Windows 365 è arrivato, anche in Italia: tutti i dettagli sui prezzi

02 Agosto 2021 94

Come promesso un paio di settimane fa, Windows 365 è ora disponibile all'acquisto, anche in Italia: si tratta di una soluzione che permette di accedere a un vero e proprio PC su cloud, un'idea che può risultare particolarmente allettante nel mondo aziendale per tutta una serie di ragioni - niente costi di manutenzione e gestione, sempre accessibile 24/7 senza limiti di località, banda o tempo, massima sicurezza, grandi possibilità di personalizzazione della configurazione hardware e software.

Windows 365 può essere configurato con Windows 10 e, quando arriverà, con Windows 11. Abbiamo dettagli più precisi sui prezzi: ci sono tre piani consigliati sia per le aziende sia per le grandi imprese - Basic, Standard e Premium, e costano uguale. Rispettivamente si parla di 28,20, 37,30 e 60,10€ al mese (IVA esclusa) per ogni utente.


In realtà le scelte sono molte di più, e come potete vedere nello specchietto qui sopra è possibile configurare in modo granulare l'hardware a disposizione di ogni macchina (1, 2, 4 o 8 CPU virtuali, 64, 128, 256 o 512 GB di archiviazione, 2, 4, 8, 16 o 32 GB di RAM in varie combinazioni). Detta in un altro modo, possiamo dire che il ventaglio di prezzi è tra i 18,20 e i 143,90 € al mese per utente, sempre IVA esclusa; ma Microsoft lascia intendere che tutto è negoziabile e modificabile. Tra l'altro: la differenza tra le categorie "Aziende" e "Grandi imprese" è il numero di dipendenti - lo spartiacque è 300.

È importante precisare che anche se i prezzi e le configurazioni sono uguali, Windows 365 Business e Windows 365 Enterprise sono due prodotti software profondamente diversi. "Business" è più facile e semplificata. Per esempio non sono disponibili immagini custom o la possibilità di gestire le immagini stesse, non è supportato Microsoft Endpoint Manager e altro ancora.



94

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Black_Codec

Il vdi remoto, o su vps, esiste da almeno 10 anni... il futuro come lo descrivi te fa paura. Senza connessione neanche come fermacarte lo puoi usare un pc... spero di non vedere mai un futuro del genere, o meglio se i prezzi delle componenti hw scendessero allora spero di vivere abbastanza per potermi fare workstation a 2 soldi tanto tutti vanno su cloud pc

MacCarron

Sì vabbeh una VDI + office a meno del costo al mese di office stesso circa. E poi anche dei soldi gratis extra magari.

Oscar

il vdi è stato usato molto anni fa, ma poi è stato abbandanato perchè per lavorare fuori ufficio erano necessarie connessioni internet veloci che prima non tutti avevano....infatti veniva solo usato per collegare diverse piccole sedi tra di loro. ma mai per lo smart working.

immagina semplicemente un azienda multisede anche all'estero.
in modo centralizzato l'it sarebbe in grado di fare il provisioning di tutti i PC e di controllarne la sicurezza! mentre oggi si è costretti a fare piccole sale CED con supporto locale e manutenzione locale su ogni sede.

il pc host me lo immagino in un futuro come se fosse un dispositivo plug and play, che puoi mandare direttamente al dipendete anche a casa sua, lo accende, apre il browser o l'app remote desktop e si collega. se si rompe, deve costare di meno mandarli un pc sostitutivo.
(si lo so esiste windows autopilot ma non è proprio la stessa cosa)

ovviamente la soluzione proposta oggi è ancora molto acerba e necessiterà di alcuni accorgimenti e migliorie.
il problema è anche che chi la compra oggi, paga ed effettivamente non ha tutte le funzionalità che ho descritto subito disponibili.

credo però che sia innegabile per tutti che si tratta del futuro

Black_Codec

Allora, il pc per dipendente ti serve comunque e quello che vuole l'ultrabook fico glielo devi dare comunque anzi ora è peggio perché le installazioni le devi fare sul personale e poi predisporti il cloud.
Dici di lavorare per una multinazionale, 12 anni fa esisteva il vdi on prem, perché non ha preso piede? Il costo, che qui non è da meno ma è idealmente spalmato cosa che succede anche on prem ma non so perché non si percepisce. La duttilità della soluzione, richiede una connessione continua etc etc. Dei tuoi motivi nessuno è veramente valido se non forse al limite la sicurezza.
Il vantaggio di questa soluzione è che su grandi numeri potrebbe costarti uguale all'on prem e mascherare i costi infrastrutturali. Per piccole/medie realtà invece sarà uno specchietto per le allodole perché porterà i costi a raddoppiare, manutenzione interna e cloud...

