Windows 11: le novità, la data d'uscita e perché Microsoft lo sta facendo

24 Giugno 2021 132

Dopo una fase di teasing un po' turbolenta, incluso il leak di una versione beta di cui vi abbiamo parlato nel nostro provato, Microsoft ha finalmente presentato Windows 11, la nuova generazione del suo sistema operativo. Le novità sono parecchie e coinvolgono l'interfaccia, il menu start ma non solo, con ad esempio l'interessante integrazione delle applicazioni per Android. Il rilascio di Windows 11 è previsto per la fine dell'anno e sarà un upgrade gratuito per gli utenti Windows 10. In questo periodo che ci separa dalla data d'uscita, sembra che Microsoft spingerà sull'idea di un prodotto pensato per le necessità di tutti gli utenti.

UN PO' DI NOVITÀ

La prima novità che salta all'occhio è anche una di quelle confermate dalla versione beta comparsa online qualche giorno fa, ovvero il nuovo menu Start: posizionato centralmente sulla taskbar, simile a quello che sarebbe stato Windows 10X così come lo è buona parte dell'interfaccia utente mostrata durante l'evento di oggi.

Le così dette Tile che ci siamo portati dietro nelle ultime edizioni del sistema operativo sono state eliminate in favore di un menu che mette in primo piano le applicazioni, i documenti e file utilizzati di recente, oltre alle opzioni per la ricerca. L'obiettivo di Microsoft è creare un ecosistema più versatile, con diversi layout tra cui scegliere rapidamente, così da dividere lo schermo in più finestre a seconda della necessità.

Il sistema tra l'altro è in grado di ricordarsi la posizione in cui le diverse app sono state messe. In questo modo si potrà passare da un layout all'altro, senza perdersi la propria configurazione preferita. In questo modo chi dovesse utilizzare più schermi, ad esempio lavorando in mobilità su un notebook e poi collegandolo lo stesso ad uno schermo più grande torna a casa, ritroverà la propria disposizione preferita all'istante.


Microsoft ha anche sottolineato come gli aggiornamenti saranno in media del 40% più leggeri che in passato e verranno eseguiti in background, quindi (in teoria) niente più avvisi, spegnimenti programmati e lunghe attese. Ci sono poi una serie di aggiunte interessanti, come l'integrazione di Microsoft Teams e un rinnovato focus sui widget, che tornano con la promessa di utilizzare l'intelligenza artificiale per dare a ogni utente il giusto mix di notizie, informazioni utili e via discorrendo.


Per i giocatori, Windows 11 promette di garantire la "miglior esperienza per il PC gaming", con una versione migliorata dell'Auto HDR già disponibile su Xbox e DirectStorage che darà modo sui PC compatibili con dischi NVMe di caricare i titoli più rapidamente, senza pesare eccessivamente sulla CPU. Tra l'altro Game Pass, il cavallo di battaglia della strategia Microsoft sul gaming, ed xCloud saranno integrati all'interno di Windows 11.

Il Microsoft Store sarà rivisto per risultare più rapido e con l'obiettivo di dare maggior visibilità agli sviluppatori, che avranno anche modo di scegliere sistemi di pagamento diversi da quelli previsti all'interno del Microsoft Store, senza che questa si prenda alcuna percentuale. Ancora più interessante, ci sarà modo di scaricare e lanciare le app Android; il tutto reso possibile dalla collaborazione con Intel e la sua tecnologia Bridge.

Quanto mostrato da Microsoft non varrà solo su PC ma anche su tablet, dato che con l'apposita modalità si avrà accesso a un numero di gesture riviste e corrette per usare Windows 11 in maniera più intuitiva anche con le dita.


L'OBIETTIVO DI MICROSOFT

Con questa presentazione è chiaro che Microsoft ha voluto mettere l'accento sulla versatilità dell'esperienza che intende offrire con Windows 11. Un sistema operativo che aggiorna l'estetica e migliora l'esperienza d'uso classica, basti pensare agli update, ma che soprattutto promette una qualità della vita superiore in tutte quelle situazioni che non sono quelle classiche con cui Windows è nato è cresciuto.

