Recensione Huawei MateBook D15 2021

19 Aprile 2021 232

Rimani aggiornato quotidianamente sui video, approfondimenti e recensioni di HDblog. Iscriviti ora al canale Youtube, basta un Click!

Huawei sta vivendo sicuramente un momento particolare della sua storia. Da un lato abbiamo gli smartphone, colpiti dal ban imposto dall'amministrazione Trump ormai un paio di anni fa e tuttora in una sorta di stallo; dall'altra i notebook, che non hanno subito grosse conseguenze e che continuano ad essere aggiornati di anno in anno, spesso affermandosi come prodotti di rilievo all'interno delle rispettive fasce di prezzo.

Da qualche giorno sto utilizzando il nuovo MateBook D15 2021 nella sua unica versione disponibile attualmente in Italia, ovvero quella dotata di piattaforma Intel di undicesima generazione. Passano gli anni, i prodotti evolvono, si aggiornano nelle caratteristiche e anche nel prezzo e ogni tanto, un po' come le ciambelle, non escono con il buco. Ma restate sintonizzati perchè vi racconto il motivo per cui, a mio modo di vedere, questo MateBook D15 2021 non è più il best-buy di una volta.

SOMMARIO

SPAZI DA GESTIRE MEGLIO E UNA TASTIERA DA ILLUMINARE

Comincio subito parlandovi dell'aspetto estetico perchè è l'elemento che nel corso degli anni è probabilmente cambiato meno. Capisco la scelta di voler mantenere un certo stile e un certo family feeling ma è fuori dubbio che la versione da 14 pollici offra tutta un'altra sensazione quando lo tiriamo fuori dalla scatola. Questo MateBook D15 è realizzato in lega di alluminio, certamente non la più nobile che si possa trovare in commercio, anzi, la sensazione restituita è abbastanza "plasticosa". Peccato perchè il design è tutto sommato pulito e sobrio; sarebbe bastato poco per fargli fare un grande salto di qualità.


Le cornici del display sono abbastanza sottili e questo porta ad un rapporto schermo-dimensioni dell'87% e ad un ingombro complessivo comunque abbastanza ridotto se confrontato con la maggior parte dei prodotti nella stessa categoria di mercato. Lo spessore è di solo 16,9 mm mentre il peso è di 1,56 kg; dati che lo rendono comunque una soluzione assolutamente portatile.

Nonostante le dimensioni ridotte, tuttavia, la prima cosa che salta all'occhio quando apriamo questo notebook è il tantissimo spazio inutilizzato intorno a tastiera e touchpad. La domanda sorge quindi spontanea: perchè non aggiungere un tastierino numerico al layout della tastiera e allargare un pochino la superficie touch del puntatore? Probabilmente è un modo per riutilizzare stampi e componenti già disponibili risparmiando in costi di produzione e approvvigionamento, ma a maggior ragione non giustifico il prezzo più alto.


Detto ciò lo spessore ridotto non ha comunque impedito a Huawei di inserire un discreto set di porte. Abbiamo infatti 3 USB Tipo A e una USB-C, oltre a HDMI standard e jack per microfono e cuffie. Direi una dotazione sufficiente anche se avrei sostituito una delle USB-A con una seconda Type-C; l'unica presente sarà infatti per la maggior parte del tempo occupata dal connettore per la ricarica che la rende di fatto quasi inutilizzabile.


Spendo poi due parole sulla tastiera che sinceramente non mi ha convinto. I motivi sono principalmente due. Il primo è legato al materiale utilizzato: una plastica molto porosa, direi vecchio stile, che offre sicuramente un buon grip ma non è un granchè da sentire sotto i polpastrelli. Il secondo motivo, ben più grave, è la totale assenza di retroilluminazione. Nel 2021 un notebook da 900 euro di listino DEVE avere la tastiera retroilluminata. Per click, dimensione dei tasti e layout è invece la solita tastiera Huawei che ho apprezzato su altri MateBook e che avrei elogiato anche qui se non fosse per i due macro-difetti descritti poco fa.

Anche il touchpad, pur con buone prestazioni in termini di precisione e risposta al tocco, resta a mio modo di vedere meno esteso di quello che sarebbe potuto essere. C’è infine il lettore di impronte, inserito nel tasto di accensione che funziona bene e ci consente di sbloccare il notebook in maniera rapida e sicura allo stesso tempo.

