CES 2020, l'invasione degli auricolari true wireless. Tutti i nuovi modelli

08 Gennaio 2020 31

Gli auricolari true wireless sono una delle categorie di maggior interesse degli ultimi anni nel vastissimo (e altamente volubile) mondo dell'elettronica di consumo: ispirati dall'enorme successo degli Apple AirPods, sempre più produttori propongono le loro interpretazioni e tecnologie. Il CES 2020 di Las Vegas può essere definito il momento della vera e propria invasione: sono stati presentati quasi venti nuovi modelli, coinvolgendo tanti nuovi brand, tra cui diversi con un'impostazione più "professionale" come Shure e Technics. Stare dietro a tutti quanti con articoli dedicati sarebbe estremamente dispersivo, per cui abbiamo deciso di realizzare un singolo articolo riassuntivo con i principali protagonisti.

JABRA ELITE ACTIVE 75T

Si tratta della versione sportiva dei già noti Elite 75T. Ne abbiamo parlato approfonditamente in questo articolo dedicato l'altro ieri. I dettagli salienti sono resistenza ad acqua e polvere (IP57), 7,5 ore di riproduzione continua e un case che ne garantisce altre 20 circa.

HARMAN KARDON FLY TWS

In-ear con anch'essi con design stile Jabra. Supportano Google Assistant e Alexa di Amazon, e hanno un'autonomia di 5 ore (15 in totale grazie al case di ricarica). Maggiori informazioni nell'articolo dedicato, incluse anche quelle relative ad altri prodotti audio non-TWS.

AMAZFIT POWERBUDS

Anche riguardo a questi auricolari in-ear abbiamo parlato approfonditamente in un articolo dedicato, in cui parliamo anche dei tappi auricolari per dormire smart ZenBuds. I dati salienti sono comunque: cancellazione attiva del rumore, monitoraggio della frequenza cardiaca, certificazione IP55, fino a 8 ore con una sola carica e 24 max grazie al case. Costeranno 100 dollari.

TICPODS 2 E TICPODS 2 PRO

Hanno un form factor simil-AirPods, con lo stelo allungato (come d'altra parte erano i TicPods Free di prima generazione) e non in-ear; la differenza tra i due modelli è semplicemente che i Pro hanno un po' di controlli avanzati in più, grazie all'attivazione dei comandi vocali, all'accelerometro e al giroscopio che permettono di cambiare traccia e modificare il volume muovendo la testa. La cancellazione attiva del microfono è anche più precisa visto che si basa su due microfoni invece che uno. Il chip interno è un Qualcomm QCC5121 al posto del Qualcomm QCC3026.

Gli auricolari supportano i codec APTX, SBC e AAC (Bluetooth 5.0); solo quest'ultimo è disponibile su iOS, mentre Android supporta tutti e tre. Il pannello touch a sfioramento permette di gestire le cuffie. L'autonomia dichiarata è di 4 ore, mentre il case di ricarica ne offre altre 19 nel caso delle Pro, 16 nel caso delle 2 "regolari". La ricarica rapida permette di ottenere 1 ora di riproduzione con appena 5 minuti di posizionamento nel case. Entrambi i modelli sono certificati contro gli schizzi d'acqua (IPX4), perciò dovrebbero andare bene per l'attività fisica. Presente anche un sensore che rileva quando gli auricolari sono inseriti nell'orecchio. Rispetto alla precedente generazione, il case di ricarica è più compatto, e la porta di ricarica è USB-C.

TicPods 2 e 2 Pro sono già disponibili al preordine sul sito ufficiale di Mobvoi in tre colorazioni, a rispettivamente 99,99 e 139,99€. Le consegne dovrebbero iniziare il 15 gennaio; fino a quella data, è previsto uno sconto del 10% sul prezzo di listino. Si scende quindi a 89,99 e 125,99€.

