HP Reverb G2 ufficiale: visore VR sviluppato con Valve e Microsoft

28 Maggio 2020 48

HP Reverb G2 è il nuovo visore di realtà virtuale dell'azienda di Palo Alto. È stato sviluppato in collaborazione con Microsoft e Valve, per un'esperienza senza compromessi sia nella Windows Mixed Reality sia nella piattaforma SteamVR. HP presenta Reverb G2 come il visore con maggior definizione tra i produttori mainstream, anche se effettivamente non cambia dal Reverb di prima generazione: le due lenti sono state progettate da Valve e hanno risoluzione di 2.160 x 2.160 pixel ciascuna; a ciò si unisce un campo visivo di 114° per massimizzare il feeling di immersione. Il refresh, tuttavia, rimane inferiore a quello del Valve Index - 90 Hz contro 120.


HP Reverb G2 usa il sistema di tracking standard della Windows Mixed Reality, ma include anche due fotocamere frontali - una per lato. Rispetto alla precedente generazione cambiano notevolmente anche i controller, che sono analoghi a quelli molto apprezzati di Oculus, che si sono di fatto imposti come lo standard per il settore. Altra novità importante riguarda il comparto audio: le casse sono posizionate a 10 millimetri di distanza dall'orecchio per la massima praticità quando si indossa il visore, e c'è il supporto allo Spatial Audio 3D. HP dice anche che è stato aggiunto un cuscinetto in più nel supporto della fronte per migliorare l'esperienza d'uso in sessioni prolungate.

HP Reverb G2 arriverà quest'autunno, allo stesso prezzo del visore di precedente generazione: 599€.

Il perfetto compagno nella fascia media? Redmi Note 9 Pro, in offerta oggi da Mobzilla a 205 euro oppure da Amazon a 249 euro.

48

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
imborad

quindi aspetterai altri 20 anni finchè il hardware mobile diventa prestante come quello pc odierno il minimo per avere un esperienza accettabile. poi c'e anche il quest ma e una altra categoria di prodotto che visivamente e dal punto di vista complessita del esperienza e molto inferiore

imborad

praticamente e il reverb g1 senza i grossi problemi con qui è uscito

Pip

Il rift s è pensato appositamente anche per chi indossa gli occhiali, infatti si può regolare la distanza del visore dalla faccia, il quest un po' meno.
Puoi comunque usare le lenti a contatto oppure acquistare delle lenti graduate fatte appositamente per l'oculus che si mettono sopra le lenti già presenti. In questo modo non hai magari il problema degli occhiali che si appannano o della spugna che preme le aste degli occhiali alla tempia.
Non porto gli occhiali, ma penso che siano un paio di cose che danno fastidio, anche se ho sentito solo recensioni ottime per l'oculus rift s da parte di chi porta gli occhiali, è il visore più adatto

Alessandro Caffi

Si, esistono ditte che vendono lenti correttive che si applicano sopra a quelle dei visori
I prezzi spaziano tra i 30 e gli 80€ in genere

Ngamer

allora sono piu tranquillo :)

www.vr-italia.org

No, se da vicino non vedi bene non avrai problemi con la VR, perché la messa a fuoco è sempre almeno a un metro. Se vedi bene le cose ad un metro da te nella realtà, allora vedrai nitido in VR senza occhiali

Pip

Ma non ce n'è bisogno nei visori.
Questa necessità c'è in quelli che si usano con lo smartphone perché ogni singolo smartphone è diverso e le lenti sono in plastica e fanno cagar3. Ma i visori "veri" sono perfetti così come sono, non hanno bisogno di aggiustare il focus.
Tra le decine di persone a cui ho fatto provare l'oculus, mai nessuno ha avuto problemi, e anche su internet questo è un argomento inesistente.
È letteralmente un problema che non esiste nemmeno

Ngamer

quindi se da vicino non vedo bene o mi compro degli occhiali o lenti correttive per il visore ( esistono?)

