Recensione Amazon Echo Buds: le cuffie true wireless con Alexa

20 Gennaio 2020 169

Rimani aggiornato quotidianamente sui video, approfondimenti e recensioni di HDblog. Iscriviti ora al canale Youtube, basta un Click!

Che la battaglia si giocherà sempre più sui servizi e meno sull'audio vero e proprio sembra ormai chiaro, d'altronde le potenzialità per realizzare delle cuffiette true wireless di qualità accettabile le hanno tutte le aziende medio-grandi del tech e determinante resta poi il punto prezzo. Le Echo Buds sono la perfetta rappresentazione di questo scenario, in cui una "Big" come Amazon si affida ad un partner del calibro di Bose - che non sta vivendo un momento positivo - per portare sul mercato statunitense delle cuffiette che siano appetibili, attaccando così direttamente un segmento particolarmente inflazionato.

Dalle nostre parti non sono ancora arrivate, Amazon tiene per il mercato interno alcune soluzioni proprietarie ma nulla esclude un successivo ampliamento del piano marketing anche in Europa. Poco importa, in occasione del CES 2020 ho fatto un giro in uno dei tanti Best Buy di Las Vegas e acquistato per 129 dollari queste Echo Buds, curioso di provarle direttamente.

Ammetto di esser arrivato totalmente impreparato a quel momento, non avendo letto o guardato alcuna recensione dei colleghi americani che le hanno già provate e raccontate lo scorso autunno. Forse anche meglio, ho percorso così da solo e senza suggerimenti tutte le fasi di scoperta delle funzioni, ascolto e utilizzo, che adesso vi racconto di seguito passo per passo.

PRIMO IMPATTO COSÌ COSÌ

Per 129 dollari non ci si attende certo la vetro ceramica o fibra di carbonio, ma è piuttosto evidente che Amazon abbia risparmiato nella realizzazione del case che ospita gli auricolari: plastica nera di bassa qualità, che si graffia facilmente e di dimensioni notevoli (per non dire eccessive). L'impressione è di un prodotto economico nel complesso, come quelli che si trovano in giro sotto la soglia dei 100 euro; anche gli auricolari non hanno nulla di particolarmente ricercato nella forma o design.

Le dirette concorrenti, sia per forma sia per prezzo, ritengo siano le Galaxy Buds di Samsung insieme ad altre come le Jabra Elite 65T o Jaybird Vista, tutti prodotti validi che hanno dei punti di forza specifici. Le Galaxy Buds, ad esempio, sono tra le più piccole e comode acquistabili ad oggi, fattore determinante se si pensa ad esempio all'attività sportiva, seppur pecchino molto nella qualità di acquisizione della voce. Le Echo Buds, di contro, sono più cicciottelle e in volume sono piuttosto generose all'orecchio e i suoi 7,6g per auricolare non aiutano di certo.

Una volta indossate, e dopo aver provato i relativi gommini in silicone presenti in tre paia all'interno della confezione, si sente subito una certa "pressione" dati gli ingombri, diciamo che non le ho trovate comode. E purtroppo questa sensazione non è cambiata nel tempo, dopo un utilizzo continuativo di oltre 1 ora le ho spesso rimosse per far riposare le orecchie.

SOFTWARE COMPLETO... E POI C'E' ALEXA

Nonostante il primissimo approccio non sia stato dei migliori sono riuscito ad effettuare il pairing in pochi passaggi, naturalmente tramite la stessa applicazione Amazon Alexa che utilizzo già per dialogare in casa o in ufficio con i dispositivi della casa di Seattle. Una volta collegate le cuffie si accede ad una schermata di impostazioni che ci aiutano a personalizzare controlli ed esperienza: funzionano tranquillamente anche senza, ma è chiaro che tramite questa pagina le si possono sfruttare a pieno.

Utile ad esempio la scelta delle combinazioni che permette di scegliere cosa associare al tocco dell'auricolare (che può essere singolo o doppio), seppur manchi - come spesso accade - un comando tattile per il controllo del volume. L'unico modo per modificare i decibel in ingresso nel nostro condotto uditivo senza usare l'app è Alexa, sempre rapida nell'eseguire gli ordini e nella comprensione delle richieste.

Ecco, Alexa è la marcia in più di queste Echo Buds, di gran lunga la cosa che mi è piaciuta di più viste le esperienze fatte con Siri e Google Assistant; naturalmente il dialogo è legato all'applicazione connessa alla rete, peccato solo che spesso venga chiesto di riaprire l'App. Dipende dallo smartphone in uso, io le ho provate solo con dispositivi Android e una volta in background certe applicazioni vengono "congelate", da qui l'impossibilità di Alexa a dialogare con la sua piattaforma.


Avendo sviluppato un ecosistema sempre più integrato è possibile impartire degli ordini tramite le proprie cuffiette Echo Buds e comandare un Echo Dot o Echo Show, o magari un dispositivo supportato come una presa smart connessa al nostro sistema Amazon. Resta tuttavia un punto di domanda: perché mai dovrei usarlo in casa se molti di questi device elencati hanno già il riconoscimento vocale?

