Tutti i prezzi sono validi al momento della pubblicazione. Se fai click o acquisti qualcosa, potremmo ricevere un compenso.

Mercato tutelato dell'energia addio, ma il termine slitta al 1° luglio 2024

21 Dicembre 2023 301

Il decreto energia 181/23 approvato dal Consiglio dei Ministri non prevede proroghe del mercato tutelato. Il Governo italiano aveva valutato la possibilità di posticipare ulteriormente l'obbligo di passaggio al mercato libero di 6 o 12 mesi, così non è stato. Del resto l'approvazione del decreto legge aveva subìto diversi ritardi causati sostanzialmente da tre aspetti per cui ancora si doveva trovare una posizione condivisa: idroelettrico, eolico offshore e, appunto, mercato tutelato.

COS'É IL MERCATO TUTELATO: mercato in cui vengono proposti servizi di fornitura di energia elettrica e di gas naturale ad un prezzo definito dall'Autorità di Regolazione per Energia Reti e Ambiente destinati a famiglie e microimprese che non hanno ancora scelto un venditore nel mercato libero.

Chi sperava dunque in una nuova proroga è rimasto deluso - una decisione "sconcertante", l'ha definita l'opposizione - ma si è trattato di una scelta vincolata al rispetto degli impegni presi dal governo per il Pnrr. Il decreto in sé risulta dunque estremamente importante per ciò che contiene e - lo abbiamo visto - anche per ciò che non contiene. Da un lato le disposizioni urgenti in materia energetica con la promozione delle fonti rinnovabili ed il sostegno alle imprese energivore, dall'altro la mancata proroga al mercato tutelato che in questo modo terminerà definitivamente il 10 gennaio 2024 per il gas e il 1° aprile 2024 per l'energia elettrica.

Dal sito ARERA:

  • per i clienti domestici non vulnerabili di gas naturale (famiglie e condomini) il superamento della tutela di prezzo è previsto da gennaio 2024;
  • per i clienti domestici non vulnerabili di energia elettrica a partire da aprile 2024;
  • per le microimprese di energia elettrica il servizio di maggior tutela si è concluso ad aprile 2023 (per le piccole imprese era già terminato nel 2021).

NOTA: sul sito ARERA viene consigliato ilportaleofferte.it per confrontare le varie offerte sul mercato libero.

COSA STABILISCE IL DECRETO

Il decreto approvato dal CdM di ieri introduce "disposizioni urgenti per la sicurezza energetica del Paese, la promozione del ricorso alle fonti rinnovabili di energia, il sostegno alle imprese a forte consumo di energia".

  • riforma delle agevolazioni verso le imprese energivore: adeguamento disciplina italiana a quella europea
  • semplificazione amministrativa delle procedure in materia energetica
  • accelerazione degli investimenti in autoproduzione di energia rinnovabile
  • rilascio nuovi titoli abilitativi per la coltivazione di idrocarburi a patto che i soggetti interessati cedano parte del gas al GSE che lo gira a sua volta alle imprese gasivore
  • semplificazione del processo di realizzazione di condensatori ad aria presso centrali esistenti
  • investimenti per la produzione, l'assemblaggio e il varo di piattaforme galleggianti per impianti eolici offshore così da rispettare gli obiettivi europei fissati per il 2030
  • promozione teleriscaldamento e teleraffrescamento riconoscendo agevolazioni a 15 progetti che non rientrano nei finanziamenti del Pnrr

AGGIORNAMENTO: PROROGA NO, SLITTAMENTO A LUGLIO SI
21/12

Il fine tutela sul mercato dell'energia elettrica è stato rimandato al 1° luglio 2024. Uno spostamento dunque di tre mesi della data di attivazione del Servizio a Tutele Graduali (STG) per chi non ha ancora scelto il mercato libero che Arera motiva nell'intenzione di "assicurare uno svolgimento coerente del processo".

Si ricorda che lo slittamento del il fine tutela al 1° luglio riguarda esclusivamente i clienti domestici non vulnerabili del settore energetico. Resta invariata la conclusione del mercato tutelato per il gas, fissata per il 10 gennaio 2024.

In sintesi, i tre mesi in più serviranno per

  • informare i clienti tramite campagne informative che saranno condotte dal MASE
  • effettuare attività preparatorie all'operatività del STG
  • limitare il periodo tra l'assegnazione e l'attivazione del STG

Credits immagine d'apertura: Pixabay


301

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Dante

Trend Casa Fine Tutela di Plenitude.

marcoesse

Quotissimo

Guido

La scelta giusta è (per chi è sul libero) di tornare ora, subito, in tutela. Chi è già in tutela fa bene a restarci sino all'ultimo, per poi passare con silenzio-assenso al servizio a tutele graduali (STG). STG è attivo dall'anno scorso per artigiani, negozianti, condomìni (le utenze "altri usi") e ha un prezzo (unificato a livello nazionale) che batte il libero.
Ma... chi tra i domestici al 1º aprile non sarà in tutela non potrà più richiederla (in tutto periodo transitorio aprile-giugno), non potrà beneficiare di STG, né potrà chiedere di entrare in STG. È una porta a senso unico: si può uscire ma non rientrare.
Cercate e leggete la Memoria ISTAT presentata alla X Commissione Camera dei Deputati il 07/12/2023, pag 7 e 8. Prezzo medio "finito" sul libero di 0,4433 €/kWh, in tutela invece è 0,2829 €/kWh. c'è poco da aggiungere.

