Huawei torna in corsa per il 5G in Svezia

11 Novembre 2020 30

Buone notizie per Huawei e i suoi progetti volti a rafforzare la sua presenza nel mercato delle reti 5G europee. Il produttore cinese era stato escluso nell'ambito dalle procedure per l'assegnazione delle frequenze 5G in Svezia a fine ottobre dalla PST. L'autorità svedese per la garanzia nelle telecomunicazioni aveva stabilito che nessun operatore partecipante potesse usare prodotti di rete forniti da Huawei (e da ZTE). La settimana scorsa Huawei ha presentato ricorso contro il provvedimento presso il Tribunale amministrativo di Stoccolma, riuscendo ad ottenerne la sospensione... e non solo. Alla luce dei nuovi sviluppi l'avvio delle aste - inizialmente previsto per martedì scorso - è stato infatti rimandato a data da destinarsi.

Il tribunale che ha esaminato il ricorso ha sottolineato che alcune parti della decisione del PST relativa alle aste sul 5G non si applicheranno sino a nuovo avviso. E tra queste parti c'è in particolar modo quella che riguarda proprio l'impossibilità di utilizzare le apparecchiature di rete di Huawei. È corretto sottolineare che si tratta di un provvedimento di sospensione e non della decisione definitiva sul merito del caso che prosegue presso il tribunale amministrativo.

La decisione che concede una sospensione significa che i termini riguardanti, tra le altre cose, l'uso dei prodotti Huawei non si applicano sino a nuovo avviso mentre continua la discussione del caso del tribunale amministrativo.

Huawei per ora conferma di non voler intraprendere ulteriori azioni legali e si dice disposta a collaborare con le autorità svedesi per trovare un accordo. Dovrà quindi provare a sfatare i timori per la sicurezza nazionale legati all'uso di prodotti di rete forniti da aziende che, si sospetta, possano avere una collusione con il Governo cinese. Resta per ora sullo sfondo la posizione di ZTE, anch'essa destinataria del divieto di fornire apparecchiature di rete agli operatori in lizza per l'aggiudicazione delle frequenze.

In attesa di sviluppi, la vicenda è esemplare nell'evidenziare gli effetti determinati dall'esclusione di importanti protagonisti del mercato delle reti: un rallentamento del processo di diffusione del 5G in Europa. Le alternative nel Vecchio Continente non mancano comunque: Nokia ed Ericsson erano pronte ad avvantaggiarsi dall'esclusione di Huawei e ZTE in Svezia, ma per ora tutto resta sospeso sino alla riapertura dei bandi di gara.


30

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Mattexx

L'America l'affossera Biden lo ha già detto aprendo le porte al nuovo ordine mondiale e imponendo la mascherina a vita, Trump ha fatto tanto per le aziende Americane la disoccupazione in America grazie a lui è hai minimi storici, certo con il Virus ce stata una flessione ma con le suo scelte ha fatto si che i danni economici fossero minimi. Certo siamo ancora ben lontani dagli Iphone, Ipad, Mac ecc. prodotti interamente in USA cosa che si sta aspettando da anni ma che con altri 4 anni di Trump si sarebbe concretizzata sempre di più certo Biden non farà alcuna pressione perchè questo accada e smonterà tutto quello che di buono ha fatto Trump per ristabilire i giusti equilibri con il mercato cinese.

DiscentS

La verità è un aggettivo per uno stato delle cose già stabile. Il 5g se sviluppato da nokia erikson nel futuro avrà ripercussioni positive. Allo stato odierno dire che nokia erikson hanno un 5g peggiore non è verità, è propaganda da chi non vuole sviluppo delle aziende europee ma è un cagnolino della dittatura.

Marco Mazzocchi

Da quando in qua dire la verità è fare propaganda? Ahahha l Italia si affosserà da sola con gente come te.

DiscentS

Caxxo se ne frega vogliamo nokia erikson. Il 5g è molto più permeante e delicato del 4g. Vai a fare propaganda cinese in piazza vedi quanti pomodori ti tirano

AcommonAlien

Bhe, se vuoi stare nel libero mercato, devi rendere anche il tuo mercato libero :)

Poi se a te fa piacere che aziende europee siano costrette a ridimensionarsi o a chiudere per colpa di un mercato ultra protezionistico interno (quello cinese, che quel id1ot@ di Trump voleva tanto imitare, ma anche contro stati storicamente alleati con lui... Quando uno è furbo :D), va bene, è la tua opinione, ma un giorno potrebbe toccare anche a te o a qualche caro.

Marco Mazzocchi

voi ignoranti in materia volevi dire? guarda che huawei fornisce gli apparecchi alle telcom come Tim, poi è la Tim a gestirle, mica huawei. voi scemi ritarderete l'adozione del 5g, mentre la cina quest'anno ha gia installato 600k stazione 5g, più del doppio del resto del mondo.

Marco Mazzocchi

perche si dovrebbero adeguare alle nostre leggi? loro hanno le loro e noi le nostre.

