Windows 11 e TPM: che cos'è e come capire se il computer è compatibile

25 Giugno 2021 818

Ieri Microsoft ha presentato Windows 11: l'aggiornamento sarà gratuito solo e soltanto per tutti i possessori di Windows 10, ma in questo momento a tenere banco è la questione TPM, una delle voci più oscure e controverse dell'elenco dei requisiti di sistema minimi per l'upgrade, anche a causa di una comunicazione non chiarissima da parte di Microsoft. Già in queste primissime fasi, è bene fare ordine e capire nel dettaglio cosa sta succedendo, tenendo comunque presente che ulteriori comunicazioni e delucidazioni arriveranno in futuro da fonti ufficiali.

FAST TRAVEL

CHE COS'È IL TPM, IN BREVE

Senza dilungarsi troppo: i chip TPM, che sta per Trusted Platform Module, sono dei moduli specializzati nella crittografia delle informazioni, e servono a incrementare la sicurezza della comunicazione tra i vari componenti hardware di un sistema, garantendone in ultimo l'integrità. Il TPM si accerta in fase d'avvio che l'hardware del proprio computer non sia stato manomesso, e quindi non sia vulnerabile ad attacchi informatici. Sono in commercio già da tempo - per la precisione dal 2006; si sono diffusi inizialmente nel mondo professionale, sia privato sia pubblico, in cui circolano più informazioni e dati sensibili, ma negli ultimi anni sono arrivati anche nel mondo consumer.

È importante osservare che in realtà i chip TPM possono essere anche "firmware": per esempio contenuti nei firmware UEFI. Questa soluzione è stata adottata sia da Intel sia da AMD, per esempio. Non tutti i moduli TPM sono sicuri alla stessa maniera: i chip discreti dedicati sono più sicuri di quelli integrati, che a loro volta sono più sicuri di quelli basati su firmware, e così via.

In queste prime ore le informazioni sono ancora piuttosto confuse, ma sono già diverse le voci che indicano che l'inclusione del TPM tra i requisiti minimi di Windows 11 sia uno dei colpi più duri inflitti all'ecosistema in termini di retrocompatibilità. Ed è forse uno dei primi casi nella storia in cui un sistema potrà essere lasciato indietro non perché non è abbastanza potente, ma perché non è abbastanza sicuro.

WINDOWS 11 E TPM: COSA DICE MICROSOFT

In QUESTA pagina, il TPM 2.0 viene indicato come requisito minimo, mentre QUI salta fuori che può bastare anche la versione 1.2. Il fatto è che Microsoft ha deciso di prevedere due "livelli" di requisiti hardware: li chiama "hard floor" e "soft floor". Chi raggiunge il soft floor può aggiornare senza problemi, chi raggiunge solo l'hard floor potrà fare l'upgrade ma è sconsigliato, chi non raggiunge nemmeno l'hard floor non potrà proprio aggiornare. Questi sono i requisiti specifici, copiati pari pari dal sito di Microsoft:

  • Hard Floor:

    • CPU: Core >= 2 and Speed >= 1 GHz
    • System Memory: TotalPhysicalRam >= 4 GB
    • Storage: 64 GB
    • Security: TPM Version >= 1.2 and SecureBootCapable = True
    • Smode: Smode is false, or Smode is true and C_ossku in (0x65, 0x64, 0x63, 0x6D, 0x6F, 0x73, 0x74, 0x71)
  • Soft Floor:

    • Security: TPMVersion >= 2.0
    • CPU Generation
NOTA:

COME CAPIRE SE IL COMPUTER HA IL TPM

Insomma, la certezza è questa: per installare Windows 11 in modo ufficiale, senza gabole e smanettamenti, questo benedetto TPM ci dev'essere, almeno in versione 1.2 (che è poi la prima versione arrivata in commercio). Per sapere se il proprio computer lo supporta, si può procedere in questo modo:

  • Premere il tasto Windows e poi R
  • Nel campo Esegui che compare, digitare tpm.msc e poi dare invio.

La finestra che compare dovrebbe dare indicazioni sul modulo TPM compatibile nel sistema: se c'è, se non c'è e in che versione.

