Amazon Echo Buds 2: migliorate, ma c'è ancora margine | Video recensione

13 Marzo 2022 57

Rimani aggiornato quotidianamente sui video, approfondimenti e recensioni di HDblog. Iscriviti ora al canale Youtube, basta un Click!

A quasi un anno dall'annuncio a livello globale, Amazon ha deciso di portare in Italia i propri Echo Buds di seconda generazione, cioè le cuffie true wireless caratterizzate dall'integrazione con Alexa.

Rispetto alla prima generazione, che in Italia non era mai arrivata - ma che noi avevamo recuperato negli Stati Uniti - promettono di migliorare sotto diversi aspetti basandosi sui feedback condivisi dagli utenti, a partire dalle dimensioni e dalla comodità per arrivare alla presenza della vetusta porta microUSB per la ricarica, senza dimenticare la qualità della riproduzione musicale.

Senz'altro dei miglioramenti ci sono stati, ma il prezzo di listino che le vede partire da 119 euro per la versione senza ricarica wireless rende loro difficile inserirsi in un segmento di mercato particolarmente competitivo, popolato da parecchie altre alternative molto valide. Ecco qui la recensione al netto di qualche giorno di utilizzo.

INDICE

DESIGN CONSERVATIVO, SENSAZIONE CHEAP

Se mi avessero chiesto di immaginare delle cuffiette true wireless a marchio Amazon me le sarei figurate proprio come queste Echo Buds 2, perché riprendono le finiture e la filosofia degli accessori Amazon Basics, che puntano al pragmatismo e non certo all'estetica. E infatti è questa la sensazione che si ha fin dalla custodia, realizzata in plastica nera dalla finitura opaca, non particolarmente premium, che però ha il vantaggio di essere meno prona ai graffi rispetto a una finitura lucida.

La forma non è delle più ergonomiche da infilare in tasca, sul fondo c'è il classico logo Amazon e sul retro, in maniera pratica ma non particolarmente elegante visto che è decentrata, la presa USB-C e il tastino per l'accoppiamento Bluetooth. La cerniera del coperchio dà la sensazione di essere un po' ballerina, e una volta sollevata mostra l'interno bicolore grigio scuro e nero dall'aspetto non particolarmente attuale.

Anche gli auricolari hanno un design conservativo, ma in compenso sono abbastanza leggeri (si parla di 5,7g) e comodi: li ho indossati per due / tre ore di fila senza riscontrare particolari fastidi, e questo anche perché hanno una dotazione di accessori dedicati a trovare il fit ideale.

Nella confezione realizzata con materiali provenienti da fonti sostenibili ci sono infatti, oltre ai gommini di quattro misure diverse, anche tre coppie di inserti con alette che si infilano sugli auricolari per migliorarne la tenuta durante l'attività fisica e l'isolamento dai rumori esterni; funzionano bene, come dimostra anche il test di indossabilità presente nell'app, e una volta trovata la combinazione giusta rimangono fissi al loro posto.

Per quanto riguarda le certificazioni c'è una IPX4 contro gli schizzi d'acqua che riguarda solo gli auricolari, quindi bene gli allenamenti sudati o sotto la pioggia, mentre ovviamente non è il caso di portarseli a fare un tuffo in piscina.

TUTTO RUOTA INTORNO ALL'APP DI ALEXA

La cosa particolare di queste Echo Buds è che, essendo associate ad Amazon, si gestiscono tramite l'app Alexa, compatibile sia con Android che iOS. Quindi per associarle bisogna aggiungerle come un qualsiasi altro dispositivo compatibile, cliccando sul + in alto a destra, proprio come si farebbe con una lampadina Hue o con un Echo Dot.

Una volta effettuato l'accoppiamento, nella Home della app Alexa compare una sezione dedicata alle cuffie con indicazioni sullo stato di carica, possibilità di attivare l'ANC o la modalità Ambientale, lanciare un allenamento e spegnere o accendere il microfono. Quest'ultima funzione è particolarmente curiosa: non l'ho mai vista su nessun altra cuffia, ed è il corrispettivo del pulsante fisico che permette di gestire il microfono sui vari dispositivi Echo per la casa.

Cliccando sulla rotellina delle impostazioni si accede al menù, la cui grafica potrebbe essere più chiara, dove si può attivare il risparmio energetico, il controllo del rumore ambientale, Alexa a mani libere (che permette di evocarla semplicemente con la voce), ma anche gestire i controlli touch disattivandoli o personalizzando la pressione prolungata. I controlli funzionano bene, sono molto reattivi, e l'impostazione di default prevede:

  • un tocco per pausa/riproduzione
  • due tocchi per il brano successivo o rispondere / chiudere le chiamate
  • tre tocchi per il brano precedente
  • una pressione prolungata per passare da modalità ANC a quella ambientale (in alternativa si può configurare per il volume o per altri assistenti vocali; peccato dover sacrificare il controllo del volume all'ANC).

