Tutti i prezzi sono validi al momento della pubblicazione. Se fai click o acquisti qualcosa, potremmo ricevere un compenso.

Spotify adotta nuove misure per limitare i danni dei podcast no vax

31 Gennaio 2022 105

Alla fine Spotify si è dovuta arrendere alle forti polemiche nate per la scelta di ospitare podcast no vax nella sua piattaforma di streaming. Il caso è esploso dopo la decisione di Neil Young di rimuovere la sua musica da Spotify, ma era stato preceduto dalle lamentele di numerosi medici professionisti che avevano chiesto la rimozione dei podcast di Joe Rogan.

Nelle ultime ore i gestori di Spotify hanno deciso di dare un segnale rendendo pubbliche le linee guida (già in vigore da tempo) per la creazione dei contenuti che toccano argomenti come quelli relativi alla pandemia. Tra i passaggi più pertinenti con il tema oggetto delle recenti polemiche figurano quelli relativi al divieto di pubblicare contenuti che affermano che AIDS, Covid-19, cancro e altri gravi malattie potenzialmente letali sono una bufala o non sono reali, o che incoraggiano le persone ad essere infettate di proposito da Covid-19 al fine di rafforzare l'immunità (ad esempio promuovendo o ospitando Covid party).

Inoltre, Spotify - e qui si entra ancora più nel merito - inserirà degli avvisi negli episodi dei podcast che parlano del Covid-19 con un link all'hub ufficiale contenente una selezione di fonti autorevoli e utili per contrastare la disinformazione in materia (si può raggiungere collegandosi QUI). Da ultimo, Spotify promette di intensificare il dialogo con i creatori di contenuti per aumentare la loro consapevolezza delle linee guida e della responsabilità che hanno per ciò che pubblicano.

INTERVIENE IL CEO DI SPOTIFY

Il CEO di Spotify Daniel Ek ha sottolineato:

Negli ultimi giorni ci sono state molte domande sulle nostre politiche e sulle linee che abbiamo tracciato tra ciò che è accettabile e ciò che non lo è. Abbiamo regole in vigore da molti anni, ma è vero che non siamo stati trasparenti sulle politiche dei nostri contenuti [...] Sulla base dei feedback delle ultime settimane, mi è diventato chiaro che abbiamo l'obbligo di fare di più per dare equilibrio ed accesso ad informazioni largamente accettate dalle comunità mediche e scientifiche che ci conducono in questo periodo senza precedenti.

PROVVEDIMENTO DOVUTO

Intervento necessario, anche solo considerando come le critiche stavano già nuocendo alla piattaforma in termini economici. Il titolo azionario della società ha registrato una contrazione del 6% nel periodo compreso tra il 26 e il 28 gennaio scorso, vale a dire che le polemiche causate dai podcast di Joe Rogan sono già costate a Spotify circa 2,1 miliardi di dollari.

A questo si aggiunge la constatazione che alla voce critica di Neil Young se ne stanno aggiungendo altre di personaggi altrettanto noti: la cantante Joni Mitchell ha minacciato di rimuovere la sua musica, Harry e Meghan Markle i loro podcast. Per ora la presa di posizione di Spotify prova a smussare le critiche, non sanzionando però Rogan.

LA POSIZIONE DI JOE ROGAN

Lo stesso Joe Rogan è intervenuto sul caso con un lungo video pubblicato su Instagram. Rogan sottolinea che i suoi ospiti sono

persone altamente qualificate, molto intelligenti, molto esperte e hanno un'opinione diversa dalla narrazione tradizionale. Volevo sentire la loro opinione. Non so se hanno ragione. Non lo so perché non sono un medico. Non sono uno scienziato. Sono solo una persona che siede e parla con le persone e intrattiene conversazioni con loro. Sbaglio le cose? Assolutamente. Sbaglio, ma cerco di correggere ogni volta che sbaglio qualcosa. Cerco di correggerlo perché mi interessa dire la verità. Mi interessa scoprire qual è la verità e mi interessa avere conversazioni interessanti con persone che hanno opinioni diverse.