Un computer in cui il modulo TPM non è presente (o non è attivo)
Un computer in cui il modulo TPM è presente in versione 2.0

Microsoft mette anche a disposizione un programma ufficiale per verificare la compatibilità con Windows 11 del proprio sistema: si può scaricare da questo link diretto, però è generico: non analizza solo lo stato del TPM. In caso di esito negativo non spiega quale requisito non viene soddisfatto.


Microsoft ha riconosciuto l'inadeguatezza del tool e ha promesso miglioramenti sostanziali nelle prossime due settimane (il primo aggiornamento potrebbe arrivare già domani).

COSA FARE SE NON SI HA IL TPM

Laptop

Per i portatili problemi grossi non dovrebbero essercene: il TPM fa parte del mondo Windows già dai tempi di Vista, ed è ragionevole assumere che buona parte dei laptop immessi sul mercato negli ultimi dieci anni includa almeno TPM 1.2. Dell, per esempio, ci ha detto che "Tutti i PC Dell basati su Windows acquistati su Dell.com soddisfano i requisiti di sistema di Windows 11 e potranno godere di un aggiornamento gratuito quando sarà disponibile". OK, magari quel "tutti" è fuorviante, e potrebbe darsi che un computer uscito nel 2001 non accetterà l'upgrade a Windows 11. Ma diciamo che è un caso quantomeno limite, dalla rilevanza statistica prossima allo zero. È comunque importante osservare che in queste prime fasi le informazioni sono frammentarie, confuse e incomplete, e avremo più chiarezza produttore per produttore nei prossimi giorni.

Computer desktop

Per il mondo desktop, invece, la questione è un po' più complicata; soprattutto i possessori di PC assemblati un po' datati ma non certo antiquati, potrebbero scoprire che i loro sistemi non supportano il TPM, e quindi risultano formalmente tagliati fuori, nonostante abbiano potenza da vendere lato CPU, memoria e storage. Ma prima di disperarsi, ci sono alcune opzioni da tentare.

  • Controllare il BIOS

Come dicevamo, qualche forma di modulo TPM è implementata nella stragrande maggioranza delle CPU, dei firmware e delle motherboard uscite negli ultimi anni; si può affermare che se un processore rispetta i requisiti di potenza citati da Microsoft (dual-core, 1 GHz) la presenza del TPM è quasi, quasi certa. Tuttavia, è altrettanto probabile che la funzionalità sia semplicemente disabilitata per default dal BIOS (o che sia stato disabilitato manualmente in fase di installazione), quindi una capatina da quelle parti si rende necessaria.

Il problema è che il layout del BIOS (più corretto dire UEFI, ormai) varia in modo considerevole da un modello all'altro; la sua individuazione è ulteriormente complicata dal fatto che quasi nessun produttore usa effettivamente la sigla "TPM", ma tutta una serie di altre sigle o espressioni. Per esempio nei sistemi basati su CPU Intel è frequente la sigla "PTT," in quelli basati su CPU AMD si trova invece "PSP fTPM". Capire in che menu si nasconda, però, è più complicato.

  • Comprare un modulo opzionale

In altri casi, è possibile installare sulla scheda madre un modulo opzionale: quindi in teoria un acquisto di una decina abbondante di euro risolva il problema. Questi moduli, come potete vedere qui sotto, vanno installati direttamente sulla scheda madre nel connettore apposito. Il problema molto grave è che non c'è uno standard universale per i connettori: ogni produttore fa un po' come gli pare, e la compatibilità con marche diverse non è garantita - in effetti lo stesso marchio implementa più standard e layout in base alla scheda.