DISPLAY

Giusto poi spendere due parole anche riguardo al display. Qui abbiamo un classico schermo LCD da 15.6 pollici con risoluzione fullHD e finitura opaca grazie alla quale i riflessi vengono ridotti al minimo e possiamo leggere le informazioni a schermo in maniera agevole anche in ambienti molto illuminati. Tutto questo ovviamente in interna perchè all'esterno la luminosità è comunque troppo bassa per poterlo utilizzare senza problemi.


La retroilluminazione del pannello non permette infatti di andare oltre le 270 cd/mq, con un rapporto di contrasto di circa 1500:1. Anche la copertura dello spazio colore sRGB non è di altissimo livello, anzi, si arriva al 63%, un valore che evidenzia come tutte le tonalità di riferimento siano comunque poco sature. Non è quindi sicuramente un pannello con cui fare fotoritocco a livello professionale ma non è nemmeno quello che ci saremmo aspettati da una soluzione di questo genere.

Un accenno anche alla componente audio che è caratterizzata dalla presenze di due speaker da 2W posizionati alla base della scocca e rivolti verso il basso. Considerando tutto lo spazio a disposizione ai lati della tastiera avrei preferito a questo punto averli almeno in direzione opposta in modo da ottenere un suono più pulito e un volume più elevato. La qualità è comunque sufficiente ma il volume potrebbe essere certamente più alto.

HARDWARE E PRESTAZIONI

Diamo quindi uno sguardo a quello che si nasconde sotto la scocca di questo MateBook D15 2021. Come detto in apertura la principale novità consiste nell'aggiornamento della piattaforma. Nel caso specifico del nostro modello, che è attualmente anche l'unico disponibile in commercio, parliamo di un Intel Core i5 1135G7, quad-core dotato di grafica integrata Intel Iris Xe Graphics. Il tutto è accompagnato da 16 GB di RAM DDR4 a 3200 MHz e da un SSD PCIe da 512 GB che è l'unico elemento aggiornabile e, come sempre, è caratterizzato dall'ormai tradizionale partizionamento pre-impostato da Huawei e che vi consigliamo di eliminare al primo avvio seguendo la procedura qui sotto.

Come eliminare la seconda partizione del disco? Seguite i passaggi qui sotto.

  • cliccare con il tasto destro del mouse sull’icona del menu di windows
  • selezionate Gestione Disco
  • nella finestra che si apre selezionate la partizione più capiente
  • cliccate con il tasto destro e selezionate “Elimina Volume”
  • accettate tutto e al termine avrete dello spazio non assegnato delle dimensioni esatte del volume appena eliminato
  • cliccate con il tasto destro su C: e selezionate estendi volume
  • portate avanti il processo senza modificare nulla e al termine avrete un’unica partizione C comprensiva di tutto lo spazio a disposizione sul disco escluse le unità di ripristino

A questo punto cerchiamo di capire come si comporta poi questo hardware quando spingiamo sull'acceleratore. Anzitutto occorre premettere che all’interno del software PC Manager Huawei offre ora la possibilità di modificare la modalità d’utilizzo scegliendo tra due differenti opzioni: Bilanciato e Prestazioni. Attivando quest’ultima il PL1 viene impostato a 31W (con PL2 fisso a 60W), qualcosa in più quindi rispetto ai 28 consigliati da Intel. Sono solo 3W, certo, ma è comunque la testimonianza di come gli ingegneri dell'azienda stiano cominciando a lavorare ad un livello di ottimizzazione un pochino più profondo.


Lo stress test che coinvolge la sola CPU con un carico del 100% mostra un comportamento sicuramente confortante. Per diversi minuti la CPU gira a 3GHz su tutti i core per poi abbassare le frequenza, per mantenere le temperature sotto controllo, assestandosi intorno ai 2,5 Ghz per il resto del tempo. Le temperature sono più che accettabili. Dopo un picco iniziale a 95 gradi si scende fino a poco più di 70 con una media di 72 gradi. Anche all’esterno parliamo di una soluzione tendenzialmente fresca. Sulla tastiera non andiamo mai oltre i 33-34 gradi.


Aggiungendo la GPU all’equazione calano le frequenze per poter mantenere una temperatura entro limiti di sicurezza e non rischiare di incappare in un throttling che possa portare a rallentamenti, lag e cali di frame. La frequenza media è quindi di 1,6 GHz con una temperatura che si stabilizza sui 60 gradi all’interno della scocca e sempre intorno ai 30 all’esterno sulla tastiera.

