Euro digitale, entro fine 2021 partirà la sperimentazione: cosa si sa finora | Video

15 Marzo 2021 477

Rimani aggiornato quotidianamente sui video, approfondimenti e recensioni di HDblog. Iscriviti ora al canale Youtube, basta un Click!

Nelle ultime settimane si sono rincorse sempre più insistentemente notizie riguardo all’avvio delle prime sperimentazioni dell'euro digitale entro la fine dell'anno. Un tema molto dibattuto negli ultimi mesi, che vedrebbe tra i piani futuri della Banca Centrale Europea l’introduzione di una moneta elettronica equivalente all'Euro cartaceo. Il condizionale resta d'obbligo perché, nonostante l'Europa abbia accelerato su questo fronte, sono ancora molti i passi da compiere. Ma cosa sappiamo finora?

Lo scorso ottobre, la Banca Centrale europea ha pubblicato un rapporto sul "Digital Euro", il marchio (già registrato presso l'EUIPO il 22 settembre scorso) che identifica quella che potrebbe diventare la prima moneta digitale dell'Unione Europea. L'obiettivo dichiarato è quello di offrire ai cittadini europei l'accesso ad una forma di pagamento sicura da usare in un mondo digitale in rapida evoluzione. Una moneta digitale per i pagamenti al dettaglio che si affiancherebbe al contante, senza però sostituirlo.

L’euro elettronico, come spiegato dalla stessa BCE nel report, supporterebbe alcuni obiettivi strategici dell'Eurosistema, tra cui quello di offrire servizi di pagamento innovativi, ridurre i costi e rendere più sostenibili i sistemi monetari. Basti pensare che uno studio di Banca d'Italia del 2014 aveva rilevato che solo nella Penisola, stampare moneta costava allo Stato circa 8 miliardi di euro ogni anno.

Contestualmente al report, la BCE ha avviato una consultazione pubblica per rilevare le opinioni dei cittadini sulla possibilità di varare l’euro digitale. Sono state quasi 10.000 le risposte ottenute attraverso il sondaggio online e risultati saranno alla base di un’analisi che verrà resa nota dalla Bce entro l'estate.

COS'È L'EURO DIGITALE

Ma cosa si intende per euro digitale? La CBDC, la Valuta Digitale della Banca Centrale dell’Eurozona, non sarebbe altro che il corrispettivo elettronico dell’Euro cartaceo. Una moneta digitale con corso legale, emessa dall'Eurosistema (la BCE e le Banche centrali nazionali) e dedicata ai pagamenti al dettaglio nei Paesi dell'Eurozona. Occorre ribadire che l'euro digitale non ha l'obiettivo di sostituire le banconote, ma di integrarle. Avrebbe, inoltre, il loro medesimo valore: un euro digitale equivarrebbe, infatti, a un euro "fisico". Non sarebbe, infine, una valuta parallela ma una forma aggiuntiva di pagamento.

Il Digital Euro, differentemente dalle criptovalute, prevede il controllo dell'infrastruttura del back-end da parte di un'autorità centrale: sebbene si ipotizzi che ci possano essere approcci più o meno decentralizzati, l'infrastruttura dovrebbe in ogni modo essere controllata in ultima istanza dalla Banca Centrale.

Un dettaglio che scontenterà chi delle criptovalute apprezzava proprio l’indipendenza da un potere accentrato. Tutte le criptovalute sono infatti fondate su un sistema decentralizzato e non sono soggette ad alcun controllo superiore. Questo le rende estremamente volatili, ad eccezione delle stablecoin, ovvero le criptovalute che hanno un prezzo stabile in quanto vincolato ad asset con variazioni ridotte come il dollaro o l’oro. L’istituzione di una moneta digitale centralizzata è una presa di posizione che non sorprende, dal momento in cui l’Europa ha sempre visto le criptovalute come una minaccia contro la sua sovranità monetaria, e l’atteggiamento assunto nei confronti di Libra, la criptomoneta di Facebook, lo ha dimostrato.