L'app comprende anche un equalizzatore molto basico che permette di settare un'unica modalità per bassi, medi e alti, e c'è anche una funzionalità per trovare le cuffie geolocalizzandole oppure facendole suonare, che di solito è una funzionalità abbastanza premium.

Peccato manchi invece la connessione multipoint, che avrebbe permesso di collegare gli auricolari a due dispositivi contemporaneamente senza dover effettuare manualmente lo switch. Altro elemento che mi ha lasciata perplessa è la tendina che compare tra le notifiche dello smartphone per comunicare che è stato connesso un dispositivo compatibile con Alexa, e con la quale tuttavia non si può interagire in alcun modo.

Quindi, quali sono le differenze rispetto a un paio di auricolari che supportano Alexa, come ad esempio i Technics AZ60 che avevo sottomano? Non tantissime in realtà: la differenza principale è che la gestione degli Echo Buds tramite app Alexa permette di evocarla "a mani libere" e quindi semplicemente con la voce, permettendo un'interazione semplificata con tutto l'ecosistema Alexa; poi ci sono alcune particolarità come la modalità Workout che permette di iniziare un allenamento chiedendo conto ad Alexa di informazioni come il proprio ritmo o la distanza percorsa.

SUONO NELLA MEDIA, BENE L'ANC

L'audio in chiamata è soddisfacente, sia per chi usa le cuffie che per l'interlocutore dall'altra parte della cornetta: i tre microfoni presenti sugli auricolari catturano la voce in maniera efficace anche in situazioni mediamente rumorose, mentre la riproduzione musicale è nella media, senza infamia e senza lode.

Su Shine on you crazy diamond dei Pink Floyd, che uso in genere per questi test, il driver dinamico da 5,7 mm restituisce uno scenario sonoro non particolarmente avvolgente ma equilibrato - e quest'ultima cosa è un pregio, perché non cade nel facile stratagemma di pompare i bassi come fanno molte cuffie di fascia bassa per restituire un’impressione di qualità - ma la resa generale, soprattutto dei medi e degli alti, è un po’ metallica. Insomma, bene per ascoltare musica on the go, ma ovviamente non si parla di HiFi, anche se la cancellazione del rumore attiva funziona bene e il volume massimo è di tutto rispetto.

A proposito di ANC, la cancellazione del rumore è di buona qualità, direi un 7/10 - dove il 10 sono le Galaxy Buds Pro che al momento rimangono un riferimento per l'ANC delle cuffiette true wireless - con particolare efficacia sulle frequenze basse e sui suoni continui come quello del treno o dell’aereo; risulta più lieve invece sui suoni da ufficio come ad esempio le voci. Presente anche una modalità trasparenza che è nella media.

DUE ALTERNATIVE PER LA RICARICA

L'autonomia dichiarata è di 5 ore di ascolto con ANC e Alexa a mani libere attiva, che diventano 15 ore in totale con la custodia di ricarica, o 6 ore e mezza di ascolto senza ANC e 19,5 ore con la custodia. Devo dire che secondo la mia esperienza questi dati sono leggermente sovrastimati, il che significa che l'autonomia non è tra le migliori sul mercato. Meglio avere sempre a portata di mano la custodia in cui riporre gli auricolari, perché almeno la ricarica è molto veloce: bastano 15 minuti per avere due ore di riproduzione musicale.

A proposito di ricarica, Amazon ha introdotto una curiosa doppia possibilità, vendendo due diversi tipi di Echo Buds che si differenziano per la modalità di ricarica: c'è una versione base con ricarica solo con USB-C al prezzo di 119 euro e una versione con supporto alla ricarica wireless a 139 euro che però non comprende la basetta; se non ne avete già una casa potete acquistarne una a parte realizzata appositamente da Anker e disponibile su Amazon.

PREZZO E CONCLUSIONI

In conclusione, le nuove Echo Buds di seconda generazione sono già in vendita su Amazon e sono disponibili in due colori, bianco o nero, come le protagoniste di questa recensione.

Ritengo che i prezzi di listino sopra riportati siano un po' alti rispetto alla qualità del servizio offerto, anche perché ci sono diverse alternative sul mercato che allo stesso prezzo se non meno vantano migliori performance e un design più curato, come ad esempio le Huawei Freebuds 4i (qui la recensione) al momento a 59 euro o le ottime Samsung Galaxy Buds 2 (recensione) a 94 euro restando sulle in-ear.

