Recensione Cuffie LG Tone Free FN4 e FN6: comode, audio ok e si auto-sterilizzano

30 Luglio 2020 76

Rimani aggiornato quotidianamente sui video, approfondimenti e recensioni di HDblog. Iscriviti ora al canale Youtube, basta un Click!

LG Tone Free sono arrivate da pochissimo in Italia e cercano di farsi spazio in un mercato che è ormai diventando molto competitivo, specialmente nella fascia di prezzo tra i 100 e i 150 euro. La casa coreana ha però in serbo alcuni assi da giocare che potrebbero convincere numerosi utenti a scegliere questi auricolari al posto di altri. Primo tra tutti c'è una tecnologia per sterilizzare e pulire tramite luce UV, ma durante la prova abbiamo scoperto che è presente anche il nuovo sistema di accoppiamento Google Fast Pair.

INDICE

COSTRUZIONE E CASE

La maggior parte delle innovazioni e delle unicità sono racchiuse nel case. Probabilmente siete stati attirati dal titolo dell'articolo che menziona la luce UV come strumento per disinfettare gli auricolari. Questa luce, secondo LG, riesce a eliminare sino al 99% dei batteri presenti sulle cuffie. Tale funzione si attiva però solo ricaricando le cuffie per più di 10 minuti utilizzando il cavo.

Non credo che LG abbia pensato di realizzare questo prodotto solo dopo che si è diffusa la pademia da Covid-19, ma è probabile che avesse in cantiere il progetto da tempo visto che gli scorsi anni sono emersi numerosi studi che hanno dimostrato come i batteri presenti sui nostri auricolari possano essere causa di infezioni alle orecchie.

Trovo quindi positivo che la casa di Seul abbia deciso di esplorare tale ambito: sicuramente non sarà questa la funzione che farà vendere più auricolari Tone Free ma rimane comunque da apprezzare come l'azienda presti attenzione anche alla salute dei propri utenti. La luce UV è presente solo nel case del modello FN6, ma più avanti vedremo le principali differente con la variante FN4.

Oltre a questa caratteristica il case è uno dei più piccoli e comodi che abbia mai testato. Le dimensioni contenute consentono di trasportarlo in tasca senza che risulti troppo ingombrante. È disponibile in due colorazioni: bianca e nera. A parer mio la scura è più gradevole della chiara, non solo per un fattore puramente estetico, ma anche perché la bianca è lucida e liscia al tatto mentre la nera è opaca e sembra quasi vellutata. Per i nostalgici queste rifiniture sono identiche a quelle presenti nei vecchi Google Nexus 5 il cui hardware era prodotto proprio da LG.

Gli auricolari presi singolarmente sono molto leggeri, sono di tipologia in-ear e, quando posizionati nelle orecchie, risultano molto comodi. In confezione sono presenti il cavo per la ricarica e gommini di diverse dimensioni per adattarli meglio alle nostre orecchie. C'è la solita stanghetta per avvicinare il microfono alla bocca e queste le rende adatte per effettuare chiamate (i miei interlocutori mi hanno sempre sentito senza problemi o interferenze).

Il cofanetto si apre a conchiglia e le cuffie rimangono ben salde all'interno grazie all'utilizzo dei magneti. Si ricarica tramite porta USB Type C oppure sul modello FN6 si può sfruttare la carica wireless. La cuffie hanno un'autonomia di circa 6 ore (varia in base al volume di riproduzione usato) mentre il cofanetto consente di ricaricarle per due volte. Quindi si avranno potenzialmente 18 ore di autonomia totale.

COME SI COLLEGANO

Nell'uso quotidiano le Tone Free funzionano molto bene: zero problemi di connessione o difficoltà nella trasmissione dei dati. La cosa che più mi ha soddisfatto è il sistema di primo accoppiamento che permette di collegarle in pochi istanti senza alcuna difficoltà con tutti i dispositivi Android, esattamente come le Pixel Buds, recensite nella versione italiana qualche settimana fa.

