Recensione Intel Core i9-12900K: overclock a 5,6 GHz, test iGPU, gaming e consumi

04 Dicembre 2021 106

Dopo le ottime impressioni sul Core i5-12600K (Recensione), oggi metteremo sotto torchio il top di gamma Intel "Alder Lake-S", ossia il tanto chiacchierato Core i9-12900K. A distanza di circa un mese dal lancio e dalle prime recensioni indipendenti, l'argomento Alder Lake è stato più volte sviscerato, evidenziando pregi e difetti - dipende dai punti di vista - della neonata piattaforma desktop Intel che, dati alla mano, rappresenta comunque un nuovo punto di riferimento nel segmento consumer ad alte prestazioni.

Nei precedenti articoli abbiamo discusso delle novità introdotte dall'azienda con le CPU Alder Lake-S: partendo dalla nuova architettura ibrida abbinata al nodo produttivo Intel 7 (10nm SuperFin Enhanced), passando per le memorie DDR5, il supporto PCI-E 5.0 e, non per ultimo, il chipset di nuova generazione Intel Z690.


Prima di rivedere e commentare specifiche tecniche e benchmark, a nostro avviso c'è da fare però una piccola premessa sul Core i9-12900K, una CPU che da alcuni punti di vista possiamo definire quasi estrema, almeno considerando il potenziale "racchiuso" da Intel in questo particolare chip. Il discorso in realtà potrebbe essere esteso anche ad altri modelli Intel serie K (l'i9-11900K non è da meno), ma con questo modello Alder Lake-S il salto generazionale nel segmento consumer desktop è netto, spostandosi su quelle che sono le orme dei processori HEDT (High End Desktop).

Per questo motivo alcune considerazioni o prese di posizione su questa tipologia di CPU sono a nostro avviso ormai superflue e superate; siamo di fronte a un processore a 16 core spinto al limite già di fabbrica (o quasi), una soluzione con TDP sbloccato che in sostanza può operare al massimo delle sue capacità con frequenze che toccano i 5,2 GHz, tra l'altro ampiamente superabili con un semplice overclock. Tenendo conto di tali caratteristiche, sarebbe inutile e alquanto insensato pretendere di raffreddare questo Core i9 con un classico dissipatore ad aria o, ancora peggio, di gestirlo con una scheda madre carente sotto il profilo del VRM per risparmiare qualche euro. Tutto deve essere dimensionato, dal dissipatore alla motherboard (memorie comprese), richiedendo componentistica di un certo livello che, inutile dirlo, ha un costo che colloca tali configurazioni nella fascia alta del mercato.

Questa premessa, che potrebbe essere benissimo inserita nelle conclusioni, è invece a nostro avviso la chiave giusta per interpretare meglio i test e i risultati che vedremo oggi in questo articolo; cercheremo poi di fare il punto della situazione nelle nostre conclusioni finali.

INTEL CORE I9-12900K - SCHEDA TECNICA

Oltre alle novità già citate sopra, uno dei punti di forza degli Alder Lake-S è sicuramente il netto aumento delle prestazioni rispetto alla precedente generazione "Rocket Lake-S", non solo in single-core ma soprattutto in multi-core. In questo ambito i nuovi Core 12a gen surclassano i predecessori, battendo anche i Ryzen 5000 di AMD che però rimane molto competitiva nella fascia enthusiast con il Ryzen 9 5950X.

Questo balzo in avanti, reso possibile dal nuovo nodo produttivo Intel 7 e dal conseguente aumento del numero dei core/thread, passa anche per l'architettura Golden Cove, ben ottimizzata sotto il profilo prestazionale, ma soprattutto più efficiente di Cypress Cove (Core 11a gen 11900K/11700K ecc). Probabilmente il Core i9-12900K non è il prodotto giusto per evidenziare questo aspetto di Intel Alder Lake, decisamente più marcato sui modelli Core 12a gen "non-K" che arriveranno a breve sul mercato. Ma riassumiamo le caratteristiche del Core i9-12900K confrontato con il suo predecessore - Core i9-11900K - e gli altri modelli Alder Lake-S presentati da Intel:

La scheda tecnica del Core i9-12900K non lascia molto spazio all'interpretazione: parliamo di un chip da 16 core che, seppur utilizzando 8 P-Core Golden Cove e 8 E-Core Gracemont, raddoppia di fatto il numero di core fisici rispetto al suo antenato; visto che gli E-Core "Gracemont" non supportano l'Hyper-Threading, il numero di thread logici si ferma a 24, risultando quindi inferiore a quelli di un Ryzen 9 5950X che, con i suoi 16 core/32 thread, viene però insidiato (o battuto) come vedremo in diversi applicativi.