COME FUNZIONA

Per poter utilizzare la moneta europea elettronica non sarà necessario possedere un conto bancario: senza l’intermediazione delle banche, il denaro verrà dunque immesso direttamente nelle tasche dei clienti. Analogamente ai Bitcoin, l’euro digitale potrebbe essere emesso e trasferito tramite la blockchain e conservato nei portafogli elettronici, molto probabilmente utilizzabili tramite un’app mobile.

In un'intervista alla testata tedesca Der Spiegel, Fabio Panetta, Membro del Comitato esecutivo della Bce, ha dichiarato che l'euro digitale - come per il contante e differentemente degli altri strumenti di pagamento - rappresenterebbe un'attività dei risparmiatori nei confronti della banca centrale e non verso le banche private. Tuttavia, le banche ricoprirebbero un ruolo importante nella distribuzione, non diverso da ciò che accade per il contante, che i cittadini prelevano dagli ATM o dagli sportelli bancari.

PERCHÉ UN EURO DIGITALE

Le ragioni per cui la Bce starebbe pensando di introdurre l'euro digitale sono svariate. Per esempio, la nuova moneta elettronica darebbe ulteriore impulso alla digitalizzazione e all'indipendenza dell'economia europea, sopraggiungendo in una già avviata fase di accelerazione dei pagamenti digitali a discapito del contante, il cui utilizzo è destinato a ridursi. Potrebbe inoltre stimolare l'erogazione di nuovi servizi e funzionalità di pagamento e creare opportunità di business, così come rappresenterebbe un valido ausilio nel caso in cui eventi estremi (come un cyber attacco o una catastrofe naturale) ostacolassero la fornitura dei servizi di pagamento.

I NODI ANCORA DA SCIOGLIERE

Nonostante le opportunità offerte dalla moneta elettronica europea siano molte - si tratta pur sempre di un'innovazione che, tra le altre cose, agevolerebbe i pagamenti e aiuterebbe a tracciare e contenere i reati finanziari - altrettanti sono i nodi ancora da sciogliere, soprattutto quelli che riguardano la tutela della privacy e delle libertà fondamentali, minate dal rischio di eccessiva esposizione dei propri dati sensibili.

I rischi, inutile negarlo, ci sono e la Bce starebbe cercando di mettere a punto alcune specifiche per scongiurarli. Fondamentale sarà tutelare i metodi di pagamenti alternativi ai contanti e assicurarsi che i depositi delle banche non si "svuotino", per questo la Bce starebbe già definendo degli eventuali limiti di spesa (che potrebbero aggirarsi intorno ai 3.000 euro). Sarà inoltre opportuno garantire la segretezza degli acquisti dei cittadini.

Secondo Christian Miccoli, CEO di Conio, un euro digitale "implicherebbe la possibilità da parte del governo nazionale di controllare i movimenti finanziari con la possibilità di bloccare i fondi individuali a propria discrezione e programmare smart contract per obbligare o vietare determinate categorie di spesa", come riporta la stampa nazionale. Anche Yves Mersch, governatore della Banca del Lussemburgo, ha dichiarato che qualsiasi valuta digitale basata su token potrebbe "non garantire il completo anonimato", comportando seri "problemi sociali, politici e legali".

La stessa Bce si è già interrogata sulla questione e ha spiegato che l'introduzione di un euro digitale potrebbe avere "importanti risvolti sull'intero sistema finanziario", motivo per cui per ora le banche centrali non hanno dato la possibilità di accesso al denaro al dettaglio, nonostante la tecnologia per farlo fosse già disponibile.

IL DEBUTTO

Quando diventerà realtà, dunque, l'euro digitale? Fabio Panetta ha delineato i prossimi step del processo di sperimentazione ed eventuale rilascio della nuova moneta elettronica:

All’inizio dell’estate presenteremo i risultati della nostra analisi esplorativa al Consiglio direttivo della BCE, che deciderà se proseguire l’iniziativa. In caso di una risposta positiva, si darà avvio al lavoro volto a individuare l’ambito operativo e la soluzione tecnica da adottare per l’euro digitale. Ci vorranno almeno diciotto mesi. Successivamente il Consiglio direttivo della BCE dovrà adottare un’altra decisione, al fine di avviare la fase realizzativa della soluzione prescelta. Saranno necessari realisticamente quattro o cinque anni. Dovremo inoltre consultare le altre istituzioni e autorità europee. La BCE ha costituito un gruppo di lavoro con la Commissione europea.

