Huawei denuncia Verizon negli USA per questioni di brevetti

07 Febbraio 2020 15

Huawei ha denunciato Verizon negli Stati Uniti, per una questione di brevetti. I due colossi hanno cercato di trovare un accordo per un po' di tempo, ma in ultimo non ci sono riusciti. Le cause depositate dal colosso cinese, che con gli USA ha già diversi grattacapi, sono in effetti due, ma sostanzialmente il motivo è il medesimo: Huawei ritiene che alcuni suoi brevetti (12, per la precisione) siano stati sfruttati senza autorizzazione da Verizon. A quanto pare i negoziati vanno avanti da marzo 2019, ma evidentemente non sono andati a finire bene.

Verizon non l'ha presa bene, e ha rilasciato una dichiarazione ufficiale decisamente poco conciliante: dice che la causa non è nient'altro che una mossa per farsi un po' di pubblicità, un attacco a tradimento all'azienda e all'intero ecosistema del settore tecnologico. Il comunicato si spinge addirittura a dire che Verizon non è il reale bersaglio di Huawei: è qualsiasi Paese che la sfida. "La causa non si basa su niente di fondato, e siamo pronti a difenderci con forza".

Huawei investe molto in ricerca e sviluppo - tra il 10 e il 15% del suo fatturato ogni anno, secondo le note ufficiali. In soldoni, le percentuali si traducono in circa 70 miliardi di dollari negli ultimi dieci anni, di cui 15 miliardi nel solo 2018. In totale, Huawei detiene oltre 80.000 brevetti, di cui 10.000 solo negli Stati Uniti. Verizon ha guadagnato molto dallo sfruttamento improprio dei brevetti di Huawei, dice la società cinese.

Top gamma con batteria infinita e display super? Asus ROG Phone 2 è in offerta oggi su a 528 euro.

15

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Giulio

DAI si sa che huawei fa spionaggio industriale

Giardiniere Willy

Come al solito.

Quando non hai niente per dimostrare chi fra i due abbia ragione, ma come al solito spari le tue cag4t3, perché te sai già tutto, sia mai lasciare giudicare i giudici

Michele
Napigator

Sono sicuro che ha ragione Verizon nel dire che è solo una ripicca per il ban. Ma è normale che un'azienda deve guardare ai propri guadagni anche per continuare ad investire nella ricerca.

PassPar2_

Markettone di quelli seri, stavolta ha sganciato bene

imborad

Già come osano! Solo lammerica puo

imborad
Sense

che ignoranza in materia....

fabinobellino

Be’ se uno parla ancora fondandosi su pregiudizi anacronistici siamo proprio alla frutta.

È innegabile che molte aziende cinesi copino, ma le aziende cinesi alla fine sono anche quelle che innovano di più in ambito tecnologico. Guarda al fintech di tencent e Alibaba, alle tecnologie Blockchain, 5g di huawei e zte, Lenovo domina nel settore pc, hisense e haier nel settore elettrodomestici, tlc incombe nel settore tv, Hikvision.
L unica domanda da porsi è quale ruolo avrà l Italia in questo futuro dominato dalla tecnologia digitale e informatica. Alla mia università usano ancora xp e recentemente hanno hackerato le nostre mail di istituto.

Albi Veruari

Al mandarino.

Giulio

Come al solito huawei è la feccia dell'informatica

Orlaf
SuperDuo

Basterà che Verizon mettà una bandiera americana sui comunicati relativi e la sentenza verrà pilotata ad arte per farli vincere contro l'invasore cinese.

Si faceva prima di trump, figuriamoci adesso. La cosiddetta giustizia americana...

GTX88
Ciccillo

Be' se uno società cinese parla di brevetti siamo proprio alla frutta...

Huawei MateBook D da 14, 15" e X Pro 2019 arrivano su Amazon | Video

Tre settimane con Huawei Mate 30 Pro: il punto su foto e autonomia

Recensione Huawei Freebuds 3: ho sostituito le Airpods dopo 2 anni

Recensione Huawei Nova 5T: il top da 429€ euro che fa gola