Caro bollette, UE approva tetto massimo entrate energetiche e ridistribuzione profitti

03 Ottobre 2022 398

Sul finire della scorsa settimana i ministri dell'Energia dell'UE hanno approvato un primo pacchetto di misure emergenziali pensate per frenare l'aumento delle bollette elettriche, aiutare le famiglie in difficoltà e coordinare le risposte degli Stati membri alla crisi energetica. Il pacchetto arriva dopo meno di un mese di negoziati e include misure come risparmi energetici obbligatori, un tetto alle entrate di mercato in eccesso e un prelievo forzoso per catturare i profitti aziendali in eccesso. Al momento non è stato imposto nessun tetto massimo di prezzo per l'importazione di gas a livello dell'UE, misura che l'Italia chiedeva a gran voce e che rimane in studio per una futura adozione.

Il momento è critico e i rincari sono sotto gli occhi di tutti, inoltre per la prima volta l'inflazione nell'eurozona ha raggiunto e superato quota 10%, una tendenza che è chiaramente trainata dall'impennata dei prezzi delle bollette energetiche. L'UE ha quindi deciso di agire in due direzioni diverse: da una partesi è posto l'obiettivo di ridurre il consumo di elettricità durante le ore di punta, dall'altra utilizzare parte dei guadagni esagerati che le società energetiche hanno avuto a causa dei prezzi gonfiati causa speculazione.

La discussione ha preso vita venerdì mattina e poche ore dopo i ministri hanno raggiunto un accordo che introduce tre misure principali da adottare a scadenza finché la situazione non si normalizzerà, che vi riportiamo a seguire.

  • Risparmio energetico: si è posto un obiettivo obbligatorio di riduzione dei consumi del 5% durante le ore di punta, ossia quando il gas svolge il ruolo più importante nella determinazione dei prezzi, oltre a una riduzione volontaria dei paesi del 10% della domanda complessiva di elettricità.
  • Tetto ricavi in ​​eccesso: che riguarda gli introiti realizzati dalle centrali elettriche che non utilizzano il gas per produrre elettricità, come solare, eolico, nucleare, idroelettrico e lignite. Il cap sarà uniforme e fissato a 180 euro per megawattora. Tutte le entrate che superano questo scoglio saranno raccolte dai governi.
  • Ridistribuzione profitti: quest'ultima misura è strettamente legata alla precedente e riguarda nuovamente le compagnie energetiche. Prevede un meccanismo di solidarietà che punta a ridistribuire i profitti in eccesso realizzati dalle compagnie di combustibili fossili (greggio, gas, carbone e raffineria). Le autorità competenti avranno il potere di imporre un prelievo del 33% sugli utili realizzati da queste società nell'anno fiscale 2022, a patto che i profitti rappresentino un aumento del 20% rispetto alla media dal 2018.

I fondi extra ottenuti attraverso il secondo e il terzo strumento saranno utilizzati affinché ogni stato produca sussidi e misure di sostegno al reddito per tutte le famiglie e le imprese in difficoltà finanziaria. Nel caso in cui qualche stato membro abbia già intrapreso direzioni simili potrà continuare nella stessa via, a patto di mantenere la direzione imposta dall'Unione Europea.

Questo pacchetto è un primo passo in avanti per affrontare la crisi energetica in un momento che, con l'inverno alle porte, appare particolarmente delicato per tutta l'area europea. Tuttavia, nonostante rappresenti un passo deciso nella giusta direzione, è opinione comune che sarà necessario attuare altri interventi per mitigare la perdita di potere d'acquisto di famiglie e imprese.


398

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
PIxVU
PIxVU

optimized for google...translate [ into Eng. ]

DRAFT [ start ]

con riferimento a quel mercato dei consumatori e in collegamento con lo straordinario aumento del ' prezzo per il gas ' e ancora con tale parola " speculazione ", desideriamo mettere in rilievo le indispensabili informazioni che riguardano le novità del settore " tecnico professionale " e evidenziare ancora quelle linee guida che raccomandano altresì di far invece menzione di certi riferimenti:

- cartello [ consorzio con illegali accordi ] che svolge attività illecita per condizionare il valore di un volume di scambi nel mercato virtuale

- furto e rapina [ trùffa ]

- fondi neri [ slush fund ] per quel " PNRR " e per " sovvenzionare imprese con ormai improduttive sezioni di impiegati " [ emulando il decreto salvabanche; bailout decree for saving monte dei paschi ]

- mazzette e tangenti [ Eng.: bribes and kickbacks ] [ prelievo | prelievi effettuati da " autorità competenti " ]

