Tutti i prezzi sono validi al momento della pubblicazione. Se fai click o acquisti qualcosa, potremmo ricevere un compenso.

Isybank, AGCM apre istruttoria. Intesa: rientrato solo lo 0,5% di clienti

02 Novembre 2023 362

Non è andata giù nemmeno all'AGCM l'operazione con cui Intesa Sanpaolo trasferirà milioni di conti corrente a Isybank (a oggi secondo i dati ufficiali, con la migrazione ancora in corso, sono 300mila), la neonata banca digitale del gruppo. Migliaia sono pure le segnalazioni arrivate dai correntisti, "circa 2.000" che hanno spinto l'Autorità ad aprire un'istruttoria per le modalità con cui Intesa Sanpaolo e Isybank "hanno comunicato e realizzato il trasferimento".

Nel mirino il piano di cessione che prevede il trasferimento di clienti che Intesa Sanpaolo definisce, nella comunicazione a loro inviata, come “prevalentemente digitali”, ossia i clienti che “hanno familiarità con i servizi e i canali digitali, nonché i clienti consumatori che, in ogni caso, fanno un utilizzo nullo o limitato della filiale”. Nello stesso documento ai clienti è stata data la sola possibilità di dichiararsi “non prevalentemente digitali”. Sembra che il bacino clienti da trasferire da Intesa Sanpaolo a Isybank sia stato individuato sulla base di 4 requisiti:

  • nessuna visita in filiale in uno o più anni
  • età inferiore a 65 anni
  • nessun deposito titoli
  • nessun prestito in corso.

All’Autorità la comunicazione inviata ai correntisti coinvolti nel trasferimento sembra ambigua e diffusa con modalità poco coerenti con l’importanza della questione. Ai clienti non è andata giù la comunicazione inviata tramite internet banking o app di Intesa Sanpaolo senza che fosse sottolineata a sufficienza, peraltro avvenuta in un periodo dell’anno che coincide per gran parte con le ferie estive. Pertanto i correntisti non avrebbero avuto piena contezza del trasferimento del proprio conto presso un altro operatore e spesso anzi ne sono venuti a conoscenza soltanto dopo la data ultima fissata da Intesa Sanpaolo per poter esprimere la propria contrarietà.


Inoltre il passaggio a Isybank comporterebbe importanti modifiche delle condizioni contrattuali e delle modalità di fruizione del servizio: nessuno sportello fisico a cui rivolgersi, essendo un operatore totalmente digitale con cui interagire, peraltro, soltanto via smartphone e nemmeno via browser, com'era invece con Intesa Sanpaolo. Mancheranno alcune funzionalità e servizi, ad esempio il passaggio alle carte virtuali presenti in Intesa Sanpaolo e assenti in Isybank, il che, per alcune tipologie di clienti, si tradurrebbe in un aumento dei costi. Il procedimento per far luce sull'operazione è partito, vedremo quale sarà l'esito.

INTESA: 'OPERATO IN CONFORMITÀ CON LA NORMATIVA'
17:30

Un portavoce di Intesa Sanpaolo ha commentato così l'avvio dell'istruttoria da parte dell'AGCM:

Abbiamo il massimo rispetto per l’AGCM e, come sempre si è verificato, siamo da subito disponibili a collaborare nell’esame e nella soluzione dei temi posti dall’Autorità, nel miglior interesse della clientela. Anche in questa specifica operazione dai contenuti altamente innovativi, pare opportuno sottolineare che Intesa Sanpaolo, come sempre, pone al centro quanto la clientela richiede e si aspetta. Ne consegue una continua attività di ascolto, con una sistematica interlocuzione con tutti i clienti passati a Isybank, per avere il loro riscontro e dare loro tutte le spiegazioni del caso.
Allo stesso tempo, Intesa Sanpaolo ritiene di avere operato in conformità con la normativa applicabile, inclusa la comunicazione alla propria clientela. L’operazione ha sinora coinvolto un elevato numero di clienti, circa 300mila per circa 1,7 mld di raccolta diretta, passati da Intesa Sanpaolo a Isybank, a fronte di un numero molto contenuto, pari a circa 1.500 (lo 0,5%, ndr) richieste di rientro in Intesa Sanpaolo. Ad oggi i clienti che ci hanno espresso un reclamo sono molto limitati rispetto ai numeri complessivi e affronteremo singolarmente ogni situazione per offrire una soluzione adeguata e in linea con le necessità della clientela.
A incoraggiarci in questa innovativa e importante iniziativa del nostro Gruppo è il numero dei nuovi clienti di Isybank provenienti dal mercato, che in poche settimane hanno superato i 50.000, e per questo l’obiettivo di 1 milione di nuovi clienti appare tranquillamente raggiungibile, a conferma delle componenti tecnologiche altamente avanzate e della convenienza delle condizioni economiche della banca. Isybank è un’iniziativa che si colloca all’avanguardia delle banche interamente digitali e si avvale della infrastruttura tecnologica Isytech che fa di Intesa Sanpaolo un innovatore a livello europeo. Siamo convinti che i nostri clienti digitali disporranno di una piattaforma al più avanzato livello di servizio e standard tecnologici in ambito internazionale, grazie alla partnership con Google e Thought Machine, leader nei rispettivi settori.