Ngamer

lo so che sono diversi ma non mi pare sia cosi difficile implementare una messa a fuoco tipo 2 rotelle che muovono le lenti avanti e indietro

Pip

Si, puoi giocare normalmente qualsiasi gioco non adatto per la vr, è anche una cosa abbastanza carina.
La funzione big screen simula una stanza di cinema o teatro, e praticamente tu sei seduto in uno dei posti e giochi usando lo schermo del cinema

Pip

Non puoi paragonare i visori per smartphone a prodotti come oculus o vive.
È come paragonare il fuoristrada giocattolo della chicco ad un mitsubishi outlander.
Entrambi si muovono e ti portano dal punto a al punto b, ma l'esperienza è totalmente diversa.

Pip

È un non problema.
Anche ii prima di acquistare il primo rift credevo che l'avrei vista costantemente, ma in realtà è un effetto totalmente assente durante il gioco che si vede solo se vuoi vederlo.
Diventa un problema minore nel caso di piccoli testi, ma con i nuovi visori hanno migliorato così tanto risoluzione, schermo (non più pentile) e lenti che non è un problema neanche lì, come detto da qualsiasi recensore o da chiunque li abbia provati.
Lo puoi paragonare al vederti il naso. Il naso sta sempre lì ma durante la tua vita normale non lo vedi mai perché non ci fai caso.

Kingopinno

Principalmente (questo vale per qualsiasi visore di pc VR) lo usi per giocare a giochi fatti apposta per la VR tipo half-life Alyx.

Esistono giochi che hanno anche una versione VR (es Skyrim, fallout 4, ecc).

poi ci sono anche giochi che comprendono entrambe le verisoni cioè puoi decidere se farlo partire in VR o in modalità "normale" (es. subnautica, assetto corsa, ecc).

esistono anche giochi dove la community ha creato mod per la VR (GTA 5, alien isolation, ecc)

infine è possibile anche giocare a qualsiasi gioco pc (o guardare film) in VR tramite app simili a "bigscreen" dove viene simulata una stanza con all'interno uno schermo da 200" che rappresenta il tuo desktop e quindi puoi giocare a fifa sullo schermo del cinema in vr. (comunque in questo caso preferisco giocare direttamente sul monitor per comodità )

Vendicatore

Ho il Reverb e prima ho avuto il Rift: il Reverb non ha praticamente screen door effect. Gli unici difetti che ha sono: ergonomia discutibile (ho dovuto mettere qualcosa nel nasello) e sweet spot abbastanza ristretto.
Su iRacing leggi benissimo i cartelli delle curve e il display sul volante è chiarissmo.

MatitaNera

Infatti al momento è roba da nerd, il consumer ne è ben lontano

www.vr-italia.org

Non ci sono giochi VR che passano per questi servizi, ma sono ragionevolmente sicuro che sarebbe intollerabile, in VR sei estremamente più sensibile alla latenza.

www.vr-italia.org

I visori VR commerciali sono diversi, hanno lenti più grandi e un po' più sofisticate, con un campo visivo molto più ampio, per cui sarebbe complessa una regolazione di quel tipo. In genere chi porta gli occhiali li porta anche sotto al visore, come farebbe nella realtà, oppure compra le lenti graduate aggiuntive che si montano fisse nel visore.

Ngamer

ho un visore vr da usare con lo smartphone da 30 euro ed è provvisto di regolazione per ogni occhio , stessa cosa per gli occhiali che uso per i droni in fpv e qui non mi sanno fare una regolazione avanti e indietro ?? , mah

FraM

domanda... ma con il rift s io posso giocare a qualunque gioco io abbia su PC (gta v, fifa, nba, ecc) oppure sono supportati solo determinati giochi?