La prima associazione con lo smartphone si effettua aprendo il cofanetto vicino al telefono - si vedrà comparire una notifica con la richiesta di accoppiamento con le cuffie. Con un tap le Tone Free saranno connesse e subito dopo riceveremo un'altra notifica che chiederà se vogliamo scaricare l'applicazione per la gestione delle funzionalità.

Insomma un'operazione davvero semplice, alla portata di tutti e con mi fa rimpiangere i vecchi metodi che necessitavano della pressione prolungata di un pulsante e l'attesa infinita nelle impostazioni del Bluetooth. Qui in pochissimi secondi avremo tutto collegato e spero che questa soluzione venga adottata da altri brand perché la differenza rispetto al vecchi metodi è netta.


Il secondo punto cruciale è quello legato alla sincronizzazione perché questa tipologia di collegamento permette di associare le cuffie alla nostra email Google e le rende quindi subito disponibili anche sugli altri dispositivi Android sui quali avete impostato lo stesso account. Prendendo infatti un altro smartphone precedentemente configurato con la mia Gmail, ho trovato una notifica che mi avvisava della possibilità di collegarmi alle cuffie, nonostante queste non fossero mai entrate in comunicazione con il secondo smartphone.

Le LG Tone Free agiscono proprio come avevamo visto con le Airpods nell'articolo di approfondimento sull'ecosistema Apple. Si collegano semplicemente e sono subito disponibili su altri dispositivi. Speriamo che in futuro arrivi una più stretta collaborazione tra Google e Microsoft per rendere disponibile anche sui portatili Windows questo protocollo e creare così un bel sistema di prodotti che interagiscono tra loro.

COME SUONANO E APPLICAZIONE

Quando si parla di dispositivi audio la cosa più importante è però il loro funzionamento e soprattutto la qualità della riproduzione sonora. Per parlarvi di questo dobbiamo prima sapere che le nuove Tone Free sono nate dalla collaborazione tra LG e Meridian, una nota azienda operante in Inghilterra che realizza da anni prodotti di altissima qualità per audiofili.

Questo rapporto si estende anche nell'applicazione dove troviamo 4 profili creati dal brand inglese:

  • Immersive;
  • Bass Boost;
  • Natural;
  • Treble Boost.

Sebbene non sia un grande amante delle cuffie con le frequenze basse incredibilmente "pompate", con le nuove Tone Free mi sono trovato molto bene con il profilo Bass Boost, non è esagerato e i suoni risultano chiari su tutto lo spettro. Se desiderate un maggior controllo, l'app consente costruirsi il proprio profilo secondo gusti e preferenze. Mi è piaciuto il fatto che il profilo custom non sia unico, si possono salvare due versioni differenti. Questo risulta comodo nel caso in cui vogliate ascoltare un genere musicale con una precisa equalizzazione.

Sempre tramite l'applicazione possiamo regolare l'effetto "Ambient Sound". Essendo cuffie in-ear, gran parte dei suoni esterni vengono bloccati fisicamente dai gommini (non c'è cancellazione del rumore attiva). Questo può creare comunque un effetto bolla e ci potremmo sentire eccessivamente isolati dall'ambiente circostante. Per prevenire evitare tale sensazione o per restare vigli sul mondo intorno a noi, interviene l'Ambient Sound che cattura i suoni esterni e li riproduce nel nostro orecchio. L'effetto non è perfetto come avviene con le Airpods Pro, ma ho apprezzato l'assenza di lag tra la sorgente di input e l'output riprodotto nel mio orecchio.

Ho inoltre gradito come non ci sia differenza di volume usando le cuffie sullo smartphone o sul computer. Spesso abbiamo riscontrato problemi usando auricolari Bluetooth sul PC dove l'audio risultava molto basso e di difficile fruizione.