Le prestazioni sono garantite da frequenze di clock molto spinte - P-Core a 5,2 GHz in single-core con modalità Turbo Boost Max 3.0 - anche quando il chip opera sotto massimo carico (P-Core a 4,9 GHz all-core); a questo si affianca una sostanziosa dotazione di cache L2/L3 che, dai 20MB del Core i9-11900K (4+16MB), passa a 44MB sul Core i9-12900K (14MB L2+30MB L3).


Come per gli altri modelli della serie Core 12a gen, a gestire le risorse di questo "mix di core" ci pensa il nuovo Intel Thread Director, funzionalità che trova il pieno supporto su Windows 11. Questo non vuol dire che le prestazioni sul più collaudato Windows 10 siano penalizzate, anzi è vero il contrario; tuttavia, dalle diverse prove condotte in queste settimane, possiamo confermare che, nonostante in molti applicativi le prestazioni siano praticamente allineate, l'ultima versione del sistema operativo Microsoft restituisce in linea di massima i risultati migliori, soprattutto se si prende in esame una suite di benchmark/test particolarmente estesa.


In linea di massima tutta la piattaforma desktop - con il relativo ecosistema hardware - fa un ulteriore salto di qualità, supportando ora le memorie DDR5 (4800 da specifica), l'interfaccia PCI-E 5.0 (16 linee gestite dalla CPU) e garantendo - grazie al chipset Intel Z690 - compatibilità con i più recenti standard di connettività/espansione: WiFi 6E, LAN 2.5G, USB 3.2 Gen 2x2 e HDMI 2.1.


Non dimentichiamo poi il chip grafico integrato Intel UHD 770, una rivisitazione della GPU Intel Xe-LP visto sui Core 11a gen che, come vedremo a breve nella sezione dedicata, permette di cimentarsi - senza troppe pretese precisiamo - in diversi giochi anche a risoluzione 1080p.

Ultimo, non per importanza, il dato relativo al TDP e ai consumi dichiarati da Intel per il Core i9-12900K. Come già discusso in occasione della prova sul Core i5-12600K, l'azienda di Santa Clara ha cambiato approccio rispetto ai vecchi valori di TDP (PL1 e PL2) ora riformulati come Processor Base Power (PBP) e Maximum Turbo Power (MTP); sostanzialmente cambia poco, ma è bene ribadire che questo processore opera di fabbrica con il massimo valore MTP (241 watt) praticamente su tutte le schede madri Z690 di nuova generazione (con alcune variazioni in base al modello di scheda). Come vedremo nei test, il dato di Intel risulta reale ma ottimistico quando rimuoviamo i limiti di potenza; in linea di massima però l'efficienza del Core i9-12900K può essere definita buona e decisamente superiore al Core i9-11900K (che ricordiamo supera anche i 370W sotto massimo carico con istruzioni AVX).

PIATTAFORMA DI TEST

La configurazione di prova non si discosta da quella utilizzata per la recensione del Core i5-12600K, così come la suite di benchmark che, proprio per questo motivo, ci permette di avere un quadro più chiaro delle prestazioni del Core i9-12900K in rapporto ai Core 11a gen e, soprattutto, ai Ryzen 5000 di AMD.

  • Processori:
  • Dissipatore: ASUS ROG RYUJIN II 360 (LGA 1700), NZXT Kraken X63 (LGA 1200, AM4)
  • Schede madri:
    • ASUS ROG Strix Z690-E Gaming WiFi (per Intel Alder Lake-S)
    • ASUS ROG MAXIMUS XIII HERO (per Intel Rocket Lake-S)
    • ASUS Prime X570 PRO (per AMD Ryzen 5000)
  • Memorie:
    • Kingston FURY Beast 32GB (2x 16GB) 5200 MHz CL40
    • Corsair Vengeance RGB PRO 32GB (2x 16GB) 3600 MHz CL16
  • Scheda grafica: NVIDIA GeForce RTX 3080 FE
  • Storage SSD: Samsung SSD 980 500GB, PNY XLR8 Gaming (CS3030) 2TB
  • Alimentatore: Corsair RM1000x 1000W
  • Sistema Operativo: Windows 11 Pro aggiornato alle ultime patch (driver chipset/GPU inclusi)

Il Core i9-12900K è stato affiancato al binomio ASUS ROG Strix Z690-E Gaming WiFi e ROG RYUJIN II 360 (Recensione), una scelta che, come vedremo ora nei test, si è dimostrata ben dimensionata e ci ha permesso di saggiare i limiti (o quasi) di questa CPU con un sistema di raffreddamento a liquido non custom, vivamente consigliato se volete davvero spremere ogni singolo megahertz dalla CPU.

