Visore AR/VR di Apple: cosa sappiamo finora? I 10 rumor più insistenti | Video

30 Gennaio 2022 75

Rimani aggiornato quotidianamente sui video, approfondimenti e recensioni di HDblog. Iscriviti ora al canale Youtube, basta un Click!

Nell'ultimo anno è cresciuto esponenzialmente l'interesse dei colossi del tech nei confronti delle categorie di prodotto rivolte all'internet del futuro, considerate la chiave d'accesso al nuovo, sterminato "mondo" parallelo del metaverso (e non solo). Sebbene i primi esperimenti siano stati poco fortunati (senza fare nomi: Google Lens), non manca un po' di sana ostinazione da parte dei big del settore nel voler perfezionare la tecnologia e aggredire anche questa fetta di mercato (l'ultima indiscrezione su Mountain View lo dimostra).

Anche Apple ha più volte dimostrato di volersi addentrare nei nuovi orizzonti tecnologici dipinti dalla realtà aumentata e virtuale. La Mela morsicata avrebbe ben due progetti in cantiere che ammiccano in questa direzione: oltre agli Apple Glasses, occhiali per la realtà aumentata che sembrerebbero ancora in fase embrionale, a incuriosire analisti e utenti è soprattutto il Visore AR/VR di Cupertino, su cui si fantastica ormai da tempo. Fonti vicine all'azienda insinuano sia in progettazione da più di sette anni, eppure è soltanto negli ultimi mesi che le sue specifiche e le sue prospettive temporali hanno iniziato ad assumere contorni più definiti.

In questo articolo raccogliamo i dieci rumor più significativi circolati negli ultimi tempi sul Visore di Apple, che ci aiutano a tracciare un primo, ma ancora del tutto ipotetico, identikit del dispositivo. Vediamo quali sono.

#1 UN VISORE DI REALTÀ MISTA

Un rumor che circola insistentemente da qualche tempo, validato da fonti autorevoli come l'analista di Bloomberg Mark Gurman, riporta che quello di Apple sarà un visore di realtà mista, ovvero un'ibridazione tra la realtà aumentata e quella virtuale. Questo significa che il dispositivo supporterà entrambe le funzionalità e combinerà contenuti del mondo reale con quelli del mondo virtuale, in uno spazio cui gli oggetti fisici e digitali saranno visualizzati congiuntamente e con cui sarà possibile interagire all'unisono. Dal punto di vista delle funzionalità, quello che ne deriva, almeno secondo l'immaginazione di molti, è una sorta di sintesi in stile Apple dei quasi scomparsi Google Glass, indossabili di realtà aumentata, e del visore di realtà virtuale Oculus.

#2 LONTANO DAL METAVERSO

Il visore della Mela non farà il verso - anzi, il metaverso - al progetto di Mark Zuckerberg e non inseguirà, quindi, gli altri big nella corsa ai nuovi confini del cyberspazio esplosa negli ultimi mesi.

Il dispositivo sarà al contrario deputato alla multimedialità in senso lato: le sue funzionalità saranno incentrate sul gaming, sulla fruizione dei contenuti e sulla comunicazione, il tutto condito da un approccio inedito rispetto a quanto proposto finora dalla Mela. Niente avatar, ologrammi ed escursioni nella realtà virtuale alla Second Life, quindi: il device potrebbe più verosimilmente essere utilizzato per attività che si svolgono quotidianamente con PC e smartphone, ma in modo ancora più immersivo, completo e interattivo.

E la destinazione d'uso? Non è ancora chiaro il target cui si rivolge il progetto; c'è chi ipotizza sia destinato ai professionisti, c'è chi lo immagina un prodotto per il consumo di massa.

#3 IL DESIGN

Sono moltissimi i rendering in circolazione sul web che mostrano le prime fattezze del visore di Apple, rivelando una certa somiglianza con altri visori di realtà virtuale e aumentata presenti sul mercato (uno fra tutti, Oculus Quest di Facebook), sebbene il marchio di fabbrica della Mela spicchi vivido e distinguibile.

Da quel che emerge, l'indossabile di Apple sembrerebbe a colpo d'occhio una sorta di maschera da sci hi-tech: la visiera curva, che si adagia al viso tramite un'imbottitura rivestita da un materiale a rete, si salda al capo dell'utente grazie a fascette intercambiabili che ricordano il cinturino di Apple Watch.

Tra i suoi punti di forza ci sarebbero anche la compattezza e la leggerezza: i primi prototipi dovrebbero pesare intorno ai 200/300 grammi, ma l’obiettivo di Cupertino è portare il prodotto finale al peso di 100/200 grammi, che gli consegnerebbe lo scettro di visore più leggero del comparto.