1: modulo TPM 1.2 ASUS (20 pin) | 2: modulo TPM 2.0 ASUS (14 pin) | 3: modulo TPM 2.0 AsRock (13 pin) | 4: modulo TPM 2.0 MSI (13 pin, ma layout diverso dall'AsRock)

Purtroppo significa che per gli assemblatori fai-da-te c'è un po' di lavoro da fare; sia per determinare, appunto, il corretto modulo supportato, sia per trovare driver e configurare tutto quanto. Il punto di partenza ideale è una ricerca su Google del nome della propria scheda madre seguito dalla sigla TPM (per esempio, ASUS X99 TPM). Al momento non è semplicissimo trovare dei moduli TPM in Rete; e non appena si è diffusa la notizia, i prezzi dei pochi chip reperibili online è schizzato alle stelle (sì, anche qui tocca parlare di scalper). Il consiglio è di non precipitarsi a comprarli: come dicevamo sopra, è molto, molto probabile che un giro nella UEFI sia più che sufficiente per passare il controllo di compatibità.

  • Cambiare computer o rinunciare a Windows 11

Microsoft continuerà ad aggiornare Windows 10 ancora per diverso tempo: le note ufficiali dicono ottobre 2025. Il problema, insomma, non si può definire proprio immediato.

  • Modding

Non è da escludere che salteranno fuori trucchi e procedure ufficiose per aggirare la restrizione del TPM. Il problema generale di questi escamotage è che non si sa mai quanto durano, quanto sono stabili e se hanno delle conseguenze negative occulte; in ultimo, si è un po' alla mercé dello sviluppatore, in questo caso Microsoft, e si rimane nel costante dubbio che Microsoft potrebbe chiudere la falla in qualsiasi momento.

WINDOWS 11: REQUISITI SPECIALI AGGIUNTIVI

La documentazione ufficiale avanzata, scaricabile in formato PDF cliccando qui, evidenzia alcuni dettagli aggiuntivi interessanti: per esempio, i laptop dovranno per forza supportare il Bluetooth, avere una qualsiasi forma di connettività a internet (se non c'è il Wi-Fi, per esempio, deve esserci Ethernet) e implementare un Precision Trackpad. Microsoft, inoltre, suggerisce (ma non è obbligatorio) di installare il sistema su supporti di archiviazione non meccanici, come SSD e schede/chiavette flash. Dal 2023, infine, tutti i laptop e tablet dovranno includere una webcam.


Microsoft dice inoltre che saranno supportate solo le GPU integrate o schede video compatibili con DirectX 12; Windows 10, invece, supporta quelle da DirectX 9 in poi. In concreto, per le GPU NVIDIA significa dall'architettura Kepler (GeForce GT 640 e GTX) in poi, per le AMD dall'architettura GCN 1.0 (Radeon Rx 240) in poi, per Intel dalle GPU Gen8 in poi. di seguito i link alle tabelle ufficiali dei produttori:

MA QUINDI IL MIO PC SI PUÒ AGGIORNARE A WINDOWS 11?

Tralasciando liste, ipotesi e complicazioni cavillose comunicate da Microsoft:

se il vostro processore è almeno dual core da 1 GHz, avete almeno 4 GB di RAM e 64 GB di hard disk, la potenza teorica c'è, a prescindere dall'anno di uscita, dalla generazione del processore, dalla velocità della RAM, dal colore della scocca e da qualsiasi altra cosa. Ma serve anche un modulo di sicurezza TPM almeno 1.2, che non c'entra niente con la potenza, ma è una questione di sicurezza.
Questo modulo è presente nei processori, firmware e motherboard dei PC da anni, ma finora è stato disabilitato nella stragrande maggioranza delle configurazioni. Molto probabilmente l'incompatibilità, anche su sistemi più datati, si risolverà abilitando un'opzione nel BIOS, ma per il momento è difficile da trovare perché la terminologia e il posizionamento di questa opzione varia molto da un BIOS all'altro.

Questa è la risposta base alla domanda. Espandendo, si può aggiungere che l'aggiornamento è sconsigliato su dispositivi con processori poco recenti (più sotto c'è una lista esaustiva per produttore) e con TPM inferiore a 2.0; sconsigliato, non impossibile.

COMUNICAZIONI UFFICIALI DEI PRODUTTORI

Man mano che arrivano, aggiungeremo qui le informazioni ufficiali dei produttori sulla compatibilità con Windows 11. Da notare che non si parla specificamente di moduli TPM, ma è chiaro che è il nodo più complicato da sciogliere - anche perché almeno CPU dual core a 1,2 GHz, 4 GB di RAM e 64 GB di hard disk sono praticamente scontati in ogni macchina attualmente funzionante e funzionale (almeno in un contesto consumer di uso "normale").