A seguire l'elenco dei software utilizzati per misurare le prestazioni:

Test CPU

  • Cinebench R15
  • Cinebench R23
  • Corona Benchmark
  • Indigo Benchmark
  • Blender - Scena BMW
  • 7-Zip
  • WinRAR
  • PCMark 10
  • 3DMark CPU Test
  • AIDA64 Extreme Crittografia AES e SH3
  • Mozilla Kraken (Web browsing)
  • CPU-Z Benchmark integrato

Giochi

  • Far Cry 6
  • Watch Dogs: Legion
  • Gear 5
  • Red Dead Redemption 2
  • Horizon Zero Dawn
  • Final Fantasy XIV
  • Forza Horizon 4
  • Counter-Strike: Global Offensive
  • Apex Legends
  • Metro Last Light Redux
  • Shadow of The Tomb Rider

TEMPERATURE - CONSUMI - OVERCLOCK

Iniziamo con uno dei piatti forti, ossia il comportamento del Core i9-12900K sotto il profilo energetico, nonché delle temperature e dell'overclock, elemento quest'ultimo da non sottovalutare vista la natura dei chip Intel serie K. Come anticipato in apertura, il Core i9-12900K è una CPU in alcuni sensi estrema, soprattutto quando viene impostato per lavorare con Power Limit sbloccato e si aumentano le frequenze di clock. Chi sceglie questa opzione (in pratica chiunque ne acquisti uno) a nostro avviso deve accettare i relativi compromessi in fatto di temperature e consumi che, anticipiamo, in alcuni casi superano i valori dichiarati da Intel.


Viste le premesse, prima di andare oltre abbiamo ritenuto opportuno confrontare i consumi e le temperature del processore quando andiamo a "bloccare" o "sbloccare" il Power Limit (o TDP come preferite). Il grafico sopra evidenzia che, a parte il test con Prime95 - scenario non ordinario - le differenze in fatto di consumi e temperature sono trascurabili, motivo che ci ha spinto anche in passato a testare il processore in modalità completamente sbloccata. Quanto ai 90 °C raggiunti su Prime95, il risultato è abbastanza notevole, tuttavia bisogna ricordare che con queste impostazioni la scheda madre setta tutti i parametri in automatico (VCORE incluso) erogando tensioni quasi sempre più elevate di quanto realmente necessario (purtroppo non siamo riusciti a testare l'undervolt).

Detto questo vediamo il risultato del Core i9-12900K confrontato con gli altri modelli presi in esame nella prova:


Con i 309 watt di picco (intero sistema), il top di gamma Alder Lake-S supera di oltre 100W il suo avversario Ryzen 9 5950X, risultando - come da pronostico - molto più efficiente dei Core i7 /i9 11a gen. Il dato ovviamente non sorprende viste le schede tecniche: il Core i9-12900K raggiunge un CPU Power Package di 248 watt, rimanendo comunque molto vicino ai 241 watt dichiarati da Intel. Analizzeremo le prestazioni nel capitolo successivo, ma potete già notare che la nuova CPU Intel batte, anche se di poco, il Ryzen 9 5950X (16 core/32 thread).

Il nostro esemplare di Core i9-12900K ha dimostrato ottime doti di overclock, aiutato - anche per le temperature - dall'eccellente sistema a liquido AiO ASUS ROG RYUJIN II 360. Anche in questo caso abbiamo stabilito un VCORE massimo da applicare per il nostro overclock, dimensionato alle capacità di dissipazione del RYUJIN II; il nostro obiettivo in questo senso è di non superare un VCORE di 1,4250 volt da BIOS.


Con questa impostazione la CPU riesce a operare stabilmente con tutti i P-Core a 5.2 GHz con gli E-Core a 4,1 GHz (non vanno oltre), un risultato impressionante che si rispecchia nel test Cinebench R23 dove abbiamo abbiamo superato la soglia dei 30.000 punti in multi-core. Sempre con le stessa tensione riusciamo a impostare i P-Core migliori nell'ordine dei 5,4/5,5 GHz in base al carico. Ovviamente non eravamo contenti e con un piccolo incremento a 1,43 Volt abbiamo strappato altri 100 MHz in single-core che ci ha permesso di chiudere il Cinebench a 5,6 GHz:


2.141 punti è un punteggio mostruoso in single-core, pensate che un Ryzen 9 5950X si ferma a circa 1.630 punti, mentre un Core i9-11900K raggiunge quasi i 1.600. Se vi chiedete invece quanto consuma il Core i9-12900K con tutti i P-Core a 5,2 GHz, la risposta è 285 watt, più o meno 45 watt in più rispetto alle impostazioni di fabbrica (almeno per questo esemplare).