362

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Tizio

Scritto poco io.

Conto sotto i 100k e nessun investimento sotto San Paolo.

ninuzzo
Conto sotto i 100 mila euro.

Insomma via i barboni.

Non so se si possa definire "barbone" uno che ha meno di 100k su un conto corrente o viceversa, giacché tenere 100k su un conto corrente non rende nulla.

nop

Il primo nome che mi viene in mente:
Fineco min 2,95 Max 19.
ma ce ne sono tante altre...

Everything in its right place.

Ah be allora lascio il mio papiro pure io.
Devo fare un accollo parziale per un mutuo costruttore. Il mutuo sarà un 30% del valore della casa e in più il rapporto rata mutuo si assesterà a un 23% del mio stipendio netto. Situazione IDEALE per un istituto di credito. Chiamo ISP e mi fissano un appuntamento. Arrivo e aspetto mezz'ora per scoprire che la persona con cui avevo appuntamento si è messa in malattia senza avvisare o comunque nessuno ha pensato come gestire i poveri cristi che doveva incontrare oggi. Finalmente parlo con una tizia in verità sveglia che mi censisce per la prima volta e tra le righe mi fa capire che la collega non è proprio l'Einsten della filiale. Da lì inizia una lunghissima conversazione email durata per un anno e mezzo in cui la banca mi chiede documenti e poi non si fa sentire anche per un mese e mezzo nonostante le mie mail di chiarimenti. Ogni tot se ne escono con qualche documento non completo. Man mano scadono i miei estratti conto e mi chiedono continuamente di mandare quelli nuovi. Tutto questo non esiste da nessuna parte a me visibile perché non vengo censito abbastanza da avere un utenza sul sito/app di Intesa. Si avvicina la data del rogito (la costruzione va in ritardo per fortuna sennò non avrei avuto un mutuo in tempo) e questi non rispondono alle mail/telefonate. Alla fine dopo 2 reclami all'assistenza clienti mi risponde la referente dicendo che per il rogito faranno tutto loro. Poi mi manda una mail chiedendo "prova del fatto che avrò i fondi per pagare il resto della casa (il 70% mancante), questo a 3 TRE giorni dal rogito e dopo mesi che la tampinavo per capire se avevano bisogno di altre informazioni. A tre giorni dal rogito mi fa compilare un modulo fotocopiato e inviato via mail per l'accollo pieno di errori grammaticali. Per la polizza scoppio e incendio mi dice che mi farà un preventivo dopo il rogito. (avevo chiesto di anticipare questa cosa ma non si poteva). Al rogito non si presenta nessuno della banca, lasciano detto al Notaio cosa inserire nell'atto. La documentazione del rogito ufficiale non la ritirano loro ma devo andare io fisicamente a portarla in una filiale (amen). Dopo il rogito inizia un'ennesimo tour de force in cui io scrivo chiamo per 2 settimane per sapere come pagare il mutuo visto che si avvicina la scadenza. Mi rispondono al 5 del mese dicendo che il costruttore aveva pagato la prima rata del mutuo. Non faccio domande perché alla fine ci guadagno ma continuo a non capire. Chiedo come pagare il mutuo e riesco a convincerli a farmi l'addebito sul mio conto corrente fineco. La prima rata gliela devo pagare via mav ma poi la cosa sembra partire. Nel frattempo chiedo per la famosa polizza ma mi dicono che devono finire di "verificare" la documentazione. Il mutuo è già erogato, lo sto pagando e per sei mesi devono analizzare le 6 righe del rogito in cui si cita la banca. al 7 mese dal mutuo mentre sto per partire per le ferie mi scrivono ad Agosto dicendo che il notaio ha sbagliato a scrivere l'atto e bisogna fare un atto integrativo. Al che il notaio scrive una mail di fuoco dicendo che in 35 anni di accolli sa esattamente cosa scrivere e non ha mai lavorato con simili incompetenti citando la lettera delle legge per le parti che doveva includere nel rogito. Dopo una settimana di silenzio stampa arriva una mail dall'ufficio legale di ISP che ammette che "dopo una verifica legale avanzata" la documentazione va bene". Sono passati 8 mesi dal rogito e mi disattivano l'addebito su conto corrente fineco senza avvertirmi. Lo scopro per caso a rata già scaduta quando mi arriva un bollettino a casa da pagare (mai arrivato prima) e controllando online scopro che sono in mora. Pago la rata e mando una mail di fuoco dicendo che avevo pagato in ritardo una rata scaduta e in tutta risposta mi arriva una mail contenente delle coordinate bancarie per pagare la rata che avevo appena pagato. Faccio notare che stavano rispondendo a una mail in cui avevo allegato la ricevuta del mav appena fatto e mi rispondono scusandosi "per il disguido". Al che chiedo se finalmente posso fissare l'appuntamento per la polizza e mi informano che non avendo un conto corrente presso di loro devo fare la polizza esternamente. Sono più di due anni che sono in ballo con sta robe e non me l'hanno mai detto. Alla rata successiva scopro che ci sono interessi di mora per il ritardo e la voltura di 100 euro che non mi avevano detto avrei dovuto pagare. Pago entrambi e chiedo perché non mi avessero avvisato: nessuna risposta. Nel frattempo richiedo una visura della mia situazione creditizia al CRIF e scopro che nonostante sia all'ottava rata pagata Intesa non ha comunicato a Centrale Rischi che ho aperto un finanziamento. Potrei chiedere un altro mutuo senza che risulti che ho un mutuo attivo.
Alla fine mi hanno riattivato l'addebito sul conto corrente e sto aspettando che i tassi scendano dello 0.0000001% per cambiare banca e lasciare sta gabbia di matti.