Rogan promette comunque di impegnarsi di più per dare voce a tutte le opinioni divergenti:

Farò del mio meglio per cercare di bilanciare questi punti di vista più controversi con altri in modo che possiamo arrivare ad avere l'opinione migliore. Non voglio solo mostrare l'opinione contraria a ciò che è la narrazione.

Nota: articolo aggiornato con le dichiarazioni di Joe Rogan


105

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Lorenzo Orsi

ma quanti di quelli che commentano hanno sentito il podcast, o parlate solo per sentito dire??
Vi basta che una persona sia additata da un giornalista come nemico e subito vi scagliate contro

Appunto, è un tuo presentimento. Non è detto... probabilmente anche tra loro ci sono i complottisti.

LaVeraVerità

Beh, sicuro che non sono gli ultra sessantenni che ascoltano Neil Young

Fabrizio Spinelli

Il tuo commento? Sì, lo è, ma sono buono e non te lo scrivo...

Dati su età media degli ascoltatori di Rogan? O tuo presentimento?

sk0rpi0n

Applausi per l'onestà e per la qualità morale del messaggio!

Disqus © 2022 Company

buhhhhhhhhhhhhhhhhhh

Gerry

Premessa: sono vaccinato con booster, ho sempre seguito tutte le regole di buonsenso per evitare di contagiarmi o eventualmente contagiare altre persone. Ciononostante ritengo e riterrò sempre infame qualunque tentativo di censura, compreso questo.
Negli anni 30 si riteneva scientifico, presso certe dittature a noi tristemente note, non solo il concetto di razza ma anche l'inferiorità di quelle non ariane. Dissentire era vietato per ovvie ragioni.
Se si vuole la libertà bisogna accettare il compromesso che ce l'abbiano anche gli stupidi, viceversa il rischio è che qualcuno dall'alto possa decidere arbitrariamente chi è stupido e chi no e quindi togliergliela. Io sinceramente questo rischio non lo correrei mai, anche solo per tutto ciò che è successo nel nostro recente passato.

tuamadre

Perché ovviamente tu sai quello che sa Young.
E perché ci vuole una laurea per capire che quattro complottisti ignoranti sono complottisti ignoranti.

Disqus © 2022 Company

completamente irrilevante.

LaVeraVerità

Nel senso che è roba da vecchi

ermete74

Perché nel mondo reale il responsabile è l'editore, i social o coloro che diffondo contenuti, si dichiarano non responsabili.
La polita dovrebbe normare questa situazione e applicare le stesse regole del mondo reale.
Grazie a questa situazione le bufale hanno vita semplice.
Alcuni personaggi, come questo tizio, avendo manie di protagonismo, sono disposti a fare la qualunque, dando la parola anche alle persone più stralunate, che nel mondo reale sarebbero sbeffeggiate.

Captain Cahos

spotify? segati

LordRed

Infatti è questo il problema: che su queste piattaforme non ci sono regole. Ognuno si sente libero di dire le corbellerie e se viene zittito grida alla libertà di espressione

ermete74

Nel mondo reale è come scrivi tu.
Se un giornalista diffonde una notizia non vera, può essere querelato e pagarne economicamente le conseguenze.

Ginomoscerino

#iostoconNovakxDjokovic

Fabrizio Spinelli

Io non guardo trasmissioni con astrologi :) Oppure li salto :)

Fabrizio Spinelli

Dipende da quanto tempo gli dai in trasmissione.

Fede64

Teorie complottiste? Vi fatte piu p1pp3 voi con le fake news di chiunque altro. Non è questione di complotto. E' chi ci governa e chi ci dovrebbe curare, nan ha capito una s3g4 ne del problema ne della soluzione. Poi c'è qualche novax che esagera, ma sono una minoranza ingigantita appositamente dai mass media per screditarli

DeeoK

Metti in folle, possibilmente parcheggiati, spegni il motore, fai un bel respiro e prova da capo.

Un utente ha deciso di boicottare un servizio perché non è soddisfatto di alcune scelte della dirigenza. Nella fattispecie ha deciso di passare alla concorrenza.

