Le 5 (+1) migliori cuffie true wireless da comprare per Natale

27 Novembre 2019 292

Rimani aggiornato quotidianamente sui video, approfondimenti e recensioni di HDblog. Iscriviti ora al canale Youtube, basta un Click!

È interessante notare come il mondo delle cuffie si sia rapidamente evoluto negli ultimi anni portando ad una differenziazione di questi accessori in diverse sottocategorie, sintomo che le esigenze di noi utilizzatori finali siano divenute sempre più specifiche. Le cosiddette true wireless sono tra quelle più in vista e, forse, anche tra le più desiderate: leggere, senza fili, con ottima autonomi e sempre più funzionali.

Il loro sviluppo e la loro diffusione è direttamente collegata alle eccezionali efficienze raggiunte con le piccole batterie integrate; poterle utilizzare per svariate ore ha così consacrato le true wireless sul mercato, con funzioni sempre più avanzate che stanno alzando l'asticella. Penso alla riduzione del rumore di fondo, ancora difficile da integrare in elementi così piccoli ma già presente su diverse delle cuffie che oggi mettiamo a confronto.

Prima di iniziare con questa guida vorrei tuttavia chiarire una cosa: le cuffie perfette, purtroppo, non le ha ancora inventate nessuno, possono certo eccellere in qualcosa e rispondere così alle esigenze più specifiche ricercate da qualcuno, ma c'è ancora da lavorare su diversi fronti. Mi piace poi pensare a questo contenuto come "provvisorio", d'altronde ci sono tante altre interessanti cuffiette true wireless che presto arriveranno sul mercato, dalle Pixel Buds di Google alle Echo Buds di Amazon e Surface Buds di Microsoft.

APPLE AIRPODS PRO

Sono probabilmente tra le più comode del gruppo, finalmente rinnovate nel design e nella tecnologia, Apple ha ovviamente fatto molto bene i compiti e portato sul mercato un paio di cuffie capaci di fornire una qualità del suono ottima. Peso piuma con soli 5,4g per singolo auricolare, le si possono indossare e dimenticare di averle, oltretutto l'ergonomia è quasi perfetta e permette di inserirle nel padiglione senza troppi fastidi.

Rispetto al modello precedente cambia la sua natura, queste sono delle vere e proprie in-ear con tanto di adattatori in silicone che aiutano ad escludere i rumori esterni. Anche io odiavo inserire dei gommini nelle orecchie, ma negli ultimi anni sono migliorati tanto i materiali e la comodità complessiva, riducendo di molto il fastidio. Gli AirPods Pro sono una perfetta evoluzione che si adegua ai tempi che corrono, più salde all'orecchio e con una resa che le proietta immediatamente nel podio del settore. Modalità trasparenza che fa la differenza e permette di indossarle e ascoltare in maniera naturale i suoi e le voci che ci circondano.

Sono poi adatte per lo sport, resistenti ad acqua e sudore (certificazione IPX4), grazie alla forma e i gommini appena descritti risultano poi saldi e non scappano durante le attività fisiche più classiche. Più che ottimo infine l'audio in chiamata, seppur manchino un po' di bassi e nel confronto diretto con le Sony paghino pegno. Prezzo alto, le AirPods Pro sono le più care di questo gruppetto con un listino di 279 euro.

PRO E CONTRO

CANCELLAZIONE DEL RUMORECASE SEMPRE PICCOLINO (RICARICA WIRELESS)QUALITA' AUDIO IN CHIAMATACOMODE, ANCHE PER FARE SPORTSOFTWARE E INTEGRAZIONE CON ECOSISTEMACOMPATIBILITA' CON ANDROIDRICARICA WIRELESS (CASE)
PREZZOPORTA LIGHTNINGPOCHI GOMMINI (SOLO IN SILICONE)CONTROLLO SOLO CON FORCE TOUCH
SAMSUNG GALAXY BUDS

Tra le più piccoline del gruppo con soli 5,6g di peso e, probabilmente, le migliori per fare sport visti gli ingombri e l'aderenza garantita. Aderiscono perfettamente all'orecchio, prendono la forma del padiglione e sporgono pochissimo oltre, non si sbilanciano quindi come tante altre. Anche il case è poco ingombrante, ha la ricarica wireless e integra una batteria (da 252mAh) che fornisce poco più di una ricarica completa.