Quindi il consiglio è di acquistarle nel caso in cui arrivino a uno street price veramente vantaggioso, oppure nell'ambito di qualche offerta come quella di lancio, che permetteva di preordinarle a partire da 79 euro.

VIDEO

BUONA ANCBUONE CHIAMATERICARICA WIRELESS E RAPIDA
DESIGN BASIC, MATERIALI ECONOMICIPREZZO ELEVATO

57

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Piolo

Guarda e' vero :)

Piolo

E' Barilla che ci sta :)

77fabio

Io le sto usando da un paio di settimane e mi trovo bene, l'audio non lo trovo male per la fascia di prezzo, in chiamata si sentono bene, non cadono e dietro c'è il supporto di amazon (resi, assistenza post vendita e già ricevuto un aggiornamento software). Soppressione del rumore così così ma devo ancora provarli in aereo-treno dove davvero serve per farmi un quadro completo. Per il prezzo di preordine (79 euro) non credo di poter trovare di meglio, probabilmente non le prenderei a 119 ma basta aspettare i vari sconti ciclici...

Researchspace

Si a quelle cifre e un po' difficile a trovare il connubio sound/chiamate veramente buono sempre se non trovare prodotti scontati... conosco le 1MORE ComfoBuds Pro a parte equalizzatore integrato che è disponibile solamente nella versione speciale per il resto sono veramente molto valide.
E in molti casi la opinione che possono valere un tot. e quasi sempre retribuita al marchio..
Comunque dai 100€ in giù e non solo questi prodotti avranno sempre qualche pecca, chi ha un buon sound ma mediocri microfoni, chi viceversa, chi non ha equalizzatore integrato o una mancanza di un app. dedicata ecc...

kedwir

Prova le Earfun, costano meno, suonano divinamente e hanno una buona cancellazione del rumore.

Pooh Teen

Da me ci sta eccome!
Perchè costa talmente tanto che nessuno la compra :)

Pooh Teen

Daverio???!
Aspè che ci guardo :)

daniele

Ma chi prende ste cose? Con le buds pro allo stesso prezzo ( per fare un esempio)

Ngamer

senza infamia senza lode , pero il prezzo è abbastanza alto .
pls evitate di ripetere troppe volte alexa nelle recensioni

mttm

Fossero state ancora in sconto (fino a settimana scorsa erano a 77€) ti avrei detto le soundcore liberty air 2 pro.. ottime in chiamata e nella soppressione del rumore durante le chiamate. Oltre a suonare decisamente bene per quel che costano

Diu7

per quelli che dicono che valgono 50 euro o meno. mi trovate delle cuffie tw con una soppressione del rumore come queste, anche a meno di 100 euro?
Se guardate le recensioni obbiettive, fatte con test obbiettivi con microfoni per misurare la differenza fra ingresso ed uscita, queste cuffie non sfigurano affatto. ovviamente non metto il link ma è un sito americano che fa questi test.
Non test fatti dai soliti youtuber della domenica basati sulle loro impressioni.
Riguardo la qualità sonora, rimangono delle tw quindi è mediocre come tutte le altre, ma già che propongono un equalizzatore integrato, per quanto basico, è già apprezzabile.

Massi

Prese a 79 in preorder. Non ho esperienza con cuffie costose, ho solo delle aukey da 20 euro (che hanno un volume max maggiore). La qualità audio non mi sembra male. Le ho prese perché mi servono delle cuffie che mi permettano di usarle per correre, ma non restare con isolamento attivo. Se ci sono alternative allo stesso prezzo o meno, ascolto consigli.

Fabrizio

Si, anche a me. Cerco altre recensioni delle Soundcore p2, poi prenderò una decisione.

Piolo

Alexa e' anche disponibile su MS Store.
E' tutto vero :D

Piolo

Infatti e' troppo grande le Echoscopio 2.0.

Piolo

Infatti nei supermercati pasta nun ci sta piu'.

fabiman92

In mezzo agli stolti che invece di stare zitti sparano trottole non è facile.

Superstar never dies

Secondo me freebuds pro a 90 sarebbe il meglio che potresti prendere. Ma attendo conferma dai sapientoni (90 qualche volta dalla pagina ufficiale di huawei)

Superstar never dies

Stai calmo. Poverino

fabiman92

E te sei cieco pesante, che metti in bocca cose che non ho mai scritto e non c’entrano nulla. Sei capace a commentare come i cristiani? Ho cuffie Bluetooth più economiche delle buds che suonano meglio o almeno più vicino al normale. Perciò le ho sconsigliate. E ho preso per non avere problemi le pro. Che come isolamento sono ottime e riesco ad ascoltare ciò che mi serve quindi per me valgono quei pochi euro in più delle fasce economiche.

matteventu

Diciamo che potrebbero anche funzionare, ma queste sono molto evidentemente per un utente che userebbe Alexa.