#4 LE SPECIFICHE HARDWARE

C'è grande attesa attorno alle specifiche hardware del visore: le ultime indiscrezioni suggeriscono che si tratterà di un dispositivo davvero performante. Si parla, innanzitutto, di due processori: un chipset da 5 nm e uno da 4 nm, entrambi a marchio TSMC. Quello di fascia alta potrebbe addirittura essere il chip Apple Silicon M1 Pro, già presente su MacBook Pro del 2021, oppure un suo analogo sviluppato ad hoc. Il processore di fascia bassa dovrebbe, invece, gestire i numerosi sensori.

Alcuni analisti fidati, come Ross Young di DSCC, ipotizzano che il visore avrà addirittura tre display: due micro OLED 4K ad alta risoluzione e un terzo AMOLED dallo scopo ancora ignoto. Quindici i (presunti) sensori ottici, tra cui fotocamere per tracciare il movimento degli occhi e delle mani e videocamere per la mappatura dell’ambiente e la proiezione di esperienze visive. Gli audiofili esulteranno, perché al visore non mancherà una tecnologia audio particolarmente avanzata (si parla di audio spaziale come Airpods Pro). L’alimentatore, invece, potrebbe essere l’USB-C da 96 W che viene incluso con il MacBook Pro da 14 pollici.

#5 APP STORE E OS DEDICATI

Un altro rumor rimbalzato da una testata all'altra, sapientemente riportato dagli analisti più fidati, riguarda il presunto sviluppo di un sistema operativo e di un App Store dedicati. Il primo dovrebbe chiamarsi rOS, che sta per Reality Operating System, mentre il secondo potrebbe essere stato ideato per giochi, lo streaming video e le videoconferenze.

#6 PROBLEMI LEGATI ALL'HARDWARE E AL SOFTWARE

Che il parto del nuovo, attesissimo pargolo della Mela non possa prescindere da un lungo travaglio è ormai risaputo (si parla addirittura di conflitti nati all'interno dell'azienda). A complicare ulteriormente i fatti sarebbero alcuni imprevisti legati al suo sviluppo, in particolare complicazioni relative all'hardware, al software e alle fotocamere, che ne starebbero provocando il rallentamento.

Le grane riguarderebbero anzitutto lo smaltimento del calore, perché a quanto pare il visore sarebbe soggetto a surriscaldamento (la colpa andrebbe attribuita proprio al chip M1 Pro). Anche lo sviluppo di iOS 16, il software con nome in codice "Sydney" che dovrebbe supportare il visore, starebbe dando del filo da torcere agli oltre 2000 dipendenti impegnati sul progetto.

Come se non bastasse, un altro tassello problematico di questo nuovo, avveniristico puzzle della Mela sarebbero anche le numerose fotocamere che andranno a corredarlo, la cui produzione - in capo a LG Innotek - dovrebbe tuttavia essere avviata già in questi mesi.

#7 IL NOME

Il nome in codice del progetto che si bisbiglia per i corridoi di Cupertino è N301, ma quale sarà il vero nome del visore? Secondo Mark Gurman, il dispositivo potrebbe potrebbe chiamarsi Apple Vision, Apple Reality, Apple Sight o direttamente iSigh, Apple Lens o Apple Googgles.

#8 IL PREZZO

Il prezzo del visore AR/VR della Mela è uno dei punti su cui si è concentrato gran parte del chiacchiericcio, mosso dal timore che un dispositivo di tale portata potesse sfiorare cifre stellare. Inizialmente si parlava di 3000 dollari, ma nelle ultime settimane si vocifera che il costo definitivo sia di poco superiore ai 2000 dollari, una cifra tutto sommato accettabile (ma pur sempre non indifferente) considerando il posizionamento commerciale del brand, i costi di sviluppo e il valore della componentistica del device.

Le ambizioni di vendita della Mela, secondo Gurman, sarebbero tuttavia modeste: fonti interne all'azienda avrebbero ipotizzato la vendita di un dispositivo al giorno per singolo Apple Store. Considerando che nel mondo ci sono circa 500 punti vendita della Mela, si tratterebbe di un totale di 150.000 unità vendute all'anno.

#9 LA DATA DI USCITA

Anche sulla data di rilascio si è dibattuto a lungo: le voci in principio avevano eletto il 2022 come l'anno del lancio ufficiale del visore AR/VR della Mela, annunciato dal palco del WWDC di giugno. Tuttavia, i problemi tecnici riscontrati in fase di sviluppo ne avrebbero rallentato il corso, portando a un inevitabile slittamento al prossimo anno. Salvo ulteriori imprevisti, il visore potrebbe quindi verosimilmente debuttare nel 2023.

