Spid e CIE un successo: Italia sempre più digitale

11 Gennaio 2023 532

Il Governo italiano fa il punto della situazione sulla digitalizzazione del Paese e snocciola i dati ufficiali relativi a Spid, CIE, PagoPA e app IO. Sono numeri importanti, sia nella loro mera valutazione per interpretare la direzione che sta prendendo l'Italia in tal senso, sia come risultati conseguiti. Il Dipartimento per la trasformazione digitale parla apertamente di "massimi storici" raggiunti, con più di 6 milioni di Spid attivate nel 2022, oltre 7 milioni di CIE rilasciate e addirittura 1 miliardo di accessi ai servizi della Pubblica Amministrazione avvenuti tramite Spid.

Partiamo proprio da quest'ultimo dato e mettiamolo a confronto con quelli relativi alla carta d'identità elettronica (2022):

  • accessi tramite Spid: > 1 miliardo
  • autenticazioni con CIE: 21 milioni

Difficile dunque che il passaggio ipotizzato dal Governo Meloni da Spid a CIE possa avvenire in tempi brevi: il progetto di CIE come unica forma di identità digitale pare ancora lontano dall'essere realizzato.

I NUMERI DEL 2022
  • identità Spid
    • attivate: 6 milioni
    • totale: 33,5 milioni
    • accessi tramite Spid: 1 miliardo (erano 570 milioni nel 2021)
    • nell'anno hanno attivato l'autenticazione tramite Spid:
      • 3.000 enti pubblici
      • 68 soggetti privati
  • CIE
    • rilasciate: 7 milioni
    • totale: 32,7 milioni
    • autenticazioni con CIE: 21 milioni
    • nell'anno hanno esposto l'autenticazione tramite CIE 6.240 enti pubblici e privati
    • nell'anno hanno attivato il servizio 3.382 nuovi enti federati
  • App IO
    • scaricata 32 milioni di volte
    • in media 6,5 milioni di utenti mensili
    • 332 milioni di transazioni dall'app tramite PagoPA, +103% rispetto al 2021
      • valore economico: 61 miliardi di euro, +80%
    • 247 milioni di messaggi inviati ai cittadini, +117%
    • 5.392 enti aggiunti nell'app, +78%
    • 94.000 nuovi servizi, +122%
    • 170.000 servizi in totale disponibili
  • PagoPA
    • 19.088 enti hanno ricevuto almeno una transazione nel 2022
    • 9,6 milioni sono stati gli utenti attivi ogni mese

532

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Simone Camanini

Basta chiedere all'Anagrafe del proprio comune di residenza. Se riescono riemettono i vecchi codici, altrimenti chiedono il reset e forniscono il muovo.

landyandy

Questo è anche vero.
Diciamo che essendo beneficiario di un conto alle Poste, mi è venuto semplice averlo quindi non è stato un trauma però sono assolutamente d'accordo con te.

Sandro

Felicissimo se fosse un'opzione in più rispetto alle precedenti. Invece ora per vedere i *tuoi soldi* sei costretto a fare la spid e sei costretto a essere perculato da giornalisti pagati con sussidi alla stampa che dicono che lo spid è un successone.

Sandro

Appunto lo stavo scrivendo io... Ormai il compito dei giornalisti è fare propaganda e basta.

Molto, molto meglio!

pinoc

Quello che dici è vero, ma io dico una cosa diversa. Mi metto nella condizione di chi, come me, la tecnologia la conosce e la usa, ma non funziona e crea una barriera insormontabile.
Perché non c'è l'essere umano che media al problema.

Klèy

Immagino intendessi dall'altra parte del tavolo.
Comunque sì, la metodologia KISS (Keep It Simple Stupid). Il problema è che se dall'altro lato c'è qualcuno che non ha cognizione e comprensione del mezzo di cui sta usufruendo, non potrà mai interagire con esso in un modo prevedibile e soprattutto di cui si possa tener conto al momento dello sviluppo di una GUI/UI.
Esempio: se dai uno smartphone, anche un Brondi, ad un ipotetico Tarzan, questo non saprà minimamente usarlo, perché non sa nemmeno cosa sia (non ha cognizione del dispositivo), nemmeno se glielo spieghi.
Ecco, una persona adulta che non ha mai avuto una relazione con gli apparecchi elettronici "complessi" (PC, Smartphone, Tablet), non potrà mai riuscire ad interfacciarsi con un dispositivo di questo tipo, o almeno mai allo stesso livello di chi li uso quotidianamente.
Un altro esempio: se dai uno smartphone ad un 80enne che non ha mai visto altro che i "dumbphone", non saprà nemmeno accenderlo, figuriamoci tirare giù la tendina delle notifiche per accendere il WiFi.