Se l'integrazione con Alexa non è motivo d'acquisto, ci sono alternative decisamente più valide.

saetta

forse

piervittorio

Oddio, se come modello di riferimento per la qualità audio ti basi sulle Airpods Pro, direi che se non sei sordo poco ci manca.
Il punto è che queste, nella loro fascia di prezzo (lo street price è nell'ordine degli 80 euro) sono un buon prodotto, ma devono fare i conti con prodotti migliori (ad esempio la gamma freebuds di Huawei, che parte da 60 euro...), esattamente come le Airopods Pro nella loro fascia di prezzo devono fare i conti con molti competitor, quasi tutti meglio, e di molto, delle Airpods Pro, che per costare 200 euro, sono piuttosto scarse.
Paragoni poi con cuffie wired, senza riduzione del rumore, non hanno alcun senso.

Pooh Teen

Basta che installi l'app Alexa dal Microsoft Store.
Ahahah ci avevi creduto vero? :)

Pooh Teen

Le Echoscopio 2.

Pooh Teen

Ma risparmiateli per quando non avremo neanche i soldi per mangiare.

Researchspace

A quella cifra e difficile trovare il connubio sound/chiamate veramente buono.. ti avrei consigliato le 1MORE ComfoBuds Pro che hanno 3 più che buoni microfoni per singola cuffia che fino ad una settimana fa le trovavi a poco più di 60 euro su Amazon.. adesso che il venditore non e più 1MORE e spedizione Amazon ma lo stesso Amazon sono salite a 80/90 euro..
Per quanto riguarda le freebuds 4i ne ho sentito palar bene per rapporto qualità prezzo..

Mattia Cavallo

Sì stessa mia situazione. Diciamo che dalle varie review le huawei mi stanno convicendo per comodità, qualità dei microfoni in chiamata e durata della batteria. La qualità della riproduzione audio sembra buona per il prezzo e anche l'anc pare decente.

fabiman92
fabiman92

Discorso generico come dire abito nel pianeta terra.

Andredory

Hai ragione te allora, consiglierò di prendere le AirPods Pro a chi lavora con l’audio dicendogli di buttare via le loro cuffie ed impianti da svariate migliaia di € e che tanto il loro udito non va sotto ai 20hz e sopra ai 20.000hz.

fabiman92

Secondo te il problema qua è la compressione Bluetooth o qualità cuffie? Poi lo sai che l’orecchio non va oltre i 20milahertz? Le cuffie se fatte bene suonano come devono. Il prezzo è relativo. Ho cuffie Bluetooth da 50 euro che suonano meglio delle buds che costano il doppio. Poi è ovvio che è facile trovare prodotti scadenti Bluetooth rispetto al filo che è piu semplice. Perciò invece di sparare cose a caso su argomentazioni che non c’entrano un tubo rifletti.

Andredory

Insomma ha ragione lui perché ha speso 200€ per le AirPods Pro che sono le migliori cuffie Bluetooth sul mercato dopo le AirPods Max ovviamente, molto meglio di quelle professionali da minimo 1000€. Infatti i produttori di musica e chi ci lavora con l’audio usa le AirPods… Mah, che cosa si fa per proteggere il proprio acquisto, come se venisse in tasca qualcosa…

Andredory

Ah non è un problema del Bluetooth? Hahaha, sai vero che tramite Bluetooth c’è una compressione dei dati che va ad influire sulla qualità dell’audio in modo negativo vero? E sai che spesso, se non sempre, il Bluetooth va a tagliare la risposta in frequenza? (Tipo le Sony Hear on 2 mini che ho in modalità Bluetooth passano da 5-40.000 hz a 20-20.000 hz a meno che tu abbia LDAC, per cui devi soddisfare determinate caratteristiche per averlo, con cui puoi recuperare parte delle frequenze arrivando a 20-40.000hz).

ondaflex

Varranno forse 50 euro

Fabrizio

Anch'io stavo valutando la possibilità di acquistare delle tws a circa la stessa spesa e anche a me le Huawei Freebuds 4i sembravano le migliori per rapporto qualità prezzo. Le ha un mio amico e ci si trova benissimo. Oppure le Anker Soundcore Liberty P2 che erano molto valide. Ho visto anche altri modelli molto quotati tra i modelli economici che si trovano su Amazon, anche ben valutate da recensori e blogger, come le Tronsmart ace o le Bluedio, però non vorrei ripetere la stessa esperienza delle mie attuali BC Master che dopo un anno stanno dando vari difetti.