#10 VISIONE FUTURA

Anche se la maggioranza - primo fra tutti l'analista Min-Chi Kuo - sottolinea che il visore debutterà sul mercato come dispositivo standalone, alcuni sostengono che il suo destino, almeno per quanto riguarda le primissime generazioni, sia ancora strettamente legato a quello di iPhone. Eppure, l'intento finale di Cupertino sarebbe non solo quello di farlo funzionare in totale autonomia rispetto a qualsiasi altro dispositivo, ma di consacrarlo a presunto, futuro sostituto dello stesso iPhone.

VIDEO

Il Samsung più equilibrato? Samsung Galaxy A52 5G, in offerta oggi da Phone2go a 249 euro oppure da Amazon a 389 euro.

75

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
lucas

Se lo vendono a 2000 euro l'unico modo per renderlo popolare è che sia il sostituto del pc, specialmente se ci mettono l'm1. Apple potrebbe anche sviluppare una tastiera virtuale e comandi virtuali ad hoc. Già mi immagino programmi di montaggio video con tutti i parametri regolabili con un gesto della mano tamite rotelle virtuali, slide etc.
Fare ricette guidate: mentre cucini ti fa vedere lo step successivo solo quando finisci quello precedente.
I vari architetti che scannerizzano la casa con la lidar montata sul visore e arredano la casa in tempo reale sul posto...
Le possibilità ci sono se sviluppano un visore con la potenza di un pc.
Se i visori saranno relegati al gaming o non se li filerà nessuno.

Pippo

E' vero e la mia pippa attuale è bionda, alta 1,75 e piena di soldi.

ahahhahah e allora perchè scassi le gonadi con sta storia ogni volta?

comatrix

Non son un "Consolaro", smesso all'epoca della PS1, mia ultima Console, quando ho scoperto le possibilità di un computer

in pratica stai affermando che la tua prossima console sarà una xbox.

comatrix

Certo che è realizzabile, se hai esclusive e è già stato messo in atto in passato

Alessandro De Filippo

Già tutti piegati sullo schermo.. figuriamoci con i visori ..a girovagare x casa o dove ..ma almeno ti fa capire"" ..la distanza esatta..da un oggetto..oppure tu lo vedi vicino ..ma quest'oggetto dista a 2 metri? comunque x me oggetto inutile.

Alessandro De Filippo

Tutti con le "maschere" da sub .. ahahah stile Matrix ..o quasi..che minchiate sti visori.

Sheldon Cooper

Ma è vero che Pippo si fa le Pippe?

il Gorilla con gli Occhiali

Come al solito sono sempre gli ultimi a far uscire un prodotto già esistente, una scopiazzatina qua e la degli altri visori e poi a dire che quello loro è magico.

Aster

Sarebbe ottimo ma si spreca spazio e porte

matteventu

Non avrebbe senso MagSafe?

Pistacchio

non esistono giochi system seller a parte quelli multipiattaforma (GTA, CoD, Battlefield, fifa, F1, altri titoli sportivi).
una volta che hai capito ciò puoi essere in grado di capire che gli studi di sviluppo first party di chi produce console hanno avuto un a aumento del tempo di sviluppo di qualsiasi gioco (un GoW richiede mediamente 4 anni e mezzo di sviluppo e la stessa cosa vale anche per un Halo o un Gears of War)
ragion per cui per avere dei nuovi giochi al lancio
o compri studi di supporto che aiutino nello sviluppo di giochi current gen e/o next gen contemporaneamente
o compri interi publisher (come sta facendo MS) ed IP da sfruttare su una nuova console.

esempio massimo:
soffermiamoci solo su Bethesda...
fallout 3 è del 2008 uscito sulle stesse console di sopra.
l'ultimo elder scrolls è Skyrim, anno 2011 è uscito su PS3, xbox e PC
fallout 4 è del 2015.
Starfield è in cantiere da 20 anni (Venti!!!!), uscirà su xbox Serie X|S e PC nel 2022.

ora se sei bravo in matematica forse capisci che quello che chiedi
NON è realizzabile.

ZiuZiu

quando si parla del nulla e solo perchè è apple bisogna parlarne! Mal di testaaa

Roberto

A cosa dobbiamo il nuovo trend delle copertine dei video? ”Me contro te”?

NULL
MatitaNera

Ragazzi?