Dark!tetto

Questo discorso però si può applicare un pò a tutto però, se dall'oggi al domani la Cina decide di tagliare le produzioni destinate a noi Europa siamo con il cul0 a terra, probabilmente non potremo più nemmeno vestirci. So che questo è altamente improbabile, ma la soluzione non può essere una chiusura con la scusa della sicurezza. Come dico o meglio diciamo sempre, ci vorrebbe più UE che si occpi di avere un'indipendenza tecnologica e non solo da Cina e USA, magari investendo con progetti comunitari nelle aziende già presenti.

Dark!tetto

Ha solo il rapporto costo/prestazioni migliore, ma le prestazioni migliori oggi li ha raggiunti Nokia

AcommonAlien

Ti sfugge che vivi in EUROPA.

Nessuno ha parlato di attacco alla democrazia. Ed il discorso è più generale.
Mi fa ridere che loro si appellano ai tribunali e vincono perché le nostre leggi sono fatte per tutelare tutti, nessuno escluso, e poi le aziende europee per vendere in Cina devono a forza comprare da chi dice lo stato. Ultima, ma non per importanza, ma per notizia che ho letto, dei manager di aziende automobilistiche si sono lamentati che se vuoi vendere un auto elettrica in Cina, ti è caldamente consigliato di comprare le batterie da una azienda cinese(non ricordo il nome), altrimenti avrai tanti inconvenienti e non puoi vendere lì.
Ecco, io sono dell'idea che se vogliono far parte del nostro mercato, devono fare in modo che anche il loro si adegui. Perché sennò si creano solo nuove guerre commerciali, che possono sfociare anche in altro, e chi ci rimette siamo soli noi gente comune.

AcommonAlien

Ok, ora scrivilo senza piangere.
Thatcher, ti credevo più dura come azioni contro potenze straniere, hai perso la grinta :/

DiscentS

Gli utenti scemi gli stanno dicendo da tempo che il problema non è nello spionaggio ma nella dipendenza tecnologica di un apparato ultra delicato nei confronti di un paese non alleato e per giunta dittatura. Il futuro è roseo e stabile solo per chi ha una cieca fiducia verso la Cina. Noi che non siamo innamorati anzi intimoriti di un paese con un governo dittatoriale ci facciano varie domande in caso di degenerazione dei rapporti. Fornitura componenti? Continuità in ricerca e sviluppo? Possibilità di ostacolare la rete in modi non previsti (famoso cigno nero)? Leva contrattuale per la posizione di potere acquisita? Noi scemi preferiamo tagliare la testa al toro e fare 5g solo europeo.

Lorenzo Milani

Prestazioni migliori di che ?

lucas

non solo, in cina Ericsson ha in mano circa il 10% delle infrastrutture 5g totali grazie ad accordi con operatori locali come china telecom. alla Svezia non gli conviene escludere huawei e ZTE

piervittorio

Ed infatti non per nulla la Cina è uno dei pochi Paesi che non si è ancora complimentato con Biden....

G M

É impossibile che nokia ed ericcson falliscano, huawei, per quanto grande, non potrà mai fornire il 5G a tutta europa in tempi brevi solo in italia ogni operatore ha circa 20000 BTS per non contare gli altri stati anche più grandi dell'Italia. Ci saranno sempre operatori che utilizzeranno gli apparati nokia ed ericsson che però a loro volta non possono coprire da sole tutta l'europa, se si vuole progredire presto sul 5G é necessario coinvolgere sia nokia sia ericsson sia huawei sia ZTE.

Margaret Thatcher

C'è un problema nel tuo ragionamento: Huawei spopola non solo perché costa di meno, ma perché ha anche prestazioni migliori, cioè invece di distribuire dividendi hanno investito in ricerca e sviluppo. Perché i manager di Nokia ed Ericsson non hanno fatto lo stesso?

Massimo

Molti pensano che sarebbe stato meglio un altro mandato di Trump perche ha una politica piu aggressiva contro la cina
Ma molti non capiscono che i cinesi preferiscono 10 volte Trump a biden
perche sanno benissimo che Trump sta facendo di tutto per affossare l'america

boosook

Tutto vero, ma pensiamo alle conseguenze a lungo termine: tutti comprano Huawei perché costa meno, Noia e Ericsson falliscono, possiamo dunque rifornirci solo dalla Cina. A questo punto, capisci che acquisiscono un controllo indiretto sulla nostra capacità di costruire e mantenere reti di telecomunicazioni. Se i rapporti con la Cina dovessero peggiorare? Se si andasse fra vent'anni a una terza guerra mondiale? Certo, si potrebbe obiettare che già adesso Nokia e Ericsson producono in Cina, ma possono sempre, con un po' di sforzo, spostare la produzione rimanendo proprietarie delle tecnologie. Su asset strategici ha senso pensare all'autosufficienza (se non come Italia, perlomeno come Europa).

skyeurope

Bravo Marco, ottima osservazione la tua, ti volevo solo mettere in guardia di downvote che ti arriveranno a causa di ciò che hai scritto, l'intelligenza dell'utente medio di questo forum è media - bassa. L'ignoranza è molto alta, paragonabile all'imbianchino che mi sta pitturando le scale (un altro che crede che il virus l'hanno fatto i cinesi...).
Detto questo, fa piacere vedere su questo forum un commento da persona intelligente quale tu sei.