Andredory

Le cuffie senza filo sono molto peggio a parità di prezzo rispetto a quelle con filo e non solo, anche costando più del doppio spesso sono molto peggio. Ma è anche naturale che sia così. Comprai delle Freebuds Pro (di cui feci il reso immediatamente) un annetto fa se non di più, cuffie pagate 130€ in offerta (di listino penso che stavano intorno ai 200€) e suonavano molto peggio delle mie attuali cuffie cablate Sony Ex 650 AP pagate 35€ in offerta, 70 di listino. Ed erano cuffie uscite nel 2014. Ma questa cosa non è vera perché lo dico io e perché ho provato un paio di wireless di fascia alta, ma è matematico che sia così dal momento che le cuffie wireless hanno molti altri chip e la batteria all’interno e quindi la qualità del suono per forza di cose è inferiore, oltre al fatto che hanno pure lo scatolino che anche quello è un costo.
Secondo me le cuffie wireless soprattutto in ear sono solo una moda con cui si fanno pesantissimi compromessi lato qualità audio, microfoni, durabilità e rapporto qualità/prezzo. E questa cosa purtroppo colpisce anche chi come me è interessato solo alle cablate dato che i produttori si concentrano di più solo sulle wireless e non sulle cablate in quanto vendono di più e si cambiano molto più spesso. Tant’è che le Sony del 2014 citate poco fa ad oggi, che io sappia, non hanno ancora visto un successore.

77fabio

Guarda che normalmente le cuffie con il filo suonano meglio di quelle wireless perché c'è molta meno elettronica in mezzo quindi è più facile "farle suonare bene"... Poche idee ma confuse...

fabiman92

È questo il problema. Non ha senso il discorso. Se l’audio si sente male è un problema del produttore non del Bluetooth. Questi discorsi valgono quando si parla di cuffie buone non scadenti. Dovete sapere come funzionano le cose prima di sparare a vuoto.

ddavv

Quello che voleva dire è: prendi due modelli identici per driver, progettazione, tutto eccetto che uno è BT e l'altro è col filo. Non si sentiranno alla stessa maniera, gli auricolari col filo sono avvantaggiati, perchè evitano il passaggio via BT.

fabiman92

Anche tu con problemi dissociativi? Stiamo parlando del confronto tra cuffie da 300 euro over ear o cuffiette economiche dove il limite non arriva con il filo ma dalla qualità del driver e progettazione. Mi sa che lo leggi tu topolino per scrivere senza cognizione di causa.

domingo

Che il filo non centri con la qualità dove lo hai letto, su topolino?

Juza

Bisognerebbe vedere come interagisce l'app di alexa per windows

Juza

Se non ti dispiace il design open fit secondo me non sono male le freebuds 3, magari si trovano ancora da qualche parte in offerta. L'audio non è male anche se logicamente un po' scarso sui bassi.

Juza

Curiosità legittima ma ,secondo me, queste sono cuffie da comprare se si cerca la massima integrazione con alexa

Tiwi

prova con le varie huawei freebuds con la "i"

Tiwi

a questo prezzo direi proprio no

fabiman92

Hai le idee confuse. 120 euro non sono pochi e se suonano peggio di cuffie col filo da 25 euro è grave oltre a cuffie Bluetooth più economiche. E il filo non c’entra con la qualità. Le airpods le ho prese a 199 tanto vale soldi ben spesi che soldi buttati.

comatrix

La stessa domanda che avrei fatto io, ma nella recensione non mi pare d'aver udito tale risposta a meno che non abbia mancato qualcosa, nel caso credo venia, credo però che sia stato fatto apposta, se rendo l'idea...

Andredory

Sono delle cuffie wireless, ovvio che l’audio è pessimo confrontate a delle cuffie con cavo che costano una frazione.
Ma non mi dire, le AirPods Pro da 280€ di listino suonano meglio di queste che ne costano 120, non ci avrei scommesso neanche una lira…

Windows

Recensione Medion Erazer Major X10: sfida alla RTX 3060 con Intel ARC A730M | VIDEO

Tecnologia

Samsung con gli S23 chiude il cerchio, caos Netflix sulle password | HDrewind 5

Alta definizione

Recensione TV Sony OLED A95K: il mix perfetto di QD-OLED ed elettronica al top!

Android

Galaxy S23 Ultra vs S22 Ultra: le differenze da sapere e le prime impressioni