Oppo spinge sugli indossabili: spunta il brevetto di una fitness band

28 Marzo 2020 0

A poche settimane dalla presentazione ufficiale del suo primo smartwatch, l'Oppo Watch (il cui arrivo in Europa è stato recentemente confermato), spuntano informazioni su un nuovo dispositivo indossabile che l'azienda cinese avrebbe in programma.

Nello specifico, stiamo parlando di un brevetto che Oppo ha depositato presso l'Ufficio Statale per la proprietà intellettuale della Repubblica Popolare Cinese, e che sembra proprio riguardare una fitness band.



Il dispositivo rappresentato nei render, infatti, ha una forma oblunga, una sorta di "pillola", che curva per assecondare il polso ed è circondata da un anello in metallo tramite cui allacciarlo. In mezzo presenta un piccolo display, e ci sono poi dei pin di ricarica e quello che sembra un sensore per la rilevazione della frequenza cardiaca. Ovviamente lo schermo potrebbe, se connesso ad uno smartphone, essere capace anche di mostrare notifiche.


Si tratterebbe di un ritorno di Oppo in un settore abbandonato da molto tempo: l'ultimo prodotto analogo era la fitness band O-Band lanciata nel 2014. Come sappiamo dalle dichiarazioni nette rilasciate dall'azienda in occasione dell'evento Oppo Inno 2019, tenutosi alla fine dell'anno scorso, l'intenzione per il futuro è quella di creare un ecosistema, aggiungendo al proprio catalogo nuove tipologie di dispositivi.

Zero compromessi al miglior prezzo?? Samsung Galaxy S10 Plus, in offerta oggi da Mobzilla a 557 euro oppure da Yeppon a 647 euro.

0

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...

Apple e Google, più privacy per le app di tracciamento: cosa cambia per l'utente

Coronavirus e 5G: rischi reali e fake news, facciamo chiarezza | Video

Spesa online: la nostra esperienza a Bergamo, Milano, Roma, Reggio Emilia e Palermo

Scontrino elettronico dal 1° gennaio per tutti, cosa cambia