COME VA LA GPU INTEGRATA UHD 770 NEI GIOCHI?

Anche il chip grafico integrato del Core i9-12900K - assente nella variante 12900KF - risulta degno di nota, motivo che, insieme alle richieste di alcuni dei nostri lettori, ci ha spinto a condurre qualche test per saggiarne le prestazioni. Essendo una GPU integrata non ci aspettiamo miracoli, tuttavia possiamo già anticiparvi che rispetto al passato questa soluzione Intel inizia ad avere un senso, soprattutto visto l'andamento del mercato delle GPU dedicate (alle quali ovviamente non si può sostituire).

A bordo dei nuovi Core 12a gen trova posto l'Intel UHD 770, sostanzialmente un'evoluzione dell'UHD 750 visto sui processori Rocket Lake-S di 11a gen. Si tratta di una GPU basata su architettura Intel Xe (declinazione LP) che utilizza lo stesso numero di Execute Unit (32) di UHD 750 ma con frequenze di clock più spinte (1.550 vs 1.300 MHz); da segnalare inoltre che questo chip può gestire sino a 4 display con risoluzione massima 7680x4320 pixel e supporta lo standard HDMI 2.1.

Intel UHD 770 - CARATTERISTICHE TECNICHE

  • Execute Unit: 32
  • Frequenza base/boost: 300/1.550 MHz
  • Output video: HDMI 2.1, Display Port 1.4a, eDisplay Port 1.4b
  • Display supportati: 4
  • Risoluzione massima supportata: 7680 x 4320p a 60Hz, 5120 x 3200p a 120Hz
  • Supporto DirectX 12, OpenGL 4.5, OpenCL 2.1
  • Supporto Intel Quick Sync Video e Clear Video HD Technology

I tre modelli Core 12a gen serie K (i9-12900K, i7-12700K e i5-12600K) condividono la stessa GPU ma con frequenze boost leggermente diverse: 1,55 GHz per Core i9, 1,5 GHz per Core i7 e 1,45 GHz per il Core i5.


Il nostro test riassume il comportamento dell'Intel UHD 770 in alcuni giochi testati con risoluzione 720p e 1080p, il tutto sempre tenendo conto della natura di questa GPU e del fatto che bisogna rassegnarsi a giocare spesso a dettagli minimi. I benchmark a seguire sono stati eseguiti con buffer impostato a 512MB da BIOS e memorie DDR5 a 5.200 MHz.


A risoluzione 1280x720p e dettagli al minimo, l'Intel UHD 770 è messo alla corda da giochi come Horizon Zero Dawn e, soprattutto, da Shadow of The Tomb Rider e Watch Dogs: Legions, praticamente ingiocabili anche con tali impostazioni. Negli altri titoli, anche DirectX 11, riteniamo l'esperienza di gioco adeguata ad una GPU integrata di ultima generazione, ancora lontana però dalle soluzioni Radeon Mobile.

Passando al gaming a 1080p, la situazione risulta più o meno simile anche se notiamo che la GPU Intel riesce a far girare comunque CS:GO a 110 FPS (di media) con qualità media e Fortnite in Performance Mode a 115-120 FPS (basso ovviamente).


Riguardo temperature e consumi, invece, Intel UHD 770 consuma in media 11 watt (in base al titolo) con picchi di 14 watt e temperature che da 22 °C toccano massimo i 28 °C durante la fase di gioco.

Ultima nota, che per comodità inseriamo in questo paragrafo, riguarda l'utility Intel XTU, ottima per gestire tutti i parametri di CPU e memorie in tempo reale, utilissima anche per provare a spingere il chip grafico integrato di qualche megahertz. Nella nostra esperienza abbiamo cercato di giocare con GPU impostata sino a 1.650/1.700 MHz, ottenendo un incremento prestazionale anche del 4-5% in base al titolo utilizzato; anche l'aumento della frequenza DDR5 aiuta nel framerate, ma non in modo consistente (+3-4% quando si passa da DDR5 5200 a DDR5 5600).



Volendo, anzi ve lo consigliamo, installate anche l'Intel Graphics Command Center che vi permette di settare al meglio le impostazioni grafiche nei giochi per ottimizzarne le prestazioni.