CONTROLLI TOUCH DIFFICILI DA USARE

L'unica vera pecca che ho trovato alle Tone Free è nei controlli touch che risultano molto difficili da usare, non perché sono complessi da apprendere, ma perché molto spesso il commando non viene recepito. Durante i primi giorni di prova i controlli erano praticamente inusabili, dopo un aggiornamento sono migliorati leggermente, ma necessitano ancora di qualche affinamento.

Per far sì che il tocco venga acquisito bisogna premere in un punto ben preciso dell'auricolare, tra la superficie piatta e quella lucida. Con un tap si mette in pausa una canzone e o si continua la riproduzione; questa funzione è sempre affidabile e il punto di tocco non rappresenta un problema, dopo un paio di giorni mi ero già abituato.

Il problema arriva con il doppio tap che in teoria dovrebbe consentire di aumentare il volume sulla cuffia destra e diminuirlo su quella sinistra. Il comando però funziona correttamente con una frequenza di 6 / 7 volte su 10 ed è davvero difficile da usare quotidianamente. Spesso si usano i comandi su cuffia quando siamo impegnati a far altro e non possiamo prendere lo smartphone, ma le Tone Free richiedono un'eccessiva attenzione per renderli effettivamente funzionali.

Con il triplo tap si va avanti o indietro nella scaletta di riproduzione mentre con uno prolungato si disattiva o accende l'Ambient Sound. Spero che con i futuri aggiornamenti questo piccolo ma importante problema venga risolto perché è una di quelle cose che nell'uso di tutti i giorni rende l'esperienza poco gradevole e incide negativamente sul giudizio finale del prodotto.

DIFFERENZE LG TONE FREE FN4 VS FN6

Le cuffie Tone Free nelle varianti FN4 e FN6 sono sostanzialmente identiche, le uniche differenze risiedono nella custodia. Gli auricolari sono uguali, hanno le stesse dimensioni, stesse funzioni e stessa resa sonora. Il cofanetto sembra molto simile tra i due modelli, ma le FN6 sono il modello top di gamma e solo queste hanno la ricarica wireless, la luce UV per uccidere i batteri e la carica rapida.

CONCLUSIONE E PREZZI

LG ha fatto centro con le nuove Tone Free perché ha proposto un prodotto diverso dalla concorrenza e riesce a portare delle funzioni nuove e utili in un mercato incredibilmente saturo. I controlli touch sono da migliorare, ma la luce UV e il nuovo sistema di accoppiamento le rendono un prodotto molto valido.

Il prezzo richiesto varia in base al modello scelto. Come vi abbiamo anticipato le FN6 sono le top di gamma e le più complete, su Amazon si riescono a trovare con un prezzo compreso tra i 140 e i 146 euro (dipende dall'offerta del giorno). Le FN4 non hanno la pulizia Nano UV, la ricarica wireless e il fast-charging ma il prezzo di listino è fissato a 99 euro. La scelta sta a voi: preferite avere il modello top con tutte le funzioni oppure volete risparmiare qualcosina e acquistare il modello un po' più economico?

Pro e Contro:

Buona qualità audioAccoppiamento e sincronizzazione con account GoogleLuce UV per puliziaCase compatto e comodo da trasportare
Controlli touch poco precisi

VIDEO

Il top di Huawei al miglior prezzo? Huawei P30 Pro, in offerta oggi da Mobzilla a 484 euro oppure da Unieuro a 569 euro.