SCHEDA TECNICA HUAWEI MATEBOOK 14 (2020):

  • Display: LCD 15,6" FullHD (1920x1080) opaco
  • CPU: Intel® Core™ i5 1135G7
  • GPU: Intel Iris Xe Graphics
  • RAM: 16 GB DDR4 3200 MHz
  • Storage: SSD NVMe PCIe 512 GB
  • Connettività: WiFi 802.11ax dual band, Bluetooth 5.1
  • Porte: 1 HDMI, 2 USB 2.0 Type-A, 1 USB 3.2 Type-A, 1 USB 3.1 Type-C, 1 jack 3.5 mm
  • Batteria: 42 Wh
  • Dimensioni: 35,7 x 22,9 x 1,69 cm
  • Peso: 1,53 Kg

In generale parliamo quindi di prestazioni che sono sempre più che accettabili. Tutte le operazioni più comuni verranno portate a termine senza problemi e per esigenze lavorative standard difficilmente andrete incontro a difficoltà utilizzando questo MateBook D15. Insomma, potrei definirla come una soluzione perfetta per sostituire il vecchio desktop di casa, con l'ovvio vantaggio di poterlo agilmente trasportare e portare con sè in caso di necessità. Non è poi un prodotto pensato per giocare, la GPU integrata è certamente un netto passo in avanti rispetto alle generazioni precedenti e offre prestazioni migliori rispetto alla controparte AMD. Resta però una soluzione utile per accelerare alcuni processi e non certo per far girare titoli tripla A al massimo dettaglio. Diciamo che una partitina a qualche FPS poco dispendioso, magari scendendo a qualche compromesso in termini di risoluzione e dettaglio, potete anche farla, ma non sperate di andare oltre.

AUTONOMIA

Ed eccoci a parlare di autonomia. Il modulo all'interno di questo MateBook D15 offre una capacità di 42 Wh, sicuramente meno di quello che ci si aspetterebbe da un prodotto di questo tipo e con queste dimensioni. Basti pensare che il modello da 14 pollici, ovviamente più piccolo, offre un modulo da 56 Wh con prestazioni ovviamente superiori.

La batteria dentro a questo MateBook D15 è comunque in gradi di garantire circa 6 ore di utilizzo standard fatto di navigazione su rete WiFi, videoscrittura, gestione mail e simili. Si sale poi fino a 8 ore di streaming video con l’app netflix e circa un’ora e mezza di uso a pieno carico. Il tutto in modalità bilanciata e con luminosità dello schermo media e volume al 50%. Si sarebbe potuto sicuramente fare di meglio, magari lavorando per inserire un modulo un pochino più capiente di quello attualmente in dotazione.

CONSIDERAZIONI

Ed eccoci al momento di tirare le somme e come sempre partiamo dal prezzo. Il listino recita 899 euro per la versione da noi provata. Una cifra decisamente elevata se consideriamo tutto quanto detto finora. A questo prezzo non acquistatelo, anche perchè Amazon ha subito svelato quello che sarà poi il prezzo reale di questo prodotto, proponendolo a poche ore dal lancio a 100 euro in meno. Anche considerando i ricchi bundle offerti da Huawei, se proprio dovessi acquistarlo, preferirei comunque andare dritto sui 799 euro del noto e-commerce.

Sconto su sito Huawei con COUPON - AUNIBOX

Pur con 100 euro in meno rispetto al listino il prezzo resta comunque alto. I compromessi descritti sopra sono accettabili a fronte di una cifra inferiore a quella della concorrenza che, invece, intorno agli 800 euro propone già molte alternative altrettanto valide, se non di più. Diciamo che potrei cominciare a considerare questo MateBook D15 con altri 100-150 euro in meno sul cartellino.

PRO E CONTRO

Buone prestazioniDimensioni contenute per un 15 pollici16 GB di RAM
Tastiera non retroilluminataAlluminio leggero e un po' plasticosoDisplay migliorabilePrezzo complessivamente elevato
VIDEO


232

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Elvin Cannibale Barca

Vedi di trovare Ideapad i5. Il mio configurato come ho detto, PIÙ wifi 6 2x2 che mi ero scordato, viene 885 euro, scontato circa 660. Cioè 66 euro al mese x10 con findomestic, senza nessun interesse. Meno di una cena al mese con mia moglie.

Dal sito Lenovo con la configurazione descritta ho ottenuto un prezzo di 870 euro, come hai fatto ad arrivare a 660 ?

Che sono ZEN 2. I veri zen 3 hanno la seconda cifra pari. tipo 5600u e 5800u. Oltre all'architettura più recente la cache L3 è praticamente raddoppiata.