Hai trasformato una cosa piuttosto banale nella Santa Crociata Contro il Male! Cioè, calmati. Sta a lui ed alla sua morale decidere se sia disposto o meno a rinunciare a qualcosa se chi offre quel qualcosa ha atteggiamenti che non gli piacciono. Oltretutto stiamo parlando di critiche alla linea editoriale di fatto, non che gli hanno ammazzato la famiglia. Non so, vuoi rinfacciargli il fatto di non aver fatto anche lo sciopero della fame? Oppure organizzato una protesta davanti alla sede? Poi non ho capito, cosa avrebbe dovuto fare? Spotify o nulla? Si priva di qualunque servizio di streaming perché così la tua strada idea di morale viene appagata?

L'ipocrisia non c'entra nulla, stai solo facendo del benaltrismo, in maniera anche piuttosto grossolana.

Disqus © 2022 Company

Questo lo dici tu.
E ti sbagli di grosso.

NaXter24R

Si hanno infatti la stessa gravità

StuartPot

fino a un certo punto, i due insiemi non partono da campioni casuali, è abbastanza probabile che i non vaccinati abbiano anche comportamenti mediamente diversi ad esempio l'uso della mascherina, oltre che anagrafici ecc...

Cito miro

A rogan col video su instagram c'ha guadagnato ? Perché se è un sì sarebbe l'ennesimo controsenso de sta società senza senso.

Zoo Station

Il realtà una parte di popolazione non vaccinata è necessaria.
Ci serve a studiare e comparare gli insiemi dei vaccinatai e non, per tanti motivi che non sto qui a dirvi.

Max

Si avrei disdetto comunque, se ci sono alternative bene, altrimenti vivo bene lo stesso anche senza spotify.

Max

Sai dare dell'ipocrita a qualcuno per le sue scelte io lo considero un giudizio, non un'opinione.
Se tu ti presenti come un conservatore qualcuno può darti del conservatore.
Come ho già scritto, a me che ci sia il podcast novax la musica nazirock non mi interessa, mi inizia a interessare se a quel podcast, a quella band vengono dati dei soldi per l'esclusiva, perchè a quel punto il podcast novax o la band nazirock diventa il testimonial di quel servizio.

STAFF

Ma che? Dove ti avrei giudicato? Secondo me hai fatto bene, se è quello che senti, dal messaggio che hai scritto pareva che fossi parecchio infastidito dalle scelte di Spotify, ci sta che cambi servizio per i motivi che vuoi. Ma se motivi in quel modo, magari uno pensa, mamma mia è una persona d'altri tempi, inamovibile, incorruttibile, con solidi valori ed ideali, pieno di integrità morale, perché l'hai messo su questo piano. Quindi ti ho detto, "bro' non sono più soldi tuoi ci fanno quello che gli pare, con la logica che hai usato per disdire Spotify non vivi più, oppure vivi, però poi è da ipocriti". Non sto dando lezioni a nessuno né mi piacerebbe non farti vivere (? boh) poi va beh verso la fine hai un po' uuuuuhm mi hai dato del conservatore disagiato ma va beh...

sk0rpi0n

Podcast che?! Ma ci siete o ci fate?

Fede64

meriti 100 like, ma è ora di pranzo

Gigiobis

ahinoi, gli abbonati PER la musica a cui importa davvere DELLA musica, sono una frazione di una frazione, gli altri sono la massa che ascolta random ed usa "il suono" come sottofondo per la propria giornata, e non mi sento di giudicarli in negativo.

Max

La differenza è che io non ti giudico e non giudico chi fa una scelta diversa dalla mia, invece tu giudichi e ti poni sopra la morale degli altri elargendo lezioni di morale da social, secondo te uno non dovrebbe vivere, lo so che ti piacerebbe, così nessuno ti fa sentire a disagio e puoi continuare nel tuo piccolo mondo conservatore.