VIDEO

Photo Credits:

Shutterstock | Novikov Aleksey

Shutterstock | isak55

Shutterstock | 13_Phunkod

Shutterstock | DestroLove

Shutterstock | Ivan Marc

Shutterstock | DesignRage

Il migliori Smartphone Apple? Apple iPhone 12, in offerta oggi da Mister Shop King a 699 euro oppure da ePrice a 764 euro.

477

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
spino1970

Anche capire quello che si legge su google, però...

Sandro

Cercare su Google quello di cui si sta parlando sarebbe già un passo avanti.

spino1970

Anche no. Lo "stato moderno" di 300 anni fa non mi pare identico a quello di oggi. Siamo una nazione unica da soli 160 anni, tra l'altro e una repubblica da 75...

Che poi lo stato moderno di chi? Nostro? Dell'Europa? Del Mondo?

Sandro

La stato moderno ha circa 2/300 anni, quindi no.

spino1970

Moderno e storicamente sono un ossimoro logico...

GePaCa

Il resto non è in alcun modo garantito, è proprio digitale e basta. Non c'è niente di fisico già adesso.

soxxoz

Sono dei file, che tramite blockchain, vengono riconosciuti come euro. E qui termina ogni analogia con le crypto, volutamente, perché vogliono solo sostituire il pezzo di carta e non modificare il paradigma bancario. Per te non hanno senso, perché li stai paragonando alle crypto ma non hanno nulla, o quasi, da spartire.

HdBfs

Il resto è garantito fisicamente dalle banche centrali con vari asset, l'euro digitale non avrà bisogno di questo perché sarà totalmente digitale ed equivalente al contante

Sandro

Anche se risparmiassero 8 miliardi (cosa che non credo) non abbasseranno le tasse di 8 miliardi, tutto qui. Non è un problema di essere ladroni o meno: lo Stato moderno storicamente funziona così'.

spino1970

#EuropaLadrona... mi ricorda qualcosa...

Sandro

"corrispettivo stampabile" è cosa ben diversa da "stampato circolante". L'euro digitale sarà la versione istituzionale del bitcoin (e l'inizio della sua fine, perchè sappiamo che lo Stato non ammette concorrenza).

Sandro

Sì ma è il segreto di Pulcinella: viviamo in un mondo di capre che non hanno mai letto mezzo libro di storia e pensano di potersi fidare dello Stato e delle banche.

GePaCa

Spiegami allora cosa sarebbe perchè onestamente non l'ho capito.

GePaCa

Non penserai mica che uno che ha un milione di euro in banca se va in banca trova il milione di euro in banconote? Il sistema è estremamente complesso. E comunque non è molto chiaro cosa vorrebbero fare con questo cosiddetto euro digitale. A me sembra una supercazzola.

Dark!tetto

Stai confondendo due circuiti diversi, digitalizzato così come lo intendi tu, che è anche di più se non ricordo male il 97% era virtualizzato qualche anno fa, ma corrisponde sempre ad un corrispettivo stampabile o lo stampato non circolante nei depositi. L'euro digitale, sarà il corrispettivo in bit degli euro nuovi acquistati alle aste marginali dall'italia o altri paesi dell'euro zona, da aggiungere al debito pubblico italiano e allo stampabile determinato dalla BCE.

HdBfs

Ah quindi l'euro è già virtuale e la BCE non lo sa

Sandro

Ma che dici? L'85% del denaro è già digitalizzato, pensi davvero che la banca abbia in cassaforte tutti i soldi depositati?

Sandro

Tranquilli tanto i soldi risparmiati se li tengono loro.

GePaCa

Semplicemente, non è vero. Il 90% della moneta circa è virtuale, esiste solo come un insieme di bit all'interno del sistema Target2 (se si parla di Euro).

Joykiller

qualcosa da nascondere?

*Er_Mellino*

E da dove credi che l'abbia tirata fuori sta battuta? :)

*Er_Mellino*

Ma non me lo ricordare che sono rimasto per 4 ore senza connessione! :(

Arale's Poopoo

"Le tasse sono una scelta redistribuiva, non necessaria."