- il pizzo versato a quelle associazioni a delinquere e che godono di un accordo stato - mafia [ forma di estorsione messa in atto da organizzazioni di criminali che pretendono quel versamento di una percentuale ovvero di una parte dell'incasso [ revenue ] talvolta di quei guadagni, pretendono poi ancora quella quota fissa dei proventi di un'attività svolta da esercenti del commercio e da imprenditori ]

in soldoni:
possiamo riferirci allora a quella certa questione [ matter ], lo straordinario aumento per il prezzo del gas, menzionando quelle ancora certe conseguenze di " quel che si é ancora insinuato nel nostro occidentalizzato mondo di occidentali " [ un'amministrazione comunista; talvolta socialismo ] e tal " fastidio " [ certe " difficoltà " ] che mai si presenta quando quel ' sistema economico e di libero mercato ' [ capitalismo ] crea invece impedimento a quello straordinario aumento del ' prezzo ' anche quando nel UK e negli USA, dove quei ' monopoli naturali** ' esistono e trasportano e ancora distribuiscono al dettaglio il gas naturale.

** Monopolio naturale. l'industria dei servizi pubblici è un monopolio naturale. I monopoli dei servizi pubblici forniscono acqua, servizi fognari, trasmissione di elettricità e distribuzione di energia come la trasmissione al dettaglio di gas naturale a città e paesi in tutto il paese. I costi di avviamento associati alla creazione di impianti di pubblica utilità e alla distribuzione dei loro prodotti sono notevoli. Di conseguenza, il costo del capitale è un forte deterrente per i potenziali concorrenti. <omissis> ...è economicamente ragionevole che i servizi pubblici operino come monopoli naturali, i governi pertanto consentono loro di esistere. il settore è tuttavia fortemente regolamentato per garantire che i consumatori ottengano prezzi equi e servizi adeguati.

DRAFT [ end ]

• 1 mese fà @GeneralZod scriveva: <omissis> Ora, da ignorante, se gli aumenti fossero serviti a coprire dei costi superiori, non potremmo parlare di extra-profitti. A occhio e croce questa è speculazione.
Dark!tetto

Ok

Rick Deckard®

Secondo me, semplicemente sono più bravi ed hanno a cuore la questione, mentre noi, come dimostri, siamo così abituati ad arrivare ultimi che ci giustifichiamo le sconfitte

Dark!tetto

Stai raschiando il fondo eh, lo so che per te è questione di tifoserie, ma esempio più 1diota non potevi farlo, ma lo prendiamo per darti un'altra lezione.

Secondo te per ospitare quei 60 "giocatori" hai bisogno delle stesse risorse ? Cioè per dare da mangiare allo stesso modo a quei 60, farli dormire con lo stesso spazio, farli bere e dargli adeguati servizi igenici ? Inoltre quei 60 sono anche più esigenti perchè dopo la partita vanno a lavorare in miniera (siamo un tantino più industrializzati). Che facciamo prendiamo un dormitorio di 200 metri quadrati con un impianto solare da 15 Kwp e un serbatoio da 500 litri e va bene sia per 11 che per 60 ?

Ma tu, quanti anni hai ? Le hai fatte già le elementari ? I tuoi genitori ti lasciano libero accesso a internet così ?

Rick Deckard®

Infatti non fanno le squadre 11 contro 60 perché altrimenti quei 60 perdono sempre?

Dark!tetto

Quindi tu pensi veramente che non c'è differenza di produzione di energia tra 5,7 milioni di abitanti senza industrie e 60 milioni di abitanti con le industrie ? Inoltre paragoni i mari del nord, la zona più ventosa d'europa a noi ? Dai tagliamola qui, che stai proprio delirando oggi.

Rick Deckard®

Secondo me l'unica differenza sta nella mentalità.
Il fatto che siano in pochi non vedo che vantaggio possa dare così come parlando di vento fa un po' ridere visto e considerato che anche a noi in molte zone non manca.. siamo tutta costa e colline..
Di certo non hanno climi favorevoli ne per i consumi ne per la produzione di energia

Dark!tetto

Scusa eh, so che sei un pò limitato, ma tu parli di loro che sono 4 gatti e coprono il fabbisogno grazie ad un sistema interconnesso con impianti idrici e forte vento, loro di noi cosa potrebbero dire che non abbiamo i loro accumuli, siamo 10 volte tanto, le rinnovabili le abbiamo intermittenti e non coprono manco il 50% ? Sono mica 1dioti di prenderci come esempi, il sole e il mare da noi son buoni per le vacanze e manco ovunque. Dai Rick fai pace con te stesso, dovresti tacere su argomenti per te incomprensibili, quando chi è più ferrato di te cerca di spiegarti le cose come ad un bambino speciale

Rick Deckard®

Loro potrebbero dire che noi abbiamo sole e mare...