STAFF
Dato che stesso servizio me lo danno anche altri...

l'ha detto lui, l'ha lasciato intendere, e l'ho hai detto anche tu nel tuo commento. Dunque ho posto la domanda, se non ci fossero state valide alternative a Spotify avrebbe disdetto comunque? Per me boh, secondo il tuo ragionamento uno nella stessa sua situazione, no. L'hai scritto tu. Se per te questa non è ipocrisia... poi lui è stato molto fermo, deciso, voglio dire uno che augura il fallimento ad una azienda perché disgustato dal fatto che ospiti podcast novax, non è forse mosso da una forte morale? Cioè è a livelli di "ora sono nemico di Spotify". È quanto meno curioso che la sua morale accetti altre ingiustizie, come quelle nell'esempio di Amazon.

rsMkII

Ah ma su quello mi trovi d'accordo! Dovrebbero investire molto di più sul reparto musicale piuttosto che su altre str*nzate di cui agli abbonati per la musica non frega un beneamato.

Me.Tano

Mi sono sempre trovato bene ma ultimamente ho disdetto l’abbonamento perché lo usavo quasi esclusivamente con gli echo dot e la skill ultimamente mi da sempre problemi , devo dirgli più di una volta cosa voglio ascoltare, a volte neanche partono le canzoni (si sente un fruscio di fondo) altre volte partono e si interrompono dopo 20 secondi. Sto sto provando Amazon Music e finora nessun problema

DeeoK

Intanto io non parlo per altri. In più continuo a ribadire che la morale non è 0-1. Non è che se riesci a boicottare una cosa solo allora sei un'ipocrita, non funziona così né la morale, né l'ipocrisia.
È come dare dell'ipocrita ad uno perché aiuta una vecchietta ad attraversare ma non fa niente per la pace nel mondo.

STAFF

Gli argomenti sono diversi, vero. Ma c'è un filo logico che li unisce. La morale. Il tipo ha agito per morale, non gli andava bene che venissero finanziati coi suoi soldi i podcast novax. Leggittimo. Però è anche ipocrita come cosa. Perché, come tu stesso hai detto, lui aveva un'alternativa valida ma se non ci fossero state alternative a Spotify avrebbe disdetto l'abbonamento comunque? Secondo la tua scusante no perché se non hai alternative devi accettarlo e basta. È qui l'ipocrisia. La parte finale è senza senso, inoltre Amazon era solo un esempio. Potrei dirti, beh mi aspetto che non mangi più nemmeno il Grana Padano o quello che era, perché nella pubblicità di Renatino si inneggiava allo sfruttamento lavorativo. Ci sono innumerevoli esempi, ho scelto Amazon a caso...

STAFF

Puoi farlo invece. Puoi fare la tua parte non comprando smartphone ad, esempio. Oppure comprando il Fairphone che hai citato prima, dato che i materiali con cui è fatto sono tutti ottenuti da filiere controllate. Però è limitante, è un bel cambiamento. Altra cosa dove puoi incidere è non mangiare carne, o non usare l'auto o veicoli in generale anche pubblici, perché il petrolio con cui si muovono viene dai Paesi dove non c'è libertà, sappiamo tutti come trattano gli omosessuali e le donne lì, vero? E così all'infinito. A me non piace giudicare né puntare il dito, bada bene, io non ho nulla contro di te, non ti conosco nemmeno, non ti vedo come nemico. Ho letto il tuo messaggio ed ho pensato, boh, ma allora farà lo stesso con tutto? Improbabile. Quindi vedo il tuo messaggio come una di quelle uscite su Twitter. Ciò che faccio io non ha importanza, però se proprio vuoi saperlo, rimanendo in tema, io non uso né Spotify né Deezer né Amazon ed ho un telefono vecchio di tre anni. È altresì vero però che io non metto in risalto la mia superiorità morale nei commenti.

DeeoK

Ipocrisia di cosa? Esistono più gradi apprezzamento e più gradi di disprezzo, non è una condizione 0-1.
Non a tutto si da lo stesso peso e ogni cosa va contestualizzata. L'ipocrisia non c'entra niente, anche perché si parla di due cose totalmente diverse.

Come già detto, può non piacermi come Amazon tratta i suoi dipendenti, ma tutta la logistica tratta da schifo, quindi quale impatto porterebbe il mio boicottaggio? In più, sulla base di cosa sostieni che chi boicotta Spotify non boicotti anche Amazon?
Mi pare tu voglia semplicemente buttarla in caciara.