GIANLUCA

Non sono mai stato così contento di aver speso dei soldi come per l'acquisto del quest... È vero ha parecchi problemi, risoluzione soprattutto delle texture nei giochi e peso (con un powerbank le cose vanno meglio cmq) ma è una figata che non si può capire.... Leggo che ci vogliono i giochi tripla A su queste piattaforme per decretarne il successo, in realtà secondo me con la vr i giochi belli sono quelli che prevedono uno sport, ping pong, boxe, golf, certi giochi sono così fatti bene e realistici nella fisica che ti sembrerà davvero di farlo nella realtà, davvero incredibile il realismo sopratutto di eleven table tennis...

Il quest lo porto anche in giro, ci gioco in garage, ci vedi filmati 3d 180 gradi che lasciano a bocca aperta...., insomma, questo reverb sarà anche figo, ma un visore deve avere necessariamente secondo me la possibilità di essere usato da solo

AlphAtomix

Se togliessero la zanzariera potrei pensarci per giocare ad iracing ed assetto corsa competizione

Kingopinno

nella presentazione non è stato menzionata nessuna capacità di tracking per quanto riguarda le dita, quindi dubito sarà presente, ma in realtà non si sa :)

comunque diciamo che sono un gradino sotto ai controller dell index e ai oculus touch , ma sono un bel passo avanti rispetto ai vecchi controller WMR

Kingopinno

purtroppo in questo periodo causa Covid ( rallentamento produzione) e grazie a una domanda sempre maggiore, sono sempre sold-out ovunque e vengono venduti nel giro di qualche ora non appena arrivano scorte.

Un fattore da tenere a mente ( fondamentale per me ) è la comodità.
Personalmente trovo il quest molto pesante ( provato da un mio amico più volte) in particolare hai tutto il peso sulla fronte e dopo un pò si fa sentire.
il Rift S è molto molto più comodo da indossare ( anche rispetto al cv1 secondo me) e permette sessioni più lunghe.
ovviamente Quest ha altri vantaggi non c'è dubbio, ma per la PC VR il rfts S è molto meglio :)

FuckingIdUser

Ma tu hai fatto prove con un hmd ed un servizio di Cloud gaming tipo GeForce Now?
L'input lago sarebbe tollerabile?
Io personalmente oramai gioco solo con GeForce Now e Stadia e devo dire che non rimpiango nulla, anzi.

Simone Bonfrate

Però se ai giochi VR con il quest venisse applicato una tecnologia simile al DLSS si potrebbero avere migliori giochi anche lì. Bisognerà però capire se le NPU del prossimo snap potrà essere capace per l'impresa

Pip

C'è il quest che offre una selezione di giochi impressionante, e si usa senza pc...
Poi mi pare ovvio che se vuoi il fotorealismo hai la necessità di un PC, che discorsi sono?
Da un lato abbiamo processori microscopici che consumano niente, dall'altro interi PC che hanno le sole schede video che consumano 300W e pesano 2Kg...

Comunque, contrariamente a quello che si pensa, non c'è bisogno di un PC spaccaquli per entrare nella vr. Se vedi i requisiti minimi half life alyx puoi giocare benissimo con una 1060, cosa già testata da molti. Ovviamente non ti puoi aspettare riflessi e luci fotorealistiche, ma nella vr sei così preso da tutto il resto che alla grafica quasi non ci fai caso

Antonio
Paneeno

Bei prodotti, ma continuo a pensare che rappresenteranno, anche in futuro, una nicchia. Magari più corposa, magari più articolata, ma pur sempre una nicchia.

Ho un amico fissato con la VR, mi sono fatto prestare il Rift S, ma sinceramente non lo vedo adatto ad ogni situazione. Wow in determinate situazioni, meno wow in altre. Sinceramente l'idea di isolamento completo dal mondo esterno più la necessità di usare altri controller aggiuntivi mi da fastidio.

Voglio arrivare a casa, buttarmi sul divano e giocare. Se devo isolarmi completamente già mi passa la voglia, è troppo "ingombrante".