Alessandro De Filippo
Bat13

Eh cavolo allora è come immaginavo, ma a me L’app non funziona così :(

uncletoma

si vede che ne hanno preso più di quante servissero, e magari lo Stato non gliele cambia, o magari non hanno mai chiesto il cambio.
anche perché all'ufficio anagrafe nemmeno sapevano dei vari livelli

LARGOAIGIOVANI

tantissima gente, anche la generazione che non ti aspetti, si è fatta lo spid quando fu introdotto il cashback.
la norma in sé non so se ha dato quello che sperava di dare, ma sicuro c'è stato questo effetto collaterale positivo notevole

csharpino

Lo so, ma da quanto sapevo i comuni non avevo possibilità di scegliere quale fare dal momento che è uscita quella attuale.

TurboCobra11

Per il bollo auto arrivano due notifiche. Prima una che te lo ricorda, dopo qualche giorno mi è arrivato l'avviso vero e proprio con il tasto "paga" e ho fatto tutto su app. Perché mandano due avvisi? Boh. Però comunque ho fatto tutto tramite app, in maniera velocissima

chester999

una password unica cosi' se ti craccano quella sei fot*uto, complimentoni per l'idea

chester999

ma siete membri del mensa?

chester999

meno male che c'è stato faber (quello vero pero' non tu)

chester999

un altro paio di luoghi comuni li potevi mettere..

chester999

il politico di per se non è esperto in niente o quasi

chester999

riusciremo anche a votare digitalmente?

Michele Melega

In realtà voto per Azione, ma continui a non rispondermi.

misano

l'idea di persè non è sbagliata, il problema è come questo individuo pensa di implementarla al netto degli 11 identity provider SPID presenti in Italia con livelli di servizio parecchio discutibili (per alcuni a mio avviso passibili ritiro della licenza), della ancora mancata integrazione con EIDAS e della migrazione da dal protocollo SAML a OAUTH2... però la cosa interessante è osservare come un chiunque commenti una notizia di cui evidentemente non sa assolutamente niente con un giudizio superficiale che tende a mantenere una situazione tutt'altro che ottimale

misano

se funzionasse sempre questo sarebbe la soluzione ottimale, ma il problema è che ci sono ancora troppe interruzioni, un paio di mesi fa poste-id non funzionava e per una mezza giornata tutti coloro che avevano posteID come unico sistema di autenticazione erano impossibilitati ad operate su tanti servizi digitali che la PA e il SSN offre.
Finchè il sistema non risulta sufficientemente affidabile è bene avere una doppia possibilità

misano

la società non è stata devastata, la società si evolve in una direzione di autodistruzione in con le persone con basse capacità cognitive (da sempre presenti nelle società) progressivamente si ritrovano in posizioni decisionali che puntualmente risultano distruttive, esempi ricorrenti nelal storia ce ne sono, noi abbiamo avuto l'impero romano, le centinaia di dittature o monarchie che sono cadute... quello che osserviamo in questi anni sono gli eventi che sono ricorsi centinaia di volte nella civiltà... siamo testimoni di una decadenza ancora agli inizi, abbiamo ancora una spinta propulsiva data dall'evoluzione tecnologica a fronte della decadenza dell'organizzazione sociale e di conseguenza aumenterà il divario nella scala sociale... fino all'implosione.