Gli utenti Windows oramai utilizzano lo stesso PC su più schermi e con più schermi, avendo la necessità di avere una miglior gestione del multi screen. Vogliono scaricare un numero di app superiore e magari avere accesso a quelle che usano sul loro telefono (Android). Aspirano ad un'esperienza di gioco più varia, che passa dall'utente hardcore in possesso di macchine velocissime fino a quello a cui basta sfruttare Game Pass ed xCloud.

Le premesse per un buon prodotto ci sono, adesso serve solo aspettare di poter mettere le mani sulla versione definitiva per capire se l'azienda di Redmond ha fatto centro.


132

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...

Windows XP sì. Ma come oggi c'è Windows 10 IoT, ai tempi c'era Windows XP embedded: ovvero potevi scegliere quali componenti aggiungere a Windows. Inoltre non salvava niente su disco, avendo una protezione di scrittura a livello software (finiva tutto nella RAM).
Oggi, lo chiamano core e occupa 8GB senza avere componenti aggiuntivi. Ai tempi invece con 100MB installavi Windows XP con tanto di interfaccia grafica. Con altri 100MB avevi i drivers specifici, esplora risorse e DirectX9. 15 anni fa si usavano inoltre i DOM, non SSD. Quindi inserivi Windows su un USB-DOM.

Il NUC completo a 150€ non l'ho mai trovato... Forse su Ebay, di uno che non lo vuole più, non se ne vuoi comprare 500. Ma Mainboard + CPU + RAM + SSD non stai mai sotto i 200€ con i NUC. Però ci sono i MiTAC, che propongono le migliori soluzioni secondo me.

000

No ma aspetta.. a Win XP gli serviva almeno 1,5gb di spazio per (se non 4.. ) quindi 2gb di hard disk li avrete, poi se il problema è cambiare l'ssd e la ram oramai te le tirano dietro... Cioè, se quando serve, sostituite le mobo con altre che supportano xp per tenere le memorie da 250mb e le ram da 256mb siete messi un pò male a livello di visione imprenditoriale.
Giusto per dire che con 150€ trovi un nuc intel completo di Bluetooth e wifi con 64 o 128gb di ssd..

Hahahaha... Per forza ;)
Dati no, perché ormai non puoi nemmeno collegarli ad internet. Ma soldi sì.
Ed effettivamente la soluzione di Microsoft era ed é una delle migliori. Windows XP con 250MB di memoria flash in cui sono installati sia i drivers che directx9. Trovalo un sistema che ti permetta tanto con 256MB di RAM e 250MB di SSD.

000

lo speravo anche io...
Ora sono riusciti a trovare un fornitore cinese che vende ancora le mainboards del 2005 con Windows XP.

000

Dai prima o poi si bruciano..l'importante è non perseverare

Adri949

Io ti dico di no ma che dipende con chi paragoni i mac, poi come credi. Non sono qui per discutere sulle convinzioni altrui

Lillo il commentatore®

CITE

Lillo il commentatore®

TREMONE

Lillo il commentatore®

NGULA

Lillo il commentatore®

SI FIJ D RICCARD TU?

Saturno

ma anche se fosse? stesso uso, stessi programmi: non ci fai le stesse ore con Windows

Adri949

Perché l'uso pesante dei mac non esiste, forse sarà per quello.

Saturno

in uso leggero, appunto. E in realtà no, non ne conosco

Adri949

Ah beh, perché i portatili che durano giornate in uso leggero non esistono su Windows...

Ocram

Ricordo che "una volta", quando veniva annunciato un nuovo sistema operativo, gli aspetti più significativi e interessanti riguardavano il suo... mestiere principale, ossia l'amministrazione del sistema e delle risorse hardware, l'efficienza, la stabilità e così via. Anche l'interfaccia utente aveva la sua importanza, ma costituiva l'aspetto più appariscente, non il più importante. Oggi invece si parla praticamente solo di interfaccia, di "store", di giochi, di aggiornamenti automatici "meno fastidiosi", di notizie (e pubblicità) personalizzate e così via.
Non saprei dire se si tratta di un cambiamento in meglio; potrei esprimere un giudizio personale, ma sarebbe ovviamente soggettivo e influenzato dall'esperienza.
Di certo è un cambiamento sostanzioso.

