Microsoft promette: i dati europei resteranno in Europa

06 Maggio 2021 43

Microsoft risponde alle richieste dell'Unione Europea annunciando l'EU Data Boundary for Microsoft Cloud in base al quale i dati dei suoi clienti europei, di tutte le organizzazioni e Pubbliche Amministrazioni, potranno essere processati e archiviati in Europa.

L'impegno del nuovo piano si applicherà a tutti i suoi principali servizi cloud tra cui Azure, Microsoft 365 e Dynamics 365 e l’obiettivo è quello di terminare le attività entro la fine del prossimo anno. Brad Smith, presidente di Microsoft, ha affermato che la società si confronterà nei prossimi mesi con i clienti e con le autorità regolatorie in merito agli adeguamenti necessari in termini di sicurezza.

Questo piano di Microsoft arriva in risposta alle crescenti preoccupazioni da parte dei clienti UE per lo stato giuridico dei dati che le società statunitensi archiviano nel cloud e la misura in cui potrebbero essere esaminati dalle autorità statunitensi.

La Corte europea ha invalidato l'EU-US Privacy Shield lo scorso luglio

Queste preoccupazioni sono sfociate in un attacco da parte della Corte di giustizia europea che lo scorso luglio ha invalidato l'EU-US Privacy Shield, un accordo che consente alle imprese di trasferire i dati personali agli Stati Uniti in conformità con la regolamentazione generale della protezione dei dati di Bruxelles. Secondo la Corte, la legge sulla privacy degli Stati Uniti non ha mai offerto ai cittadini europei diritti di protezione dei dati.

Microsoft ha voluto comunque sottolineare che già da tempo lavora per soddisfare e superare i requisiti delle leggi europee sulla protezione dei dati dichiarando di essere stata la prima grande azienda tecnologica ad affermare la conformità al GDPR e ad estendere i diritti e le protezioni fondamentali del regolamento a tutti i clienti a livello globale. La Corte di Giustizia ha annullato il Privacy Shield, ma ha confermato la validità di strumenti alternativi.

Microsoft offre già ai suoi clienti pubblici e privati la possibilità di archiviare i dati nell'Unione Europea e molti servizi cloud di Azure possono già essere configurati per processare i dati anche nell'UE. Molti clienti, inoltre, possono anche controllarne direttamente la crittografia.

Il piano EU Data Boundary for Microsoft Cloud, si legge in una nota, è stato reso possibile anche grazie agli ingenti investimenti per la realizzazione di data center in Europa, 13 tra già operativi o in fase di realizzazione, e servirà anche i clienti Microsoft in Norvegia e Svizzera.


43

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
mitrez21

Tyler Durden, sei tu?
Scherzi (neanche tanto a parte): ma che è, Ipotesi di complotto?
Ma chi ce l'ha questa convinzione? Non si parla d'altro dove?? Ma chi vuole fare eliminare chi???
Va bene prendersela col capitalismo, ti accompagno pure, ma questo è essere a un passo dal delirio.

Roberto Giuffrè

Puoi sempre infilare la testa sotto la sabbia e vivere come il sottosviluppato metropolitano convinto che le istituzioni siano come un buon padre che gli vuole bene e si prodigano per la sua sicurezza e felicità.

E non strumenti dei poteri economici (leggi rentiers e venture capitalist - nuovi feudatari) che vogliono servi della gleba, consumatori compulsivi, o peggio anche eliminarli, perché molti considerati inutili ed in esubero.
Non si parla d'altro da qualche anno a questa parte, cioè la convinzione psicotica che nel pianeta siamo troppi e bisogna eliminarne qualche miliardo per stare tutti un po' più larghi.

mitrez21

Mai detto di essere un esperto, fantasie tue. E la tua dietrologia catastrofista è, in parte, mal riposta secondo me.
Le tecnologie sono più sofisticate, ma non per questo più invasive. Sennò tanto vale disconnettersi da internet e buonanotte a tutti.

Roberto Giuffrè

Più che un'esperto sembri un astroturfer...

Dato che i sistemi attuali sono forse anche ordini di grandezza più potenti e pervasivi.

Non mi pare che l'occidente abbia alcuna intenzione di ritirarsi dal progetto neoclassico di dittatura neoliberista.

mitrez21
Internauta

Microsoft sempre un passo avanti in sicurezza e trasparenza.
Ottimo!
è una delle poche aziende informatiche al mondo a non essere investita da scandali sulla privacy al contrario di google (di cui non uso assolutamente nulla a parte youtube).