pinoc

Vari in vari campi.
Te ne cito uno solo: partono gli incentivi auto regione Lombardia (non proprio l'ultima regione in investimenti digitali e come bacino di utenza). Decinono, con comunicazione con largo anticipo, che non si potrà partecipare con le credenziali rilasciate dalla regione, da tempo in mio possesso ed utilizzate, ma solo con SPID e CIE (io ho quest'ultima, già usata prima in alcuni altri servizi della pubblica amministrazione).
Non fidandomi della pubblica tecnocapacità, qualche giorno prima chiamo, per verificare che si potrà utilizzare la CIE e me lo confermano.
Arriva il giorno dell'apertura bando: un'ora prima mi attivo con accesso ecc. All'apertura del bando ecco che l'accesso con CIE si blocca, proprio non va nella fase finale in cui i server devono recuperare le mie generalità (analoga procedura dello SPID per capirci). Chiamo il supporto regione, mi danno retta e dopo alcune verifiche mi dicono che nel giro di max 1 ora risolvono. Io intanto provo con le credenziali vecchie: funzionano ancora! Faccio tutta la procedura del bando compilando e caricando doc, ma all'invio finale esce messaggio "non puoi, non hai fatto accesso con SPID o CIE". Nel frattempo passa l'ora, richiamo help desk e mi dicono che stanno sistemando e mi mettono in attesa . Dopo dieci minuti cade la linea, richiamo: nulla. Richiamo/riprovo in continuazione, nulla. Alla fine trovo di nuovo la linea ed una persona gentile mi dice: non dovrei diglielo ma esca in posta a fare lo SPID perché non so se risolveranno. Peccato che in pieno covid in posta si andava solo previo appuntamento telefonico e nessuno rispondeva da settimane al telefono.
Alla fine con la CIE sono andato sul sito di Poste e sono riuscito a fare lo SPID senza procedure di verifica ulteriori che mi avrebbero creato ritardi e perdita degli incentivi. Poi con lo SPID appena fatto sono riuscito a concludere la procedura della Regione ed ottenere l'incentivo (terminato poche ore dopo per esaurimento fondi).
Ho tralasciato le ovvie cacchiate che ogni operatore mi ha costretto a fare ad ogni chiamata (svuota cache, cambia browser, cambia pc, fai gli aggjornamenti, usa una connessione diversa...) nonostante premettessi che sono esperto in materia e i vari passaggi li avevo già provati.

Al reclamo che ho scritto quella mattina, nessuno ha mai risposto.

Ripeto, ne ho diversi di episodi simili di tecnoincapacità della pubblica amministrazione, delle banche ecc. Negli ultimi 2 anni in netto aumento a causa degli obblighi di essere digitali.

pinoc

Hai di fatto blaterato.
Se vuoi ti faccio compagnia: bla bla bla.

pinoc

Lo deve fare anche chi è dalla tua parte del tavolo, è a quello che mi riferisco, altrimenti succedono i danni agli utenti che si distanziano da tali tecnologie.
Soprattutto se obblighi le persone ad usarli come unico mezzo, certi strumenti.

P. S. io sono un ingegnere informatico ed elettronico, so benissimo di cosa sto parlando. I problemi citati sono/erano strutturali.

Igioz

xkè scusa?
lo spid non funziona dall'estero?

Developer

riusciranno i nostri eroi a fare tutto con una carta e a renderlo compatibile su cellulare? patente,tessera sanitaria, spid, firma digitale ect verifica in 2 passaggi e minimo ingombro. risparmierebbero pure sui supporti fisici

landyandy

La prima volta.

landyandy

Si immagino. Il problema è il primo collegamento che fai.
Ti chiede un secure code che ti arriva tramite email e poi non so, forse ti danno un PIN ma non sono riuscito ad entrarci.

Leo Minerva

Infatti un geniaccio del nuovo governo , un signor nessuno per intenderci , ha esordito con l'idea di eliminare lo SPID, complimentoni per l'acume politico.

Luigi
faber80

il problema principale non è infatti il corso di aggiornamento, ma la capacità cognitiva generale della gente. Negli ultimi 30 anni la società è stata praticamente devastata, tra professori sempre meno motivati, che promuovono pure le capre (a tutti i livelli, università comprese), famiglie sempre meno attente alla crescita dei figli, sia per mille problemi ma anche per indole personale. Secondo alcuni studi recenti ci ritroviamo con un popolo che ha problemi a comprendere una frase di senso compiuto, ad esprimersi, a ragionare. E li vorrebbero cambiare a 40-50 anni? Moriran no così come sono, sono (siamo) generazioni ormai sacrificate da una politica sempre più interessata ad avere analfabeti funzionali, complottisti, terrapiattisti, novax, notutto, cospiratori del salame.

IDGAF

Ni, viene usata per avere conferma della ricezione degli atti, ma anche per certificare l'identità di chi le invia e riceve grazie al portale INIPEC (per i privati). Senza contare che ci sarebbe, come ho scritto, anche la PEC-ID (che è una identità elettronica).
è oggettivamente troppa roba contando che vale solo per la legislazione nazionale, mentre sarebbe auspicabile (ed è il progetto) creare una identità digitale che valga anche all'estero (e riconoscere di pari passo le identità straniere).