Brogli

Bbva intendi? Come mai?

And_na

Ahi, fortunatamente ho chiamato in extremis proprio l’ultimo giorno utile

Felk

Ho chiamato successivamente alla comunicazione... Se l'avessi visto in tempo, avrei già bloccato il tutto.

doctorstefano

esatto, anche io accollo. Solo per prendere appuntamento un dramma, ho dovuto sguinzagliare mio padre per mettersi in fila e farsi dare un numero di telefono del referente del mutuo (telefonando in filiale non rispondono mai). Contattato il tizio, ci convoca per conoscerci, inviamo documentazione. Le cose per la casa vanno per le lunghe, scadono i documenti e dobbiamo rifarli. Ci avvisano tipo dall'oggi al domani, altrimenti saremmo rimasti fuori e dopo diverse telefonate lo mando letteralmente a quel paese. Pretendiamo di parlare col direttore che ci concorda un appuntamento con un'altra incaricata, questa volta gentilissima, con cui sottoscriviamo mutuo. Cominciamo a pagare le rate e a un certo punto ci chiama la banca, mai un buon segno, che dobbiamo firmare delle carte per ufficializzare il passaggio del mutuo dal costruttore a noi. La nuova referente, quella di prima è andata in pensione subito dopo la nostra firma, ci pacca e due impiegate non sanno manco cosa siano quei fogli da firmare. Torniamo a casa, e la rata del mese non viene addebitata. Passano uno, due, tre giorni, mi agito, non volendo passare per insolvente. Chiamo la nuova tipa, non ha appuntamenti liberi, ma vado comunque all'alba davanti alla banca... Cioè non è che non avevo i soldi, io volevo pagare puntuale!! Mi fanno mettere in attesa per ore ("lei non ha appuntamento, aspetti"), fin quando uno si mette la mano sul cuore e mi assiste, era stato cambiata la modalità di pagamento a mia insaputa da rid a bollettino, senza per altro che il bollettino fosse arrivato. Sistemo, pago anche un 100€ in più della rata per il passaggio di mutuo e torno a casa. Decido di passare a Fideuram, conosco un private banker (altrimenti con le mie finanze misere mi avrebbero riso in faccia) che gestisce i soldi di famiglia, apro, faccio passaggio di pagamento da un conto all'altro e il mio amico dice che tra banche dello stesso gruppo, per chiudere un conto basta che si parlino tra di loro senza un mio intervento. La tipa di Intesa risponde sprezzante picche, che dovevo recarmi in filiale... appuntamento ecc... Alla fine riescono a concordare per una pec, quindi apro pec e chiudo tutto. Sino a che qualche mese fa mi richiamano, che la tipa si era dimenticata di avvisarmi che dovevamo pagare l'assicurazione del mutuo, rata unica per legge, altre 1500euro così di botto, dall'oggi al domani. Prendo appuntamento, vado, pago e mi chiedono: "perchè ha chiuso il conto?", rispondo: "I signori XXX e YYY non sanno come si lavora coi clienti, pertanto qui dentro non ci metterò mai più piede". Mi è stato risposto con un "va bene", e fine dei giochi. Un papiro, ma spero possa aiutare a stare lontani da questi personaggi, poi forse sarà stato particolarmente sfortunato, ma da più parti sento persone scontente di Intesa.