Oscar

un altro vantaggio è che con l'endpoint manager, puoi addirittura creare regole firewall....e quindi potenzialmente simulare la protezione che avresti con l'utente finale che lavora presso l'azienda, anche se sta lavorando fuori dall'azienda.
puoi anche bloccare il trasferimento dei file dal pc cloud verso il pc host.

insomma...in ambito di sicurezza ci sono moltissimi vantaggi

Oscar

da quello che ho capito nelle varie discussioni online, si potranno gestire in modo centralizzato dal portale di amministrazione e quindi installarli in orari diciamo non di ufficio. stessa cosa per i vari software
in questo modo l'utente finale ha subito il pc aggiornato e pronto all'uso.
oggi anche solo per poter installare un software o aggiornarlo devi per forza far perdere tempo all'utente finale.

tu probabilmente hai installato una versione sola, hai provato a creare diversi pc per diversi utenti ed gestirli con le policy del portale di amministrazione? sarebbe un test interessante da fare anche con un video dimostrativo

Oscar

Grazie! molto utile il video
sicuramente un pc cloud aziendale senza un collegamento con la rete aziendale non ha senso.......quindi per forza di cose va presa la versione Enterprise.

l'altra versione rimane utile solo per piccolissime aziende

sempre aggiornati

purtroppo non è cosi, gli update, tutti, comprese le nuove versioni di sistema, li devi fare te a mano con tanto di riavvio. La 21H l'ho installata io a mano sul 365 per dire.

ste

ormai è così ovunque. credo sia questione di SEO

ste

probabilmente, almeno al momento, sembra più pensato per grandi aziende. magari tra un po' di tempo sarà pensato anche per aziende piu piccole

Oscar

Credo che molti non abbiano capito quali problemi vada a risolvere questa soluzione...
Io lavoro in una multinazionale e mi occupo di IT a 365° nell'azienda, ne ho discusso con le persone che fanno supporto it interno e vi riassumo alcuni dei vantaggi:

- riduzione della manutenzione sull'hardware
- PC sempre performanti, non ci sono cali di prestazioni dovuti a CPU che si danneggia per via del caldo (parlo di ultrabook) o più in generale hardware tipo RAM o dischi che si danneggiano.....su una vasta gamma di pc, succede e se le persone dell'it sono poche, diventa quasi roba quotidiana.
- configurazione dei pc velocissima, sempre aggiornati (non devi quindi far perdere tempo all'utente quando spegne il pc o quando lo accende che deve aspettare la fine degli aggiornamentiù)
- installazione di programmi in una modalità push da remoto
- disattivazione di una macchina istantanea in caso di problematiche
- tempi velocissimi per la creazione di una nuova postazione per nuovi assunti

ora prendete solo una parte di queste poche cose che vi ho scritto....in realtà ci sono molti altri benefici....e cercate di darli un costo!

poi aggiungete alla fine il costo del semplice PC e dividete per 12 mesi
il risultato non sarà sicuramente minore di quanto vi costerebbe questa soluzione.

l'unica incognita che ancora non si è capito è come fa a dialogare con i server on premises presenti in azienda.....sarebbe ottimo l'utilizzo di una VPN centralizzata per evitare che l'utente debba sempre attivarla.

se c'è qualcuno che ha altre considerazioni, sarei molto felice di leggerle ed avviare una discussione costruttiva e logica per aziende medio grandi.

p.s: chi scrive che il PC cloud deve essere il clone del PC fisico non ha capito nulla!

GianTT

Mica le licenze Citrix e VMware sono gratis, come non lo è neanche l'hardware o la stessa licenza Windows da mettere su queste VDI, con i relativi costi ricorrenti di supporto software. Inoltre ci sono limiti agli utilizzi che contrattualmente puoi fare di queste VDI che magari con W365 non avresti

gino123456

Pure io parlo di piccole aziende fatte da 10 postazioni più o meno

Federico

Prezzi, folli, tra un po spendiamo 500euro al mese tra un abbonamento e l altro! 10 di qua, 9.90di là e in un attimo son mazzate!