Pippo

Dai ridicolo togli quel nome e la foto dell'avatar che offendi il personaggio con i tuoi commenti no brain.

Alexander
DesignUtopia

Se un'azienda vuole fare un laptop da 5mm di spessore ed Intel fornisce esclusivamente belve che vanno costantemente tenute sotto i 90 gradi capisci che i piani vanno a rotoli... Il redesign dell'iMac non sarebbe stato possibile con Alder Lake.

Pistacchio
salvatore esposito

quindi se un soc scalda è perché non è fatto tutto in casa... capisco

GeneralZod

A te non la si fa mica.

comatrix

Sono quasi 30 anni che esistono le Console, sarebbe anche ora di far uscire una decina di titoli al lancio della nuova mettendosi d'accordo con gli studi di produzione.
Infine, se continua così, quando usciranno i giochi, cioè la vera ciccia,, la nuova Console Net Gen potrebbe essere lanciata ^^
Non diciamo più eresie per favore, questa storia deve finire che uno acquista una Console e poi per poterne davvero usufruire deve aspettare 2/3 anni, allora la si acquista in quel momento e non prima (e pensa che la PS4 sta continuando ad essere ancora costruita, assurdo)

DesignUtopia

No, ma il dover progettare un dispositivo "alla cieca" perché nel frattempo il partner sta lavorando al SoC limita le tue possibilità, vedi il pasticcio termico che erano i Mac Intel.

salvatore esposito
DesignUtopia

Se quello in commercio è al livello di Google Glass o di nicchia come Hololens, ci vuole poco ad inventare l'AR.

DesignUtopia

Come il fallimento totale di Google Glass insegna, no.

Liam McPoyle

https://uploads.disquscdn.c... @egidiangelo

salvatore esposito
Davide

AR d'altronde sta per Apple Reality, è risaputo

salvatore esposito

allora fino al 2035 c'è tempo, avrà bisogno che qualche produttore riesca a farli in quel modo altrimenti Apple non riuscirà ad inventarli

CAIO MARIOZ

Sarebbe utile un occhiale AR, così da sostituire l’iPhone…che secondo me sparirà entro il 2035, un po’ come le auto a combustione.

GeneralZod

Per quanto ne sappiamo potrebbero essere simili a normalissimi occhiali da vista.

salvatore esposito

basta leggere i commenti di qualche fanboy per scoprire che è già troppo tardi per quello

salvatore esposito

già ti vedo a girare per strada con quei così pagati probabilmente ben oltre i 1000€

GeneralZod
Visore AR/VR di Apple: cosa sappiamo finora?


Una beata... nulla.

GeneralZod

Sarà un dispositivo AR dove i contenuti sono notifiche, indicazioni stradali, musica, meteo ecc.

GeneralZod

E come sempre servirà veramente a qualcosa, coprirà casi d'uso reali e sarà realmente in commercio. Ma sì, esistevano già da un pezzo...

vedi PS5, Xbox e via dicendo, Console Next Gen ma di giochi Next Gen validi si contano sulle dita di una mano e ancora

ricordato che flight simulator è next gen, vorrei aggiungere per l'ennesima volta che nessuna console next gen storicamente ha avuto al lancio un parco titoli solo next gen specialmente se la console di vecchia generazione aveva macinato numeri importanti, tu però puoi continuare a lamentarti, tanto lo scriverai nuovamente sotto altri articoli che parlano di giochi

sono troppo impegnati a farsi i segh1ni sulle auto elettriche, sulla prossima roccia spaziale avvistata a chissà quanti anni luce e a preparare articoli sulla prossima app che ti paga se scorreggi nel microfono

Andredory

“ Le novità vanno introdotte da usando conviene economicamente e per marketing, dopotutto. “
*Fixed

Andredory

Più che altro se lo usi a casa come fai a sfoggiare il marchio in bella vista se non lo vede nessuno? Oggetto inutile…

Pistacchio
Pistacchio
Pistacchio
Pistacchio
Pistacchio
salvatore esposito

ricordiamo che se mai questo prodotto uscirà, Apple avrà inventato i visori AR/VR ma anche la A, la R e la V. poco importa se in commercio esistono già

Scienza

Perseverance, il rover messo a dura prova da rocce friabili | Aggiornamenti da Marte

Tecnologia

Il deepfake audio tra genio, follia e... Alexa che guarda all'aldilà

Economia e mercato

Criptovalute e Web3 spiegati a gesti: Binance si affida al re social Khaby Lame

Articolo

Netflix, tutte le novità in arrivo a luglio 2022