Dark!tetto

Già, ma tu ovviamente non capisci che la norvegia è il paese con più bacini idrici di accumulo al mondo e non funziona ad eolico o solare. Norvegia che accumula pure per la danimarca e ne rimanda indietro circa il 40%, che poi la danimarca è il paese con più produzione eolico al mondo grazie alla sua posizione geografica. Continui ad inisistere non solo su temi che non conosci nemmeno da lontano, ma prendendo come esempi (per giunta errati) casi singoli al mondo. Hai dimenticato l'islanda che va tutta a geotermico.

PS: Giusto per completare la figura di m3rda, la danimarca ha installato 5 GW di eolico e la germania 65 GW e nonostante questo produce in relazione ai consumi una percentuale molto più bassa.

Rick Deckard®

Tranne la Norvegia, e quasi la Danimarca

Dark!tetto

Le percentuali contano appunto solo il periodo di produzione, il resto è proprio quando non producono genio, è per questo che non esiste al mondo uno scenario 100% rinnovabile manco in via teorica

Dark!tetto

Eh già, con gli zombie affamati di cervello*, in tutti i paesi del mondo sono a questo punto ovviamente

*tranquillo sei salvo

Rick Deckard®

Ti ci vorrei vedere a te, ammalato per emissioni e radiazioni, in un mondo invivibile e morente...
Peccato che il pianeta sia quello.

Ripeto, è una scala di priorità che devi darti, tra la sopravvivenza del pianeta e della vita e la comodità

Rick Deckard®

Belle le leggende, peccato che esista anche la realtà

Rick Deckard®

Basta che guardi le percentuali di produzione e ti risolvi i dubbi da solo

Dark!tetto

Sai vero che pale e pannelli invece vanno proprio sostituiti prima e che nella vita utile producono manco il 20% in modo intermittente di quelle centrali vero ?

No, non lo sai

Dark!tetto

"se il prezzo da pagare è qualche intermittenza, o adeguare i ritmi produttivi io non ho problemi"

Questo potresti dirlo per il nucleare che è ridotto in modo programmatao e non assoluto, ma è difficile che ci arrivi a fare 2+2

Dark!tetto

Tipo ? Come la stiamo imagazzinando l'eccedenza oggi ?

Puoi quantificare l'energia ricavata dal geotermico, dalle maree per esempio ?

La tua scala di priorità non conta nulla, parliamo di un paese se non di una comunità di stati interconnessi, come sempre non riesci a guardare oltre al tuo naso. Ti ci vorrei vedere d'inverno in una giornata nuvolosa e senza vento a morire di freddo, senza poter cucinare e con la consapevolezza che se stai male muori perchè quel poco che produciamo non basta manco per tenere accese le luci del tuo medico di base. Come sempre dimostri la tua più totale ignoranza

Oscar

saranno famiglie in ginocchio mentre i ricchi continueranno con gli sprechi maggiori.. credo dovrebbe interessarti di più poter vivere che altro, ma forse non hai di questi problemi

Aristarco
Mario Rossi

mamma mia, non ti stanchi proprio. pure alle 7 di mattina. non hai nulla di meglio da fare? dai, scrivi la tua ultima risposta, cosi' hai l'ultima parola e vivi felice di avere vinto.

Aristarco

La scuola è finita da un bel pezzo, non è che se finisci gli argomenti devi partire ad insultare eh? Dovrebbero avertelo spiegato da un bel pezzo, se scrivi in un blog pubblico, dovresti essere un adulto e dovresti sapere che qualcuno magari potrebbe risponderti

Rick Deckard®

Si appunto... Puoi farci poco e nulla senza pagare

BATTLEFIELD

Non so che posizione occupi ma magari hai sentito lamentele sul mancato raggiungimento degli obbiettivi. Che poi, se vai a vedere, significa che anzichè fare un utile di 1 miliardo, hanno fatto un utile di 900 milioni. Parlo per ignoranza eh! Non è il mio settore Ma non vedo spese strutturali tali da bucare un obbiettivo di molto (al netto dell'incompetenza ovviamente)

Maury "Kinder"

Extra profitti dovrebbero tornare alla povera gente che paga, paga, paga....