Le potenzialità ci sono, immagino ad esempio uno scenario professionale, un ufficio dove luci, audio ed altri accessori smart sotto il cappello Amazon possono essere controllati rapidamente tramite la nostra voce e le cuffiette, senza necessariamente cercare un punto di "accesso vocale".

RIDUZIONE (E NON CANCELLAZIONE) ATTIVA DEL RUMORE BOSE

Amazon ha messo l'accento sulla riduzione attiva del rumore (ANR) presente su queste cuffie e realizzata da Bose, un dettaglio che le pone un gradino sopra le Galaxy Buds in quanto ad isolamento dall'esterno ma al di sotto di chi vanta un chip di cancellazione del rumore (ANC) come le Sony WF-1000XM3 ed AirPods Pro.

La funzione è attivabile tramite uno o due tocchi sugli auricolari o via App Alexa, ma è interessante anche la modalità "Ambiente" che ricalca la medesima implementata da Apple sulle sue ultime cuffie. Grazie ai microfoni si può avere accesso ai rumori esterni con ritardo quasi impercettibile e ascoltare così chi ci sta intorno, senza dover togliere le cuffie in certi momenti. Tra l'altro è possibile controllare anche l'intensità di questa modalità spostando il gauge da 1 a 5 dall'applicazione.

Tre sono i microfoni distribuiti su ogni auricolare, sufficienti per offrire una qualità discreta in chiamata e non far soffrire troppo chi sta dall'altra parte della cornetta. Nessuno dei miei interlocutori si è lamentato come in altri casi, il feedback è simile a quello che si ha quando si parla in vivavoce con uno smartphone di media o buona qualità. Non di più, di certo siamo sopra le performance in chiamata delle Galaxy Buds.

La qualità del suono è buona, le basse frequenze risultano molto amplificate rispetto alle alte frequenze e si perdono molte sfumature. La riduzione del rumore aiuta di certo a focalizzare l'attenzione e per questo si guadagna automaticamente un punto, ma a basso volume si sente a volte un'eccessiva compressione. Niente aptX ma c'è il supporto al formato AAC e Bluetooth 5.0 per la trasmissione. Nella mia personale classifica le pongo un gradino sopra le Galaxy Buds e Oppo Enco Free, ma sotto gli AirPods Pro e WF-1000XM3 se si parla della sola esperienza di ascolto.

CONCLUSIONI

Autonomia in linea con la concorrenza e pari a circa 4,5/5 ore di riproduzione continua, il case permette poi di ricaricarle altre tre volte grazie ad una batteria integrata. Cosa certamente vantaggiosa ma che non giustifica del tutto le dimensioni di questo accessorio, certamente ingombrante e con un altro grande limite: la porta microUSB per la ricarica che sa di preistoria, inaccettabile nel 2020.

I miei sentimenti per queste cuffiette sono contrastanti, perché da un lato le trovo molto interessanti vista l'integrazione di Alexa e dall'altro ho maturato l'idea di scomodità che difficilmente potrà cambiare. Le ho utilizzate per fare sport solo un paio di volte in queste settimane (sono certificate IPX4), alla voglia di provarle in tale scenario per raccontarvi la mia esperienza ho contrapposto il desiderio di sentirmi più libero con altre cuffiette più piccole e leggere (le Galaxy Buds nel caso specifico).

Lo scenario poi cambia a seconda della "fede" tecnologica: in questi ultimi mesi ho infatti deciso di mettere in cantina i Google Home Mini e sono passato ad Amazon, inserendo pian piano in casa alcuni dei suoi dispositivi come la Fire TV 4K, Echo Dot ed Echo Show 5, tutte soluzioni che gravitano nella medesima piattaforma. Per un utente del genere, quindi, avere Alexa anche sulle cuffiette può aprire a nuovi scenari e semplificare la vita, penso ai reminder, alle sveglia, a tutte le Skills a disposizione o che arriveranno in futuro.

L'idea è quindi vincente, ma sono felice che Amazon non le abbia portate in Italia perché sul mercato c'è di meglio e di certo si può puntare ad una qualità più alta, senza tralasciare ovviamente la comodità che per le true wireless è la cosa più importante.

PRO E CONTRO

ALEXA INTEGRATOPREZZORIDUZIONE DEL RUMORE ATTIVA BOSESUPPORTO ECOSISTEMA AMAZON
DIMENSIONICOMODITA' MATERIALI ECONOMICI PER CASE E AURICOLARIPORTA MICRO USB SU CASE
VIDEO


169

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Federico Ferrara

Ci sono prodotti cinesi che seppur in plastica non danno minimamente la sensazione di avere tra le mani qualcosa di cheap e costano molto meno.

Nethir

dai un'occhiata a creative. la qualità/prezzo è molto buona.