PRESTAZIONI CPU E GAMING CON GEFORCE RTX 3080

Torniamo ora alle prestazioni relative al processore con la nostra suite di benchmark che si apre con l'ormai classico Cinebench R23, ambito dove il Core i9-12900K non ha rivali in single-core, riuscendo a sopravanzare in entrambi i test il Ryzen 9 5950X; lo scenario è leggermente diverso nella vecchia versione Cinebench R15, a netto favore del Ryzen 9 nel benchmark multi-core.

Questa prima parte incentrata sul rendering vede il Core i9-12900K battere Ryzen 9 5950X in 5 test su 8; la CPU AMD in realtà è spesso molto vicina (1 secondo su Blender ad esempio), ma ricordiamo che a bordo di questo chip troviamo 16 core ad alte prestazioni Zen 3 e ben 32 thread logici, ossia il 33% in più rispetto ai 24 thread del top di gamma Intel Alder Lake.

I risultati ottenuti su WinRar e 7-Zip confermano invece quanto emerso nella recensione del Core i5-12600K, ossia un netto vantaggio dei Ryzen 5000; il Core i9-12900K, indietro rispetto a tutti i Ryzen su WinRar (sembra un problema di ottimizzazione), ha la meglio nel test di compressione su 7-Zip e nei sintetici CPU-Z e 3DMark, allineandosi al Ryzen 9 5950X nel PCMark 10. Quest'ultimo vede in cima alla classifica il Ryzen 9 5900X con AMD che ha la meglio anche nei test Mozilla Kraken e AIDA64.

Nel gaming in Full-HD non abbiamo avuto particolari sorprese, soprattutto dopo l'esperienza col Core i5-12600K; il 12900K è sempre in testa con uno scarto variabile che risulta più accentuato in titoli come Gears 5 e Far Cry 6; passando al QHD (1440p) invece, le prestazioni sono più allineate in quanto il carico si sposta come saprete sulla GPU. Se invece siete curiosi di sapere come va il Core i9-12900K su un classico come CS:GO, pensate che a 1080p e dettagli minimi questa CPU riesce a macinare qualcosa come 810 FPS contro i 790 di un Ryzen 9 5950X (finora imbattuto in questo ambito).

CONSIDERAZIONI

L' Intel Core i9-12900K non ha deluso le nostre aspettative e, allo stesso tempo, confermato che la strada intrapresa dal colosso di Santa Clara è quella giusta. Il miglioramento rispetto alla precedente generazione è evidente, non solo a livello prestazionale, ma soprattutto in quanto a consumi; come visto già con il Core i5-12600K, siamo lontani dall'efficienza energetica dei Ryzen 5000 di AMD che, grazie al nodo produttivo a 7nm di TSMC, riescono ad offrire consumi decisamente più contenuti quando si tratta di applicativi che sfruttano il multi-threading.

Quest'ultimo aspetto in realtà va sottolineato in quanto tale scenario non si presenta sempre; in gaming per esempio, la differenza nei consumi può essere considerata trascurabile, mentre è evidente che i processori Alder Lake - Core i9-12900K in primis - offrono quasi sempre prestazioni superiori, almeno a 1080p. Sempre in ottica consumi, sarà interessante vedere come si comporterà la variante Core i9-12900 non K che, con un TDP di 65W, offrirà lo stesso numero di core/thread e una frequenza Boost che dovrebbe arrivare sino a 5,1 GHz (single-core si presume).


Tornando al modello oggetto della nostra prova, non possiamo fare a meno di evidenziare l'ottimo potenziale in overclock che, se correttamente eseguito e ben supportato da un valido dissipatore (diamo per scontato il compromesso consumi in questo caso), garantisce un incredibile boost prestazionale in multi-thread, rimanendo in un range di temperatura accettabile per un processore a 16 core così spinto in frequenza.

Una nota anche sulla GPU integrata Intel UHD 770, migliorata rispetto alla sua antenata UHD 750, ma ancora lontana come prestazioni dai chip che utilizza AMD sulle più recenti APU Ryzen 5000. In realtà non dovremmo aspettarci molto da una GPU integrata con soli 32 Execute Unit che, nonostante gli inevitabili crolli di framerate che in alcuni casi rendono il titolo ingiocabile, permette comunque di cimentarsi in diversi giochi ed e-sport (il tutto ovviamente senza alcuna particolare pretesa).

Intel Core i9-12900K ha un prezzo di listino pari a 589 dollari, nel momento della stesura dell'articolo abbiamo trovato la CPU Intel disponibile in Italia a circa 660/670 euro. Attualmente il Core i9-11900K si può trovare anche a 480 euro mentre per un Ryzen 9 5950X si parte da circa 700 euro (sempre con disponibilità immediata).


