Honor presenta Watch GS Pro, ES e MagicBook Pro con Ryzen 5 4600H | Video

04 Settembre 2020 118

Se il momento non è dei più semplici sul fronte mobile, almeno fuori dai confini cinesi, l'attenzione di Honor si è evidentemente spostata temporaneamente sugli altri comparti, divenuti sempre più importanti: indossabili e computer. In occasione di IFA 2020 (seppur digitale) sono stati così presentati tanti nuovi prodotti che rafforzano la loro proposizione in questa seconda metà dell'anno.

Particolare attenzione per i portatili che si aggiornano finalmente alla nuova piattaforma AMD Ryzen 5 4500U, a prezzi naturalmente più alti della passata generazione che ha visto la luce proprio nei mesi scorsi (vi ricordo ad esempio il MagicBook 14 recensito solo a fine maggio). Vediamo tutto con ordine partendo dai due indossabili.

WATCH GS PRO E WATCH ES

Honor Watch GS Pro

Pensati per un'utenza diversa, il Watch GS Pro segue le linee più classiche con display e cassa tonda, un Amoled da 1,39 pollici che Honor definisce luminoso e adatto per l'utilizzo all'aperto. All'interno è mosso dal solito chip Kirin A1 che promette un'autonomia record, addirittura 25 giorni con singola carica e 48 ore con GPS sempre attivo, insomma bisognerà tenere bene a mente dove sarà riposto il caricabatterie.

Anche su questo modello è previsto il monitoraggio di numerose attività sportive tra cui nuoto, corsa, ciclismo, canottaggio, allenamento libero, triathlon e altro ancora, ma è proprio sul posizionamento che la casa cinese vuol metter l'accento. La nuova funzione "Route Back" promette infatti di riportare escursionisti al punto di partenza grazie alla registrazione dei percorsi una volta affrontati.



Honor Watch ES

Per chi punta a qualcosa di diverso c'è il Watch ES, ovvero il gemello di Huawei Watch Fit presentato a fine agosto: vanta un display Amoled rettangolare da 1,64 pollici e cambia completamente il form factor, senza tuttavia pesare sul polso con 21g complessivi. Pensato come un activity tracker più che smartwatch, per quanto lo siano effettivamente entrambi vista l'assenza di uno store o la possibilità di installare altre applicazioni oltre a quelle già presenti.

Gira tutto intorno alle watchfaces, ai widget, al design e monitoraggio delle attività sportive (ben 95) con tanto di 12 corsi d'allenamento animati precaricati, peccato manchi il GPS e la localizzazione viene così rimandata al proprio smartphone collegato. Honor stima in 10 giorni la durata della batteria, il tutto con la possibilità di tenere sempre d'occhio battiti cardiaci, SpO2 e qualità del sonno.

Il prezzo è uno dei punti forti di questo Watch ES che sarà disponibile al pubblico dal 21 settembre a 99,90 euro, in offerta fino al 30 settembre a 79,90 euro. Target più alto invece per il Watch GS Pro che arriverà prima, ovvero il 14 di settembre con un listino di 249,90 euro; anche in questo caso è previsto uno sconto, per tutto il mese in corso e fino al 30 settembre sarà infatti acquistabile a 199,90 euro.

VIDEO ANTEPRIMA

TRE PORTATILI PER TUTTI I GUSTI

Sono bastati pochi mesi per lasciarsi alle spalle i MagicBook e fare spazio alla nuova generazione, certamente più prestante e allettante. A creare l'attuale line up sono tre modelli, due dei quali molto simili in quanto a specifiche ma diversi nelle dimensioni: sono MagicBook 14 e 15.

Entrambi sono imperniati attorno alla AMD Ryzen 5 4500U, nuovo chipset a basso voltaggio con TDP di 15W e medesima configurazione che prevede:

  • Memoria RAM - 8GB/16GB DDR4 a doppio canale
  • Memoria interna - PCIe NVME SSD da 256GB/512GB
  • Porte - 1x USB Type-C, 1x HDMI, 1x USB 3.0 (Type-A), 1x USB 2.0 (Type-A), 3,5mm

Cambiano le dimensioni, non il design; il display è ad esempio Full HD in 16:9 per tutti e due, ma in un caso avremo una diagonale da 14 pollici e nell'altra il classico taglio da 15,6 pollici. Varia contestualmente la batteria, quindi 56Wh per il MagicBook 14 e 42Wh per il MagicBook 15 che pesa ovviamente di più: 1,53 kg control 1,38 kg del più piccolo.

Prezzi al pubblico (confermati per il mercato italiano) che restano aggressivi ma in linea con la diretta concorrenza:

  • MateBook 14 a 749,90 euro nella configurazione 8/512GB
  • MateBook 15 a 699,90 euro nella configurazione 8/512GB


Honor MagicBook Pro

Il vero protagonista tra i nuovi arrivi è tuttavia il MagicBook Pro, un portatile potente e pensato per un pubblico più esigente che non disdegna le macchine più grandi e pesanti in favore di qualche cavallo sotto al cofano. A muovere tutto è infatti la nuova APU AMD Ryzen 5 4600H (6-core fino a 4.0Ghz a 7nm), quindi di classe superiore e consumi che crescono di pari passo, vedi il TDP di 45W e la grafica integrata RX Vega 6 con 6 CU fino a 1.500 MHz.