Sheldon Cooper

Li mettiamo nei barattoli vuoti della Nutella.

Raphael DeLaghetto

Allora la miglior legge sula privacy non serve a nulla

Raphael DeLaghetto

Bill gates vi conosce uno a uno

Roberto Giuffrè

Ma credo che Edward Snowden abbia già dato valide prove sui meccanismi di spionaggio globale di NSA indipendentemente da dove stavano i dati. Anche la Merkel veniva spiata.

Sembra che tutti si siano dimenticati di Snowden e di ciò che ha rivelato.

mitrez21

Ma ci deve essere una valida motivazione, come appunto un attacco a uno stato membro. E non è che vengono a controllare i miei dati, se un attentato viene da un cittadino francese, portoghese o tedesco.

Roberto Giuffrè

Sì ma se Microsoft mette i server in un paese NATO deve dare accesso agli USA per l'art.5 della risoluzione NATO, e con il pretesto della lotta al terrorismo.

Roberto Giuffrè

Veramente dal dopo 9/11 e col Patriot Act tutti i paesi NATO (credo sia art. 5) devono fornire meccanismi di lotta al terrorismo.
E lo spionaggio è nascosto dietro quel pretesto.

MatitaNera

Quale lingua? Il terun?

Cerca di non farmi scrivere in lingua! :P

MatitaNera

Chi l'ha detto che non esiste? Chi sta fuori l'è un terun.

MatitaNera

Accederli?

MatitaNera

Te la canti e te la ridi

THORino

Matteo Serverini

THORino

Rubano il lavoro ai nostri onesti server, alimentati dalle nostre pulite centrali idroelettriche, mosse dalla genuina acqua alpina che scorre sulla nostra amata pianura padana, la terra dei nostri padri.

GianTT

Ma che c'entra Snowden, stai parlando di azioni illegali e quelle verrebbero fatte a prescindere da tutto e da chiunque. Anche avessimo i server sotto al cxlo ci sarebbe sempre il tentativo da parte di governi stranieri di fregarci i dati

mitrez21

Ma che discorso è!
Niente è potenzialmente protetto perché c'è quasi sempre una via per hackerare un sistema. Ma la spesa deve valere l'impresa, non è che un hacker si mette una settimana ad hackerare il mio profilo fb solo per sapere dove studio o con chi vado a letto.
È come per la casa: nessuna è sicura al 100%, ma per prendersi il rischio il bottino deve essere di valore. Sennò tanto vale lasciare la porta sempre aperta, tanto non c'è modo di fermare i ladri.

Massimo

'I dati degli europei sono comunque regolati dalla migliore legge al mondo'
Me sa non hai mai sentito parlare di Snowden

GianTT

Ma lo farebbero violando le regole del GDPR europeo e quindi rendendosi colpevoli di un reato. Un ente statale che viola le regole di stati "alleati" sarebbe motivo di imbarazzo diplomatico, è già successo in passato ma da quel momento in Europa è nata una forte sensibilità sull'argomento (parlo delle istituzioni), rafforzando le leggi europee e spingendo per una più autonoma gestione dei dati europei.
Rispetto la situazione attuale ci sarebbe quindi un livello di complicazioni in più per l'NSA o chiunque altro, non solo tecnica ma anche legale. Sempre meglio di restare così dunque

GianTT

Gli USA su diversi aspetti relativi alla privacy sono molto meno sensibili degli europei, nei casi che citi tu perché hanno un'idea di "punizione" per i reati sessuali che sa molto di condanna pubblica a vita del colpevole, poi perché da quanto ne so su certi argomenti (tipo lo stipendio) hanno meno scrupoli o imbarazzi a dirlo in giro, come anche i giapponesi ad esempio. Ma è quasi una differenza "culturale", rispetto noi europei ad esempio non parlano facilmente con estranei di tematiche come la politica o la religione, mentre da noi sono argomenti da bar come il calcio o la tv

GianTT

I dati degli americani restano in US perché le big tech sono americane
I dati dei cinesi restano in Cina perché c'è un regime dittatoriale che impone il controllo scrupoloso delle informazioni (idem Russia)

I dati degli europei sono comunque regolati dalla migliore legge al mondo sulla privacy, da autorità di controllo che non sono fantocci e che ci permette già oggi di vantare una "proprietà" personale dei nostri dati superiore a quella di US o qualunque altra nazione.