Assolutamente falso.

Le tasse non sono una scelta redistribuiva, lo sono alcune, che é diverso.

E sí, la spesa redistribuiva é necessaria, in quanto crea un vantaggio economico per tutti. Il piú povero ha un potere d'acquisto piú alto e una maggiore possibilitá di spesa che si riversa positivamente sui mercati e permette ai privati di fare maggiori investimenti.

"Al contrario, gli anni 70 e 80 svalutando la lira l'Italia ha avuto la sua massima accelerazione"

E hai dimostrato esattamente quello che dicevo.

L'Italia stava rallentando e per continuare a crescere ha svalutato la Lira, cosa che ha posto l'Italia in una posizione piú vantaggiosa nei mercati.

"che ora con l'euro non solo sta rallentando ma addirittura regredendo"

Non é colpa dell'euro, ma di tutta una serie di manovre che sono state nel tempo e che non hanno portato i benefici sperati.
Non é un caso che gli unici due paesi della zona euro con un PIL inferiore al pre-crisi del 2008 siano Italia e Grecia.

Ad esempio ancora ricordo un certo ministro dell'Interno che nello sponsorizzare Quota 100 disse che per ogni nuovo pensionato si sarebbero creati 2 posti di lavoro, cosa che é stata smentita da tutti.
Ma anche lí, quelli che l'hanno smentito erano al soldo dell'Europa o di Soros.

andreX

ahhahaha meno male che ci sei tu. Mr Oxford.... ma per piacere.

Mostra 1 nuova risposta

Ok ma resta il fatto che molte attività si reggono in piedi a stento e una delle cause sono le tasse alte e la concorrenza sleale. E non sono numeri sono persone che lavorano e devon vivere, non parliamo certo di quelli che girano con Mercedes da 60k euro e che evadono per vivere meglio.

Il fatto che il tuo business non sia sostenibile poco importa se è l'unica alternativa e ci devi sfamare una famiglia

Ritornoalfuturo

Non dico niente di che . L'oro è sempre stata una moneta di scambio. Vedi nel passato e vedi nel presente che le persone come me, compra lastrine di oro puro a uso di investimento.

Ikaro
csharpino

Vedo che hai capito tutto!! coff coff

Ikaro

e certo un fondo gestito dalla BCE può fallire e la BCE no... nel catastrofico caso da te descritto non saresti apposto in ogni caso...

Non sto facendo il bastian contrario, e mi dispiace che a te sia arrivato questo, semplicemente mi sono fatto una domanda "a me cittadino cosa cambia?" e tu non hai saputo rispondere...pace...

csharpino

Vivo in un posto dove informarsi sui veri limiti che ha il FITD e capire che è poco più di un placebo se una crisi colpisse grossi gruppi bancari è gratis e può essere fatto da chiunque.
Poi o se a te fa piacere anche solo dover aspettare chissà quanti mesi per riavere (sempre che li riavrai!!!) accesso ai tuoi soldi fai pure e...
Cmq guarda da uno che risolve le questioni a coff coff, prepagate e frasi del tipo "i CC non costano" e "le commissioni non sono mai state un problema" non mi aspetto nulla e non ci perdo tempo.
Continua pure a fare il bastian contrario a prescindere che tanto è lo sport nazionale su internet, per fortuna il mondo va avanti anche senza di voi quindi saluti e coff coff..

Stefano

Cioè tu vai in banca per depositare una password?

Stefano

Ok, non lo capisci.

R2

Continuo a leggere cose che sono del tutto sbagliate. Le tasse sono una scelta redistribuiva, non necessaria. Il debito pubblico è cancellabile con un click poiché in moneta sovrana (per l'Italia l'euro è un ibrido).
Al contrario, gli anni 70 e 80 svalutando la lira l'Italia ha avuto la sua massima accelerazione, che ora con l'euro non solo sta rallentando ma addirittura regredendo. Ma finché la gente non studia economia, non ci sarà nulla da fare.