Le 6 ore di ascolto dichiarate da Samsung sono accurate, seppure sia impensabile tenerle addosso per un'intera giornata perché restano sempre e comunque delle in-ear. Il pairing avviene tramite Bluetooth 5.0 ed è sempre molto rapido, per gestire tracce e chiamate ci sono poi i controlli touch, finalmente precisi dopo i primi mesi di frustrazioni. E si, le prime settimane con queste Galaxy Buds non sono stata affatto positive, ma Samsung le ha prontamente aggiornate in più occasioni e messo apposto diverse cose: dalla connessione Bluetooth alla qualità in chiamata.

Per parlare al telefono e conversare non sono il massimo, sia Sony che Apple e Huawei sono riuscite a fare di meglio, ma siamo di certo sopra la sufficienza e risolto i problemi iniziali.

PRO E CONTRO

DIMENSIONI ED ERGONOMIABUONE PER LO SPORTPREZZO CONTROLLI TOUCHUSB TYPE-C (CASE)RICARICA WIRELESS (CASE)
QUALITA' AUDIO CHIAMATA MIGLIORABILENO RIDUZIONE RUMORE DI FONDO
HUAWEI FREEBUDS 3

Le uniche di questo gruppetto che non sono delle in-ear, non hanno infatti gommini e seguono molto da vicino il design degli AirPods. Le somiglianze sono spiccate, risultano leggermente più grandi e poco più pesanti ma appena indossati non si notano nemmeno questi dettagli.

L'autonomia è strabiliante: ben 10 ore di riproduzione continuativa e possibilità di ricaricare altre 4 volte le cuffiette tramite la batteria integrata nel case. Quest'ultimo, neanche a dirlo, ha la UBS Type-C e vanta anche la ricarica wireless. Non manca la soppressione del rumore di fondo che fa discretamente bene il suo lavoro ma non ci isola "completamente" dal mondo circostante.

Per i controlli c'è la classica superficie esterna sensibile al touch che permette di avviare una riproduzione o stopparla con un semplice tap, tramite l'applicazione (ancora acerba) si possono poi personalizzare le gesture e altre combinazioni collegate. Non costano pochissimo, per portarsele a casa servono 179 euro, al netto di offerte e sconti che impazzano online.

PRO E CONTRO

AUTONOMIA QUALITA' AUDIO COMFORTOPZIONI E RIDUZIONE RUMORERICARICA WIRELESS (CASE)
APPLICAZIONE ACERBANON SUPPORTATO AD ORA STOP MUSICA SE TOGLIAMO CUFFIAALCUNE OPZIONI SONO SOLO SU HUAWEI CON EMUI 10
SONY WF-1000XM3

Probabilmente le migliori tra le true wireless che abbiamo provato fino adesso, le WF-1000XM3 non vantano tuttavia un nome particolarmente accattivante e un form factor che le rende difficili da indossare se si vuol fare attività fisica in loro compagnia. Le soluzioni tecnologiche adottate da Sony hanno infatti un prezzo in termini di ingombri, all'interno trova posto un chip dedicato alla cancellazione del rumore di fondo (HD QN1e) e driver da 6mm.

La qualità del suono è eccellente: chiaro, cristallino e al contempo corposo, per quanto sia possibile su un tale dispositivo, è importante sottolineare infatti che le true wireless difficilmente riusciranno a raggiungere le prestazioni delle ben più grandi over-ear. Più che soddisfacenti anche le chiamate vocali ma a patto però che la riduzione del rumore sia disattivata, pena le parole tranciate alla fine che rendono più complicata la comprensione.

Il case è croce e delizia, certamente migliorabile: fornisce autonomia per tre volte oltre quella delle batterie integrate nelle cuffie, ha il chip NFC che facilita il pairing ma pesa ben 77g ed è fin troppo grande per stare comodamente in tasca. I controlli touch funzionano piuttosto bene, i tap sono registrati rapidamente. Prezzo di listino pari a 250€ ma online si trovano ormai tranquillamente sotto quota 200 euro.

Con l'ultimissimo aggiornamento del 27 novembre è anche arrivato il supporto ad Alexa e il controllo del volume direttamente dalle cuffie, un dettaglio decisamente importante che è quasi impossibile trovare sulle true wireless.

PRO E CONTRO

QUALITÀ AUDIOCANCELLAZIONE DEL RUMORE DI FONDO ECCELLENTEAUTONOMIA + AUTONOMIA CON CASERICONOSCIMENTO TOCCHI IMMEDIATOCONTROLLO VOLUME DA CUFFIE
COPERCHIO CASE SI GRAFFIA FACILMENTEPREZZO SOPRA LA CONCORRENZANO CONTROLLO VOLUMECASE INGOMBRANTE IN TASCA
JABRA ELITE 65/75T

In questa selezione non può certo mancare Jabra con le sue Elite 65T ed Elite 75T, nuova variante che rispetto le precedenti recensite un anno fa rinnovano leggermente le prestazioni a design quasi invariato (seppur siano più piccoline e quindi più comode): 7,5 ore di riproduzione continua ed un totale di 28 ore se si considera anche il case. Quest'ultimo, finalmente, si può ricaricare tramite porta USB-C.

