Tutti i prezzi sono validi al momento della pubblicazione. Se fai click o acquisti qualcosa, potremmo ricevere un compenso.

Rilevatore AI è il primo strumento in lingua italiana che smaschera i furbetti dei testi

13 Febbraio 2024 23

Nell'era dell'intelligenza artificiale generativa l'originalità dei testi scritti viene spesso messa in dubbio: questo vale tanto a scuola, in cui gli studenti al giorno d'oggi hanno a disposizione sofisticati (ma semplici) strumenti per lasciare che gli algoritmi scrivano al posto loro, quanto nel mondo della ricerca, dell'informazione e della letteratura. C'è chi bluffa e c'è invece chi denuncia volutamente l'uso dell'AI per dimostrare le sue potenzialità (e i suoi limiti): emblematico in tal senso il caso del premio ricevuto in Giappone da una scrittrice che ha ammesso pubblicamente di aver scritto un libro a quattro mani con ChatGPT.

LA LINGUA ITALIANA

I mezzi per smascherare i furbetti dell'algoritmo, però, ci sono. Anche se il problema è che il più delle volte sono tarati sulla lingua inglese, ed il check di un testo per verificarne l'originalità basato su una traduzione dall'inglese all'italiano risulta essere decisamente meno preciso. Ecco allora il rilevatore di Intelligenza Artificiale di Noplagio.it, "primo tool progettato esclusivamente per il riconoscimento di testi in lingua italiana" con un livello di precisione estremamente alto (sfiora il 100%) reso possibile dall'utilizzo diretto di informazioni morfologiche della lingua italiana per l'addestramento del modello.

Nell'era della rivoluzione dell'intelligenza artificiale, capire l'origine del testo che stai leggendo è essenziale. Questo va oltre un esercizio di pensiero critico: gli strumenti IA spesso forniscono informazioni false o fuorvianti che devono essere controllate in anticipo per evitare un’ulteriore diffusione. Pertanto, riconoscere il testo generato algoritmicamente è una competenza sempre più importante per chiunque cerchi di diventare un consumatore informato di contenuti. Inoltre, è una sfida estremamente rilevante nelle istituzioni educative, quando sempre più studenti scelgono l'aiuto sleale degli strumenti IA per creare elaborati scritti. Perciò, siamo felici di poter offrire la nostra soluzione al problema - Chorst Klaus, co-fondatore Noplagio.it

PRECISIONE

Lo strumento di riconoscimento del testo sarà presto disponibile in oltre 10 Paesi europei e sarà strutturato in modo tale da lavorare nativamente sulla lingua locale (al momento: italiano, francese, spagnolo, inglese, tedesco, lituano). Solo così, infatti, si può garantire un elevato livello di precisione nella rilevazione di contenuti scritti dall'AI.

  • indicatore di riconoscimento AI: 99,7% di precisione (se una frase viene imputata all'AI, c'è il 99,7% di probabilità che ciò sia vero)
  • indicatore recall: numero di elementi riconosciuti dall'algoritmo sul totale: 96,1%

Volete fare una prova? cliccate sulla FONTE qui in basso e incollate una porzione del testo da verificare.

Credits immagine d'apertura: Pixabay


23

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Armando

Un pazzo per capire un pazzo

Lorenzomx

Ti ringrazio! Effettivamente mentre lo scrivevo avevo in mente proprio la Precision e non la Recall, ti ringrazio molto per la precisazione

Zanzo

Che senso ha difendere la proprietà intellettuale se l'IA scrive meglio?

T. P.

sarà così un pò per tutto! :)

Alexv

Forse perché l'IA serve proprio a creare testi orrendi come quello sopra.

STAFF

Forse il software non ha sbagliato, forse tutto quello che credevi fosse vero fino ad ora nella tua vita non era altro che un'illusione...