Everything in its right place.

Stessa situazione. Ho dovuto fare un accollo parziale di un mutuo costruttore e sono stato costretto a passare da loro. Esperienza kafkiana e allucinante che si è tirata avanti un'anno e mezzo per l'autorizzazione e nove mesi post erogazione perché non riuscivano a "finalizzare l'accollo". Sono finito in mora perché hanno disattivato l'addebito su conto corrente senza avvisarmi né prima né dopo averlo fatto.

And_na

Vabè dai, una banca che ti chiude il conto perché l'algoritmo si sveglia storto manco al mio peggior nemico la consiglierei

And_na

Scusa che vuol dire hanno risposto picche? Nella comunicazione c'è uno specifico numero per comunicare il recesso, telefono, registri il diniego ed è fatta.

And_na

Le condizioni sono solo migliorative, i dinosauri che non andavano effettivamente in filiale e pagavano anche l'aria che respiravano adesso avranno tutti i servizi gratuiti (bonifici, prelievi ecc).
Il problema sorge per quella clientela che preferiva avere il rapporto de visu con la filiale. Un problema anche che per il momento non è prevista cdc ed home banking, e stendiamo poi un velo pietoso per le modalità di comunicazione.

Everything in its right place.

Ma per fortuna cosa? Mi hanno disattivato di loro volontà l’addebito su cc e non c’è modo da app di impostare il metodo di pagamento. Così delicata che son finito in mora senza neanche una notifica sul cellulare. In che mondo non si riesce a gestire una cosa del genere senza dover andare in filiale (dopo aver preso un appuntamento perché senza aver preso un appuntamento con l’esperto supremi dei mutui non si può fare niente).

nop

Primo esempio che mi viene in mente.
Fineco
1,9 per mille con 2,95 di minimo e 19 di massimo.
Gli intermediari senza massimo sono ormai una sparuta minoranza. Senza massimo e senza possibilità di commissioni fisse è ormai quasi solo ISP.

pinoc

Da web. Cerca su web "arbitro bancario e finanziario".
Prima però devi fare reclamo ufficiale a Intesa.
Poi ottenuto quello che ti interessa, puoi sempre chiudere il conto.

pinoc

Ex IMI negozia gli ordini ricevuti da altri intermediari (di gruppo e no). Sono gli intermediari a monte che ricevono gli ordini dalla clientela retail e li trasmettono a IMI. Di per sé IMI non riceve 1 ordine da un cliente retail.

pinoc

L'sms che permette di trasferire il conto su altro telefono, non lo dice esplicitamente, ma cita una generica frase "non datelo a nessuno". Peccato che nelle truffe in genere è l'utente stesso che ci casca e lo inserisce personalmente magari in un sito fasullo.
Sottigliezze, che però permettono di vincere il reclamo con la banca, quando questa ti mega il rimborso perché ti incolpa di incauto comportamento.