106

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Fifagi

solo nei bench...nei videogame ho notato che il 12900k mi da prestazioni migliori del 5900x e 5950x ed anche consumi inferiori

Fifagi

a me risultano o po' strani i vs valori...mi spiego: voi ottenete poco più di 27000 punti su cinebench r23 con consumo di 305watt...io faccio più di 28150 punti con max 255 watt...poi però avete temperature massime di 68°C in C.R23...quando a me vanno vicino ai 90°C, ed ho un corsari h150i elite LCD (ma ci ho messo delle noctua sul radiatore)...non è che avete impostato un offset di frequenza sulle istruzioni di cinebench ?

Norman Tyler

ma siamo difesi dagli antikapitalisti antiammerigani kennesanno e questo ci rassicura tutti !! hasta la vittoria siempre !

Monakois 94
Norman Tyler

sporco marketing kapitalista ammerigano ...of course

Monakois 94

Nah é solo puro e semplice marketing,nulla di nuovo.

Norman Tyler

ah capisco è un complotto Intel contro Gaia ...sti sporchi capitalisti Ammerigani !

ribbon87

Spero di arrivarci allora ad aspettare, la mia mobo mi diede problemi l'anno scorso e sto sempre in ansia che accada qualcosa da un momento all'altro

Monakois 94

Gli SSD 5.0 non arriveranno prima del 2022 (se non slittano) e questo é uno dei motivi per non avere fretta nel prendere una piattaforma compatibile perché per quando ci saranno,saranno giá usciti o non mancherá molto,Zen 4 e RaptorLake.

Monakois 94

Come dissi giá ad un altro utente,il punto é che non si puó parlare effettiva innovazione se per fare il 15-20% in piú devi consumare il doppio o quasi di energia,perché a quel punto avresti fatto solo il gioco della coperta corta.

Le persone che comprano una cpu del genere,non lo fanno di certo per il gaming come Intel e le sue pecore vogliono farci credere,di conseguenza in campo lavorativo,dove si usa il pc diverse ore al giorno,un consumo quasi doppio si sente eccome nell'arco del mese e l'efficenza in piú é uno dei principali motivi che hanno spinto tante aziende a preferire AMD nei loro server.

Se qualcuno si lamenta dei consumi,ha ragione ed é sempre stato cosí in passato per AMD con i suoi FX,quindi non vedo cosa ci sia da obbiettare tanto.
Ovviamente molti esagerano apposta ma lí purtroppo non ci si puó fare nulla.

Norman Tyler

il mio punto di vista ? : sono io che non riesco a capire qualse sia il problema , questi processoriui funzionano ? funzionano megliuo/peggio/uguale ad altri ? costano meno/più/ uguale ad altri ? questo è quello che conta il resto so caxxate perchè non parliamo di una centrale nucleare

ribbon87

Non ho dei vantaggi specifici con Intel, ma nemmeno mi può stravolgere la vita passare ad AMD, ergo tanto vale continuare con Intel, tanto il problema principale è la piattaforma DDR5 e PCI-E 5.0 piu che altro. Ma già ci sono recensioni di questi ultimi?

Monakois 94

Quindi?
La differenza di consumo energetico é di calore da smaltire rimane comunque tanta ed é uno dei motivi fondamentali che ha spinto tante aziende a scegliere AMD nei loro server.
Non dico che bisogna strapparsi i capelli,ma solo che c'é da comprendere che l'efficenza é uno dei tasselli che racchiudono una cpu fatta bene perché se per andare il 15-20% in piú devi consumare 2 volte tanto,allora il progresso non c'é stato veramente.

Monakois 94

Non capisco la scelta di rimanere per forza su Intel ma vabbé.
Il PCI-E 5 che io sappia attualmente puó essere utilizzato o per l'ssd (quando si troveranno) o sulla gpu ma non sono sicuro che impatti molto sulle gpu se giá non succede con il 4.0,dovresti vedere qualche recensione ma non credo cambi nulla.

angel88tx .

Un giocattolo per telefonini
Perché m1 pro max lo si usa per i cellulari non lo sapevo

Oacurius

intel ha sbloccato l'overclock delle ram sulla serie B gia dalla scorsa generazione, quindi si sarà sbloccata

DjL4S3r

L'avrei presa anche io una 3080Ti, ma prima di tutto non avevo tutto quel budget e poi non si trovava neanche sotto tortura sulla soglia minima... :(

NEXUS

ci sono dissipatori di calore su questi pc che devono stare accesi h24

ribbon87

Al 99 % credo di rimanere su Intel, per quanto so il valore di AMD

La PCI-E 5 sarà sfruttabile con le attuali GPU di fascia alta?