Il Marchese di Caccavone

Sembra che il governo sia orientato a cambiare strategia sulla rete internet,nelle ultime ore pare abbiano inoltrato documentazione per il PNRR nella quale si parla di reti e non più di rete unica.Probabilmente per evitare la sicura bastonatura che a suo tempo l'Europa aveva promesso in caso di integrazione verticale della rete,per noi una gran bella notizia.

Massimo

i dati degli americani sono controllati dagli americani
i dati dei cinesi sono controllati dai cinesi
i dati degli europei vengono venduti al miglior offerente (per la maggiore agli americani)
Che bello essere lo zerbino del mondo

Luca Lindholm
E se anche questa eventualità fosse possibile, allora non ci sarebbe NEANCHE UN DATO PROTETTO in tutto il globo, quindi non si tratterebbe di un problema di MS, UE, Google ecc ma un problema mondiale di proporzioni bibliche.

Benvenuto nell’era di internet…

Estiquaatsi

i dati rimangono in europa, i metadati vanno dove gli pare

Bellofigo

Oste, come è il vino?

mitrez21

Se i server e i dati sono in Europa, vengono protetti da leggi europee e non vengono più trasferiti in USA, con tutte le conseguenze legali che ne derivano.
Se un ente governativo, fantasiosamente, volesse accedervi commetterebbe un reato.
E se anche questa eventualità fosse possibile, allora non ci sarebbe NEANCHE UN DATO PROTETTO in tutto il globo, quindi non si tratterebbe di un problema di MS, UE, Google ecc ma un problema mondiale di proporzioni bibliche.
Le parole senza senso sono le tue.

Alex Neko

Non so se stai stato negli stati uniti o se hai usato un vpn che simula gli USA.

Io avevo messo il nome di una persona è mi è uscito che era stato condannato per reati sessuali di terzo grado, tutti gli indirizzi dove è stato, i lavori che ha fatto, quando guadagna, tutte le persone che hanno a che fare con lui.

Altro esempio metti il nome di una persona e ti esce su google, volevi cercare anche fratello, madre, padre, figli, dove lavora, reddito, ecc ecc

E K

MS é troppo furba per farsi inscatolare, da il contentino, fidelizza e rimane imperturbabile.
Altre aziende si nascondono dietro l'ipocrisia del loro modus operandi "corretto ed identico ovunque" e finiscono sanzionate.

Alex Neko

La società dove lavoro ha fatto l'accordo per onedrive 1tb a ogni dipendente e tra le clausole sono che i server (almeno 3 per i backup di ogni dato) siano in UE.
Inoltre microsoft sta costruendo data center anche in Italia e quando saranno pronti ci sarà priorità su quelli ed alcuni dati maggiormente sensibili saranno solo in Italia

Alex Neko

non scrive scemenze da complottista che gira con l'alluminio sulla testa

Giurin-giurello?

Roberto Giuffrè

Non è che se il server e lo storage sono fisicamente in Europa poi la NSA non abbia una VPN o altra connessione per accederli comunque...

Sono parole prive di senso queste di Microsoft.

ijskdldsad

Finalmente! E' importantissimo per tante anziende ed enti pubblici

Non a caso, l'UE poi consegna i dati in automatico agli stati uniti, perché l'accordo prevede uno scambio automatico di dati...

Comunque é da 3 anni che Microsoft apre e installa nuovi servers in Europa. Chi possiede office business già ha i dati in Europa. Entro 2 anni addirittura nel suo paese di residenza.

Sheldon Cooper

E i dati dei cittadini Padani devono restare in Padania.

momentarybliss

"Secondo la Corte, la legge sulla privacy degli Stati Uniti non ha mai offerto ai cittadini europei diritti di protezione dei dati"
E poi ci si meraviglia di Facebook e Google che con i dati degli utenti fanno praticamente ciò che vogliono

Internet down: migliaia di siti offline, tra cui Amazon e Twitch | Cos'è successo

Amazon Prime Day 2021 le date e le offerte già attive: 21 e 22 giugno ufficiale

I migliori smartphone 5G economici | Guida

Recensione Huawei Band 6: eleganza in formato slim