Rick Deckard®

Ma non diciamo cose che non stanno ne in cielo né in terra.
Ad oggi le crisi energetiche sono sempre state causate da nucleare e fonti fossili e calmierate, da quando esistono, dalle rinnovabili.
Ci sono tante soluzioni per immagazzinare energia in eccedenza per i momenti di bisogno.
Inoltre ad oggi abbiamo ancora bisogno degli inceneritori, del gas (piaccia o meno) che può essere anche ricavato da materiale biologico con CO2 negativa (che però inquina comunque).
Ci sono le maree, geotermico e idroelettrico.

Detto ciò, se il prezzo da pagare è qualche intermittenza, o adeguare i ritmi produttivi io non ho problemi. Ho una scala di priorità

Rick Deckard®

Mica è la prima volta...

DefinitelyNotBruceWayne

Pensavo la stessa cosa prima di iniziare a lavorare nel settore

Mario Rossi

non ti stanchi mai, vero? dai, vai a dormire che domani vai a scuola

Aristarco

Beh certo, pensare che un referendum non passi solo perché la maggior parte della gente è indottrinata è un commento intelligente?

Mario Rossi

io scrivo minkiate. ok. continua pure a parlare, io ti seguo

Aristarco

Scrivi m1nch14t3 e beccati anche le critiche

Aristarco
Aristarco

Non ci arriva proprio che è peggio

Aristarco

Evidentemente gli piacciono i massacri e le fosse comuni

Aristarco

Ma sai di cosa parli quando nomini la Serbia o semplicemente ti piace come suona il nome quando viene letto?

Antsm90

Beh oddio, non so quanto margine di manovra avesse. Alla fine è l'unione europea che ha scelto di sanzionare la Russia e aiutare l'Ucraina fornendo armi (che fa già ridere così)

Antsm90

Oppure ventilatori giganti che portano un po' di aria calda verso il nord

Jinno

Siamo un popolo di buonisti che deve ficcare naso sempre nei problemi di paese altrui per poi piangere dopo

Dark!tetto

PS: Le centrali ferme non sono certo 40, non hanno problemi ciclici, ma sono manutenzioni dopo oltre 40 anni di funzionamento.

Dark!tetto

Ecco, inutile non c'è verso di farti entrare in testa la differenza tra una fonte programmabile e una aleatoria e che per funzionare la rete ha bisogno necessariamente della prima. Quanto mi piacerebbe che quelli come te potrebbero vivere la sensazione di stare senza la rete principale e vivere con i soli pannelli, ad intermittenza e i servizi che usate uguale, se il sole è perfetto e ne troppo ne troppo poco puoi fare la spesa, mettere benzina o andare al supermercato altrimenti stai a secco.

Burton La Valle

Come confermi la regolarità di un referendum in regioni attivamente in guerra, con milioni fuggiti all'estero? Non so se menti o dei solo ingenuo

pollopopo

Principalmente Italia dei valori è stata quella che ha voluto il referendum sul nucleare....è di centro sinistra da praticamente sempre...che poi va dove tira il vento (vedesi ora l'alleanza a centro destra) è n'altro paio di maniche....si sa che la sinistra i valori se l'è mangiati molti anni or sono (non so nemmeno se li ha mai avuti)

Pablito

Che poi... basta l'esempio della Crimea, senza richiamare il '39. Non abbiamo fatto un mazza in quel frangente ed ora Putin si è allargato. Tra l'altro è da qualche anno dopo che si insediò che dice più o meno le stesse cosa di adesso, ma anche li (in quel caso, giustamente, visto che non stava agendo fisicamente) zitti e buoni.

Pablito

Bhe, l'inflazione a due cifre e il rischio di fallire più volte (tecnicamente eravamo più che prossimi al fallimento prima del 91) ci furono. Se era meglio quello allora basta aspettare poco e ci torniamo a quel livello.

waribi

Perché, non abbiamo preso una posizione lì? Hai una discreta confusione in testa.

Iena_Reloaded

illuminami in merito per favore, poichè se parli delle rivolte "spontanee" ch cacciarono Yanukovich, non semba fossero così spontanee... ma se hai altre info ben lieto di saperne di più a riguardo

Hockey
Tecnologia

Recensione LG Tone Free T90: TWS comodissime e auto igienizzanti con UV

Curiosità

Youtube 2022, le classifiche di video e contenuti in Italia e Stati Uniti

Alta definizione

Cinema al Cinema, film in uscita e loro caratteristiche tecniche | Dicembre 2022

Tablet

Kindle Scribe: il più popolare e-book reader diventa un taccuino | Recensione