  • INTEL

    • Microsoft ha rilasciato, in collaborazione con Intel stessa una lunghissima lista di processori ufficialmente supportati da Windows 11: anche qui, la comunicazione non è chiara al 100%, ma immaginiamo che ci si riferisca al "soft floor", in cui la generazione della CPU ha una rilevanza. Per farla breve: sono compatibili tutte le CPU Core, Pentium, Celeron e Xeon dalla ottava generazione in poi, e gli Atom di sesta generazione (gli Elkhart Lake, per sistemi IoT).
  • AMD

    • Una lista analoga, probabilmente sempre riferita al soft floor, è disponibile anche per processori AMD. Qui la distinzione è un po' meno netta: alcuni Ryzen di seconda generazione (2000) sono supportati, altri no. La prima generazione (1000) non è supportata. I chip più recenti sì.
  • QUALCOMM

    • La lista include (sempre soft floor, ormai dovrebbe essere chiaro) quasi tutti i SoC usati nell'ambito del sotto-ecosistema Windows on Arm, tranne quello di primissima generazione Snapdragon 835.
  • DELL

    • Il comunicato stampa ufficiale è: "Tutti i PC Dell basati su Windows acquistati su Dell.com soddisfano i requisiti di sistema di Windows 11 e potranno godere di un aggiornamento gratuito quando sarà disponibile".
  • HP

    • HP ha confermato l'aggiornamento gratuito a tutti gli Spectre, Envy e Pavillion attualmente in vendita, i nuovi OMEN e Victus e alcuni modelli di Elite e Pro, tra cui DragonFly G2, Z e ZBook Studio G8.
  • ASUS

    • Tramite comunicato stampa, ASUS confermato che tutti i computer in vendita da oggi in poi riceveranno Windows 11; mentre per i dispositivi già acquistati l'utente viene rimandato al tool ufficiale di Microsoft che vi abbiamo segnalato sopra.

REQUISITI WINDOWS 11: LE ULTIME NOVITÀ
28/06

Tra sabato e domenica 27 giugno Microsoft ha cambiato idea, ed eliminato il cosiddetto "hard floor", rendendo di fatto il TPM 2.0 e la CPU recente un requisito indispensabile. Visto che la società stessa sembra ancora piuttosto confusa, con indicazioni discordanti da parte dei dipendenti su Twitter, ci limitiamo a segnalarvi questo sviluppo, ma non ci sentiamo ancora di definirlo un'informazione certa. Tutti i dettagli sono qui di seguito:

29/06

La sera di lunedì 28 giugno, Microsoft ha detto che la compatibilità potrebbe essere ampliata ancora un po', comprendendo almeno i processori Intel di settima generazione e AMD Ryzen di prima generazione. Dipenderà dagli esiti dei beta test nei prossimi mesi.


818

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Spinelli Ambrogio

dubito che l'utente medio abbia necessità del TPM , ma i computer si devono vendere e quindi..... , adesso polli tutti a cambiare PC e di corsa.

[Max]

Non c'è alcun bisogno del TPM per avere un sistema sicuro, Linux non ha certo bisogno del TPM e neppure Windows ne avrebbe bisogno, sicuramente, considerando che Windows 10 ha assorbito tutti i PC venduti con Windows 7, 8, 8,1 e 10 non so di quanti anni di vendite parliamo e tuttora sistemi desktop attualmente assemblati potrebbero non essere compatibili con Windows 11, non so se Windows 11 riuscirà a eguagliare i numeri di Windows 10 nemmeno a fine carriera, anche perché non offre nulla d più.

RitornoAlFuturo

quindi con i5 6600 e Asus H170 pro gaming dici che potrò aggiornare?