Jacopo93
disqus_ECsvBh9gay

In sintesi esplora risorse per il touch è rimasto una m***... Hanno tolto la modalità tablet per peggiorarci la vita... Che geni...

Keith Gigantino

Si può spostare.

disqus_ECsvBh9gay

Ed ecco che ci saranno altri che si aggiungeranno a chi è ancora sul 7. (io quello di mio padre per un programma vecchio ho dovuto per forza fargli tenere il 7... Se gli metto il 10 per me con gli aggiornamenti esplode...)

disqus_ECsvBh9gay

In realtà moltissimi vedendo l'aggiornamento gratuito l'hanno fatto... Però moltissimi hanno l'abitudine di bloccare tutto per non farti sminkiare le cose... Oggi per esempio ho visto sul PC della mia Uni un file BAT sul desktop per aprire il mixer di Windows perché hanno voluto togliere l'icona in basso a destra. Un BAT... Non ti dico le bestemmie per far funzionare le Soundblaster con Cubase... Metà classe non ha potuto far niente per l'ultima ora...

disqus_ECsvBh9gay

Spero. MS ha sempre supportato quasi tutto. Persino W10 danno il supporto fino al 2025...

disqus_ECsvBh9gay

Però da quello che hanno mostrato potrebbe anche allargarsi lo spazio tra le App a occupare più spazio... Io spero solo abbiano trovato una via di mezzo tra windows a sinistra e app comode e reattive per il touch.

disqus_ECsvBh9gay
disqus_ECsvBh9gay

MS con Nadella prende ispirazione anche da Linux: WSL ne è un esempio.
Beh però ti danno l'alternativa con la Pro. In fondo non fanno a gratis: Apple il SO te lo mette nel prezzo del PC/tablet.

disqus_ECsvBh9gay

Mi piace tutto (il pannello di controllo bluetooth Wifi soprattutto oltre al supporto Touch e la gestione delle finestre), ma la barra centrale proprio non mi piace: il logo di Windows per me deve stare nell'angolo: devo poter lanciare il mio mouse giù dal tavolo, non che debba fare un tiro al bersaglio...

:D

Max Power

Ci sono km di cornici attorno a icone e app

Max Power

A me non mi piace perché se uno usa il mouse non ha bisogno di avere tutti quei contorno enormi attorno all'icona.
Se invece usi il pollice su un tablet va bene per evitare di premere cose sbagliate

France

Ah boh non so come è fatta in W11. Parlavo della ribbon.

Simone

Punti di vista, secondo me in questo modo lasci un buco non sfruttato a sinistra, e per me sarebbe molto comodo separare lo start e la barra di ricerca dalle applicazioni, di solito butto il muose a sinistra e ci prendo anche a occhi chiusi, così sarà più difficile selezionare tra un'app e il tasto start.
Poi mi chiedo, la barra start compare sempre al centro? cioè se ho molte app io avrò ricerca e start a sinistra, se ci premo lo start compare sopra all'icona e sempre al centro?

Hahahaha, sarà per quello :P

Mi hai preso in pieno!

Cyberutto

Spero vivamente che ci sia la possibilità di mettere i denti sul comparto UI. Non mi dispiacerebbe replicare l'interfaccia i3 di linux, muovendomi tra i menù etc solo con tastiera.

Bruce

Ma avranno implementato il CMS (color management system)? Oppure si potranno usare solo immagini nell'ormai vetusto e limitato sRGB? Apple è da una vita che l'ha implementato. Microsoft cosa aspetta???????

France

Non avrebbe molto senso né dal punto di vista del design né da quello dell'ergonomia mettere il tasto start a sinistra poi uno spazio e centrali le app. Mi sembra più sensato così (così fa anche macos e la maggior parte delle interfacce Linux) o come era prima, piuttosto che quello che proponi.

Holy87
CriptHunter

Spero abbiano inserito le tab per aprire più cartelle contemporaneamente. Aprire un esplora risorse per ogni cartella mi ha sempre dato molto fastidio.