PANASONIC: 2 MODELLI CON E SENZA ANC

Panasonic presenta RZ-S500W e RZ-S300W, con un form factor analogo ai Jabra e ai Samsung Galaxy Buds, tra i tanti altri. Ciò in breve significa: in-ear e "a bottone". La differenza principale tra i due modelli è che il primo offre la cancellazione attiva del rumore di fondo, il secondo no. L'ANC è piuttosto sofisticato, stando a quanto dice Panasonic - che si spinge addirittura a dichiarare che è il migliore del settore: il nome commerciale è Dual Hybrid Active Noise Cancelling, e include le tecnologie FeedForward Noise Cancelling (FF-NC), Feedback Noise Cancelling (FB-NC) e un processore analogico/digitale dedicato. Panasonic promette anche la capacità di rimuovere i fruscii del vento in chiamata.

Gli auricolari hanno molte delle funzionalità che ormai ci si aspetta per questo settore: possibilità di usare indipendentemente/indistintamente uno solo dei due auricolari, controlli touch e certificazione IPX4 contro gli schizzi d'acqua. Non abbiamo dettagli precisi sulle batterie degli auricolari né del case, o sui possibili prezzi. Se ne riparlerà a giugno 2020, data prevista di disponibilità sul mercato. Li troveremo in colorazione nera e bianca.

TECHNICS: 1 MODELLO CON ANC DI FASCIA ALTA

Technics è il marchio di fascia più alta di Panasonic, quindi non stupisce che i suoi EAH-AZ70W siano sostanzialmente degli RZ-S500W con driver di qualità superiore. Technics parla di un driver dinamico con diaframma rivestito in grafene, e di una camera acustica che ottimizza il flusso d'aria - e quindi la resa sonora. Resta uguale il sistema di cancellazione attiva del rumore di fondo. Technics dichiara 6 ore di autonomia per gli auricolari e 18 in totale grazie al case di ricarica (è plausibile che le cifre per i Panasonic siano molto simili - magari un po' più alti nel caso degli RZ-S300W senza ANC). Anche loro arriveranno a giugno, a un prezzo non specificato (ma probabilmente molto alto), in colorazioni argento e nera.

SHURE: ISOLAMENTO PASSIVO SUPERLATIVO, ADATTATORI MMCX

Shure AONIC 215 rappresentano l'ingresso nel settore di una delle aziende più apprezzate dai musicisti per le loro ottime capacità di isolamento passivo e reale (intorno ai -30 dB, tra i migliori in assoluto), non basato su elettronica che, per quanto efficiente possa essere, è soggetta a ritardi e limitazioni importanti; e dagli audiofili, per la pura qualità sonora della gamma SE in tutte le fasce di prezzo. I dettagli riguardo al prodotto sono scarsi - anche perché le vendite inizieranno solo tra diversi mesi: ma da quello che si può capire dalle informazioni ufficiali e conoscendo come opera l'azienda, possiamo dire che la novità non risiede negli auricolari in sé, ma nei relativi supporti.

Gli IEM Sound Isolating di Shure sfruttano infatti il connettore MMCX. Di fatto, si possono "staccare" dal cavo e sostituire a piacere. Il sistema permette di sostituire gli auricolari con unità più performanti, se necessario, oppure il cavo. Di cavi MMCX ce ne sono di svariati tipi, con connettività Bluetooth, analogica (jack da 3,5 mm), Lightning o USB-C, e sono prodotti da più marchi. Sostanzialmente Shure ha creato dei supporti Bluetooth MMCX "true wireless", con relativo case di ricarica. In questo particolare pacchetto sono abbinati agli SE 215, ma è lecito ipotizzare che in futuro i supporti saranno acquistabili separatamente e abbinati a qualsiasi auricolare SE (ma in effetti a qualsiasi auricolare MMCX, a prescindere dal produttore) già in proprio possesso.