Poi l'effetto wow è assicurato, ma la comodità è ancora scarsa secondo me.

Nuanda

Era di nicchia...trova l'articolo di quanti soldi sono girati sullo store solo del Quest.....quello è stato il dispositivo che insieme al PsVr ha fatto diffondere la vr...

Marco Squeglia

Preso poche ore fa. Anch’io per giorni trovavo il prodotto esaurito. Ma andando a controllare si trovano ogni tanto. La mailing list non funziona.. vai a tentativi.

www.vr-italia.org

I titoli pesanti arrivano quando c'è l'utenza in grado di sostenere economicamente lo sviluppo, però finché il trend è in crescita è solo questione di aspettare qualche anno finché non si arriverà al punto di svolta. La VR non deve sostituire il gaming tradizionale per essere un successo, è solo un'altra opportunità. Gli smartphone non hanno sostituito il gaming su PC, Il gaming su PC non ha sostituito le console, i giochi 3D non hanno sostituito i platform 2D, nemmeno i giochi retrò in pixel art. Sono tutte opportunità dove ad un certo punto qualcuno troverà il modo di creare contenuti e ricavarne un profitto. Per ora qualche killer app comunque c'è, quello che manca davvero è un prodotto con pochi compromessi ad un prezzo d'ingresso molto pop... arriverà anche quello, come è stato per smartphone, televisori, ecc...

www.vr-italia.org

Importante, non così importante. Per molte persone da 90Hz a 120Hz in VR non c'è differenza, e per quelli in cui c'è devono essere giochi particolari, molto veloci, come Beat Saber. Tanti giochi VR, come anche Alyx, puntano ad un'esperienza immersiva, non troppo frenetica. Inoltre 120Hz vuol dire 120fps, e farli in VR non è da tutti, per cui potresti avere il visore a 120Hz ma non riuscire a sfruttarlo quasi mai se non hai una 2080 o una 2080Ti

www.vr-italia.org

No, sono un passo avanti rispetto ai vecchi WMR, ma ancora indietro rispetto a Oculus Touch e Valve Index Controller

www.vr-italia.org

Non c'è messa a fuoco nei visori VR, il piano focale è sempre abbastanza lontano, il tipo di visione è simile alla realtà, per cui se ci vedi bene nella realtà vedi bene anche in VR, se sei miope nella realtà, lo sarai anche in VR e serviranno occhiali o lenti correttive da montare nel visore con la tua specifica gradazione.

FuckingIdUser

Grazie. Credo che il refresh rate sia molto importante. Attendo recensioni.

Ngamer

unico dubbio non si parla di messa a fuoco ma penso sia possibile giusto?

lKinder_Bueno

Stessa situazione anche io. Purtroppo la pandemia ha bloccato la produzione dei visori. Su amazon usa le scorte risultano diponibili da luglio

Pip

Io proprio in questi giorni volevo vendere il mio rift e prendere il rift s, ma è impossibile da trovare, non è disponibile da nessuna parte.
Si trova solamente su ebay a prezzi di almeno 200 euro superiori rispetto a quelli di listino.
Proprio per questo mi stavo orientando sul quest da usare con il link, ma sono sicuro se sia la scelta migliore.
Mi interessa un visore da PC però la possibilità di usare il quest quando e dove voglio è un bonus piacevole.
Al tempo stesso, anche se tutti dicono che l'esperienza con il link sia ottima, sarà comunque inferiore al rift s, che è fatto apposta per giocare con il PC...

Francesco27

Mi sembra che i controller non abbiano la stessa qualità dell'Index o sbaglio? C'è il tracking delle dita come sul visore Valve?

Francesco27

Mi sembra che i controller non abbiano la stessa qualità dell'Index o sbaglio? C'è il tracking delle dita?

Kingopinno

io gioco in VR quasi tutti i giorni.
possiedo sia l'oculus rift S che un visore mixed Reality ( il primo HP) e prima possedevo l'oculus rift. (uso praticamente solo il rift S comunque).