Elvin Cannibale Barca

Senza tastiera retroilluminata nel 2021, per 900 euro, è da prenderlo e volarlo dalla finestra. Cmq a 660 euro ho preso Lenovo ideapad5 i5 11 gen, 16/512gb, display full hd ips, tastiera con retroilluminazione, batteria 70 Wh, caricabatterie 95 watt, poggiapolsi metallo, impronte digitali. Dilazionati in 10 mesi senza interessi sono 66 euro al mese, meno di una cena all'aperto

Andrea Bernardo

si esatto...gli ultimi test hanno evidenziato ottime prestazioni anche con app x86 nonostante l'emulazione su woa

Rendiamociconto

quale emulazione windows con parallels? quella woa?

Rendiamociconto

apple docet

mi sembra così assurdo. Volevo cambiare il pc ma mi sa che rinvio

Dario

Il Lenovo IdeaPad 5 14" con Ryzen 5 5500U a 699€ com'è? Ieri in offerta stava 599€.

BerlusconiFica

lo schermo cresce con l'etá

Fandandi

Anche senza luce, in generale non e' che mi serva a molto vedere i tasti, e' come volere il cambio illuminato in macchina XD

Pero' vabbe' sono necessita' personali, per me e' praticamente inutile, sono contento se c'e', ma non non e' assolutamente un cosa che sposta il mio giudizio di un prodotto.

Ken

la sera ma con luce immagino. al buio fai fatica

Fandandi

Bho sara' anche indispensabile...io l'ultima volta che ho dovuto cambiare tastiera perche' si era rotta l'ho comprata appositamente senza retroilluminazione per risparmiare pochi spiccioli da quanto poco mi interessava e il pc lo uso la sera e basta XD

Andredory

Ma un 13" è troppo piccolo quando sei in giro a meno che tu abbia particolari esigenze. Mi sta a pelo un 14" a me che ho 23 anni...

misano

l'importante è avere la cornice intorno al monitor sottile perchè il marketing impone questo, poi se il notebook non convince... non importa! perchè il senso estetico indotto dal marketing non prevede il reale utilizzo dell'oggetto !

piervittorio

Che c'entra la barra spaziatrice, che non ha una misura standard?
Guardalo rispetto ai tasti sopra!
Il larghezza è certamente più corto, in altezza magari hai ragione te, sarà un cm più alto... E allora? Ti sembra un argomento?
Ti ho già detto che non me ne frega nulla di Huawei, prima di questi non ho mai avuto, notebook di tale marca, ed i due che ho attualmente sono entrambe con AMD, dunque manco mi interessa difendere intel.
Rimangono i FATTI, che mi portano ad una scelta CONSAPEVOLE, che va bene per me ma non è detto che vada bene per tutti.
1) il tastierino numerico per me è un ENORME DIFETTO: non lo uso, non me ne faccio nulla, mi comporta una tastiera (la parte che uso) più piccola, scomoda e soprattutto decentrata a sinistra rispetto al display, ed un notebook con il tastierino numerico non lo vorrei nemmeno gratis.
Ha fatto benissimo Apple a non prevederlo nei MacBook, ed ha fatto benissimo Huawei a seguirla in quella strada.
A te piace quell'altra soluzione, che si usava vent'anni fa? Buon per te.
Basta che non pretendi di raccontare che sia la migliore per tutti. Punto.
2) la webcam nella cornice (più spessa), che poi la gente la oscura con il nastro adesivo, mi fa ribrezzo, è una soluzione che si usa da vent'anni.
Trovo geniale ed elegante la webcam a scomparsa nella tastiera.
E non interessa nulla a nessuno se la ripresa nelle videoconferenza ha qundici gradi di inclinazione dal basso o dall'alto, rispetto allo sguardo che ovviamente è al centro del display.
E tieni presente che io la webcam la uso in maniera piuttosto seria, essendo relatore in Commissione Europea...
3) mi fa ribrezzo un notebook in plasticaccia, che pesa il 20% in più, o il 30% in più se considero l'alimentatore.
E dalle recensioni sullo stesso sito Dell, la plastica è l'ultimo dei problemi che ha quel modello.
Adoro invece lo chassis tutto in alluminio spazzolato degli Huawei, il loro design semplice e minimalista (anche se è un clone del MacBook), la loro silenziosità assoluta, la loro affidabilità proverbiale, l'efficacia dei due anni di garanzia col supporto clienti sempre on line e disponibile nella app Huawei sul desktop.
4) non ho mai usato la retroilluminazione della tastiera, che è presente nel 14D e non nel 15D (li ho entrambe), quindi non costituisce (per me e credo per molti altri) un problema.
5) non ho nulla contro Dell, ed infatti ho detto che il nuovo Inspiron 15 mi pare un buon prodotto, per chi apprezza il tastierino, e magari utilizza anche la tastiera retroilluminata, e non ha problemi con l'anno di garanzia ovvero l'assenza di ogni garanzia sulla batteria.
Ma io personalmente, per quelle che sono le mie preferenze e priorità, continuerei al preferire l'Huawei, per i motivi che credo di avere bene argomentato.