Marco

Si ha una data di rilascio per l'Italia e gli altri paesi? Avendo già tradotto l'interfaccia di Alexa, mi vien da dire che ciò accadrà a breve...

Condiloma Peperlizia

Ho capito trolli a caso ^^

Muffa

Hai chiesto esempi di marchi blasonati, te li ho fatti.

Condiloma Peperlizia

Da quando Armani fa cuffie? :D

Alessandro Cavalieri

Sono davvero davvero d'accordo!

Mefistofele

Certo

LordRed

Non abbiamo parlato di quanto sia risoluto il display!

Ho_parlato!

no scusami, mi sono spiegato male, col filo che le tiene assieme, ma BT...

Marqus

Esatto, ma ancor di più per la vastità smisurata di articoli, che pur volendo, molti dei quali non troverei mai e poi mai in negozi tradizionali.

carburano

Ma provate qualche tws seria: le nuarl nt01ax, oppure qualche modello con ottimo rapporto qualità prezzo come le fiil t1x...

Ikaro

Ah, purtroppo è un mercato che non tira più molto, comunque io ho usato per anni (e funzionano ancora) delle sennheiser da una 20ina di euro dovrebbero essere le sennheiser mx 370, come qualità audio a cifre modeste credo sia la scelta migliore, solo che non hanno il microfono... Di china col microfono ci sono le guuvor che hanno ottime recensioni

Ho_parlato!

meglio col filo così non le perdo, da spendere anche poco(anche cinesi...)
grazie

Ikaro

Non ho capito, con non in ear bt, intendi a filo? O comunque bt tipo le airpods... Hai un prezzo indicativo?

CiKappa

Io le video-recensioni di hdblog non le seguo più da quando sono andati via il milanese e - soprattutto - Rickardoh.

paul
Ho_parlato!

un paio di auricolari NON in-ear BT decenti?

Patafrosti

Si compra da Amazon per il post vendita non per il risparmio
(che molte volte non c'è)

Elia

Perfetto grazie

androidev

Qualità dei materiali penosa

Vincenzo

"nel complesso la qualità audio mi sembra migliore delle buds , basse frequenze amplificate quindi si perdono certe frequenze, riassunto, minuto 4:56

Teomondo Scrofalo

Morra cinese?

•NiKo•

Ma le buds le hai provate per caso?

Ikaro

Ok, è quindi? Che vogliamo fare?

Teomondo Scrofalo

No purtroppo la vedo eccome in automatico e mi scassa le palle perché è anche molto grande e neanche fa ridere, una cagata inutile.

Ikaro
Alexcasa
Teomondo Scrofalo

Io si e tu invece con quella bella gif inutile?

Ikaro
Teomondo Scrofalo

E chi lo conosce, a me stanno solo sulle scatole chi spamma inutilmente il sito con vaccate inutili come il tuo post.

Ikaro
Teomondo Scrofalo
Teomondo Scrofalo

Cioè non è possibile che parlate di ecosistema, di microfoni, di come sono fatte...e non sprecate neanche mezza parola di come suonano, che è la caratteristica principale di un dannato paio di auricolari
Io boh basito..... Capito ora? O bisogna fare i disegnini come all'asilo?

Ikaro
Teomondo Scrofalo

mah considera che la custodia l’ho caricata 1 volta sola e le ho prese circa venti giorni fa, usandole quasi tutti i giorni un oretta
Quindi direi alla grande

MatitaNera

Sono andato a raccogliere la frutta d'estate per comprarlo.

Claudio Antonetti

Ma modelli non in ear tipo le Plantronics Backbeat verranno mai recensiti? Oppure qualcuno li ha mai provati?

Ma in tutto questo c'è un problema. :P

Sento puzza di Muffa...

Ecco lo sapevo!
Pur di risparmiare qualche euro facciamo tutti finta che non succeda mai niente di male.

Si hai ragione non si capiva bene! :D

Alessandro Cavalieri

non ho capito se hai chiuso con presa diretta o se hai chiuso con amazon

invece ampiezza di colore e diagonale di veduta lo si sente tutti i giorni tra i camionisti fermi all'osteria sulla statale 110.
A me sembra molto chiaro angolo di visione e copertura dello spazio colore, anzi diagonale di veduta mi sembra il componente di una regata.

Muffa

Ferrari, Armani, bmw, dior, Tiffany

Marqus

Visto pure io...ma per me non cambia niente.

Ho appena visto Presa Diretta che parlava di Amazon.
Direi che ho chiuso per sempre con lei!

Condiloma Peperlizia

Esempio di marchi e modelli blassonati?

Samsung Q950TS UFFICIALI: TV 8K con AV1 e senza cornici | Video

Samsung Flip: la recensione della lavagna digitale per l’ufficio collaborativo

Le 5 (+1) migliori cuffie true wireless da comprare a febbraio 2020

Quale Amazon Echo scegliere in offerta a febbraio 2020? Panoramica Video