I supporti sono ad arco, e si passano sopra l'orecchio. La batteria è evidentemente racchiusa nella "goccia" in fondo all'archetto, che si posiziona poi dietro all'orecchio. Purtroppo gli unici dati tecnici degni di nota riguardano l'autonomia: 8 ore con una singola carica, e il case ne contiene ben 24 in più (non abbiamo info sulle dimensioni, ma dobbiamo aspettarci un case molto ingombrante, data la forma degli auricolari).

Shure AONIC 215 sarà in vendita dalla primavera; avremo più informazioni in quel momento, speriamo. Il prezzo è ignoto, ma possiamo prevedere che sarà piuttosto alto: il cavo MMCX Bluetooth "tradizionale" (cioè con un filo che collega i due auricolari) prodotto da Shure costa intorno ai 100 euro, e un paio di SE 215 da soli costa più o meno altrettanto. Diciamo intorno ai 250-300 euro?

KLIPSCH: 4 MODELLI PER TUTTI I GUSTI (E TASCHE)

Klipsch aveva già debuttato nel segmento True Wireless l'anno scorso con i T5 di prima generazione, ma al CES 2020 raddoppia... Anzi, quadruplica con quattro modelli in-ear. Il range di prezzi lascia già intendere che si tratta di materiale di fascia altissima: l'entry level parte da 199 dollari, il top gamma sfiora i 650. Ecco tutti i dettagli modello per modello:

  • T5 II True Wireless: La diretta evoluzione del modello dell'anno scorso. Klipsch dice che ha migliorato sensibilmente l'ergonomia, rimpicciolendo gli auricolari e includendo nella confezione sei eartips di taglie diverse per adattarsi perfettamente alle orecchie di ognuno. Le altre novità includono un'antenna Bluetooth migliorata per una connessione più stabile, una "modalità trasparenza" per sentire i rumori dell'ambiente circostante e la certificazione IP67 contro polvere e acqua. L'autonomia degli auricolari è di 8 ore, quella totale considerando il case è di 24. Prezzo 199 dollari, disponibilità da quest'estate.
  • T5 II True Wireless Sport: Sono gli stessi auricolari ma con un piccolo archetto che li rende più saldi nell'orecchio e un case di ricarica un po' più grandi, che include anche la ricarica wireless attraverso lo standard Qi. Gli auricolari sono definiti più "rugged" dei T5 II normali, e c'è un sistema per rimuovere l'umidità e mantenere gli auricolari in perfetta efficienza. Stessa autonomia, stessa disponibilità, prezzo 229 dollari.
In ordine: T5 II, T5 II Sport, T5 ANC. In apertura i T10.
  • T5 True Wireless ANC: L'omissione del "II" non è un errore, almeno da parte nostra. La caratteristica principale è chiaramente la cancellazione attiva del rumore, con due microfoni. Anche qui è presente la "modalità trasparenza"; ci sono anche dei sensori aggiuntivi (accelerometro, giroscopio) che permettono di controllare gli auricolari muovendo la testa. Supportati anche i comandi vocali. L'autonomia è analoga agli altri T5 II, ma scende a 6 e 18 ore con l'ANC attiva. Prezzo 299 dollari, disponibile dall'autunno 2020.
  • T10 True Wireless: Un modello di punta da ben 649 dollari. Sono molto più compatti degli altri T5, e anch'essi offrono la cancellazione attiva del rumore a due microfoni, il supporto ai comandi vocali e ai controlli con il movimento della testa. Grazie alla batteria Li-ion con la massima densità al mondo, riescono comunque a offrire fino a 6 ore di autonomia. Il design del case è molto ricercato, con sportelli magnetici molto curati, uno spessore estremamente ridotto e la ricarica wireless. Usano gli stessi driver ad armatura bilanciata dei top di gamma tradizionali X10i. Arriveranno in autunno.
AUDIO-TECHNICA: ANC ALLO STESSO PREZZO DI AIRPODS PRO

Audio-Technica QuietPoint ATH-ANC300TW è il terzo paio di auricolari true wireless dell'apprezzatissimo produttore giapponese, e il primo con cancellazione attiva del rumore. Hanno un design "alla Jabra" e sono in-ear. L'ANC è "digital-hybrid", nelle parole dell'azienda, con microfoni piazzati sia davanti al driver sia dietro, per bilanciare la riduzione del rumore di fondo e la qualità della riproduzione audio. Possibile anche attivare la "modalità trasparenza" quando è necessario tenere sott'occhio i suoni dell'ambiente circostante.