76

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
erdarkos

non ce nè il coviddi! ... cit.

pollopopo

no, è fisicamente impossibile disinfettare al 100%... in ambiente ospedalieri/alimentari si usa da sempre disinfettanti a rotazione (e comunque si stanno creando sempre di più ceppi estremamente resistenti)....

entrambi bisogna usarli ove prettamente necessario, ambito medico e nella normala pulizia dei prodotti ad uso alimentare...

ci stiamo, lentamente, fott3ndo con le nostre manine :)

Emanuele

Io quel 99% l'ho sempre interpretato come un modo con cui i produttori possono, giustamente, pararsi il cul0 contro eventuali cause legali: se scrivessero 100% e poi qualcuno si becca una malattia, quest'ultimo avrebbe un punto di partenza per dare la colpa la prodotto che non lo ho protetto al 100% come pubblicizzato(ho estremizzato ma da qualche "pazzo" americano me lo aspetterei prima o poi... tipo quella "storia" della persona risarcita dal fast-food perché ustionata dal caffè e da allora sul bicchiere c'è stampato "attento che scotta").
Inoltre io suppongo che nel disinfettare una superficie rimangono sempre delle micro aree non raggiunte fisicamente dal prodotto ed è anche per questo che scrivono 99%.
Comunque, sia ben chiaro che concordo con te sul fatto di non abusare di disinfettanti e antibiotici.

Galy

Quali cuffie non cinesi hanno la cancellazione attiva del rumore a quel prezzo?

Diabolik82

150 euro senza cancellazione attiva del rumore? Mi sembra che partano già sconfitte in partenza

OnlyKekko

“Audio ok” nel titolo.
Dobbiamo farcelo bastare.
La risposta in frequenza su questo blog non si è mai vista.

Armadillo

Neanche i tuoi cloni si fermano LOL

Armadillo

A te invece sterilizzano l'account a furia di cloni LOL

pollopopo

mi dispiace... non esiste sistema di sterilizzazione efficace al 100%.... ci sono batteri e non solo che resistono al di fuori dei satelliti (freddo, tutto lo spettro che produce il solo senza filtri atmosferici uvc compresi ecc...)

Diglielo!
Così stimoliamo il sistema immunitario a sviluppare anticorpi. Non ci ferma neanche il coronaviro

io le sterilizzo col cerume

Hoyz

In realtà la sterilizzazione mediante UV è quasi impossibile che causi resistenza, intesa come meccanismo di difesa agli UV, perchè questi vanno a intaccare direttamente il genoma modificandolo in maniera fisica, motivo per cui gli UV per funzionare davvero devono avere un tempo di utilizzo di almeno 30 minuti (cioè il tempo medio che impiega un batterio a dividersi). L'unico modo che hanno le cellule batteriche di resistere meglio agli UV è mutare ottenendo un nucleo e una serie di meccanismi di riparazione del DNA più precisi, insomma diventare quasi una cellula eucariote (di cui, ad esempio, siamo fatti noi).

Sistox v2

Oddio, è normato...

pollopopo

qui si parla di scarso igiene di prodotti che si inseriscono in un posto il quale normalmente dovrebbe essere "sgombro".... sono il primo che combatte contro chi usa i disinfettanti al di fuori dell'ambito sanitario ma in questo caso un maggior igiene non guasta... il problema non è poi tanto l'igiene in se ma quello 0,1% di batteri che rimane in vita e diventa resistente.... in italia muoiono circa 10000 persone solo per malattie resistenti ad antibiotici su 33000 in tutta l'ue

l'uso smodato di antibiotici o più in generale di sostanze battericide sarà un giorno motivo di quasi estinzione del genere umano

Snapdragon

Ho cliccato l' aritcolo con questa come unica curiosità

Tiwi

che ti frega dell'audio quando sai di avere all'orecchio cuffie più pulite delle tue mani!?!?
scherzi a parte, hai pienamente ragione!

Tiwi

carine, buona autonomia, buon audio, interessante la sterilizzazione, ma per meno preferisco le buds o quelle hauwei

Garrett

Anche le chiavi di casa possono infettare.
Finiamola con le vaccate. Siamo immersi h24 nei batteri.

ilmondobrucia

"comunque trovo ridicolo che si dia retta a lei e non a tutte le indicazioni date per contenere la pandemia."... Ma è così

salvatore esposito

il fatto che ci sia gente che non si lava le mani non lha certamente scoperto lei, comunque trovo ridicolo che si dia retta a lei e non a tutte le indicazioni date per contenere la pandemia.
per quanto possa trovare pessimi i suoi programmi, sono consapevole che purtroppo il livello medio degli italiani sia quello è di conseguenza fa ascolti incredibili

ilmondobrucia

Quella donna ha scoperto che ci sono persone che non si lavano le mani ...
Non che la voglio dffendere ..anzi non vedo manco la TV .

olè

oh e se so scomode e si sentono peggio mica è colpa mia

salvatore esposito
Andee Kcapp

Spiegagli cosa sono, le maiuscole.