MacCarron

Il TPM evidentemente è la scelta di Microsoft per avere un sistema più sicuro, e visto cosa fa il TPM direi che ha a che fare con la biometria. Nel primo paragrafo ti sei risposto da solo alla tua domanda originaria. Se c'è gente che usa e userà Win10 e Win7 senza problemi per anni a venire non c'è alcun bisogno che Microsoft apra Win11. Vuoi Win11? TPM. Altrimenti aspetta altri 5 anni e poi cambia PC.

Magick

Ok chiaro. Chiedevo solo per capire se deve essere attivato dal BIOS, forse il famoso tool dovrebbe dare questa indicazione.

rsMkII

Tieni conto che se riconosce un TPM per forza che è attivo, di default. Ovviamente non devi fare nulla tu utente. Se invece non c'è oppure per qualunque strana ragione non sia attivo, lì vedi scritto Non Pronto nel senso che il tuo dispositivo non è pronto a gestire le credenziali sicure in quel modo.

Magick

Ma Pronto significa che è già attivo?

Magick

Nella finestra Dettagli processore di sicurezza seguendo la procedura che hai indicato tu questa foto è riferita al fisso, ma c'è anche nel portatile con scritto Pronto. https://uploads.disquscdn.c...

rsMkII

Scusa, dove vedi Attestazione e Memoria?

Magick

Nel portatile mi dice Versione specifiche 2.0, quindi dovrei essere a posto (anche la CPU è nella lista Microsoft).
Poi trovo anche Attestazione e Memoria entrambi con "pronto", questo significa che è già attivo?

Daniele Pinna

Un ransomware (ran con la "n" non con la "m", da ransom ovvero riscatto) te lo prendi anche se sei distratto e ti affidi ad una soluzione di protezione inadeguata o non hai sufficienti conoscenze informatiche perché magari il tuo campo è un altro.

Detto questo, i guasti al disco capitano, per cui i backup sono praticamente d'obbligo se vuoi tenere al sicuro i tuoi dati.

In ogni caso il TPM non per forza cripta il disco, così come nessuno ti obbliga ad acquistare un PC con SSD saldato (anzi sono da evitare)... Ma ovviamente molti altri componenti sono integrati e saldati, quindi è normale che in futuro i TPM siano saldati.

Patafrosti

Io con N270 ma la CPU stava sempre al 100% e in confronto Ubuntu Mate vola

Darkat

Ho letto, ma ripeto: la compatibilità di Windows è gigantesca in ogni caso, parliamo di tantissime piattaforme diverse di diverse annate, è piuttosto complicato gestire qualcosa del genere e nessun sistema operativo offre questo tipo di supporto.

lucas

Ma quindi svilupperanno il 10 e l'11 in parallelo? Dubito che le aziende e la maggior parte degli utenti cambino pc in questo periodo. L'11 sarà una sorta di windows premium, come iphone 'liscio' vs iphone pro max?

[Max]

Un ramsomware te lo prendi solo se sei un cretino e non hai protezioni sul PC, perché dovrei ricorrere al backup se il disco non si danneggia?
Pensa se i produttori iniziassero a fare come Apple che lo integra nella motherboard, interi PC da buttare per un guasto al chip del TPM, pensa ai notebook dove tutto è saldato.

[Max]

A parte che Windows 10 continuerà ad essere aggiornato fino al 2025, poi esiste gente che continua ad usare Windows 7 e non mi pare siano sorti grossi problemi con la cessazione del supporto da parte di Microsoft.
mi spieghi cosa permetterà di fare Windows 11 in più rispetto a Windows 10 o 8,1 o 7?
Chi vuole un sistema sicuro non ha bisogno del TPM, gli basta e avanza Linux, il TPM serve solo a limitare le libertà dell'utente.

Scanato Khan

Io ho installato l'anno scorso 10 su un Atom N470 del 2010 con 2 GB di RAM. Lentissimo, ma comunque funzionante, a patto di avere pazienza.

Paki

Bella domanda, ma la compatibilità ufficiale è da Pro 6 in poi

studio_poco_mastudio

evvai il mio macbook pro 2018 è compatibile!

Andrea Lazzari

perchè avrebbe tagliato fuori i pro4?