Si tratta di un 16,1 pollici (FHD) da 1,7 kg, non proprio leggerissimo (e neanche sottilissimo visti i 16,9 mm di spessore) ma capace di alzare un po' l'asticella per Honor che, proprio in questo segmento, non ha ancora osato. Sale fino a 16GB il quantitativo di memoria RAM DDR4 a doppio canale, in quest'unica variante prevista al momento ci saranno a corredo anche 512GB di storage su SSD PCIe NVME.

Corredo di porte completo con una HDMI 2.0, tre USB 3.2 Gen (Type-A), una USB Type-C e jack da 3,5mm. La batteria non è poi così capiente vista l'unità da 56Wh integrata, bisognerà metterlo sotto torchio per capire i reali consumi, anche a fronte di un particolare sistema di raffreddamento composto da "doppie ventole e tubi di calore".

Il prezzo non si distacca molto dai due fratelli minori raccontati sopra: 899,90 euro con 16/512GB di memoria.

L'arrivo di MateBook 14, 15 e Pro in Italia è fissato per il mese di ottobre.

VIDEO ANTEPRIMA

HONOR PAD 6 E X6

Honor Pad 6

A completamento della rinnovata offerta di prodotti arrivano anche i tablet Honor Pad 6 e X6. Il primo è un tablet basato su Android 10 e Magic UI 3.1 (con HMS e niente servizi Google) equipaggiato con schermo da 10,1" FHD, doppi altoparlanti e un scocca che ha uno spessore di 7,55 mm e un peso di 460 grammi. All'interno si trovano il processore Kirin 710A, configurazioni di memoria con 3 o 4GB di RAM e 32 o 64GB di memoria di archiviazione. È presente una fotocamera posteriore da 5MP e una frontale da 2MP. Il tablet sarà distribuito nella versione con connettività WiFi e LTE


Honor Pad X6

Honor Pad X6 è invece equipaggiato con display da 9,7" con risoluzione 1280 x 800 pixel. Invariato il SoC (Kirin 710A), il comparto fotocamera e il doppio altoparlante. La dotazione di memoria comprende 3GB di RAM e 32GB di storage.

Honor ci fa però sapere che i tablet non arriveranno per il momento in Italia.

  • CODICE SCONTO DI 10 EURO SU TUTTI I PRODOTTI: A10OFFALLPRODUCTS

Live terminato! Grazie per averci seguito.


118

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
AndreaZ

E' l'antitaccheggio che è rimasto per sbaglio

Connor RK800

No degli intel 11 che stanno per uscire

Michele Brunetti

Il problema è : quando arriveranno in Italia i matebook con ryzne 4000 e 16 gb di ram? (anche perché, con l'uscita dei matebook d con Intel di decima generazione, ho sempre più dubbi sul fatto che saranno rilasciate in Italia le versioni con ryzne 4000)

Michele Brunetti

Che fanno comunque peggio dei ryzne 4000

TLC 2.0

"Se lei può, perché non dovrei io?"

Perchè tu sei uomo, ti manca una parte fondamentale per tessere "relazioni professionali".

Orribile scelta.

Mr. G - No OIS no party

Non nel mio modello

Marcello
Francesco El principe milito

Lineup interessante questa dei nuovi Magicbook, anche se restando in casa Huawei penso che il prodotto più interessante resti il Matebook 14 recensito qualche settimana fa con cpu Intel con Mx350 come scheda grafica dedicata.

Mahatma Gandhi

Anche io ho notato su facebook, ma credo che siano loro che te lo fanno credere

Desmond Hume

per completezza magicwatch2 che ha anche il gps, Watch ES è solo una honor band5 da 28€ con display più grande.

Matteo Esse

Intanto con l'ultimo aggiornamento mi hanno fatto fuori la band 5. Display che si riattiva da solo, disconnessioni ogni 30 secondi, pulsante non funzionante e contapassi sempre a zero. Praticamente un fermacarte. Complimenti huawei

Ciccillo

Addio rapporto qualità/prezzo.

Francesco Dell'Ombra

gli orologi hanno dovuto impegnarsi per farli così brutti, non è una cosa che ti esce per caso

lucas

sei confuso... gms non servono nella maniera più assoluta per far girare perfettamente android o influenzano il funzionamento di android, ma servono per far girare le app su android che è diverso.. le uniche app veramente legate ai gms sono quelle di google che non girano con altri servizi..ma android come software non è minimamente legato per il funzionamento con gms. quasi tutte le altre girano su android anche senza i servizi google e in modo uguale a a quelle installate con i gms...