Il bello è che spendono decine di milioni per monitorare le frodi (il dipartimento dedicato è veramente rapido nel bloccare le credenziali quando rileva un uso anomalo del conto trafugato), poi non dedicano 10 minuti a scrivere ben chiaro il testo di un SMS...

Top

Per il mutuo direi Per fortuna che ti fanno andare in filiale. Non penso ci sia operazione più delicata per un cliente retail

Top

Fatto. E compare insieme a tutte le altre app legate a isp (io ho investo e Reward). Proverò su Android ;)

Top

No … assolutamente no. Imi (che è ora fusa in Intesa) ha tipo il
80% di flusso da clientela retail… convogliata da capogruppo (quindi isp) così come da le altre anime di intesa (private e fideuram). E molte altre banche (ma direi tutte tranne poche) girano flusso retail attraverso imi (quindi intesa). Ovviamente poi anche istituzionali girano a imi. Che poi invece fineco sia praticamente solo retail è un altra storia…

pinoc

Ex IMI proprio perché prima era un'altra banca, quindi contava a parte nelle statistiche dell'intermediato.
Ora è la stessa ragione sociale, perché incorporata e quindi nelle statistiche è Intesa punto e basta. Ma quella divisione non negozia con i retail, quindi la differenza tra Fineco e Intesa in questo settore è ben superiore.

pinoc

Ni. IMI era banca a se stante. Poi è stata incorporata.

T. P.

gran porcata!

Dado401

Avevo interpretato male, a me rimane solo la disdetta!

Fade

beh da parte mia esperienza non proprio idilliaca

Bob Malo

Non saprei, meglio chiedere in filiale.

Tizio

La comunicazione era del 19 luglio con scadenza entro il 30 settembre.

Ho chiamato fine luglio per delucidazioni, metà agosto per dare la disdetta al mumero verde indicato nel documento.
Ho dovuto richiamare una terza volta per chiedere conferma visto che non avevamo ricevuto nessun documento che attestasse la mia disdetta.

La quarta chiamata è stata per chiedere la PEC ed è stata quella più divertente perché l'operatrice non me la voleva comunicare.
Le ho dovuto chiedere il codice operatore e magicamente mi ha passato il reparto competente.

Fine settembre ho mandato la PEC (entro qualche giorno ancora nella finestra).

Ora da qualche giorno è comparso in archivio il documento che conferma la mia permanenza in San Paolo.

Dado401

Io ho un mutuo con loro, nonostante questo (contrariamente a quanto dichiarato) il mio conto verrà migrato ad isybank.
Quando hai inoltrato le comunicazioni di cui parli erano già trascorsi i termini ultimi? Io, come tanti altri correntisti, mi sono reso conto solo dopo, neanche la filiale ha avuto modo di bloccare l'iter.

Turi3D

Non saprei con Fineco.
Con ISP e carta giovani l'esperienza mia e di mio fratello è stata opposta

Brogli

Passato a bbva quando ho visto la notifica

El Eños

Nel 2019 In Italia circa il 5% di uomini e il 3% di donne hanno fatto compravendita di azioni almeno una volta nell'anno.

Daniele Brescia

Io ho saputo del cambio banca tramite articolo su questa pagina settimane fa. E stranamente non hanno comunicato il cambio ne tramite sms e nemmeno per email (strumenti largamente utilizzati dai correntisti) ma solo con comunicazione via app. Ok, ma la notifica di un nuovo documento dove è arrivata? Hai la certezza che io l'abbia letto? NO. Per cui è giusto che AGCM debba indagare. Vogliono scrollarsi di dosso alcuni clienti per ridurre i costi. Ma parliamo onestamente: sono loro di Intesa che anni e anni fa invogliavano i clienti a fare operazioni digitali e andare meno in filiale (magari applicando condizioni assurde come farti pagare un bonifico in filiale 125.221.225,00 euro) e poi ti dicono che sei molto digitalizzato e devi migrare a ISYBANK. Ma dai, io il conto l'ho aperto anni fa in filiale intesa. Se volevo una banca online avrei trovato una banca online

Zødiac

Il conto XME Plus non esiste, al massimo esiste la carta di debito XME Card Plus che è quella che appunto ti danno col conto XME.
Il fatto che tu paghi l'imposta di bollo è perchè appunto eri UBI e sei stato inglobato in Intesa, quindi quando hanno trasferito le condizioni contrattuali quella dell'imposta di bollo gratis era inclusa.
Se apri un conto XME direttamente da Intesa l'imposta non la si paga in qualunque caso.

