Netflix cambia la sua top 10: si misurano le ore totali visualizzate

20 Ottobre 2021 24

Netflix cambierà il modo in cui annuncia il successo dei suoi contenuti più popolari: invece che i primi due minuti visualizzati nei primi ventotto giorni, conteggerà il numero totale di ore visualizzate - sempre nei primi 28 giorni. La società sta facendo esperimenti con questo sistema già da qualche tempo, e ieri l'ha ufficializzato nella lettera agli investitori pubblicata in occasione dell'ultimo rapporto finanziario trimestrale.

Netflix argomenta che questo sistema "è un indicatore leggermente migliore del successo complessivo dei nostri titoli e della soddisfazione degli abbonati. È anche allineato con le metodologie degli analisti esterni e tiene conto di chi riguarda gli show". La questione dei due soli minuti iniziali è effettivamente stata criticata da più parti: per certi titoli, anche molto popolari, con due minuti non si superano nemmeno i titoli di testa. Di certo se una serie o film è completamente sconosciuta allo spettatore, due minuti non sono nemmeno lontanamente sufficienti a capire se potrebbe piacere o no.

Questa almeno è la teoria, ma i dati che cosa dicono? Effettivamente, sembrano confermare che benché ci siano delle sovrapposizioni il sistema delle ore guardate produce classifiche nettamente differenti. Il mese scorso, Netflix stessa (nella persona del co-CEO e responsabile dei contenuti Ted Sarandos) ha condiviso le top 10 di film e serie TV usando l'uno e l'altro metodo. Particolarmente interessante osservare come The Irishman di Martin Scorsese, un film molto più lungo della media, finisca in terza posizione con il nuovo metodo, mentre con il vecchio non era nemmeno in top 10. Viceversa, con il nuovo metodo scompaiono dalla classifica titoli molto conosciuti come Lupin, La Regina degli Scacchi e Tiger King. Da notare che le grafiche sono state prodotte prima dell'uscita di Squid Game, la serie sudcoreana che ha fatto il botto secondo qualsiasi tipo di metrica.


Grossolanamente, si può argomentare che il nuovo sistema potrebbe avvantaggiare i titoli più lunghi - banalmente: se La Regina degli Scacchi avesse avuto quattordici episodi invece di sette è lecito ipotizzare che la stragrande maggioranza degli account che l'hanno completato sarebbero arrivati fino in fondo lo stesso, incrementando sostanzialmente il numero di ore totali. Detta in un altro modo, più un titolo è lungo meno account servono per scalare la classifica. Naturalmente, non è così semplice: magari dall'ottavo episodio in poi La Regina degli Scacchi sarebbe calato di qualità e la trama avrebbe perso mordente, e gli spettatori si sarebbero persi per strada, e il passaparola avrebbe ucciso il replay value.

Da molto tempo si discute sul fatto che le società di streaming non rivelino abbastanza informazioni sull'andamento dei loro titoli, e Netflix ha promesso che da ora in poi farà meglio. Oltre al cambio di metodologia, ha detto che rilascerà la top 10 più frequentemente, e la slegherà dai rapporti finanziari trimestrali. Questa scelta avrà ripercussioni importanti soprattutto per gli addetti ai lavori - attori, produttori, sceneggiatori, registi e così via - in fase di negoziazione dei rinnovi, dei contratti e degli stipendi.

L'analisi dei dati è una pratica vitale per una società che fa soldi in base a quanto contenti sono i suoi clienti. Non è quindi difficile immaginare che internamente Netflix misuri molti più parametri di quelli che divulga al pubblico. È stato per esempio confermato che la piattaforma sa quanti spettatori hanno visto per intero film e telefilm. Per il resto, il terzo trimestre di Netflix è andato abbastanza bene: sono cresciuti il fatturato, i ricavi e gli abbonati. Ne abbiamo parlato più nel dettaglio proprio questa mattina.


24

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
MeTeMpS

E perchè si chiama Lupin è francese e ruba?

greyhound

Guarda che il tipo non è il lupin dell anime...

MeTeMpS

Lupin è davvero così bello? Già il fatto che sia nero non c'entra nulla con la storia originale

Basterebbe fare delle classifiche in base ai voti di chi le ha viste comunque

Scrofalo
NEXUS

tutte serie di m

Rieducational Channel

Quella che piace a tutti noi maschietti. Ah no, devo aver equivocato.

