Huawei, ultimo appello alla FCC: non siamo un rischio per la sicurezza

04 Febbraio 2020 14

Huawei non intende essere considerata un rischio per la sicurezza nazionale americana, e per questo ha chiesto alla Federal Communications Commission di tornare sui suoi passi, rivedendo la sua posizione che la vede estromessa dal mercato USA per l'installazione di infrastrutture di rete.

La presa di posizione della FCC era stata resa nota lo scorso autunno, quando Ajit Pai aveva puntato il dito contro Huawei e la connazionale ZTE ritenendo fondamentale

preservare l'integrità delle apparecchiature e dei servizi di comunicazione distribuiti lungo la rete contro le minacce alla sicurezza della nostra filiera poste in essere da alcuni fornitori stranieri.

FCC: LA DECISIONE DI NOVEMBRE 2019

Sulla base del ban imposto dalla Casa Bianca, a novembre 2019 la FCC ha vietato agli operatori rurali americani di acquistare attrezzature di rete da Huawei e ZTE attingendo al fondo USF da 8,5 miliardi di dollari, creato per sostenere i sistemi di telecomunicazione all'interno degli Stati Uniti.

In un discorso pubblico, Pai ha esplicitamente citato le due aziende cinesi, accusate di "porre un rischio inaccettabile alla sicurezza nazionale" attraverso l'utilizzo di backdoor nascoste atte a "spiarci, rubare e riempirci di malware e virus, o altrimenti per sfruttare le nostre reti".

In pratica, la FCC ha bloccato tutti gli aiuti economici agli operatori telefonici che si affidano a Huawei e ZTE per realizzare le loro reti.

Ajit Pai, CEO della FCC
LA PRIMA REAZIONE DI HUAWEI

Ovviamente Huawei non ha accettato la decisione presa dalla FCC, impugnandola presso la Fifth Circuit Court of Appeals di New Orleans. Successivamente, l'azienda ha dichiarato che "bannare un'azienda come Huawei, solo perché siam partiti dalla Cina, non risolve le sfide sulla ciber-sicurezza". Insomma, qui è una questione politica, non sulla sicurezza, dice la società di Ren Zhengfei.

La petizione presentata alla Corte d'Appello parla di "illegalità" dell'ordine imposto dalla FCC.

HUAWEI: NON SIAMO UN RISCHIO PER LA SICUREZZA

Venendo ai giorni nostri, Huawei ha ufficialmente chiesto alla FCC di non essere più considerata una minaccia per la sicurezza nazionale. Nella documentazione di 200 pagine, si dice che la decisione della Commissione è frutto di "una campagna da parte di certi funzionari governativi, inclusi membri del Congresso, per isolare Huawei con restrizioni onerose e stigmatizzanti ed essere messa fuori servizio negli USA contestando la sua reputazione qui e in tutto il mondo".

La decisione finale spetta sempre alla FCC, in particolare al Public Safety and Homeland Security Bureau, che potenzialmente potrebbe anche estrarre - a sorpresa - la carta dell'annullamento del divieto. Del resto, ci sono Paesi come il Regno Unito che non hanno sposato in pieno la linea di Trump, consentendo a Huawei di partecipare all'era 5G con le proprie infrastrutture. Ci sono limitazioni, ma è un segnale che non ovunque la società cinese viene vista come una concreta minaccia alla sicurezza.


14

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
loscalpello
PassPar2_

L'america non ha diritto a farsi il proprio 5g, deve comprare per forza quello cinese. Perché? Perché è solo una guerra commerciale! E allora? Allora sono bulli che non fanno fare il 5g a Huawei! Ma se lo volessero fare con le loro aziende? Coso però è un sopruso a Huawei che è migliore. Ecc ecc ecc (per i nuovi è un riassunto di quello che troverete su questo blog).

Garrett

Basta bannare la produzione iPhone in Cina e tutti i suoi componenti

BLOW

Ceo di fcc non è nemmeno americano!

Tu sei il primo ad essere inchiappettato free.

momentarybliss

Peraltro se le backdoor fossero così facilmente individuabili come si evince dalle affermazioni di mister Pai, non ci sarebbe alcun problema ad analizzare le infrastrutture cinesi e prendere anche contromisure contrattuali, oltre che penali

E K

Huawei non puó vincere con la logica quando questi stanno attaccando per distruggere.
È come giocare a scacchi con un piccione...etc.(e in questo caso il piccione detiene il controllo del mercato interno americano).

Le patatine omofone sono più buone. :D

Marco P.

Lo afferma AJIT PAI.
Qua siamo sul ridicolo comunque, si vede che è tutta una mossa economica e la gente se ne va dietro ancora agli spyware e ste cose senza senso.

marco

ahahahahahahahah

momentarybliss

Le famose bacccckkkddooorrrrrrr

Jean XS
ciro mito

Huawei : loggiurooo
Lo stato cinese : logggiuraaa

Scontrino elettronico dal 1° gennaio per tutti, cosa cambia

DJI Mavic Mini ufficiale: pesa solo 249 grammi, prezzi da 399 euro

Recensione PowerBeats Pro: gli Apple AirPods per gli sportivi

Surface: tutte le novità presentate da Microsoft