I microfoni sono sempre 4 ma adesso risultano più efficienti, è stato rivisto infatti l'algoritmo di riduzione del rumore e del vento. Sono adatte allo sport, certificate IP55 resistono infatti a pioggia e sudore e la forma facilita l'aderenza quando indossate. Il prezzo varia di poco tra le due versioni, io mi sento di consigliare senza molti indugi le Elite 75T che vedono un listino medio-alto a 179,99 euro.

PRO E CONTRO

QUALITÀ AUDIOESTETICA E DIMENSIONIDOPPIA CONNESSIONE SIMULTANEA CERTIFICATE IP55
CASE INGOMBRANTE
SOUNDCORE LIBERTY 2

Infine un bonus che punta ad un prodotto più economico come le Soundcore Liberty 2, delle true wireless realizzate da Anker e vendute su Amazon sotto la soglia dei 100 euro. Funzionano come standalone, possiamo quindi tenerne solo uno all'orecchio, cosa non sempre scontata sui modelli più economici.

Anker ha integrato il Bluetooth 5.0 e la tecnologia aptX, non mancano poi i classici 4 microfoni che permettono l'eliminazione del rumore di fondo. Case non certo piccolissimo che si ricarica tramite porta USB-C e certificazione IPX5 che assicura resistenza contro spruzzi e sudore, difficile consigliarle tuttavia per lo sport viste le dimensioni degli auricolari che sporgono abbastanza dall'orecchio.

VIDEO

Il top di Huawei al miglior prezzo? Huawei P30 Pro, in offerta oggi da Clicksmart a 549 euro oppure da Amazon a 640 euro.

292

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Neuzzo

"Anche io odiavo inserire dei gommini nelle orecchie, ma negli ultimi anni sono migliorati tanto i materiali e la comodità complessiva, riducendo di molto il fastidio."

Io parafraso così:
Io odiavo le in-ear, ma apple ha fatto le in-ear, quindi adesso viva le in-ear.

Piersabato Della Valle

Sotto quella cifra, a mio avviso, prendi Huawei Freebuds Lite ( se cerchi qualcosa in-Ear ). Se cerchi cuffie non in-ear Xiaomi Mi airdots 2 ( o Mi Air 2 ).

berna210691

Ciao a tutti, io dovrei acquistare un paio di cuffie wireless, sono tutto il giorno in ufficio eccetto nel viaggio di ritorno a casa in cui percorro una strada carrabile in una quindicina di minuti e sono sempre al telefono sia in ufficio sia per strada. Cosa mi consigliereste? grazie

LukaNyan3

come ho già detto, per uso sporadico di contenuti multimediali sono ottime. Non tutti devono chiamare senza mani così da potersi grattare anche il ciulo sai

Fabrizio

Anche per le chiamate? Come ti sentono gli interlocutori?

glfp

Hanno appena fatto un aggiornamento software ... cosa costava disabilitare automaticamente la riduzione quando si riceve una chiamata ? Boh !

Roberto

Ho provato anche le altre cuffie che mi sono arrivate e si comportano in modo pressoché uguale, ricaricando le cuffie per circa il 15% massimo 20%, la custodia è passata al led giallo; a questo punto dopo mezza giornata ed aver caricato massimo circa il 5% le cuffie, il led è passato a rosso.

In sostanza o la custodia di entrambe le buds non tiene la carica nel tempo, o le cuffie assorbono molta energia quando stanno nella loro custodia anche se stanno al 100%...

Quanto ti dura a te la batteria della custodia?

Gellui

Un'altra domanda e spero che qualcuno possa rispondermi. Che differenza c'è tra le Redmi Airdots e le Mi True Wireless Earbuds Basic (non quelle bianche del sito italiano, ma sono nere e con il tasto fisico come le Redmi)? Su internet trovo poco su queste e non vorrei fossero cloni

NEXUS

vanno alla grande, le migliori

Aldo Tedone

grazie per la risposta. Hai riscontrato ritardo audio nella visione di video?

Alessandro Crugnola

Prese dopo aver perso le mie Bose free wireless e devo dire che mi ci trovo benissimo. Per me sono molto più comode ed il suono è eccellente. Le regalerò a Natale ad un amico

Maxturbino
Muffa

Sono terribili (come molti prodotti aukey) le ho provate da un amico collegandolo a huawei mate20 pro e un altro smartphone Samsung di fascia media che ora non ricordo. Le anker Che ci sono in questo articolo costano uguale ma si sentono molto meglio per film,musica ecc. In chiamata non le ho provate le aukey

macosx

Già c'è

Kamgusta

ho fatto una lista sopra, io prenderò le mpow m5 (successore delle t5), ma altrimenti avrei preso le outlier air

Andredory
Ciccio

Infatti .

