OnePlus, Realme e Meizu aderiscono al progetto per trasferire i file su Android

21 Maggio 2020 24

Il consorzio creato da Xiaomi pochi mesi fa insieme ad Oppo e Vivo per la realizzazione di un protocollo di trasferimento file su Android riscuote consensi e convince nuovi produttori ad entrare a farne parte, dando così un importante contributo al suo sviluppo.

OnePlus, Realme, Meizu e Black Shark hanno infatti deciso di aderire all'iniziativa. La soluzione mira ad offrire un'esperienza simile ad AirDrop nell'ecosistema Android, consentendo a dispositivi di produttori diversi di condividere file con un semplice tocco, rapidamente e nella massima semplicità.

Nuovi produttori aderiscono al Peer-to-Peer Transmission Alliance

Il nome ufficiale in inglese è Peer-to-Peer Transmission Alliance: è previsto il supporto a diversi formati di file, oltre a permettere di condividere anche intere cartelle. Per quanto riguarda la velocità di trasferimento, si arriva a un massimo di 20 MB (megabyte) al secondo, valore significativamente migliore rispetto al trasferimento tramite Bluetooth, ma non ancora all'altezza di AirDrop.

Con l'ingresso dei nuovi enti partecipanti, sempre più smartphone potranno così utilizzare il protocollo per il trasferimento dei file: sulla JOYUI 11 di Black Shark 2 e variante Pro, ad esempio, è già disponibile Mi Share, funzione basata proprio sulla soluzione implementata dalla P2P Transmission Alliance.

Tre fotocamere per il massimo divertimento ad un prezzo top? Huawei Mate 20 Pro, in offerta oggi da TIMRetail a 499 euro oppure da Amazon a 600 euro.

24

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
matteventu

Ahahahah <3

-Steck-
Jay reaper

Per curiosità qual è la velocità di air drop?

Castoremmi

Ho capito grazie

Tizio

Purtroppo Samsung ha lanciato ad inizio anno il suo AirDrop, si chiama QuickShare e funziona all'interno del suo ecosistema SmartThings...

fancloud

Se non sbaglio c'è qualcosa di simile in Google Files. Funziona discretamente devo dire.

matteventu

Ci stanno lavorando da anni, appunto.
E non è ancora uscito niente.

Hégésippe Simon

C'è una bella differenza tra avere una miriade di app, spesso incompatibili tra loro e non si sa se installate o no, ed avere un protocollo standard già attivo di default su tutti i telefoni di tutte le marche e modelli. Se Apple fosse un'impresa che non pensa solo al suo guadagno avrebbe lasciato Airdrop come standard aperto, e adesso ce l'avremmo tutti

berserksgangr

Mi fa piacere che Blackshark abbia aderito al progetto di Xiaomi (...)

-Steck-

Veramente ci stanno lavorando da un po' a quanto sembra, erano uscite diverse notizie anche qua su HDBlog.

ADM90

Su iOS ha senso. Se devo trasferire dei file da iPhone a iPad o macOS lo fai un un attimo senza consumare dati

Castoremmi

Ma non è la stessa che fanno le miriadi di app presente sul play store? Share mi (ex mi drop), shareit e altre

BLERY

Non sempre

FuckingIdUser

Che bontà;

josefor

giusto anche questo lol

Mako

adesso esce un nuovo protocollo, ma quello che devono fare è forzarlo a tutti quelli con gms e "pubblicizzarlo" un po' a livello di interfaccia, perchè se no è inutile. si sarebbero comunque dovuti svegliare prima

Zeronegativo

Li hai già sul telefono, perché dovrebbero aspettare che li condividi per farne una copia?

Emanuele

Anche

josefor

Una cordata di brand cinesi per il protocollo. hummm speriamo che i file vadano a finire solo dove li vuoi tu e non in Cina...

BLERY

A lohacker

carburano

Trasferirli a chi?

ErCipolla

Se una cosa è buggata si aggiorna risolvendo il bug... secondo me beam è sparito per altri motivi, ovvero scarsa adozione. Ricordo che all'epoca la maggior parte delle persone manco sapeva della sua esistenza.

Emanuele

O magari perché buggata come con android beam

ErCipolla

Se Google fosse più sveglia avrebbe già integrato un protocollo standard di questo tipo in Android... invece ora parte la sagra della frammentazione: i cinesi con questo protocollo, allora Samsung si fa il suo, ecc.,
Va a finire che Google lo introdurrà nativo tra 2 anni per poi dismetterlo 1 anno dopo perché "l'adozione è scarsa"... eh, grazie, chissà perché -_-

Recensione LG V60 ThinQ 5G: a 899 euro con il Dual Screen cambia tutto

App Immuni è disponibile al download su Android e iOS

Recensione Samsung Galaxy A41: ha tutto, compreso un difetto

Migliori smartphone fino a 600 euro | Ecco i top 5+1 da comprare | Maggio 2020