Monakois 94

L'efficenza é un punto fondamentale su questi processori perché sono votati al lavoro e se vengono usati tante ore al giorno,una differenza di 100-150W all'ora si sente eccome nell'arco del mese.
Se qualche pazzo li userá per giocare,allora non gli cambierá quasi nulla ma altrimenti la differenza c'é.

Monakois 94

A gennaio dovrebbero presentare Zen 3+ che probabilmente rimarrá con AM4 e a fine anno Zen 4 e Raptorlake,di conseguenza ti consiglio almeno queste opzioni se vuoi qualcosa di decente e duraturo.
Ovvio é che le ram le pagherai lo stesso un botto ma avrai almeno delle 7200+ anziché delle misere 4800 con latenze oscene.

Monakois 94

Scusa se mi intrometto nella discussione ma non capisco quale sia il tuo punto.
Questi processori consumano tanto rispetto a ció che offre il mercato e se qualcuno lo afferma e si ritrova contrariato,a te che te ne viene?

ribbon87

Piu che altro vorrei cambiare configurazione per riuscire a sfruttarla bene negl anni a venire, senza che debba rivoluzionare le cose

Monakois 94

Cosi come fú per le DDR4,le DDR5 faranno pena per i prossimi 1-2 anni e costeranno 2 volte tanto,di conseguenza non conviene ascoltare chi dice "prendi la piattaforma nuova" perché se in casi normali conviene,in questo é pura follia.
Detto ció,valuta tu cosa ti serve ma stai attento alle "fregature" e se puoi evitarlo,non sprecare soldi per un qualcosa di acerbo che non ti cambierebbe nulla.

IGN_mentale

Se aspetti 6/8 mesi probabilmente troverai maggiore disponibilità delle memorie e con latenze minori, magari risparmi qualche decina di euro anche per la mobo...
Se usi un 4790K forse ti basta un 12700K.

Davide

Non adesso. Ma al contempo non comprerei DDR4. La tua CPU non fa schifo quindi la terrei fino al prossimo anno quando usciranno i nuovi Intel, i nuovi AMD con nuova architettura, DDR5 mature e PCIe 5

Salvator3Gallo

In realtà è un aspetto che stiamo studiando anche noi; sembra che non avvenga su tutte le applicazioni però. Dalle prime prove fatte invece, ho notato che anche cercando di forzare l'affinità di un bench/gioco sui P-Core non porta miglioramenti, anzi a volte le prestazioni peggiorano (lasciando intuire che la gestione di Win 11 non è così pessima). Si parla molto di Process Lasso ultimamente, un soft che permette di gestire meglio queste cose; secondo me vale la pena darci un occhio.

Giulk since 71' Reload

Beh una cosa sono le gpu discrete, un'altra le apu a mio parere

Giulk since 71' Reload

Quindi alla fine è un mercato "pilotato"

solo il processore costa di più di una ps5 se preso solo per il gaming follia pura

NULL

Bravo, quello che dici è giustissimo, hai centrato il punto e fornito una spiegazione a dir poco 'esaustiva'. Per quanto riguarda Monero, puoi usare anche Intel ma il gioco non vale la candela, però ognuno è libero di fare quello che vuole. Ripeto comunque che io ho parlato delle mie esperienze, non sono verità assolute ma soltanto ciò che è capitato a me.

Se dopo molte volte che uno usa sia lo strumento A che lo strumento B, finisce per trovarsi sempre meglio con lo strumento A, credo che sia scontato che la volta successiva sia più propenso verso lo strumento A piuttosto che il B. Credo sia nella natura umana, tutto qui, niente di trascendentale.

Le guerre da fanboy lasciamole ad altri.

opt3ron

Queste integrate Intel non le capisco , in teoria dovrebbero andare come una PS4 base e invece mi sembra vadano peggio anche della Xbox One x , se è solo un problema di driver spero che Intel si dia una mossa a sistemare i problemi.

ribbon87

E' quello che pensavo ma mi rimane il dubbio delle DDR5 che essendo all'inizio potrebbero non essere cosi performanti.

Faresti nella fattispecie il cambio sempre a DDR5?

Davide

Se devi cambiare cambia l'intera piattaforma e vai su quella più nuova

ribbon87

In effetti vedo poca reperibilità, però attendo allora l'articolo grazie.