GuessWho'sGuest

Non hai capito una ceppa, cercala nel tuo telefono, non nel play store. E ti parlo di Android (su iPhone presumo sia lo stesso ma non ho verificato)

Aster

sopra 100 mila si va da fideuram

Gentleman.Driver

anche per quello ho scelto Mediolanum... te li possono inviare a casa (scomodo) oppure farteli fare direttamente nelle filiali Intesa. poi la possibilità di investire direttamente in app (fatta bene) conti deposito vantaggiosi, banca solida, ritiro contanti gratis ecc di tutte quelle fisiche che avevo valutato, mi sembra la migliore insieme ad Unicredit

Everything in its right place.

L'app è un mattone e graficamente è ferma da 5 anni. Ho un mutuo in Intesa e per richiedere la domiciliazione su conto corrente ho dovuto fare richiesta in filiale. Tuttora non vedo nell'app come viene pagato il mutuo, ma posso solo sperare che il mandato sul mio conto corrente esterno non venga disattivato (spoiler: è successo perché Intesa ha deciso di farlo di sua spontanea volontà senza avvisarmi). Se volessi rinegoziare il mutuo chiaramente dovrei passare da una filiale. Per qualsiasi problema sul mutuo sono stato costretto a passare da una filiale perché dall'app o dal sito non posso fare niente.

Logan
Body123

Si, è quello che farò anche io

GuessWho'sGuest

Grazie al piffero, richieste di rientro cambiando di nuovo iban ed a volte a condizioni peggiori... In pratica fai prima a cambiare banca

ilcekoo

quello che aspettavo. ho fatto convenzione CGN dopo la prima ondata (che ho rifiutato) e ora mi spero che mi proponganoIsybank asscrocco (il piano top di gama) fino ai 40

:(){ : | : & }; :

immagino di si, ovviamente se la promozione della carta giovani e' ancora attiva

:(){ : | : & }; :

no... molte banche per i conti "giovani" se la prendono in carico loro e quindi non la paghi.
ho fatto cosi' fino ai 30, e faro' cosi' fino ai 40 con intesa

Savio Dibenedetto

Grazie mille, allora farò così! Personalmente non mi reco in filiale, ma le carte virtuali e l'home banking sono fondamentali per me

Se è così non è male perché altre cialtronate di banche online pur avendo filiali (poche) sul territorio anche se vai lì non ti rilasciano nulla e devi aspettare che ti arrivi a casa dopo averne fatto richiesta.

Per affermare una roba del genere, se non si sta trollando, bisogna aver ricevuto danni cerebrali derivanti dalla carenza di ossigeno per le troppe apnee notturne. Visita specialistica fortemente consigliata.

ErmenegildoBranduardi

Io sono passato a Poste già da un po', checché se ne dica mi trovo bene e sono più onesti di questi ladri con cui ero arrivato a spendere 8,50 al mese

Zero

L'unico modo per farsi sentire é fare reclamo alla loro email, bastano poche righe cercando: reclami intesa san paolo.

atm

Imposta di bollo se superi 5k paghi ovunque

Ergi Cela

Alla fine chi più o chi meno quasi tutte le banche sono uguali e hanno quasi tutte il canone zero,Bper banca mi ispira più fiducia,e ho anche la filiale sotto casa praticamente

Tecnologia

AI PIN, abbiamo provato l'anti smartphone al MWC. Eccolo in VIDEO

HDMotori.it

Xiaomi SU7 Max, la supercar elettrica in mostra al MWC di Barcellona | Video

Articolo

Prime Video: tutti i film e le serie TV in arrivo a marzo 2024

Tecnologia

Samsung Display al MWC: pieghevoli e arrotolabili del futuro | VIDEO