Marco Mazzocchi

Tutte le agenzie di sicurezza informatica, sia europee che americane, hanno già certificato la totale sicurezza delle tlc di huawei, è solo un ban politico e commerciale: agli americani fa comodo politicamente, agli europei commercialmente dato che possiamo dare più soldi a Nokia ed ericcson. Vediamo se il gioco vale la candela.

Marco Mazzocchi

Noi chi? La Svezia non mi pare sia Italia. Un tribunale non è solo espressione di una democrazia, anche un paese a partito unico come al Cina ha i tribunali. Possiamo dibattere sulla integrità morale dei tribunali cinesi, ma fatto sta che la Cina non ha mai bannato ERICCSON (svedese) dal mercato delle tlc in Cina ( che fra parentesi è il mercato più grande del mondo, con 600k stazione 5g entro fine dell anno). Ericcson detiene circa il 10 per cento del mercato delle tlc in Cina, quindi circa 60k stazioni, più delle stazione 5g dell intero Stati Uniti. Il ban svedese è solo politico, come gl I americani non hanno portato prove, ma solo sospetti. Mi pare ridicolo che tu parli di attacco la democrazia dei cinesi quando per primo gli americani e i suoi paesi sudditi siano stati i primi a violare la democrazia, bannando unilateralmente aziende di una nazionalità senza nemmeno una e dico una prova. Ma comunque diamo tutti i nostri dati a Google e company, mica gli americani spiano il telefono della merkel.... ah no

momentarybliss

Chissà se qualcuno prima o poi si prenderà la briga di verificare effettivamente se nelle componenti 5G forniti da Huawei si nascondono backdoor o se le accuse sono tutte fanfaronate per giustificare la politica commerciale repressiva degli USA nei confronti della Cina. Invece della sicurezza nazionale il governo americano avrebbe potuto spuntare forniture a costi ultracompetitivi o imporre a Huawei di coprire le aree bianche, ma no, mneglio impestare le orbite di satelliti

Marco Mazzocchi

Senza voler difendere nessuno: TUTTE le agenzie europee ed anche AMERICANE per la sicurezza informatica e delle TLC hanno certificato la TOTALE sicurezza degli apparecchi tlc di huawei. Ora se diciamo chiaro e tondo che il bando di huawei è solo uno sgambetto commerciale e politico alla Cina lo posso anche capire, ma non mi si venga a dire che si tratti di SICUREZZA NAZIONALE, perché chiunque con un minimo di cervello, cinese americano o europeo che sia, sa quanto sia ridicolo che gli americani parlino di sicurezza delle tlc e dei dati personali (le falle di Intel, Cisco, il trattamento dei dati personali di Google, Facebook, il cloud bucato di Apple etc...). Il vantaggio degli americani e degli europei è la capacità di influenzare la maggior parte della popolazione mondiale, e come dice Chomski, di modellarne inconsapevolmente la visione della realtà. Un esempio: se ad un cittadino medio con conoscenze mediocri in ambito informatico e tecnologico parli di un prodotto CINESE, l’utente in questione parte già col pregiudizio negativo (che poteva essere valido venti anni fa), anche se la Cina ormai produce tutto e ha conoscenze in certi ambiti superiori all Occidente. Quando ad un utente medio parli della politica cinese, esso parte col pregiudizio della invasione gialla, dell aggressione dei mandarini comunisti, anche se, guardando ai fatti e alla mappa geopolitica, vediamo che siamo noi occidentali che stiamo assediando la Cina: le navi Americane e della nato fanno quotidianamente incursioni nel mar cinese meridionale, gli americani hanno decine di migliaia di truppe in sud Korea, Giappone, Filippine e via dicendo, gli americani stessi hanno installato missili a medio raggio in sud Corea e mandano le portaerei vicinissimo alle coste cinesi. Ma sono i cinesi quelli che aggressivi?

Margaret Thatcher

Eh???

AcommonAlien

Usano la nostra democrazia contro di noi... :(

Ho_parlato!

intanto in uauei: "ce ripigliamm tutto chill che è nost"

ddavv

Il primo satellite per test e sperimentazioni lo hanno lanciato

https://youtu.be/mPl4kZ250H0?t=36

T. P.

https://media0.giphy.com/me...

Ignoto

Quando in Europa avremo un 5g funzionale in Cina saranno già al 6g

Huawei Watch GT 2 Pro: titanio e vetro zaffiro per diventare elegantissimo

La pandemia ha incentivato i pagamenti digitali: è la fine del contante?

Recensione Nubia Watch: molta forma, poca sostanza

Amazon Fire TV Stick e Cube, guida all'acquisto: modelli, differenze e prezzo