Markk

Hai tu confusione in testa. Confondi i
le condizioni dei contratti commerciali (liberi o in maggior tutela) con il mercato energetico regolato dal GSE. Ti ripeto (e poi ti lascio alle tue convinzioni) che Arera (fra tutte le cose che fa) opera come regolatrice del prezzo finale al cliente finale in maggior tutela (che il cliente finale dovrà pagare alla società di vendita per la maggior tutela, non ad Arera).
Le condizioni dei contratti commerciali "mercato libero" che stipulano le società di vendita al dettaglio sono libere e possono considerare il pun medio che vogliono + spread che vogliono, si possono inventare un pun che vogliono.
Sia società di vendita al dettaglio sia società di vendita per la maggior tutela, per non andare in perdita devono vendere al cliente finale a un prezzo maggiore del Pun vero, quello del mercato, quello orario. La differenza è che per la seconda società è Arera che fissa il prezzo (ripeto basandosi sul "Pun vero").

te hai tanta confusione in testa, il pun viene applicato al cliente finale, solo che sopra quei prezzi c'è da aggiungere lo spread del gestore, mercato libero e mercato tutelato hanno indici diversi PUN e PE mentre per il gas è il PSV per entrambi, è così basta cercare, arera applica i prezzi che devono essere applicati che era nel tutelato nel trimestre ott-dic del 22, ha pagato la corrente F1 0.52 e F2-3 0.49 mentre chi era nel libero negli stessi mesi ha pagato la metà proprio perchè lì indice era diverso, inoltre arera aveva pensato di passare pure la luce all' indice mensile ma ha deciso di fare solo il gas, scelta che per molti mesi è costata cara ai suoi clienti

Giovanni

Si credo che hai ragione, mi sono confuso, le tariffe F1, F2, F3 ,sono legate alla fascia oraria non al consumo effettuato.

Markk

Ho detto che il Pun non si applica al cliente finale e così è.
Non conosci il mercato elettrico. Arera non è un produttore. I produttori vendono nel mercato elettrico regolato da (non solo) GME non al Pun ma a un prezzo che per semplicità si può considerare Pun (Pun orario = ogni ora varia). Quindi il Pun fa riferimento sia al mercato libero sia al mercato tutelato, Arera non fisserà mai prezzi per il cliente in maggior tutela sotto al PUN, deve tenere conto del Pun.
Gli indici di riferimento non sono diversi, sei tu che non conosci il mercato.
Nel Portale Offerte i prezzi per il cliente in maggior tutela sono sempre tra i più bassi, quindi la concorrenza c'è e il prezzo senza il tutelato non scenderà ma salirà.

Marco

Io sto iniziando ora a guardare per le offerte sulla luce

ma che sta dicendo, il PUN è una media aritmetica tra vendita e acquisto dell' energia, ed è uguale per tutti, sopra di esse i vari gestori del mercato libero applicano uno spread di tot. centesimi, e se proprio vuoi saperlo il pun fa già riferimento al solo mercato libero, visto che nel tutelato l' indice è il PE quindi sta cosa che senza il tutelato il prezzo salirà è una balla assurda, già ora non c'è concorrenza tra tutelato e libero essendo che gli indici di riferimento sono diversi tra loro

LuiD

Sarà ma per me tutto questo non dovrebbe esistere.
I servizi essenziali, acqua, elettricità e gas dovrebbero essere forniti dalle regioni, al prezzo più basso possibile.

Jotaro

Eccome.

Markk

I prezzi nel mercato libero sono liberi, mancando la concorrenza del tutelato, i prezzi non diminuiscono ma aumentano.
Il Pun non stabilisce il prezzo per il consumatore.

c'era anche prima, era di 65€ annuo

devi guardare costi di commercializzazione e eventuale spread in caso di prezzo variabile

veramente è il contrario è il gas ad avere scaglioni di cnosumo non la corrente

144€ di commercializzazione è un pò altino sono 12€ mese

te si che sai come NON leggere una bolletta

e perchè mai? i prezzi non sono fatti mica dal tutelato attualmente, c'è un indice che stabilisce il prezzo

incredibile già la confusione era tanta...ora poi, anzichè andare incontro al consumatore li incasinano sempre di più le idee, dei geni del male proprio

boosook

E lo chiedi a me? Ho detto che sono di sinistra, mica li ho votati io questi qua... è responsabilità loro prendere quei 191 miliardi e farci qualcosa per migliorare l'Italia anziché opere inutili.

