Lo smart working ora si fa anche dall'isola di Robinson Crusoe: Lenovo cerca volontari

03 Dicembre 2021 10

Le declinazioni assunte dallo smart working nei quasi due anni di emergenza pandemica sono sempre più fantasiose e adesso lavorare da una piccola isola sperduta nell'Oceano Pacifico, a circa 650 km dal Cile Continentale, non è più mera utopia, ma una possibile (e allettante) realtà. Il fautore dell'iniziativa è Lenovo, che con Work for Humankind cerca volontari disposti a lavorare da uno degli atolli più remoti al mondo, l'Isola di Robinson Crusoe.

Nello specifico, i volontari sono chiamati a trascorrere un periodo sull'isola per svolgere mansioni di salvaguardia dell'ambiente e delle specie animali in estinzione e supportare la comunità locale attraverso progetti di recupero realizzati con l'aiuto dell'organizzazione no-profit Island Conservation. Tutto questo, svolgendo anche il proprio lavoro da remoto.

Credits: Lenovo

L'isola, il cui nome d'origine è Mas a Tierra (fu ribattezza dal Governo cileno nel 1966 per evocare il personaggio letterario ad essa collegata e attirare più turismo), si ritrova ad affrontare oggi una lunga lista di sfide, come la difficoltà d'accesso all'assistenza sanitaria e all'istruzione, la degradazione dell'habitat e i danni arrecati dalle specie invasive all'ecosistema. Nonostante gli sforzi collettivi compiuti dal governo cileno, dalla Onlus e dalla comunità locale, le criticità sono amplificate dalla precarietà del sistema di telecomunicazioni e dell'arretratezza tecnologica dell'isola. Per questo motivo, ai volontari sarà chiesto di contribuire allo sviluppo e al miglioramento della connettività dell'isola e della sua infrastruttura tecnologica. Non è un caso che una delle prospettive a lungo termine del progetto sia proprio la costruzione di un'infrastruttura che aumenti la larghezza di banda Internet ad almeno 10 Mbps.

Per agevolare lo svolgimento dell'iniziativa e permettere ai volontari di fare smart working, Lenovo metterà a loro disposizione un hub tecnologico in cui saranno presenti i dispositivi e i servizi del colosso cinese, tra cui la connettività internet ad alta velocità. Gli sforzi sono ovviamente orientati al futuro e l'intento è quello di indire un fondo per il mantenimento dell'hub anche dopo la fine del progetto.

SMART WORKING: MILLENNIAL E GEN Z LO PREFERISCONO

Uno dei moventi dell'iniziativa è il risultato di una ricerca realizzata da Lenovo, che rivela come lavoro remoto e ibrido abbiano guadagnato sempre più consenso tra le generazioni più giovani, i Millennial e la Gen Z. Ma non solo: sono molti gli studi che ne confermano il successo tra i dipendenti delle più disparate fasce d'età, al punto che la maggior parte si è detta disposta a licenziarsi se costretta a tornare in ufficio a tempo pieno.

Tra i benefici riconosciuti dello smart working compaiono il risparmio economico, maggior tempo libero e un migliore equilibrio tra il lavoro e la vita personale. Ma anche più produttività, creatività e ispirazione: fare la differenza, missione radicata nei giovanissimi, a detta loro è possibile anche e soprattutto in un luogo diverso dalla propria sede lavorativa, cogliendo l'opportunità di aiutare le comunità locali a risolvere questioni ambientali e sociali.

Quello di Lenovo è uno studio globale che ha preso a campione 15.000 persone intervistate in dieci mercati diversi e che conferma come i giovani siano disposti a cambiare scenario quotidiano pur di svolgere la loro attività lavorativa da una destinazione diversa, dando anche il loro contributo per missioni umanitarie o ambientali.

COME SI DIVENTA VOLONTARIO

Per partecipare al progetto, gli interessati dovranno inviare la loro candidatura sul sito dedicato (link in FONTE) entro il 30 dicembre 2021.


10

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Roberto

Io lo faccio già spesso.
Ho lavorato dai posti più strani.

Quello che mi porto dietro è un Realme 8i con batteria praticamente infinita che fa molto oltre le 8 ore di tethering necessarie per una giornata lavorativa.

Un Chromebook Acer Spin 513 con 8GB di RAM che fa fino a 12 ore, mai meno di 9 ore sotto carico, che copre l'intera giornata di lavoro.

Ed un monitor esterno touch portatile da 15,6".
Per questo monitor uso un Power bank da 20.000 mAh che all'occorrenza può dare un rinforzino allo smartphone o al Chromebook.

Il monitor touch esterno permette una configurazione dual head dual touch che aumenta di molto la produttività!

Se la rete 4G è stabile e con buon segnale è meglio che stare in ufficio.

Ho lavorato dal bar della spiaggia questa estate,
dal parco giochi dove ho portato il bambino,
da casa di mia madre in campagna,
da un campo sportivo in cui si giocava una partita a cui volevo assistere,
dal campo di volo per aeromodellisti dove mio fratello partecipava ad un concorso di aeromodellismo realistico riproduzioni prima guerra mondiale.

Lo Smart working è una figata soprattutto perché non sei a contatto con colleghi o capi fastidiosi. Si lavora meglio perché si è più rilassati.

Ma è negativo se invece coi colleghi hai un bel rapporto e sono anche buoni amici.
La chat le videochiamate non sono buone per i rapporti umani.

NaXter24R

Guarda, secondo me come al solto la risposta è "dipende". Conosco persone che fanno i km per andare a lavoro e non gli pesa. Io se faccio più di 15m mi sento morire dentro, e sono uno abituato a viaggiare eh, però mi sembra controproducente.
Per dirti, faccio spesso trasferte e quelle non mi pesano, perchè sono momentanee e retribuite.
In ogni caso, avere la possibilità di farlo non vuol dire farlo sempre. Io quando sono in ufficio mi trovo bene, ma non ti nascondo che avere la possibilità di lavorare da casa ogni tanto è molto ma molto bello.

Kamgusta

Perdi tutto l'insieme dell'ufficio che ha un fascino tutto suo, di cui ti accorgi quando passi mesi in casa come un eremita.
Stessa cosa della formazione, certo puoi farla anche in DaD, ma non è la stessa cosa.

T. P.

no, quello lo fornisce amazon...
naturalmente dietro congruo compenso! :)

ferragno

ti danno anche un pc?

Io io io, sono qui, sono qui!!!!

Superstar never dies

Quindi , a parte lavorare per loro dovrei fare volontariato

Il Più Antico

Essi piacerebbe pure a me che non sono né millennial ne z

Surak 2.04

Ovviamente lavorano da Lunedì a Giovedì, giusto?

NaXter24R

Sinceramente per certi lavori andare fisicamente sul posto di lavoro è inutile, e quindi si, lo smart working diventa risparmio economico e di tempo. Uno non fa avanti e indietro e non spende per mangiare fuori, carburante e altro.

Copertura 5G, a che punto siamo davvero? La nostra esperienza in città

Spotify, Apple Music e gli altri: chi vincerà sul ring dello streaming musicale?

Xiaomi 11T ufficiale con Pro, 11 Lite NE e Pad 5. PREZZI e disponibilità Italia

Internet down: migliaia di siti offline, tra cui Amazon e Twitch | Cos'è successo