Kamille

Se è uvc

ilmondobrucia

Neanche ci pensavo a quello sinceramente. Cmq le malattie ci sono sempre state

Pablo Escodalbar

E poi appena esce il vaccino non serve piu' a niente sta cosa!

Pablo Escodalbar

Come sei asociale.

Pablo Escodalbar

Son cose che non interessano a nessuno.
Io piuttosto voglio sapere di piu' sulla sterilizzazione incorporata che ti puo' salvare la vita.

Pablo Escodalbar

minuscolista.

Pablo Escodalbar

Beh la morte per mancanza di cibo e' peggio di quella per colpa del fumo.

Pablo Escodalbar

Non lo so ma a giudicare da chi vedo in giro che le indossa... sicuramente si.

Pablo Escodalbar

olè e daje.

Pablo Escodalbar

Ce lo dovrei avere a casa un led blu.
Va bene per sterilizzare le cose?

Frazzngarth

purista

ilmondobrucia
edd

Non è proprio quello il problema, il fatto è che se ogni volta prima di riporle non le pulisci i raggi UV non fanno altro che sterilizzare il cerume, che sempre lì resta. Ogni tanto ci provano e mi invitano ad ascoltare qualcosa con le lolo nuove cuffie in ear e ogni volta mi costringono ad invitarli gentilmente ad infilarsele dove non batte il sole.

olè

niente in ear pure queste

sagitt

Ah bhe allora

Paigoz

Se leggi l'articolo, la sterilizzazione si attiva solo quando le ricarichi tramite presa di corrente

ilmondobrucia

Qualcosa farà ma non leva il cerume. ..e fidati che per quanto mi tengo le orecchie pulite rimane sempre un po' "unto" e sporco . Poco ma c'è. Bisogna pulire manualmente.

Aristarco

Vabbe certo non risolve il 100% dei problemi ma qualcosa farà...sicuramente per 50 euro di differenza prenderei le base

ilmondobrucia

Ma lo sporco non è che si ferma proprio lì poco prima dei gommini... E poi si può capitare che si tocchino i gommini . E poi cmq già le orecchie per quanto le puoi pulire non sono pulite ... .a meno che prima di metterti le cuffiette sterilizzate ti passi i raggi UV per sterilizzare anche dentro l'orecchio e poi con guanti sterili ti metti le cuffie ...ma prima bisogna sterilizzare anche tutto il case delle cuffiette ..insomma è un po' per boccaloni quella cosa del case sterilizzante ...

ALEXA23

buone per il covid

Alberto Bertini

Confermo, ottime per il prezzo (pafate 27€) ma comandi touch non sempre perfetti

Aristarco

Tocchi con le mani i gommini prima di mettertele nelle orecchie?

Bohh!

Se vuoi ti posso vendere le Mpow X3. Prese 2 giorni fa

Kingopinno

per forza, le tws che usano aptx HD si contano sulle dita di una mano :)

Kamille

sicuramente! Probabilmente causano più decessi del fumo

dicolamiasisi

le airpods possono infettare?

Quale Motorola scegliere? Il punto sulla line up a metà 2020 | Video

Recensione Google Pixel 4a: finalmente è arrivato (o forse no)

Recensione OnePlus Nord: sotto i 400 Euro è lui il migliore

Recensione Asus Rog Phone 3: è il miglior Gaming Phone ma convince per altro