Elia Cherubini

No, perchè se salta il grosso istituto di credito salta anche il fondo, e probabilmente si porta via pure il piccolo istituto, visto il grado di indebitamento degli stessi. Poi c'è da considerare che il fondo non ti viene in soccorso in 12 ore, per forza di cose.

nicola

"un euro digitale "implicherebbe la possibilità da parte del governo nazionale di controllare i movimenti finanziari con la possibilità di bloccare i fondi individuali a propria discrezione e programmare smart contract per obbligare o vietare determinate categorie di spesa", come riporta la stampa nazionale. Anche Yves Mersch, governatore della Banca del Lussemburgo, ha dichiarato che qualsiasi valuta digitale basata su token potrebbe "non garantire il completo anonimato", comportando seri "problemi sociali, politici e legali".

Ma veramente auspicate una cosa del genere ?
Vi meritate allora il peggio.....scusate....

frank700

Questo nuovo sistema è molto di più di un semplice sistema bancomat.
È già stato fatto un articolo su questo, potresti recuperarlo.

Theta

Ad esempio per non avere costi sul mantenimento del c/c

Arale's Poopoo

Di fatto niente.

Anzi, potrebbe essere notevolmente migliore a causa della minore burocrazia nella transazione e quindi potresti pagare meno commissioni.

Anche perché qui alcuni dicono che a differenza delle transazioni con carta, quelle in contante sono piú sicure e con commissioni "nulle"...

In realtá sono sbagliate entrambe le cose, l'uso del contante ha un costo abbastanza alto per tutte le aziende.

Alessio

Posso confermarti che piano piano anche in Italia è così. Anche mia madre usa sempre la carta per pagare ahahahah anche se in questo articolo il discorso è leggermente diverso

spino1970

ma non costerà mai quanto mantenere il baraccone di una zecca di stato/comunitaria.

spino1970

eh, il "Sì, è sbagliato, ma..." è il mantra dell'italiano medio.

Se è sbagliato non c'è "ma"

spino1970

In realtà no. Volò (per modo di dire) successivamente, ma nel 1992 le aste dei Titoli italiani andavano deserte.

Ora, possiamo stare qui a sindacare che la Germania fondatrice dell'Europa abbia spesso e volentieri giocato "sporco" e fatto i suoi interessi, ma che noi fossimo l'anello debole dello SME, non bisogna essere economisti per saperlo. Basta avere qualche annetto sulle spalle :)

Fabrizio

Se devi evadere per "necessità" per definizione non è un business sostenibile o stabile, e ancora di più dovremmo volere un cambiamento che riporti le cose come nei Paesi civili anzichè supportare l'illegalità.
E' proprio il ragionamento di base ad essere assurdo e tipicamente italiano

spino1970

E cosa c'entra un prelevamento, per quanto forzoso, con la tracciabilità dei pagamenti?

Castiel

Io vivo fuori ed è gia cosi, credo che in Italia la gente non se ne renda conto.

Io non ho visto/toccato una moneta negli ultimi 3 anni, e 3 anni fa solo perchè solo tornato in Italia. Qui non so nemmeno come sono fatte le loro banconote.

Arale's Poopoo
*Er_Mellino*

Ah io mi fermo per mezzora davanti ai prodotti per guardare bene il prezzo al kg e non il prezzo sulla scatola.
A volte genero pure degli assembramenti perche' non si passa :)

Ciccio Pasticcio

Quindi stai avvalorando la mia teoria.
Se metto i soldi sulla banca di pinco pallo, che ha 3 clienti in croce sono più sicuro che nel metterli in un colosso.

Visto che il fondo funziona per le piccole banche.

pastor
Vash

a me i costi della evolution paiono corretti per il servizio che danno, serieta' a profusione.
Tranne uno... i 50 cents in caso di accesso a terzi del conto corrente associato (per esempio satispay, che lavora su cc... 50 centesimi per accedere all'iban è strozzinaggio)

HDMotori.it

In viaggio con il Birò di Estrima: quadriciclo elettrico buffo, compatto e...

Tecnologia

Missione Tianwen-1, anche la Cina affronta i suoi 7 minuti di terrore su Marte

Alta definizione

Recensione TV Sony OLED XR-65A90J: processore cognitivo per rimanere in vetta

HDMotori.it

Mercedes EQA: 100% SUV, 100% elettrica. Prova su strada e consumi | Video