I WMR sono visori molto validi, il loro più grande difetto sono i controller ( scomodissimi). Venduti al giusto prezzo (200-300) avevano il loro perchè. Purtroppo microsoft ha investito pochissimo in marketing e sono finiti quasi nel dimenticatoio, un peccato.

facebook sta facendo un ottimo lavoro per la diffusione della VR, investendo un sacco di soldi in giochi , marketing e tutto il resto, l'unica cosa è mi piacerebbe è che abbandonassero la filosofia del "walled garden" e aprissero il loro store a tutti i visori.
Alla VR non serve dividere i suoi utenti.

Pip

Facebook con il quest sta facendo di tutto per farlo diffondere il più possibile.
Titoli di spessore ce ne sono tantissimi ormai.
Asgard's Wrath, stormland, half life, skyrim, fallout, una caterva di giochi musicali ecc. ecc.

Pip

Diciamo che se tutto va bene sarà una buona parte del gaming futuro.
Il problema è che non si possono fare sessioni troppo lunghe, perché prima o poi ti stanchi.
Certo, beat saber o space pirate trainer sono anche ottimi allenamenti per muoversi tantissimo e sudare come maiali, specialmente se in beat saber ti metti anche a ballare come i video di omotea su youtube, ma ci sono momenti dove uno vuole anche solo giocare rilassato.
Prendi Asgard's Wrath ad esempio, ti fa sentire una divinità nordica ma già due ore di gioco sono veramente lunghe e finisci inevitabilmente per stancarti

Yui Hirasawa

È una piattaforma di nicchia difficile che diventi uno standard sia per il prezzo che per mancanza di titoli pesanti

Kingopinno

non è ancora in commercio, per ora possiamo dire qualcosa solo basandoci sulla carta.
-risoluzione molto superiore al index, ma refresh rate inferiore
-tracking inside-out ( usa le fotocamere presenti sopra al visore stesso), meno preciso dell'index ma molto più comodo ( non si vedevono far correre cavi per la stanza e fissare al muro le "base stations")
- più leggero dell'index
-costa 400€ in meno
-stesso sistema audio

Per il resto si dovranno aspettare recensioni.
Fattori molto importati saranno la qualità delle lenti e la comodità.

Pip

Questi visori windows mixed reality mi hanno sempre dato l'impressione di essere nati già morti...
Per quanto non mi piaccia ammetterlo (sul serio, non lo sopporto) la mia fiducia per quanto riguarda la vr per ora è posta totalmente in Facebook.
Mister zucchina si sta muovendo veramente bene per spingere sul vr, con l'acquisizione di studi come quelli che hanno fatto beat saber e quell'assurdo capolavoro di Asgard's Wrath.
Basti pensare ad oculus link, cosa totalmente non necessaria da parte di Facebook (data la presenza di Rift s) ma che ha dato uno scossone al mercato mettendo il quest su un piedistallo d'oro.
Stanno puntando molto sulla vr per quelli che secondo me sono i motivi sbagliati, come ad esempio la loro volontà di creare un social vr e di sfruttare la realtà virtuale per mantenere le persone connesse, ma se questo porta allo sviluppo di ottimi visori, giochi stupendi e ampia diffusione (come dimostrato dalle vendite degli oculus superiori di molto alla capacità di produzione) benvenga

FuckingIdUser

Qualcuno è capace di confrontarlo con Valve Index?

Il futuro del gaming è questo. Poco altro da aggiungere. Quanto dovremo attendere per un Black Mirror ai tempi nostri? Diventerebbe "la droga".

Recensione Ghost of Tsushima: l'ultimo samurai (di PlayStation 4)

Recensione Deadly Premonition 2: A Blessing in Disguise. Che passo falso!

Recensione The Last of Us Parte II: l'oscurità dentro

PlayStation 5 ufficiale: due versioni, design grintoso e futuristico | Caratteristiche