Max

No, faccio delle scelte dove posso incidere, sullo sfruttamento del cobalto e non solo, non posso farci niente in prima persona, posso farlo organizzandomi con altri per denunciare quanto accade.
In altre situazioni invece posso incidere, almeno nel mio piccolo e scelgo in base alla mia etica.
Tu invece che ti piace giudicare e puntare il dito, cosa fai?

STAFF

Si può sintetizzare il tuo commento con una sola parola, ipocrisia. Se non ho valide alternative per un servizio, ma so che quel servizio fa schifezze allora ingoio il rospo e mi sto zitto. Perché mi serve. Mentre se ho alternative ed un servizio fa schifezze allora cambio, tanto non mi cambia niente. Ipocrisia.

STAFF

Nella prima parte hai ragione, tu sei il cliente e puoi scegliere se rivolgerti a B anziché A. Ma tu hai voluto motivare la tua scelta. Il mio commento era rivolto alla motivazione che hai dato, non al fatto che hai cambiato servizio. Dunque in tuo nome non vuoi sovvenzionare Spotify ma ti sta bene sovvenzionare lo sfruttamento dei bambini nelle miniere di cobalto, ad esempio. Mi sembra ipocrisia perché sai bene che dietro a tutto c'è sfruttamento. E non puoi, vuoi rinunciare allo smartphone, al computer e a qualsiasi altra cosa. Quindi critichi solo quello che ti reca meno cambiamenti, no? Perché o applichi la morale su tutto, e quindi giù il cappello oppure lo fai solo dove ti fa più comodo e allora lì è ipocrisia a mio vedere.

gianni

E' proprio questo che contesto. Era un servizio dedicato alla musica e pertanto si doveva impegnare a migliorarsi in tale settore come la qualita' audio che fa pena. Invece si e' lanciata in altri settori ed implementato altre features poco consone a questo tipo di utenza.

Disqus © 2022 Company

per non parlare del fatto che compriamo gas da un assassino guerrafondaio (e pure il petrolio)

DeeoK

Il discorso è meno semplice di così.
Si può essere più o meno d'accordo con il trattamento dei lavoratori di Amazon ma a quel punto bisognerebbe considerare che non è che le alternative facessero chissà quanto meglio. E' comunue ragionevole dire "non mi piace l'atteggiamento di Amazon, mi rivolto ad altri". Nel caso delle serie Prime però l'unico "altri" è la pirateria.
In questo caso si parla di finanziare attivamente il programma di una persona che distribuisce idee discutibili. L'interruzione del finanziamento è più indolore visto che per il grosso delle esigenze le alternative fanno sostanzialmente la stessa cosa.

Max

Il discorso è diverso, qui si critica un'esclusiva pagata 100 milioni di dollari, si potrebbe dire quasi un testimonial di spotify.

Max

Dato che stesso servizio me lo danno anche altri, scelgo a chi rivolgermi e chi pagare, questo lo faccio ogni volta che devo pagare, se non mi stai bene non compro il tuo servizio/prodotto, se vuoi un esempio di prodotto che non compro è la sambuca molinari perchè finanziava forza nuova o tutti i prodotti israeliani.
L'esempio del telefono non calza, telefono me lo da l'azienda, si chiama benefit, se dovessi comprarlo avrei il fairphone.
Con il tuo ragionamento si dovrebbe accettare acriticamente tutto perchè tanto è inutile e gli altri fanno quello che vogliono, io preferisco dire "non in mio nome".

STAFF

Assolutamente. Però pare una motivazione ipocrita. Prendiamo Amazon ad esempio, Jeffone va nello spazio, mentre i suoi dipendenti schiavi lavorano come piccole formichine. A questo punto uno dovrebbe togliersi il Prime.

Tony Sterk

Cancel culture, è bullismo di massa, si sentono potenti a "manovrare" queste cose contro gente che è più utile di loro.

Tony Sterk

Non piangere

Tecnologia

Recensione Eureka NER E10s: aspirazione ciclonica e senza sacchetto | VIDEO

HDMotori.it

Dacia Spring 2024: l'anteprima del restyling, esterni e interni | Video

Games

Xbox, svelate 4 esclusive in arrivo su piattaforme concorrenti

Alta definizione

Recensione Fujifilm X100VI: la regina delle compatte è tornata | VIDEO