Perché lo usi!
Teams, all'avvio di Windows occupa 15MB.

Alessandro Apo

Windows Vista Remastered

Il grande problema di OS datati sono i protocolli di sicurezza.
Non apri più nessuna pagina web con un computer che non possiede almeno Windows 7 (nemmeno Vista ci riesce più).
Puoi usare dei browser che scaricano certificati all'interno del browser (l'unico in grado di farlo é Firefox) ma poi non trovi una versione aggiornata del browser per quel OS.

Quei PC sono perfetti se hai una applicazione e il pc lo usi per quella applicazione e basta. In rete, non riescono più a comunicare con niente... Mancano i certificati SSL, TSL e tutti quei certificati/protocolli per comunicare - e nessuno li scrive più per sistemi vecchi ;)

no... non é roba vecchia.
Uso C++ 14 e DirectX. Ma avendo 1000 macchinette con WindowsXP in giro, mi fanno programmare per Windows XP, altrimenti chi mi da i soldi per rimpiazzare 1000 macchinette con Windows 10? 150€ per il PC, 30€ per il disco rigido, 40€ per la licenza Windows 10 arrivi a 250€ x 1000 = 250.000€. Mi sputano in faccia se gli dico che voglio Windows 10 perché così sono "all'avanguardia".

antonello

Basta un a modifica ad una voce di registro per farlo andare, la procedura che dici a volte non funziona...

ilnumismatico

Su uno dei miei portatili non ho il Tmp. Sapete se sarà possibile forzare comunque l’installazione? Mi pare assurdo che su un portatile capace di gestire il 10 senza problemi, non sia possibile far girare l’11… (i5, 8 giga, ssd)
Grazie

Ravenlord

Si presenta bene. Una svecchiata grafica, non chè uniformità, era necessaria.
Da tutto quello che sappiamo ad oggi spero vivamente che Teams sia disinstallabile, che non si debba necessariamente passare per il Microsoft Store per installare le app (così come avverrà su MacOS Monterey) e che modifichino la policy che obbliga ad utilizzare necessariamente un account Microsoft in fase di configurazione iniziale del sistema, in favore della scelta di poter creare un semplice account locale. Attualmente su Windows 10 si può bypassare sull’edizione “Home” togliendo la connessione ed andando avanti con la creazione dell’account… sulla versione “Pro” invece lo si può scegliere senza questo trick. Spero davvero che su Windows 11 sarà possibile fare la stessa cosa, anche se hanno già comunicato che sulla versione “Home” sarà obbligatorio. Perfino su MacOS si può decidere di procedere con la configurazione iniziale senza accedere necessariamente con l’Apple ID.
In Microsoft dovrebbero prendere più spunto da Linux e meno da Apple. Blindare il sistema e obbligare l’utente finale ad una sola strada, non è vantaggioso. E questo obbligo dell’account è solo parzialmente relativo alla sicurezza, ma in primis gli serve per l’acquisizione dei dati di ogni singolo utente. Posso capire di imporre dei requisiti hardware minimi più elevati e sicuri.. posso capire imporre di inserire una password per l’account.. ma obbligare la creazione degli account basati sull’email o su un numero di telefono (non chè di dover avere necessariamente la connessione internet per accedere) anzi chè poter essere solamente “locali”, lo trovo davvero fastidioso, limitante e inammissibile.

Crash Nebula

Le app iOS girano su macOS da Big Sur…

Crash Nebula

Ciò vale per l’hw, non per il sw.
XP è un colabrodo.

Jacopo93
biggggggggggggg

Semplicemente start è fatta meglio ed è come su altri OS è da anni, molto più comoda

Gianluca

I terminali automatici della mia banca usano ancora XP

Saturno

perché la durata della batteria non interessa a nessuno

Recensione Samsung Galaxy Book Pro 360, convertibile super sottile e leggero

Facciamo il punto su Windows 11: tutto ciò che bisogna sapere

Windows 11, Microsoft cambia idea sui requisiti: solo sistemi recenti

Recensione ASUS ROG Zephyrus S17, tanta roba ma che prezzo!