Dark!tetto

Il discorso va molto oltre e rimane valido, Android seppur open rimane legato a dei pilastri, al momento, imprescindibili come i gms che fanno si che pr funzionare perfettamente vanno in simbiosi. Windows non è controllabile per sua natura, i produttori rilasciano i vari driver e i software non sono legati a store ufficiali o servizi aeparati dal OS. Quindi rimane valido il discorso, se per un pc senza OS puoi installare una copia senza licenza di Windows, una distro di linux, chrome os etc etc, so uno smartphone senza gms non hai molte alternative per quelle app che ci sono legate e ancora meno per tutti i servizi che co girano intorno. Il discorso intel e amd è un'altro e ha sempre a che vedere con una certa fattibilità, non certo perché a qualche azienda USA conviene, appena si alzano i numeri anche lì vedrai come cambia la situazione, ma i progressi in quel campo sono meno influenti rispetto a quelli per i SoC mobili

lucas

guarda che huawei non ha il ban su android e quindi sul sistema operativo dei smartphone che è impossibile in quel caso visto che è open source ma il ban riguarda google.. gli stati uniti fanno favori a certe aziende a discapito di altre.. ti faccio un esempio con i processori Intel e amd che possono essere installati sui suoi notebook ma non può installare soc per smartphone..

Dark!tetto

Non ho detto di no, ho detto che è inapplicabile a Windows, o a te sembra la stessa cosa installare un OS su uno smartphone rispetto a farlo su PC ?

Per essere più chiaro, puoi anche bloccare la licenza di Windows, ma quella non è mai stato un grande problema, senza contare che le alternative a Windows valide non mancano, a differenza delle alternative per Android. Senza contare la natura di Android, dei driver, e della frammentazione di dispositivi infiniti.

Alex

Secondo voi tra il nuovo Watch ES e MagicWatch 2 quale scegliereste?
Con un attuale differenza di prezzo di circa 50 euro

Tiwi

beh

Mr. G - No OIS no party

Sto solo dicendo che ne serve di più per lavorare bene

lucas

tutte le licenze possono subire ban

Bob Malo
Bob Malo

stessa politica copia e incolla che hanno adottato con i Matebook D di Huawei.

Bob Malo
Mattia Alesi

Se prende più RAM vuol dire che la stai usando, mica la ruba

Andee Kcapp

E' un microfono non una spilla.

Dark!tetto

Si, perchè il ban su un software come Windows è inapplicabile, mica per altro.

Dark!tetto

Per lo stesso motivo per cui una ragazza che non sa giocare riceve volte le donazioni di un pro su Twitch.

TETTE

I detti antichi non sbagliano mai, non so se hai presente il carro di buoi...

La RAM non si consuma, si utilizza. :)

Da BIOS non si può assegnare una memoria condivisa inferiore come in tutti i PC normali?

off

Parlando dei wearable, ma quale la differenza con quelli già in commercio (gt, GT2, gt2e, Honor Magic , ecc...)¿?
Restano tutte le mancanze: no NFC per pagamenti, notifiche da pena, watchface scarse, ma passando al lato sportwatch no sincronizzazione con altri servizi o social, no personalizzazione degli allenamenti, no possibilità fascia cardio. Con quei prezzi meglio un Garmin

Scrofalo
untore

Uno rettangolare e uno tondo, come mai non avete scritto che hanno copiato Apple e Samsung come sempre? Uno scandalo!!

momentarybliss

Da vedere l'effettivo consumo di batteria, ma secondo me finché i produttori non si metteranno in testa che uno smartwatch non deve emulare lato display uno smartphone l'autonomia sarà sempre ridicola. Vanno trovate soluzioni meno energivore anche a corto di ripensare in maniera minimalista l'interfaccia grafica

Woroty

Ah gia' e' vero.

Mr. G - No OIS no party

La Radeon integrata prende più RAM

Woroty

I Ryzen consumano piu' RAM degli Intel?
Spiega bene.

Woroty

Mamma mia Arestivo che brutte spille che indossa.

Mr. G - No OIS no party

Ram espandibile?
8gb con Ryzen finiscono facilmente

Woroty

Allora se bannassero pure quelli di Apple si abbasserebbero di prezzo.

Woroty

Ma che orrore.

Woroty

Su Apple in teoria si...

Woroty

Metti che uno si confonde.

Woroty

Ma manco loro capiscono la differenza.

Woroty

Vedete che c'e' troppo femminismo nel modo della tecnologia?
Lo dicevo io.
Nessuno mi credeva.

Woroty

Tu quanti ne hai?

Woroty

Si chiama Michele non Michelle :D

Woroty

E come core sta a "coraggio".

Woroty

No.
Non ne e' ancora in grado.
Speriamo l'anno prossimo.

Huawei Watch Fit, GT 2 Pro, FreeBuds Pro e MateBook 14 AMD | Prezzi e Anteprima

Le 10 migliori estensioni per Chrome che utilizziamo quotidianamente

Microsoft e Google: breve storia di un'insolita alleanza

Come scegliere un PC portatile: cosa guardare prima di comprare un notebook