Ritornoalfuturo

vero...però per chi gioca c'è una funzionalità nuova come sulle nuove xbox per levocizzare le texture con gli ssd nmve

pollopopo

ribadisco che il tpm non fa rima con prestazioni...questa specifica richiesta da parte di win 11 è una 'bizza' per la sicurezza... chi ha 'aggirato' il problema lo usa senza intoppi con hardware senza tpm...la base è sempre quella, non hanno rivoluzionato niente....

è da win 8 che Microsoft fa scelte sbagliate, questa non la trovo corretta, ricordo che anche hardware da ufficio come pc venduti fino al 2019 con il 2200g non sono supportati.... se una società fa una scelta balorda è giusto lamentarsene e mi pare che Microsoft è la prima che ha fatto importanti cambi di direzione per le sue pessime scelte/forzature................

Anto

E invece...

Patafrosti

Nono ci sono modi per farsi del male più umani

Paki

Hanno tagliato fuori la metà dei Surface Pro...
Ok, io ho Pro 3 e sicuramente alla sua morte dovrò cambiarlo (con la DaD poi ha ricevuto il colpo di grazia), però tagliar fuori Pro 4 e 5 è assurdo...
Poi magari sarà installabile lo stesso, ma è assurdo comunque.

Fabio

Ho installato la iso leaked su due portatili teoricamente non compatibili:
Chuwi Herobook con Intel Atom e una EEMC da 64 gb : da chiavetta bootabile risulta non compatibile, ma usando l'exe si riesce lo stesso a installare. Funziona tutto, tranne quando vai su Updater e dice che non è compatibile e mi trova meno aggiornamenti di sicurezza

Roberto

Anche volendo aggiornare la situazione è tragica. Fortunatamente il PC di casa non lo uso per lavoro, quindi non ho esigenze che abbiano il carattere dell'urgenza in quell'ambito.

Tsaeb

Il problema è cambiare hardware in questo periodo con le disponibilità scarse e i prezzi alle stelle. Sono dentro per un pelo nella soft floor, incredibile ho un notebook di solo 1 anno di vita!

Marco

Magari MS ha taciuto all'epoca per non creare lo stesso scompiglio che si è creato ora con le CPU e le mb che non hanno il tpm 2.0, che ora richiede a gran voce d'obbligo su win 11 per rendere non solo più sicuro per l'utenza ma anche per loro.

rsMkII

Secondo me sì, figurati, dato che tutti i fissi senza webcam avranno sicuramente la possibilità di installarlo. Semplicemente tutti i nuovi portatili che vorranno avere windows installato di default per la vendita dovranno rispettare certi requisiti.

rsMkII

So che non si dovrebbe parlare con certezze che non si hanno, ma te lo dico con tutta tranquillità vedendo come ha lavorato microsoft in tutti gli anni passati e vedendo quali sono i suoi interessi: potrai sicuramente (mi sento anche di togliere il "quasi" XD) installarlo, fidati. A loro interessa che venga installato da più gente possibile, l'unico requisito è sul tpm ma solamente perché i requisiti di sicurezza stanno diventando sempre più importanti negli anni e vuole stare con le spalle ben coperte.

rsMkII

Oltre al metodo descritto nell'articolo (sempre su Windows 10), se premete Win e scrivete tpm vi compare "Security processor" (o in italiano ovviamente) il che vi porta alle informazioni sul tipo di dispositivo che montate direttamente dalle impostazioni. Questo se lo avete, chiaramente.

rsMkII

Buon per te

Roberto

Ho un i5-6600, fotte s e g a di Windows 11. Dopo il 2025 se ne parla.

talme94

Ah mi ero perso Windows 10, pensavo volessi mettere l'11 sull'atom

RoRo

Onestamente, ho i miei dubbi e non riesco a condividere questo ottimismo.A bloccare l'installazione tramite un controllo hardware preliminare ci vuole davvero nulla e Microsoft sta insistendo su questi requisiti riguardo la CPU; a breve sembra che pubblicheranno una spiegazione più lunga.
Resta il fatto che probabilmente l'unico modo per "affossare" questa politica è battere sul fatto che cià produrrà una grande quantità di spazzatura informatica fatta di prodotti ancora funzionanti, e ciò si qualifica come l'antitesi delle politiche "green" che oggi tanto vanno di moda e alla quale la stessa Microsoft si vanta di appartenere.