Gli auricolari sono Bluetooth 5, e tra i codec supportati figura anche l'APTX di Qualcomm, insieme ai classici SBC e AAC. Tra l'altro, sempre di Qualcomm è la soluzione TrueWireless Stereo Plus che garantisce una latenza estremamente ridotta. L'app dedicata permetterà di gestire quest'ultima funzione, oltre alla regolazione dell'ANC. L'autonomia dichiarata è di 4,5 ore continuative, 13,5 ore con il case di ricarica. Le cuffie saranno disponibili da questa primavera e costeranno esattamente come gli AirPods Pro: 249 dollari.

1MORE: 1 MODELLO CON ANC E 1 SPORTIVO

1MORE True Wireless ANC Headphones (EHD9001TA) hanno una cancellazione attiva del rumore di fondo a due microfoni con DSP dedicato. I driver a due vie hanno un design ad armatura bilanciata. Supportano il Bluetooth 5, i codec APTX, AAC e SBC. In arrivo anche la certificazione THX. Supportano gli assistenti vocali, c'è un sensore di prossimità per la pausa automatica quando si rimuovono gli auricolari dall'orecchio, e ci sono controlli touch su entrambi gli auricolari.

La batteria degli auricolari promette sei ore di riproduzione continua, 5 se l'ANC è attivo. Il case, ricaricabile wireless, include altre 22 ore. Costeranno 199 dollari, e dovrebbero arrivare nei prossimi mesi.

1MORE React True Wireless Headphones sono pensati per gli utenti più sportivi. Hanno un design ad archetto simile agli Shure AONIC 215 o ai PowerBeats Pro che abbiamo recensito negli scorsi mesi. Abbiamo meno dettagli, ma sappiamo che mancherà il codec APTX (rimane disponibile l'AAC, oltre naturalmente al default SBC). C'è un DSP dedicato per il rilevamento costante dei comandi vocali. I driver sono da ben 14,2 mm, garantendo quindi un suono bello corposo e ricco di bassi. Niente ANC.

Ogni singola carica dovrebbe durare fino a 5 ore, mentre grazie al case di ricarica si arriva fino a 24. Non abbiamo dettagli su prezzi e disponibilità.

JLAB: TRUE WIRELESS AD APPENA 30 DOLLARI

JLAB Audio GO Air sono i più economici e di gran lunga di questo lungo elenco. Non avranno la miglior qualità del gruppo, ma offrono comunque un'autonomia più che dignitosa - 5 ore per carica, più altre 15 grazie al case - un design in-ear, controlli touch, 3 gommini di taglie diverse, certificazione IPX4 contro gli schizzi d'acqua e possibilità di essere usati indipendentemente, anche uno solo alla volta. Saranno disponibili da marzo.


31

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Cri85

A ognuno il prodotto che si merita

KiTo

Bokman O2

Mefistofele

Vero però cuffie senza ANC generalmente non hanno la caratteristica di misurare il rumore ambientale ed hanno microfoni che ascoltano in modalità passiva, quindi non consentono telefonate di qualità in posti rumorosi perché non hanno la riduzione dei rumori e tantomeno l'antivento

Mefistofele

Che stress fare "leva e metti", conserva lo scatolino, arrotola il filo e viceversa, ogni 2 ore durante la giornata

Serg_Hartman

Cuffiette non in-ear? oltre alle TICPODS citate nell'articolo

Andredory

Ma chi se la fila Sony? Anche se facesse le cuffie perfette non se le prenderebbe nessuno purtroppo.

momentarybliss

Io le uso in una palestra McFit, non so se hai presente, musica a palla e centinaia di persone che fanno casino, eppure riesco a sentire tranquillamente le mie playlist di Spotify

Artorias

B&o e sennheiser presentanno qualcosa a questo evento?