Romu83

https://uploads.disquscdn.c...

Squak9000

mi sembra giusto... alla fine provai a vedere qualche episodio di qualche serie ma dopo 5 minuti o mi addormentavo o cambiavo.
Le pecionate puzzano dalla testa.
i primi 2 minuti è abbastanza approssimativo.

GianTT

Ma fare semplicemente il rapporto "Ore di visualizzazione" / "Ore di contenuti del prodotto" in modo da avere un valore confrontabile per tutti, a prescindere dalla lunghezza dello stesso?

Castoremmi

Ottima idea per suicidarsi

XRedShark

ma classificare in percentuale sul visto?

palladicuoio

Infatti dovrebbero implementare un coefficiente per rendere veritiera questa classifica... Assurdo

Zoro

che cavolata, cos fai fuori in automatico le serie con meno episodi.

Ok_76
momentarybliss

Sarei d'accordo, però il gradimento dovrebbe essere fornito da un pool di spettatori selezionati magari sparsi in giro per il globo, se no il rischio che vengano premiati o bocciati certi contenuti in modo artificiale (ad esempio campagne discriminatorie) e non in base al loro reale valore secondo me potrebbe essere elevato

Luca Lindholm

Io proporrei un sistema del genere (anche ulteriormente irrigidibile): una sola mail come nome utente dell'account, associata in maniera indissolubile.
Quindi una mail potrà essere associata per sempre a UN SOLO account e basta.

Fatto questo, se un utente disdice l'abbonamento, poi si impone che per 24 mesi non possa più riabbonarsi con quell'account.
(OVVIAMENTE non si accetteranno email .icloud, ovvio)

Aggiungerei, inoltre, un sistema a punteggio, per cui ogni mese si debba guardare almeno qualcosa... e se non lo si fa, si perde lo stesso per 12 mesi la possibilità di restare abbonati.

In questo modo un utente ci penserà due volte prima di disdire un abbonamento.

Ma a sto punto fare una classifica sul gradimento?

Invece di puntare ai primi due minuti (che non danno nessuna indicazione pratica), dire quale serie ha avuto il "coinvolgimento maggiore" attraverso un valore percentuale che isura quanto di quella serie o film gli utenti hanno visto

kedwir

Ma perché, trarre una media tra la lunghezza del Film/Serie in relazione al numero di ore guardate in proporzione al numero di account che l'ha seguita è tanto difficile? boh.. sarebbe molto più veritiera di queste classifiche farlocche.. poi.. seriamente primi 2 min. guardati?

Stanyd84

quando dicevo che i dati erano falsati, ero stato tacciato di "complottismo". Eh già che motivo avrebbe Netflix a spingere serie invece di altre? Solo fare nuovi abbonati e il +8% in borsa. Poi magari squid game sarebbe comunque stata la più vista ma se l'avessero fatto prima qualche dubbio lo avrei

momentarybliss

Sicuramente meglio dei due minuti di visione, certo che anche questo metodo presta il fianco ad alcune criticità, come evidenziato nell'articolo. Peraltro, c'è anche il fatto che Netflix chiede allo spettatore se una serie o un film gli è piaciuto, ma da quanto ho capito serve solo per la proposta di contenuti simili tarati sui propri gusti, non ai fini della classifica. Del resto, anche la graduatoria sul gradimento potrebbe risultare falsata, con tutti i troll che ci sono in giro

Nyles

Perchè hanno molti più contenuti di basso livello che di alto livello, quindi devono spingerti a vedere un mix per tenerti abbonato in continuo e non solo 2 mesi.
Se ti dicono le 20 più belle in pochi mesi hai esaurito tutti i contenuti degni di nota e disdici.

Scrofalo

E quale sarebbe la roba più bella ? Quella che piace a te o quella che piace a me ?

Andhaka

Tutto dipende dal concetto di "più bella" che varia molto da persona a persona. ;)

Cheers

Ok_76
Recensione

Aqara, la casa Smart semplice e ben fatta: cos'è e come funziona | Video

Economia e mercato

Google ha paura di ChatGPT: in arrivo due chatbot di ricerca e altri prodotti AI

Accessori

PanzerGlass: abbiamo provato a spaccare il vetro di un iPhone | Video

Tecnologia

Libero e Virgilio giorni di fuoco, davvero gli S23 non sono già ufficiali? | HDrewind 50