Microsoft Store su Windows 11: ecco come si aggiorneranno le app Win32

26 Luglio 2021 32

Le app Win32 tradizionali presenti sul Microsoft Store di Windows 11 non saranno aggiornate dallo Store stesso, ma dai sistemi proprietari di ogni produttore; è un'informazione forse un po' scontata, ma Microsoft ci tiene a precisarla onde evitare fraintendimenti futuri. Questo dettaglio ci permette di capire meglio come la società di Redmond abbia deciso di modificare lo store virtuale del suo prossimo sistema operativo, nella speranza di renderlo più centrale nell'esperienza d'uso quotidiana.

Su Windows 11, il Microsoft Store accetterà app sviluppate con un numero nettamente maggiore di framework rispetto a quanto visto in Windows 10 - vedremo tra le altre UWP, .NET, Java, PWA e, appunto, le tradizionali Win32. Su Windows 10, queste ultime potevano essere caricate solo se precedentemente "impacchettate" con un apposito tool noto come Project Centennial. Gli sviluppatori avrebbero ottenuto diversi vantaggi, come il supporto alle notifiche di sistema e appunto la gestione degli aggiornamenti direttamente dallo Store; ma si sono dimostrati restii alla novità, nonostante una partenza ragionevolmente incoraggiante. Così Microsoft ha deciso di implementare quello che potremmo definire un servizio di directory.


In altre parole, e semplificando molto, le app Win32 tradizionali che compaiono sul Microsoft Store sono sostanzialmente dei link al download diretto dal sito ufficiale del produttore. Lo Store indicherà in modo chiaro che in questo caso le app verranno "fornite e aggiornate" direttamente dal produttore stesso, come indica lo screenshot qui sopra (e confermato da Rudy Huyn di Microsoft stessa via Twitter). Gli sviluppatori avranno quindi a disposizione diversi approcci - "impacchettare" un'app con Centennial e far gestire tutto al Microsoft Store, oppure continuare a operare in proprio.


32

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
ZIMU96

Bela idea, la provo ma con una modifica, (lo dico perché sto provando Windows 11 su virtual box), la modifica è la intrduzione di una voce che ti dice che app win32 e gia installata cosi si capisce se già installata o no , poi aggiornamento fatto dal produttore della app e non dal Microsoft Store va bene ma sapere se è instalata o no comodo e intuitivo ha parere mio

Lolloso

come il Play Store che è visionato da Google ?

Giangiacomo

Guarda che deve essere supervisionato il tutto da Microsoft. Non è che cani e porci possono fare ciò che vogliono.

Giangiacomo

Sta andando nella direzione opposta certamente, perché erano poche le aziende che prima ricompilavano l'app e seguivano le regole. Ora si apre a tutti ma non vuol dire che quando (e se) vedranno i risultati non potranno dare una stretta e imporre le regole.

Giangiacomo

Esatto, era quello che pensavo anche io. Microsoft accoglie tutti a braccia aperte e poi inizia a chiudere e tirar le fila mettendo paletti e regole. Direi che potrebbe essere un'ottima strategia per la clientela consumer.

Lolloso

nessuna, ma nemmeno le malevoli

Alexv

In realtà già il "vecchio" store sta prendendo una brutta piega, pieno di app false. Non voglio immaginare adesso che metteranno installer che scaricano da siti esterni.

HeySiri

Chissà se questo è un modo per rendere dipendenti le aziende dallo Store e poi poco alla volta obbligarle a ricompilare le app

HeySiri

Perché al momento quali app utili ci trovi :)

HeySiri

Ehm, ma è più affidabile lo store dato che potresti incappare in siti sbagliati...

Migliorate Apple music

Si vede che in primo luogo non hai provato il nuovo store e in secondo evidentemente non ti ricordo cosa voglia dire scaricare da softonic

virtual

Basta che la ricerca funzioni, perché pure quella non mi pare fosse molto "brava" a trovare.

virtual
Alexv

Il nuovo store è un po' come softonic.

Migliorate Apple music

affermazione che non ha senso, per anni la gente è andata su soft tonic a scaricare la peggio roba per poi lamentarsi che aveva scaricato la peggio roba.
Se devo scaricarmi OBS me lo cerco sullo store o uso direttamente un package manager.

Alexv

A questo punto meglio andare sul sito ufficiale, almeno sai che è affidabile.

Alexv

Diventerà un ricettacolo di malware come softonic, insomma. Non vedo ancora un aspetto positivo di questo Windows 11.

ErCipolla

Beh, non c'è altra soluzione, le app Win32 spesso hanno installer non standard che fanno molto altro oltre alla banale copia dei file. E' già qualcosa che siano aggiornabili dallo store, anche se il meccanismo sottostante è "manuale".

Migliorate Apple music

Non dover cercare online il sito dell’applicazione.
Poi gli aggiornamenti con il loro package manager potrebbero anche farli fare.

Holy87

Mi chiedo allora quale senso abbia installare un'app dal MS Store se poi comunque non porta vantaggi.

Gabriele Gabry

Sempre meglio di Softonic

Migliorate Apple music

Microsoft sta andando proprio nella direzione opposta con quello che sta facendo.

Migliorate Apple music

Potrebbero integrare se il software lo permette di aggiornare tramite winget in modo trasparente.
Per esempio scarico OBS dallo store, tramite winget vede che c’è un aggiornamento e lo installa tramite il comando del package manager.

Giangiacomo

No, Windows lo può fare benissimo col tempo anche per l'utenza consumer. Per server, business e reparti specializzati/particolari la cosa cambia. Ma per l'utenza consumer può col tempo dare una stretta e iniziare a porre dei paletti. E sarebbe anche ora che ciò accadesse, altrimenti rimaniamo fissi alle API degli exe degli anni 80.

Migliorate Apple music

C’è un problema però, Windows viene usato anche per la sua flessibilità, Apple può fare quello che puoi fare sopratutto perché non è nella situazione in cui si trova Microsoft.

Lolloso

figuriamoci se non verrà intasato di link che mandano a vaccate

Lolloso

insomma diventerà una sorta di softpedia, con le conseguenti quantità enormi di vaccate contenute

Giangiacomo

Si, io lo renderei più flessibile e poi quando l'utenza avrà preso mano e confidenza con lo store inizierei a stringere il cerchio (stile Apple) eliminando a mano a mano alcune funzionalità e obbligando gli sviluppatori a passare tramite lo store e le regole che Microsoft detta per sviluppare le app.

Daniel

Non ci siamo.

rsMkII

Tanto non ha mai preso davvero piede come era fatto prima, tanto vale cercare di renderlo più flessibile

rsMkII

Dai dai che forse questo update sarà un bel passo avanti! Forse perché non si può mai essere troppo ottimisti

Giangiacomo

Certo che così da una parte anche l'utenza più ignorante potrebbe trovare i programmi che cerca sullo store senza scaricare virus. Dall'altra parte però viene meno tutto quello che lo store offrirebbe, aggiornamenti automatici, notifiche ed altro in primis.

Recensione Samsung Galaxy Book Pro 360, convertibile super sottile e leggero

Facciamo il punto su Windows 11: tutto ciò che bisogna sapere

Windows 11, Microsoft cambia idea sui requisiti: solo sistemi recenti

Recensione ASUS ROG Zephyrus S17, tanta roba ma che prezzo!