Orlaf
Cri85

Togliamo il forse.
https://uploads.disquscdn.c...

Verdi, il mio colore preferito. :)

Orlaf

Forse...

Cri85

Bho, forse ci sono già.

V-man

Feedback sulle Galaxy Buds... riuscite a tenerle all'orecchio per mezza giornata o danno fastidio?

Giorgio

Preso le Qcy prima serie a 15 e rotti in offerta, per ascoltare musica senza impegno sono perfette.

Orlaf

Un pó mi trovi d'accordo, però aggiungo che le TW hanno il vantaggio di essere totalmente discrete (e assolutamente non fastidiose quando ben costruite).

Dovrebbero creare una specie di filo a cui collegarle per tali evenienze (una roba tipo quello per occhiali da vista), così sarebbero perfette.

Orlaf

Ora che stanno rilasciando esemplari con batteria degna di considerazione (tipo le Outlier Air della Creative), il minimo da fare è acquistarne un paio (possibilmente con compatibili con ricarica wireless).

Tony Carichi
Aristarco

li vendono insieme agli occhiali dell'intrepido

Tony Carichi

Ma gli auricolari invisibili alla 007 dei film esistono veramente o è tutta fuffa?
Vedendoli in rapporto a questi dispositivi.

kanna mustafa

L'ANC fa tutta la differenza nei mezzi di trasporto :-)

stany derrico

da provare sicuramente tutte le Panasonic/technics anche se il prezzo credo sarà troppo alto per me. Finalmente TW di qualità altissima

MasterBlatter

ma jlab sarebbe un sottomarchio di jbl?

Cri85

Le TW le ho sempre trovate facili da perdere o troppo fragili.
Preferisco quelle wireles ma con l'archetto anche se non quello rigido, mi danno più un senso di sicurezza.

matteventu

Molto curioso di ascoltare le Audio-Technica e le Panasonic/Technics.

matteventu

Ha detto WF (in-ear true wireless), non WH (over-ear).

momentarybliss

Da quanto ho potuto constatare l'ANC è abbastanza psrecato nelle le true wielress in ear, con i gommini della giusta dimensione ci si isola a sufficienza senza consumare inutilmente la batteria

Giacomo

Spiegaci cosa c'entrano con questi modelli hahah

kanna mustafa

Non sarei sopreso se tutte queste true wireless ( a parte le più budget )venissero spazzate via dalle sony WF 1000MX4 .........

Dike Inside

Ho comprato l'anno scorso a 30 euro su Amazon delle QCY T2 (vendute come Homscam). Mai acquisto fu più azzeccato.
Uno dei pochi oggetti senza il quale ormai non esco più di casa, e non sono mai stato utilizzatore di cuffiette. Ma la comodità che danno è impareggiabile.
A Natale le ho regalate a tutti i miei amici e parenti, trovando in offerta le T1 che sono praticamente uguali (a parte lo sportellino del contenitore) a 15 euro circa.

Andredory

Passerò al Wireless solo quando non esisteranno più le cablate.

Gianluca

Farete la recensione delle ticpods 2? Sono le uniche non in ear in questo lotto.

Samsung Q950TS UFFICIALI: TV 8K con AV1 e senza cornici | Video

Samsung Flip: la recensione della lavagna digitale per l’ufficio collaborativo

Le 5 (+1) migliori cuffie true wireless da comprare a Gennaio 2020

Quale Amazon Echo scegliere in offerta a gennaio 2020? Panoramica Video