Windows 11 porta il Dynamic Refresh Rate anche sui PC: cosa è e come funziona

29 Giugno 2021 16

Il tema della frequenza d'aggiornamento dinamica è ormai sdoganato in ambito mobile, prima da Apple con i suoi iPad Pro 2017, poi dal mondo Android con l'introduzione sul mercato di tantissimi smartphone dotati di un pannello OLED ad elevata frequenza d'aggiornamento e la possibilità di modificare dinamicamente questo valore per adattarsi ai vari contesti. Nonostante il mondo Windows sia quello ad aver beneficiato per primo dei display ad elevata frequenza d'aggiornamento, è solo con Windows 11 che il celebre sistema operativo si appresta a sfruttarla al meglio, grazie all'introduzione della nuova funzione DRR (Dynamic Refresh Rate) presente anche nella prima versione per sviluppatori rilasciata ieri sera.

Microsoft ha dedicato al DRR un post sul suo blog ufficiale, nel quale descrive il suo funzionamento e come attivarla. Come si può intuire dal nome, si tratta di un sistema pensato per cambiare automaticamente la frequenza d'aggiornamento in base al contesto, in modo da bilanciare consumi e prestazioni.

Attivando il DRR, il sistema deciderà autonomamente quando - ad esempio - utilizzare i 60Hz o i 120Hz, lasciando che questi ultimi siano presenti solo nei contenuti che ne traggono realmente beneficio (come i giochi), mentre verranno applicati i 60Hz in tutti gli altri scenari più tradizionali, come la scrittura. Oltre a ciò, i 120Hz verranno abilitati anche durante azioni come lo scrolling e l'utilizzo della penna, in modo da restituire una maggiore sensazione di fluidità.

COME ACCEDERE AL DRR

Per sfruttare il DRR è necessario disporre sia dell'hardware adatto che - ovviamente - dell'iscrizione al canale Dev del programma Windows Insider, dal momento che la funzione è disponibile su Windows 11. Microsoft segnala anche che è necessaria la presenza di un driver grafico (WDDM 3.0) in grado di supportare la funzione e di star lavorando con i suoi partner affinché questo venga reso disponibile presto per tutti gli utenti che stanno testando la versione Insider di Windows.

Allo stato attuale, infatti, non è sufficiente la presenza di un display con frequenza d'aggiornamento pari o superiore a 120Hz per accedere al DRR. Lo dimostra anche lo screenshot che abbiamo allegato, dove tra le opzioni dedicate al refresh rate (si trova sotto Impostazioni, Schermo, Avanzate) non è presente la voce dinamico, che invece potete notare nell'immagine presente poco sotto, tratta dalla pagina di supporto ufficiale di Microsoft.


Insomma, il DRR è già presente nella build attuale, ma potrebbero essere pochi a poterlo utilizzare in questa fase. Occorrerà attendere l'aggiornamento dei driver per poterlo testare a dovere.


16

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
efremis

Bene

-Steck-

Speriamo che funzioni anche sui contenuti multimediali (tipo video a 60 fps -> display a 60 hz)

Wow! Insomma qualche mugugno c'è!
Se si tratta invece di gaming puro, stessa gpu ( che è quella che vorrei io ) stesse performance.
Spero che la colpa siano dei driver.
;)

BlueKnight

Hanno già detto che risolveranno tramite la funzione Auto HDR

momentarybliss

In Win 11 hanno introdotto l'Auto HDR, anche qua occorrerà però vedere compatibilità e requisiti

momentarybliss

Io riesco ad attivarla via HDMI solo a 30 hertz, a 60 lo schermo comincia a lampeggiare come un abbagliante sull'autostrada, quindi è inutile

Fandandi

Magari l'hanno fatto.

Pollo00S

Si nota anche sulle VM, sembra molto piu` veloce in generale, anche per applicativi di terzi

Just.In.Time

Inutile su desktop, utile su notebook.

Matteo

ma si ferma a 120?

Ho letto che hanno aumentato la reattività di Windows 11 ( sulla DEV ) di almeno il 10%.
Bene! :)

AnalyticalFilm

Se funziona cone la modalità HDR ci sarà da ridere.

Artorias

Ottimo, ora però dovrebbero portare i 120hz sui surface

Aster

bella rogna

Aster

O bene.cosi non dovro fare a mano come su linux.

Pip

Invece sistemare la funzionalità hdr di Windows no?
È una modalità così rotta che mi meraviglio sia ancora attivabile

Recensione Samsung Galaxy Book Pro 360, convertibile super sottile e leggero

Facciamo il punto su Windows 11: tutto ciò che bisogna sapere

Windows 11, Microsoft cambia idea sui requisiti: solo sistemi recenti

Recensione ASUS ROG Zephyrus S17, tanta roba ma che prezzo!