Ciccio

Se vuoi come contro si può mettere il prezzo.

Ciccio

Avevo letto le 5 migliori ma ho trovato un articolo sulle 5 più costose...

CiKappa

è assurdo, ma ultimamente ragiono come te: Il prodotto x mi costa 5 ore di lavoro, oppure spendo 150 euro e penso "beh son due giorni di lavoro, ci sta" per autoconvincimento :D

macosx

Alle airpods come contro potevate mettere solo apple giusto per far vedere che erano quelle con più contro.
La critica sui gommini la trovo ridicola (il 99% delle cuffie hanno S M ed L e il 99.999999% delle persone non apre manco il sacchettino con i ricambi)
Per il lightning non capisco nemmeno qui, sono cuffie che sono fatte sopratutto per essere usate con un iphone, quindi chi ha iphone ha un cavo lightning. Avessero messo la usb c su iphone 11 ci sarebbe anche stata come critica per il resto bah.

Babcock&Wilkox

Si ma senza il chip di autenticazione in giro trovo munnezza mentre ora se cerco un caricabatterie mi danno uno con il chip.

Non penso che saresti obbligato a comprare la "munnezza cinese". Penso che la apple già venda i suoi bellissimi cavetti bianchi type C sovraprezzati, liberissimo di comprare quelli.

francesco

ma le Aukey T10? Le conosce qualcuno?

Babcock&Wilkox

Io spero che Apple mantenga il lightning con il chip interno, in questo modo non rischiamo la munnezza cinese.

Josè.pH

aspetto che le HUAWEI FREEBUDS 3 aggiornino il firmware per il play pausa con tutti gli os e che si abbassino un pochino di prezzo.. le inear dopo un pò mi fanno male le orecchie..

Pasquale Cardona

Io ho sia le Galaxy Buds che le AirPods Pro, le uso con un Galaxy S10+ E con un iPad Pro. Secondo le mie esigenze audio in ascolto le equalizzo entrambe (con l’iPad Pro questa cosa è un pò più difficile, in quanto su Android posso utilizzare un equalizzatore per l’intero sistema mentre con iPad no, per cui devo utilizzare l’eq interno di Spotify e ricorrere ad player con equalizzatore per tutti gli altri file o servizi cloud).
Equalizzo le Galaxy Buds perchè hanno acuti fin troppo brillanti e le AirPods Pro perchè la parte media è un po’ troppo “avanti”, per cui abbassandola di uno o due decibel si acquista definizione sulle frequenza alte e basse.
Che dirvi: le AirPods Pro sono sicuramente più comode per l’uso di ogni giorno, ti dimentichi anche di averle e se le metti in modalità trasparenza puoi ascoltare tranquillamente musica ma allo stesso tempo parlare con altre persone senza doverle per forza togliere.
Il grosso vantaggio delle Galaxy Buds è invece il fatto che non cadono mai, ma proprio mai, per cui sono davvero perfette per l’attività sportiva. Il problema è che parlare comodamente con qualcuno senza pensare di avere due tappi nell’orecchio devi toglierli (o almeno toglierne uno).
Anche dopo averle equalizzate secondo i miei gusti non so dirti quale preferisco a livello di risposta audio: le AirPods Pro hanno decisamente un suono più upfront ma sempre piacevole, che non da fastidio. Le Galaxy Buds hanno un suono più delicato e una spazialità sound stage più ampio, senza dubbio.
Per parlare al telefono le AirPods Pro sono sicuramente superiori in ogni condizioni: praticamente i miei interlocutori molto spesso nemmeno si accorgono che sto usando degli auricolari.
Le Galaxy Buds vanno abbastanza bene ma ci sarà sempre qualcuno che dall’altra parte dirà: “Eh? Cosa? Ripeti? Non ho capito!”.

OnlyKekko

sembra siano ottime. whathifi le elegge tra le migliori true wireless.
e whathifi fa le recensioni molto bene.

OnlyKekko

mah, non credo ci siano sovvenzioni particolari, perché qua una volta è huawei, l'altra sony, l'altra ancora apple.. Io credo più ad un articolo fatto un po' in fretta e senza alcune considerazioni pratiche.
sembra una stupidaggine, ma dover togliere ogni santa volta la cancellazione del rumore attiva ad ogni chiamata le rende di fatto quasi inutilizzabili se non per ascoltare musica.
non hanno messo la cosa nemmeno nei "contro",...

