Galaxy Watch 4, nuovo processore a 5nm ed una cornice più sottile | Rumor

20 Maggio 2021 20

Si aggiungono sempre più dettagli sui prossimi Galaxy Watch 4 di Samsung, i primi basati sulla nuova versione 3.0 del sistema operativo Wear, annunciato nei giorni scorsi da Google e realizzato proprio in collaborazione con la società coreana.

Ufficialmente sappiamo solo questo, Samsung lo ho confermato anche durante il Google I/O, ma sono tante ormai le indiscrezioni che si stanno susseguendo in questi giorni e che, come spesso accade, ci faranno arrivare al giorno dell'annuncio, probabilmente ad inizio agosto, con ben poco da scoprire.

Nelle ultime ore, due noti leaker hanno condiviso delle interessanti informazioni in merito ai Galaxy Watch 4: si parla di due modelli (non tre come ipotizzato in passato), uno in acciaio e uno in alluminio, e si parla di un nuovo SoC realizzato con un processo produttivo a 5nm, che sarebbe una novità per il settore smartwatch.

Lo scambio di tweet tra Ice Universe e Roland Quandt

L'ultimo processore realizzato da Qualcomm per gli indossabili è lo Snapdragon Wear 4100, realizzato con un processo a 12nm. Il processore Exynos 9110 di Samsung, utilizzato sul Galaxy Watch Active 2, è basato sul processo a 10 nm. Ovviamente, un processo a 5nm, decisamente più efficiente, porterebbe notevoli vantaggi in uno smartwatch riuscendo a garantire migliori prestazioni ed una maggiore durata della batteria.

Tra le altre caratteristiche citate, il Galaxy Watch Active 4 dovrebbe avere un vetro piatto 2D che protegge il display e con una cornice più piccola. Non è noto se ci sarà o meno la ghiera rotante utilizzata per la navigazione dei menu.

Quanto a Wear, la versione 3.0 che ha perso la denominazione OS dalla sua sigla e che può essere già provato in beta, sappiamo che arriverà in autunno (anche sugli smartwatch Fitbit), che avrà un nuovo design, che garantirà una maggiore velocità nell'apertura delle app e che offrirà delle versioni rinnovate di Google Maps, YouTube Music e Google Pay.


20

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
noncicredo
The Chiorbolo

No no, non te lo richiede più fino a che non lo togli (non so se c'è anche un timeout dopo tot ore ma non credo, ammetto che non ci ho mai fatto caso)
Io ho la rilevazione del battito sempre attiva, credo che sia quello a fargli capire se lo stai indossando.

noncicredo

Non te lo richiede più per un tot di minuti (non ho controllato quanti). E cmq io negli smartcosi mi aspetto sempre che siano smart.
A creare device del genere sono "buoni tutti" (la qualità ovviamente differisce dalle cinesate), ma è proprio lì dove devono essere innovativi che, appunto, dettagli del genere fanno la differenza.

The Chiorbolo

È vero, in effetti è una notevole seccatura (soprattutto lato privacy)
Ma c'è da dire che inserito la prima volta non te lo richiede più, amenoche tu non rimuova l'orologio.

Brogli

Forse sotto il display occupa troppo spazio, sarebbe carino su lato

noncicredo
F3NN3clol

Perdonate il francesismo ma.... In cul0 a Qualcomm che forse si sveglierà a fare soc decenti per indossabili investendoci un po' più attenzioni, anche se il mercato wear os non era così florido forse ora ci penserà più seriamente.

The martian

ho il Galaxy Watch che mi piace ancora per design e funzionalità per quello che mi serve ma già il GW3 non ha più il taglio sportivo della precedente edizione.Fra 3 anni cesserà il supporto al GW, valuterò un nuovo GW (5/6?) solo se saranno smartwatch meno cittadini nell'aspetto

Marco

Dipende però anche da cosa uno ci fa.
Io ho un Gear S3 da qualche anno ormai, e lo carico ogni 2-3 giorni.
La notte lo tengo spento perché non mi serve.
Di giorno è collegato al bluetooth del Note9 e riceve notifiche e chiamate (alle quali rispondo dallo smartphone).
Sono consapevole del fatto che, se usato al 100% delle capacità, non arriverebbe a mezzogiorno ovviamente.

trodert

Mah.. io uso smartwatch dal 2015 e ho sempre avuto l'abitudine di caricare lo smartwatch o la notte insieme al telefono o durante la doccia, meglio averlo sempre carico che farlo durare 8 giorni e poi ritrovarselo scarico durante la giornata senza possibilità di ricaricarlo al momento

trodert

sarà active 4 senza ghiera e watch 4 con la ghiera

Nuanda

Il Versa 3 arrivava a 6 giorni ed era uno smartwatch a tutti gli effetti

BuBy

speriamo non tolgano la ghiera girevole che è super comoda

Fabrizio

Garmin e Suunto (a meno di utilizzi GPS)

Ansem The Seeker Of Lossless

Io mi accontenterei anche di un braccialetto con tutti i sensori di ottima qualità e precisione che si colleghi al telefono e i dati vengano macinati da una app.
Del resto delle cose mi importa poco o nulla

Stewie

Chissà se un giorno avremo uno smartwatch che arriverà alla fatidica settimana di autonomia...

From Monkey Island 2 (bannato)

La verità è che si poteva imputare al S.O.di Google molti dei problemi legati all' autonomia, ma è anche vere che ad oggi Qualcomm e altri competitor non offrivano nulla di realmente performante per, quella che per loro, risulta essere una nicchia da cui si guadagna poco.
Se Samsung tira fuori un soc come si deve tutto il mondo degli indossabili ne guadagnerebbe sia direttamente che indirettamente.

doctorstefano

dai tempi del primi smartwatch samsung, quelli col brufolo sul cinturino come telecamera, mi è sempre stuzzicato l'idea di un orologio smart ma ho sempre resistito e fatto prevalere la ragione alla "scimmia". Chissà stavolta. Diciamo che l'apple watch sarebbe l'unica cosa che potrebbe per assurdo farmi cambiare piattaforma.

mah, speriamo ci sia davvero sta botta di autonomia sui nuovi wear os di cui tanto parlano

Massimiliano

il 3 l'ho avuto ed era davvero bello

I tre migliori compatti: iPhone 12 Mini vs Asus Zenfone 8 vs Galaxy S21 | Confronto

Recensione OnePlus Nord CE 5G, io ve lo consiglio!

Motorola Ready For, la modalità desktop che aspettavamo

Redmi Note 10 Pro trasformato in un Pixel | Guida e video