Tiziana Sirotich

Ho inserito il testo di una breve poesia che ho scritto circa 10 anni fa... me lo ha rilevato come 66% IA...

termo

dà i numeri a caso: tutte le dichiarazioni presenti sul loro sito sono IA secondo loro stessi.

Farebbe ridere se non accadesse quello che è già accaduto con altri strumenti simili: la gente prende i risultati come veritieri e persone innocenti hanno conseguenze negative sulla loro carriera.

termo

e infine:

"L'azienda investe costantemente nella creazione di nuove tecnologie testuali e nel miglioramento di quelle preesistenti. Oltre
a offrire il primo strumento di rilevamento del plagio veramente
multilingue al mondo, collaboriamo con le università per creare e
migliorare continuamente i nostri strumenti e servizi.

90% IA.

siamo sicuri che ci siano umani tra loro?
O che il loro software non dia i numeri?

termo

e ancora:
la loro mission sul loro sito:

"NoPlagio invita studenti e insegnanti a raggiungere i migliori risultati accademici senza avere paura di sperimentare. Il fallimento è un processo di prova e di crescita, mentre il successo è l'obiettivo finale e il risultato desiderato. Creiamo un luogo che invita a fare del proprio meglio con fiducia e promette risultati eccellenti."

98% IA
ma non si vergognano?

termo

Dice che hanno scritto all'81% con l'AI il loro testo di presentazione del servizio:

"Nell'era della rivoluzione dell'intelligenza artificiale, capire l'origine del testo che stai leggendo è essenziale. Questo
va oltre un esercizio di pensiero critico: gli strumenti IA spesso
forniscono informazioni false o fuorvianti che devono essere controllate
in anticipo per evitare un’ulteriore diffusione. Pertanto, riconoscere
il testo generato algoritmicamente è una competenza sempre più
importante per chiunque cerchi di diventare un consumatore informato di
contenuti. Inoltre, è una sfida estremamente rilevante nelle istituzioni
educative, quando sempre più studenti scelgono l'aiuto sleale degli
strumenti IA per creare elaborati scritti. Perciò, siamo felici di poter
offrire la nostra soluzione al problema
"

saranno loro i furbetti di cui parla il titolo?
E poi, se un professore, dopo aver testato con il loro strumento, accusa ingiustamente uno studente e lo boccia, lo ripagano loro?

tulipanonero1990

I laureati in materie umanistiche stanno tremando.

Davide

È abbastanza facile anche senza algoritmo

Oldx

A parte qualche definizione non accurata, gli score di questo tipo di tool sono sempre da prendere con le pinze in quanto riferiti a test in ambienti controllati (es: training, test e validazione di un dataset).

In più esistono già tool di Plagiarism removing basati sull'AI, sarebbe interessante vedere gli score effettivi su questo tipo di test.

Oldx

Piccola correzione, non quelle che il modello identifica come positive (quella è la precision), ma gli effettivamente positive, ovvero i True Positive + False Negative.

Sistox v2

Non c'è confusione è esattamente come dici tu. Sono strumenti per ricercatori che pubblicano e rischiano il plagio, non per chi va a scuola

Steve Sboj
Elris

Aperto.... ho scritto il primo pensiero che mi è venuto in mente... 93% IA. Quindi sono un'IA ;)

Lorenzomx

Recall non è quello che avete scritto, Recall è la quantità di true positives tra tutti quelli che il modello identifica come positive.

LuiD

Un Voight-Kampff test in fase preliminare.

MassiMax

Una IA per smascherare le IA?

CANAL+

Uso molto CHATGPT per scrivere i testi

LeoX

Io sapevo che questi strumenti non erano precisi...

HDMotori.it

Peugeot e-3008 elettrica: fino a 700 km, il SUV alla prova su strada | Video

Tecnologia

Recensione SwitchBot K10+: il robot aspirapolvere più piccolo al mondo

Tecnologia

Ericsson immagina lo stadio del futuro: le novità del MWC | VIDEO

Recensione

Recensione Corsair MP700, il prezzo dell'alta velocità