OnlyKekko

Ho fatto lo stesso acquisto. Fagioli dal rapporto q/p molto interessante, ma ho spessissimo problemi con il pairing (se utilizzi più di un dispositivo ti fanno impazzire) e in chiamata l'interlocutore non mi sente mai, nemmeno se sono alla scrivania nella mia stanza da solo.
Probabilmente ho altri riferimenti, ma riguardo alla qualità della riproduzione non posso dire la stessa cosa: sono cuffie mediose, senza dinamica e con un soundstage pari a zero, ma del resto tutti gli in ear hanno un po' questo problema.
Certo, le ho pagate 21 euro, non posso pretendere chissà che :)
Però trovo gli Haylou comodissimi e leggerissimi.

Roberto

lontano...

Enrico Strato

Sarò io un caso a parte ma spendere più di 25 euro per un paio di cuffie che fra circa 2 anni dovrò buttare, sinceramente non me la sono sentita. Motivo per cui ho acquistato un paio di Haylou GT1 Pro (sotto l'ala di Xiaomi) e devo dire che ne sono veramente soddisfatto. Ottima qualità del suono (prova tutte e tre le dimensioni di gommini e troverai quella giusta che isola bene), ottimi bassi. In chiamata la qualità è normale ma ho provato solo all'interno. Ad ogni modo, per me vanno più che bene.

OnlyKekko

Allora per quell'utilizzo andrebbero sicuramente bene, a patto che sia in mobiità, perché se è la musica che ti interessa la differenza tra le migliori in-ear e una onesta cuffia sovra aurale è ancora tanta.
Nel senso che in una in-ear per questioni che hanno a che fare con la fisica hai comunque un soundstage minuscolo e molta meno dinamica.
Sono inoltre d'accordo con Kamgusta: dopo 2 anni si devono buttare, non so se vale la pena spenderci cifre importanti.

Quello in effetti andrebbe messo come difetto degli iPhone, non delle airpods, che a questo punto ha senso che abbiano la lightning.
Così facendo rimangono meno appetibili per una bella fetta di pubblico (viceversa le altre, ma ad esempio uno può avere Macbook e iPhone e avere comunque anche la type C quindi)

Stavo quasi pensando di spendere ancora meno per valutare l'acquisto di un modello più serio in futuro (aspettando anche i modelli in arrivo da altri brand)... Hai detto 80€ perché hai già in mente qualcosa di valido su quelle cifre?

Le userei 90% o più per la musica, il restante per chiamare... Direi che posso passare sopra a quel difetto allora (quelle poche volte tolgo la cancellazione del rumore), comunque grazie!

Abbo

Se lo vendi a quel prezzo te lo prendo

Abbo

Prov.di Ravenna...

Muffa

Ma perché parlano di black friday? Le anker a 99 euro erano già così, è il loro prezzo normale da settimane

Kamgusta

Se prendi l'ultima versione hanno entrambe il tasto fisico e sono identiche

Kamgusta

Il consiglio è non spenderci poi di 80 euro, oltre sono soldi buttati

Piersabato Della Valle

Identiche. Prendi le Airdots ( consiglio personale ).

Kamgusta

Sempre meno di 280 euro...

Kamgusta

Basta pagare il giusto e ti consigliano anche la v.2 delle testine per spazzolino elettrico

Bertone

comunque se ti interessa sia MW che Unieuro le hanno a 135€ (probabilmente per questo Amazon si era adeguato)

Piersabato Della Valle

Sinceramente qui non so risponderti.
Cerca su google, purtroppo io non vivo in Italia e non ho mai ordinato da questi siti quando ero lì!
Credo comunque che devi essere sfigato per prendere i dazi.

Alessio

che tipo di spedizione devo selezionare per non incorrere nelle tasse doganali? va bene quella gratuita "spedizione aerea non registrata" ?

alex

Ma anche no. Ormai anche i base gamma da 100 euro la hanno. Non importa da quanto c'è, ha comunque una diffusione minuscola rispetto al totale

Alessio

ad esempio: su gearbest devo selezionare spedizione aerea non registrata (che è gratis) per non pagare la dogana? Oppure c'è un'altra opzione migliore?

Samsung Flip: la recensione della lavagna digitale per l’ufficio collaborativo

Quale Amazon Echo scegliere in offerta per Natale 2019? Panoramica Video

Bonus TV 2019: guida agli incentivi per passare al DVB-T2

Recensione Huawei Freebuds 3: ho sostituito le Airpods dopo 2 anni