RoRo

Va però notato che Spectre e Meltdown riguardavano anche la generazione 8 di Intel, che però risulta pienamente supportata.

Yup

Tu non commenti su HDblog? Siamo 2 eruditi 90enni? O sei l'eccezione che conferma la regola?
Tutto il tuo ragionamento è senza senso. Nessuno qui dice di buttare nulla. Ho solo sottolineato il fatto che se un software che uscirà a fine 2021, potrà essere installato solo su determinati dispositivi, beh, tu e tutti gli altri ve ne farete una ragione. L'unico frustrato qui sei tu. E abbiamo capito tutti il perché. Puoi tornare da dove sei venuto, pagliaccio. Hai ricoperto di vergogna tutta la tua famiglia con questo intervento fuori luogo.

Patafrosti

Fatto di persona nel 2019, ma comunque sono passati dal supportare praticamente tutto al niente

talme94

ehhh in realtà è richiesta una cpu dual core

Diego 1

Prova ad abilitare il TPM dal BIOS

Diego 1

Tranquillo Windows 11 lo potrai installare tranquillamente solo che non ti verrà "consigliato" da microsoft

Marco

Vi dico come la penso io su questa cosa del tpm obbligatorio, la questione risale a quando furono scoperte le falle Meltdown e Spectre nelle CPU Intel e AMD che avevano buchi nel kernel quindi per poter mitigare il problema la Microsoft ha dovuto risolvere parzialmente con degli aggiornamenti ma la cosa si poteva forse risolvere con il tpm. Su win 11 non hanno voglia di fare degli aggiornamenti per queste CPU inoltre nemmeno le case delle mb non hanno intenzione di mettersi a aggiornare i BIOS di tutte le schede.
Alla fine della fiera hanno preferito escludere tutte queste CPU e schede madri per questo motivo.

MacCarron

Ma quali clienti che tutti quelli con un PC antidiluviano sono il fila per avere windows 11 GRATIS? Se Microsoft non cambia i requisiti che fanno? Passano ad Apple. Non tirano fuori soldi per un PC da un lustro, non sono disposti a farlo per aggiornare e magicamente lo faranno per la concorrenza?
Era ora che si tirasse una linea.

iryuzaki

Ho scoperto che il mio PC non supporta Win11 per il modello del processore, un i7 di settima generazione.
Il TPM è 2.0, 16GB RAM, GTX1050, SSD da 1TB.
Cos'ha fatto di male questo processore tale da non essere stato aggiunto alla lista?

FabioGr

Se avessero tagliato il supporto solo ai core 2, potrebbe anche essere comprensibile... parliamo di hardware con 15 anni sulle spalle... il fatto è che il supporto è venuto meno (almeno al momento) anche su hardware ben più recente e con anche il supporto al TPM

Mr. Robot

La forza di Windows 10, per come l'ho potuta vedere e vivere, è che forniva un buon sistema, efficiente ed ottimizzato, che poteva girare e riportare in vita vecchi PC muniti poi di SSD.
Se andiamo ad "ammazzare" tutto questo hardware che può ancora tranquillamente dire la sua altro che "fornire il caricabatterie in confezione"...

Non capisco per un utente con un Intel core duo quad, che rimane ancora un processore più che ottimo per gli home PC, non possa usufruire di Windows 11.
Siamo sopravvissuti alle falle di Intel non vedo quale sia il problema della tpm.

Lillo il commentatore®

NGULA

Lillo il commentatore®

OE RICCHIO

Lillo il commentatore®

UPA

Recensione Samsung Galaxy Book Pro 360, convertibile super sottile e leggero

Facciamo il punto su Windows 11: tutto ciò che bisogna sapere

Windows 11, Microsoft cambia idea sui requisiti: solo sistemi recenti

Recensione ASUS ROG Zephyrus S17, tanta roba ma che prezzo!