Davide

Azure app service. Il piano B1 costa più o meno quella cifra

a'ndre 'ci

aziende grosse, le piccole no

a'ndre 'ci

ceeeeeeeeeeeerrrtooooooooooooooooo

a'ndre 'ci

no, virtual desktop, non vm remota

a'ndre 'ci

sotto i 20 con office?
e ti regalano anche un divano!

a'ndre 'ci

pensa a un ufficio, non a un privato

a'ndre 'ci

con licenza windows, su ovh, sono 19€/mese contro 28€ di questi su azure.
non è così caro, anzi....

a'ndre 'ci

affidabilità di azure è proprio uguale...

ste

è per le aziende

gino123456

Peccato speravo molto in questo servizio ma così almeno per me è inutilizzabile offrano poco al prezzo base .
Speravo sotto 20 con office incluso e utilizzabile non laggoso.

anche con app diretta MS desktop non c'è verso di usarlo. Anche scrivere Ciao è impossibile

Mauro Morichetta

UN PC in remoto decade quando anche loro fanno manutenzione e tu non puoi lavorare, è capitato diverse volte per cui credo che in residente si lavora meglio con un rischio tutto sommato accettabile

Realtebo

Certo, sono daccordissimo.
Era solo una speranza la mia che MS avesse una entry level proprio entry-price

Realtebo

... 10€ ... dove ? Mi interesserebbe davvero

boosook

Certo niente ti vieterebbe di fare una VM in cloud, però ci sono delle complicazioni... prima di tutto, il costo... la VM deve essere sempre su, e allora i prezzi mensili sono ben più alti di quelli, oppure l'utente deve ricordarsi di spegnerla e riavviarla ogni volta, io penso che loro avranno in qualche modo automatizzato la cosa e alla fine ti fanno pagare un fisso che include la licenza di Windows, quindi semplicità di gestione e costi prevedibili, ci saranno poi degli strumenti di gestione per gli amministratori, insomma sì, il concetto alla fine è una VM in cloud, ma sopra penso che ci abbiano costruito un po', MS non è sc3ma e se lancia un servizio del genere sa bene che andrà incontro alle esigenze di molte aziende, visto che ci sono dentro da anni.

Riccardo sacchetti

Le aziende di solito noleggiano, compresa tutta la parte di assistenza.

mmhoppure

E dall azie da devi sempre e cmq collegarti usando un PC

pako8x

Hai mai provato JSLinux per comparazione? È normale che ci siano lag visto che si tratta di browser, ma come dici tu mi sembra un problemone di ottimizzazione del loro client (unica vera "innovazione" in questo servizio).

pako8x

Come ti ho già risposto lo avevo confuso con la soluzione ibrida locale-remoto.

pako8x

Hai perfettamente ragione, mi stavo confondendo con quella, quindi scusami per le risposte che ti ho dato finora.
Praticamente hanno creato un client web per le macchine virtuali Azure e basta, cosa che per altro su Linux esiste da anni (JSLinux).
La scoperta dell'acqua calda insomma!

pako8x

Hai ragione, l'articolo dove avevo letto del servizio parlava di copia 1:1 in virtuale di una macchina fisica, quindi scusami per le risposte errate che ti ho dato finora.
La cosa che però adesso mi fa più ridere di questo servizio è che in pratica è una normale macchina virtuale remota con l'implementazione di un client web, cosa che su Linux esiste da anni (JSLinux), che come peculiarità ha gli altissimi tempi di risposta e lag dovuti ai limiti del browser.
Hanno fatto tanto rumore per nulla insomma!

Migliorate Apple music

Prendo in considerazione la grande azienda che può abbassare i prezzi, quelli mostrati sono sicuramente altini e non consiglierei certo a una PMI italiana di buttarci si sopra.

Bisogna tenere in considerazione che quando acquisti un portatile su cui lavorarci ci sono anche costi nascosti che non prevedi, sopratutto in una grande realtà.

Mostra 1 nuova risposta

La maggioranza compra PC con ram e SSD sottodimensionati per cui rendono inutile la potenza della CPU. Un PC decente se ben configurato 10 anni te li fa tutti, un portatile magari meno non tanto per la potenza ma perchè si disfa.

Mostra 1 nuova risposta

Si ma oltre al costo del chromebook hai anche il costo dell'abbonamento. E dai feedback non è come lavorare sul proprio PC. Con quelle specifiche, che difficilmente riusciranno a soddisfarti, un portatile te lo sei ripagato in un anno nemmeno...

Migliorate Apple music

“ ti serve per accedere alla tua macchina fisica senza doverla portare con te e lasciarla accesa 24/24”
Hai fatto una descrizione di teamviewer non di Microsoft 365.
Sicuro di aver capito cosa sia?

pako8x

Intanto dipende se è un fisso o, come spesso accade ormai in azienda, un laptop.
Un altro motivo potrebbe essere legato al fatto che in alcuni ambiti il lag I/O dello streaming non è accettabile e quindi si ricorre al remoto solo in alcuni casi (ma sempre per lavorare prevalentemente in locale).
Il fatto è che comunque questo servizio mantiene una centralità della macchina fisica rispetto alla macchina remota pura, proprio perché l'istanza remota ne è dipendente a tutti gli effetti.

