurazioni hardware di addirittura il 50%. Ci sarà anche la possibilità di preferire la ricarica del dispositivo quando nella rete arriva energia proveniente da fonti rinnovabili.

Microsoft starebbe anche lavorando ad alcune modifiche importanti dell’interfaccia utente, in particolare al trasferimento di alcuni elementi di Taskbar e System Tray in una barra strumenti in alto (impossibile non fare riferimento a macOS). Questa UI sarebbe tuttavia ancora in fase piuttosto sperimentale ed è probabile che, se mai arriverà, non sarà subito al debutto di Hudson Valley. I dirigenti di Windows vogliono evitare un cambiamento troppo radicale che potrebbe spaventare gli utenti.


16

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
frank700

Già, dato che Ms sta spingendo il suo cloud. io continuo a preferire il mio hard disc personale.

mail9000it

Ritengo sia una questione di marketing.
Stanno portando (pubblicizzando) AI sui telefoni.... se non lo metti anche nei PC fai brutta figura.

L0RE15

Perché tradieci giorni quando non avrà archiviato un documento ricevuto da Tizio su WhatsApp, potrà digitare"trovmi il pdf che mi ha inviato Tizio su Whatsapp settimana scorsa". ;)
Concordo che sembra tutto molto ben mascherato con un'utilità ingigantita che (troppo) spesso vuole mettere pezze ad una disorganizzazione dell'utente, ma che, sotto sotto, mira a captare ogni singola azione dell'utente stesso come una spia. Loro risponderanno che, per poter funzionare al meglio, l'AI deve avere accesso a tutto quello facciamo (ed in futuro magari anche di quello che penseremo).
Dubbioso anch'io, vedremo cosa succederà tra qualche anno e come s'evolverà nella realtà delle cose.

1984

una buona ragione per non aggiornare..

Squak9000

AI: Aggiornamenti Invasivi

frank700

Nella IA. Io parlo di come la integrerà nel suo OS. Che OS farà?

uncletoma

grazie, non conoscevo :)

uncletoma

dove la I non sta per intelligenza, ca va sans dire

Pixel Fold

hanno investito 10miliardi di dollari per caso?

Pixel Fold

ma và? dopo 10miliardi di dollari investiti sulla AI mi pare normale

BlackLagoon

una ai sempre in esecuzione in background che legge e ricorda tutto quello che l’utente fa… sentiamo, perché dovrei voler installare volutamente una porcheria simile?

T. P.

han fretta di arrivare prima di altri, quello è sicuro!

Nicco Costa

Eh la madona!

FactCheckoEBasta

Puzza di disperazione lontano da un chilometro.

Che poi facessero cose creative con l'AI, andrebbe anche bene. E invece no, chatbot nella taskbar e via.

MassiMax

Curioso di vedere come si comporterà la traduzione simultanea: lavoro in una multinazionale tedesca e quelle volte che facciamo le riunioni in Teams ho provato ad attivarla (già presente nella versione Pro di Teams) ma i risultati sono mediocri (in linea con l’ appena decente Google Translate)… se uso Deepl la tradiuzione è MILLE ANNI LUCE migliore

frank700

Io ho l'impressione che Ms stia facendo le cose in fretta, dato che il gioco AI è venuto alla ribalta troppo di recente (sebbene se ne parli da più tempo). Tanto win11 ci ha già abituato agli aggiornamenti quasi quotidiani.

Abbiamo rifatto la nostra workstation, ora è tutta ASUS ProArt!

Acer Predator, nuovi laptop in arrivo. C'è anche un monopattino! |VIDEO

Recensione Asus ROG Strix SCAR 18, una bomba con Intel Core i9 14th gen e RTX 4090

Che anno sarà il 2024? Le nostre previsioni sul mondo della tecnologia! | VIDEO