Luca Rissi

Tu sapresti farlo meglio? Candidati.
Un conto e’ berciare sul divano, un altro e’ gestire una giostra impazzita come l’italia, divisa fra guelfi e ghibellini, che si boicottano a vicenda da secoli a prescindere dagli interessi degli amministrati (a loro volta meta’ guelfi e meta’ ghibellini).

Markk

Ci vuole poco a capire che, messo fuori dai giochi il mercato "tutelato", i prezzi medi del mercato libero non saranno quelli di oggi ma molto diversi.

AlphAtomix

per ora la migliore che ho trovato è edison

Federico Battistini

Una buona offerta per il GAS a prezzo variabile?

Aster

se ti piace cosi stacci pure.

Ergi Cela

Magari abitassi da quelle parti,con la Casetta privata lo farei pure io

Ergi Cela

Okay ma con questi 191 miliardi che cos’hanno fatto per migliorare l’Italia? Non mi sembra che abbiano fatto grossi lavori o ristrutturazioni varie

Ergi Cela

Bisognerebbe incentivare di più le energie rinnovabili e installare qualche impianto nucleare per avere prezzi molto più bassi come all’inizio che l’energia costava 2/3 centesimi,oltre al fatto di essere molto più indipendenti dagli altri paesi

Ergi Cela

Non credo passeranno tutti ad Enel,visto che c’è concorrenza anche nel mercato dell’energia oramai

Luigi Melita

Viviamo in un mondo scivoloso...

Ergi Cela

0,16 è comunque buono rispetto ai 0,18/0,19 che ci sono adesso,mi manca il mercato di 3/4 anni fa quando l’energia costava 2/3 centesimi al kw

Ergi Cela

Io per il momento sto utilizzando nen energia e ho provato ad aderire alla comunità energetica di octopus energy,spero che arrivi presto e mi faccia risparmiare ancora più soldi,anche se già pago 30 euro al mese di energia elettrica

Ergi Cela
TheFluxter

Sì, è una rivendita di dati che fanno a "partner" poco consoni a vivere sulla terra in modo onesto.

mashiro84

Tutte le liberalizzazioni nel nostro paese sono ben accette (se prevedono la massima concorrenza e il minimo impegno statale all'interno delle stesse). Anche tutte le aziende statali dovrebbero venire rilasciate per la gran parte (vedi RAI), mantenendo un "core" di servizi essenziali (ad esempio RaiUno e RadioUno per la comunicazione mainstream e le sezioni regionali per la presenza sul territorio ad esempio).

AlphAtomix

azz, speravo per il gas ma la proroga è solo per l'elettricità q.q

Jotaro

A Natale tutto slitta.

E a Luglio, improvvisamente nevicherà e altro slittamento.

Eh! Questi cambiamenti climatici!

boosook

Consiglio sbagliatissimo, lol. Non è importante sapere quanto paghi realmente un kW, è importante capire, in base al tuo consumo, se devi minimizzare il costo per kW o i costi fissi.

Windows_hater

Meglio così, sono anni e anni che si proroga e me ne resto nel tutelato

checo79

dipende che riga guardi

Aster

Vino e tarallucci.

Achille

Non funziona proprio così perché la funzione non è lineare ma affine. Ad esempio, io che consumo 2500 kWh all’anno dovrei preferire una tariffa con costi fissi minori mentre chi consuma >4000 kWh una con costo al kWh minore.

idrovorox

sommate il totale della bolletta e dividetelo x i kw,così capite quanto pagate. Il prezzo irrisorio del kw che tutti offrono è una minima parte della bolletta.

Canvas

L'obiettivo della Comunità Europea nei prossimi anni è proprio quello di eliminare il gas domestico, bisogna pertanto valutare se il cambio va fatto con qualche anno in anticipo o se sarà più conveniente farlo quando diventerà praticamente obbligatorio.

ziocanaja

Elettrico tutta la vita il cucina

checo79

si tutto vero ma lo stesso discorso lo puoi applicare anche al 2021 io nell' inverno 2021 pagavo 4 cent il tutelato? o nel 2020 stesso discorso , era colpa del covid prima e delle speculazoni poi fattostà che son 3 anni che chi ha il tutelato paga a fine anno di più . e prutroppo non sono fatti così straordinari

Mirko

la Limite ha 20€ al mese, la Relax 12€

Vae Victis

Le fatture a 28 giorni sono state bandite dalle autorità italiane.

Esistevano comunque aziende che facevano fatturazione mensile. Ad esempio Coopvoce.

Maurob

Andando sul loro sito vedo 20 euro al mese, qual è la tua tariffa?

HDMotori.it

Dacia Spring 2024: l'anteprima del restyling, esterni e interni | Video

Games

Xbox, svelate 4 esclusive in arrivo su piattaforme concorrenti

Alta definizione

Recensione Fujifilm X100VI: la regina delle compatte è tornata | VIDEO

Windows

Abbiamo rifatto la nostra workstation, ora è tutta ASUS ProArt!