Mostra 1 nuova risposta

Probabilmente va a scatti per la pesantezza dei commenti di controinformazione novax scie chimiche di Giuffrè, a proposito, quando gli bannate gli account?

Mostra 1 nuova risposta

Prezzi esagerati, per quelle specifiche in un anno ti sei ripagato il PC dai.

pako8x

Se vuoi sfruttare un servizio esclusivamente in Cloud hai Azure che con 2 click del mouse ti crea un'istanza collegabile in desktop remoto da ovunque nel mondo. Questo servizio invece ti serve per accedere alla tua macchina fisica senza doverla portare con te e lasciarla accesa 24/24. Tutto qui, questo è il senso di questo servizio.

Motoschifo

Non credo sia questo lo scopo, non ne vedrei alcuna utilità e il tenere acceso un pc in azienda è molto ma molto più economico di crearne una copia in cloud (da sincronizzare continuamente tra l'altro).

pako8x

Mi sa che hai poca conoscenza del mondo della virtualizzazione. L'alternativa alla macchina fisica si chiama macchina virtuale remota ed esiste da almeno 20 anni.
Ti basta creare un'istanza su Azure con 2 click e collegarla in desktop remoto.
Questo servizio è prevalentemente dedicato a chi invece vuole una copia remota di una macchina fisica senza doverla lasciar accesa 24h.
Anche perché ti immagini che vuol dire collegarti all'istanza remota dalla macchina con la quale quest'ultima si sincronizza?

pako8x

Quello che hai appena descritto è un normale servizio di macchina virtuale con accesso da remoto che esiste da 20 anni.
Questo servizio invece è legato ad una macchina fisica "esclusivamente" Windows, della quale fa una copia 1:1 in remoto sotto il cofano. Quindi mentre su tutte le altre macchine (tablet, smartphone ecc) ci accedi con lo streaming, con la macchina di controllo no, lì Windows fa una sincronizzazione con l'istanza remota.
Quindi se ti va bene lavorare sempre in remoto, questo servizio non ti serve, altrimenti ti serve la macchina di controllo che possa svolgere tutte le operazioni che puoi fare con quella remota. Tutto qui.

Simo

Si ma quello che avete da 1000 equivale se non meno a quello che ti danno per 140 al mese

ahahaha bella scusa XD (non si riesce nemmeno a spostare la finestra esplora risorse se non a 3 frame ogni centimetro ahaha)

boosook

Secondo me non hai capito bene quali problemi risolve (nella mente di Microsoft...) questo servizio.
E' un'alternativa alla macchina fisica.
Il PC locale sottodimensionato ha senso perché costa molto meno.
Quando sono in ufficio, posso avere un "terminale" da pochi euro, potenzialmente anche solo 50-100 (monitor escluso), per accedere a una macchina in cloud che può avere la potenza desiderata e soprattutto può essere modificata a piacimento.
Quando sono a casa, stessa cosa, qualsiasi device io abbia a casa posso accedere alla mia macchina in cloud.
Non ho da acqusitare in leasing hardware che invecchia, non ho problemi di hw che si rompe, quando un dipendente viene assunto o lascia l'azienda semplicemente faccio il provisioning di una macchina in cloud, in azienda tengo migliaia di "thin client" tutti uguali a bassa manutenzione e basso costo.
Inoltre, per mettere la gente in work from home, siccome adesso le macchine stanno in cloud, l'azienda non deve espandere la sua banda in uscita dall'ufficio. Se tutti i dipendenti si connettessero improvvisamente in remote desktop alle macchine dell'ufficio intaserebbero tutto.
Insomma, hanno trovato un modo per rendere utilizzabile una tecnologia vecchia come Windows e le applicazioni desktop anche con le nuove modalità del cloud e del lavoro da remoto, in pieno stile Microsoft, offrendo un'alternativa a chi non vuole passare al Software as a Service e prolungando la vita del sistema desktop tradizionale.

Recensione Asus VivoBook Pro X 14, OLED concreto!

Recensione Samsung Galaxy Book Pro 360, convertibile super sottile e leggero

Windows 11 disponibile da oggi: tutto ciò che bisogna sapere

Windows 11, Microsoft cambia idea sui requisiti: solo sistemi recenti