Willie

PEC e spid sono cose diverse usate per cose differenti.

misano

Tra SPID, Cie e PagoPA quest'anno abbiamo federato diverse centinaia di enti e posso dire che è tutto tranne che semplice nella maggior parte dei casi prendere un impiegato o un dirigente comunale e fargli fare un iter per l'abilitazione dei servizi di autenticazione e pagamento del suo comune... il più delle volte abbiamo utilizzato il metodo della supercazzola con l'ispezione da parte dell'agenzia per il digitale ... alla fine anche gli impiegati più riottosi e fannulloni hanno capitolato, ma il problema vero è che mediamente l'impiegato e perfino il dirigente comunale ha capacità digitali molto basse e ancora peggio, nonostante bandi, aggiornamenti, corsi e circolari... hanno una ignoranza digitale ancora troppo elevata e ancora peggio ho avuto l'impressione che anche le capacità cognitive... nonostante i concorsi le carriere ecc. siano comunque basse rispetto alla responsabilità.

Wully

Io ho smesso di usare la CIE perché il lettore RFID del mio telefono la riconosceva una volta su dieci e tutte le volte dovevo togliere la cover e fare le acrobazie.
Lo Spid delle poste è nettamente più comodo e non ha bisogno di RFID

Bat13

Quindi, con l’esempio del bollo auto, cosa inquarteresti?
Altre funzioni o servizi utili?
Come dicevo nel primo messaggio mi sembra poco “operativa” come app, la vedo più un grosso “indice”

Ravenlord

Perchè mai definirlo successo? È un obbligo. Sono gli strumenti per accedere ai servizi della PA. O così o niente. Grazie che diventa “un successo”.

camillo777

Basterebbe avere una base solida e universale su cui pubblicare i servizi di tutti gli enti (regioni, province, comuni, etc); un po' come l'app IO. Ma il bello del'Italia è che ogni volta si re-inventa l'acqua calda a spese del contribuente che fa già i salti mortali per arrivare a fine mese.

camillo777

sono i siti dei vari enti che non funzionano o fanno schifo

Luigi

Solitamente mi basta inquadrare il qr e pagare, il pagamento rimane nell'app. Eoni meglio del vecchio pagamento classico con bollettino, che poi dovrai ritrovare.

Gianclaudio Lertora

dovrebbero integrare lo SPID nella CIE, così almeno si ha una modalità unica.

uncletoma

sai che esistono più tipi di CIE? le vecchie danno accesso a un numero limitato di servizi, poi le più recenti (non ricordo se livello 3 o 4) ampliano il numero di servizi. Poi pare che si vada verso la carta unica: identità, sanitaria, codice fiscale. One card to bring them all. Ecco, il mio è ancora pieno di livello 1 da smaltire (si vede che quando uscì ne presero più del necessario, poi molti sono o morti o andati via, ergo danno ancora le prime).
(non mi chiedere dove si evince il tipo di CIE, non ce l'ho, anche perché 20 euro quando ho SPID e CI classica che mi scade tra 5 anni se li scordano)

csharpino

A ok.. Ma come è possibile? La CIE viene prodotta dal poligrafo di stato non dal comune, quindi non vedo quale scusa il comune possa usare per non rilasciarla.

uncletoma

no, danno la vecchia CIE

csharpino

Cioè danno ancora le vecchie carte d'identità e non la CIE?

Ginomoscerino

c'è l'app apposita CIEid per NFC con telefono

radagast

Basta appoggiare lo smartphone sopra alla carta cie con nfc attivo e i dati della carta vengono inviati per autenticarsi

IDGAF

Vi dimenticate che c'è anche:
- la firma digitale,
- la PEC,
- la PEC-ID (in teoria) e
- la PEC europea oltre a
- SPID e
- CIE

Che serva un sunto mi sembra ovvio, come farlo il difficile

Tecnologia

Recensione Ecovacs Deebot X1e OMNI: tanto potenziale ma occhio al prezzo!

Articolo

Netflix, tutte le novità in arrivo a febbraio 2023

Apple

Macbook Pro M1 Max 15 mesi dopo: durata e consigli alla luce dei nuovi M2 | Video

Articolo

NASA testa il motore a detonazione rotante: rivoluzionerà i viaggi nello spazio