Ricarica rapida, prove di standard comune: ecco UFCS di Huawei, Oppo, Vivo e Xiaomi

24 Giugno 2021 16

I produttori cinesi di smartphone stanno rafforzando sempre di più la collaborazione interna volta a stabilire nuovi standard comuni e alternativi a quelli occidentali. Qualche settimana fa è tornata al centro dell’attenzione l’alleanza MTA (con cui è stato istituito un nuovo protocollo di trasmissione tra dispositivi Android), mentre oggi emerge che le principali aziende cinesi stanno lavorando anche ad un inedito standard dedicato alla ricarica rapida. Si tratta del UFCS (Universal Fast Charging Specification), nato dalla collaborazione tra Huawei, Oppo, Vivo, Xiaomi e l’Institute of Information and Communications Technology cinese.

I produttori e l’istituzione pubblica hanno quindi fondato il Green Energy Working Group - anche noto come WG10 - che si occuperà di regolamentare e controllare lo standard UFCS in futuro. Le specifiche tecniche sono state finalizzate lo scorso 28 maggio e solo ora emergono i dettagli in merito. Tra questi spiccano le informazioni relative al voltaggio adottato dal sistema, che sembra essere molto simile a quello della specifica USB PD3.0 PPS. Prevede:

  • 5V nell’intervallo tra 3,4V e 5,5V
  • 10V nell’intervallo tra 5,5V e 12V
  • 20V nell’intervallo tra 12V e 21V
  • 30V nell’intervallo tra 21V e 36V

Insomma, sembra proprio che il mercato venga presto invaso da un altro standard dedicato alla ricarica, anche se in questo caso potrebbe trattarsi davvero di una serie di specifiche diffuse e condivise tra diversi produttori, portando un po’ di ordine in questo segmento. Allo stato attuale, infatti, sono molte le aziende che lavorano a soluzioni proprietarie che spesso portano alla creazione di caricatori non pienamente compatibili con altri prodotti, fatto che causa un vero e proprio spreco di risorse e riduce la possibilità di arrivare realmente al caricatore unico. Chissà se UFCS sarà la risposta a questo problema.


16

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Rendiamociconto

secondo il consorzio USB (citandoli) è una specifica tecnologica che va ad implementare lo standard usb di ricarica a cui hanno aderito alcuni produttori.
A tale implementazione dello standard i produttori cinesi non hanno aderito perchè non è uno standard in Cina, quindi si vogliono fare il loro di standard....il grasso cola e ognuno vuole il suo, pur adottando lo standard usb parzialmente.

Alex

e usb pd non è uno standart?

Alex

Credo sia uno standard gestito dall'usb if invece

Rendiamociconto

non serve che gli americani ci credano o meno, se rispettano le regole messe che vengano creduti o meno è irrilevante

niccolò

ma solo per me è inutile avere cosi tanta potenza a disposizione per ricaricare lo smartphone?

Dark!tetto

Più che altro OnePlus e Realme vista la presenza di Oppo e Vivo

Dark!tetto

Probabilmente è per avere uno standard cinese, il PD è una tecnologia scalabile di ricarica non uno standard vero e proprio

zdnko

si si. e gli americani sono tanto stupidi da credergli

Rendiamociconto

questo è quello che vogliono far credere. Non stanno più insieme da tempo ma i telefoni e gli accessori e il software sono uguali

virtual

Infatti! E scrivono anche che è simile, perciò che senso ha tutto questo?

zdnko

non stanno più insieme! 8-\

Rendiamociconto

è una questione di standard non di tecnologia

Rendiamociconto

c'è scritto huawei

zdnko

Honor no?

Ignis

Già, reinventano la ruota :|

Alex

Ma esiste il power delivery...

Recensione OnePlus Nord 2: sarà lo smartphone giusto per molti

Xiaomi Mi 11 Lite come non l'avete mai visto | Video

Recensione Sony Xperia 1 III: super fotocamere e spirito bollente

Recensione vivo X60 Pro: cosa offre lo smartphone ufficiale degli Europei