JakoDel

quale legge vieta l'utilizzo di gpu amd con cpu intel? E per quanto riguarda i costi: ora intel costa (teoricamente) meno, quindi di che stiamo parlando ahah
Monero boh, non ne so assolutamente niente quindi mi fido

Salvator3Gallo

Guarda a breve faremo un articolo proprio su questo. Io comunque opterei per le DDR5 che, però sembrano già difficili da reperire.

piero

Bene. Dovevo giusto comprare un termosifone

piero

Per questo escono d'inverno. Doppia funzione

piero

Ma non li fanno i bundle processore intel + pannelli solari 1megawatt?

ribbon87

Pondero da tempo un cambio configurazione venendo da un i7 4790k e DDR3 ovviamente, e complice le recensioni non così lusinghiere della serie 11 di intel, ho atteso sino a vedere questa recensione del 12900k, che sarebbe il serio successore che desideravo.

Considerato che le DDR5 sicuramente sono ancora un pò acerbe, ha senso secondo voi passarci comunque per avere la piattaforma a prova di futuro o è meglio "indietreggiare" sulle DDR4 nonostante il loro fine ciclo?

Norman Tyler

no infatti non mi sforzo , parlare con esemplari stile no-vax è inutile al massimo vi si può percuIare

Background 07122017

Sintomo di cosa, parliamo pezzi di silicio il quale scopo è questo di svolgere, anzi eseguire istruzioni a partire da un set di istruzione, lasciando stare allora arm, (che anche essa è una CPU ma vabbè)...
Quindi parliamo solo di AMD e Intel, bene, stiamo parlando di processori desktop x86, dunque medesimo set di istruzioni. Secondo quale processo mentale non si potrebbe paragonarli, dal momento in cui l'articolo stesso, quello che fa è paragonare due prodotti di due aziende differenti.

Stai delirando.... Lascia perdere, non ti sforzare neanche a replicare ho già capito il tenore, vedilo come ti pare, ma io al momento non ho neanche letto un argomentazione valida, ma un patetico tentativo di buttarla in caciara sparando aggettivi, ma chi ti credi di essere, mi conosci? No.

Norman Tyler

perfavore ... fermo restando che a me delle diatribe patetiche fra le varie chiese pseudo informatiche me fanno solo pena ... ancora non hai capito che paragonare prodotti che in comune hanno solo un chip di silicio è solo sintomo di totale ignoranza e di ottusità ideologia ....il culmine della pateticità è quel vago sentore di eco-militanza che traspare da certi commenti che francamente è ancora più patetico da uno che sta aconsumando in questo istante un sacco di "watt " per scrivere stron*ate

Background 07122017

Menomale che uno dei punti del progresso fosse quello di abbassare i consumi energetici ed avere un efficenza migliore... No, il problema non è la mia bolletta, il problema è il totalitario di CPU consumer ideate per la chiunque non svolga qualcosa di troppo specifico che consumano quanto workstation, con incrementi delle prestazioni irrisorio rispetto all'aumento dei consumi (brava anche Nvidia su questo aspetto eh eh), usiamo watt su watt di corrente per un qualcosa che ideato meglio (come mostrato dalla concorrenza ripeto) possa garantire medesime prestazioni a consumi inferiori.

Giocattoli per telefoni, Apple m1 ledice nulla?

In ogni caso continuo a vedere di canto suo, neanche l'accenno ad argomentare la posizione presa nel primo commento, ma si limita ad una semplice domanda sarcastica e continua a mantenere tale posizione cambiando di poco il periodo, dai dove sono le sue competenze, motiva... Sa, mi fa tenerezza le metto un upvote,

Norman Tyler

A vedè tutti sti esperti preoccupati per i consumi mi viene da dire "Viva Draghi che hai messo l'elemosina di stato per pagare le bollette "

faber80

...che è quello che disse intel alla apple.. e sappiamo come finì.

NEXUS

ma che caxxo te ne fai dell'efficenza su un desktop

NEXUS

povero luido loser gnurant senza speranza che di informatica non sa un caxxo
ora torna a usare arm per andare su facebook e fare due fotoritocchi ahahahaha
che gente gnurant dio santos

Norman Tyler

e quindi pure tu sei uno i quelli che ha bisogno dell'elemosina di stato per pagare la bolletta ? per non parlare della insulsaggine di paragonare una CPU estrema per gaming con un giocattolo per telefonini

Intel Alder Lake-H ufficiali al CES: 14 core per i notebook e desktop 16 core da 65W

Recensione NZXT Kraken Z73: ecco come se la cava con l'Intel Core i9-12900K - TEST

Gigabyte RTX 3080 Gaming OC, un anno dopo: recensione e test con NVIDIA NIS

Recensione Apple MacBook Pro 14 con M1 Pro, che goduria!