boosook

Quando sei a casa vai di secondo monitor e sei a posto...

boosook

Che stroncatura... però avete ragione.

piervittorio

L'audio dipende dalla qualità dei diffusori.
L'Atmos è l'effetto spaziale che è in grado di ricreare.
Io l'ho sia sul tablet Samsung, sia sui notebook Huawei, sia ovviamente su TV e home teather, e lo trovo sempre geniale.
Ovviamente la qualità che ottengo nel mio home teather, con diffusori 7.2.1 e ampli dedicato, è tutta un'altra cosa rispetto a quello che ho nel notebook, sia come qualità che come spazialità.
Ma non credo serva specificarlo.

Ho.scemobile

Su quali basi, a tuo avviso, questa recensione dovrebbe essere più onesta o migliore delle altre? La mattina ti svegli con la voglia di sparare minchi4te sul nulla?

Massimo Walter Inter

Comunque, complimenti per la recensione critica perchè le recensioni della concorrenza sono "superfantastiche".... evidentemente avranno il loro tornaconto, cosa che qui non c'è.

Massimo Walter Inter

200 euro di differenza ben spese. Bisogna vedere se Huawei proporrà (e a che prezzo) modelli AMD ryzen 7 serie 5000. Ma se sono con stesso telaio, ram saldata, tastiera non retroilluminata e senza tastierino, webcam con inquadratura "plantare", allora no! preferisco altro. Anche perchè con la serie AMD 5000 stanno per arrivare centinaia di prodotti Asus, HP, Lenovo, Dell, Acer agli stessi prezzi della serie 4000 ma con architettura ZEN migliore.

Alvar Mayor

diciamo che viene da 1000 km ad ovest di Seoul... il tuo telefono è un pechinese!

Alvar Mayor

No, ci sono stati vari fattori che negli ultimi anni hanno rallentato la spinta innovativa dei portatili: una certa maturità delle tecnologie adottate, vari problemi di approvvigionamento, vari blocchi commerciali, un calo della domanda (prima del 2020) ed un oligopolio che ha ridotto la concorrenza fra i produttori.
In questo quadro, arrivano le conseguenze del Covid-19 a cambiare completamente la scena con un aumenta della domanda e delle complicazioni di produzione e di logistica.
Risultato: prezzi mediamente in crescita ovunque ed anche Huawei, che inizialmente era un outsider nel settore e quindi aveva prezzi aggressivi, può passare all'incasso aumentando i prezzi.

Hankel

addirittura non paragonabile? (escludendo i consumi)

Massimo Walter Inter

Non è una vera e propria crisi Chip ma per accordi commerciali AMD ha fornito prima le console di gioco e a partire da questo mese è iniziata la produzione dei processori AMD ryzen 7 serie 5000U e 5000H per notebook. Infatti, alcuni modelli sono già arrivati nei listini. Spero che a Maggio arrivino tutti i modelli. Lo prenderò a prezzo pieno non appena arrivano (Asus S533UA-BQ048T o qualcosa di valido simile)

Massimo Walter Inter

Infatti, ho appena scritto che comprerò un Asus S533UA-BQ048T a 990 € non appena arriva in Italia. Tra l'altro sono già disponibili per l'acquisto i nuovi Dell con AMD Ryzen 7 5700U

Alvar Mayor

Sono anche 200 euro in più.

Andredory

200€ di differenza?

Massimo Walter Inter

A 990 € comprerò Asus S533UA-BQ048T. Decisamente meglio.

Andredory

13"...

Alex

Su quel laptop è un'etichetta

luca bandini

chiaro per la retroilluminazione ma non capisco le altre critiche sulla tastiera quando hanno scritto solo lodi per quella dell'honor che sono quasi sicuro, ma vorrei che mi chiarissero, è identica a parte la presenza della (flebile) retroilluminaizone che su questo manca totalmente.

BerlusconiFica

compratevi il macbook air m1

Andredory

Non è una cosa affatto scontata dato che neanche Dell ha questa opzione e come clienti ha quasi solo aziende...

AllBlack

Bisogna seguire con attenzione il sito per riuscire ad accaparrarsi un PC, purtroppo la situazione disponibilità non è delle migliori per qualsiasi azienda e prodotto.

La 11sima generazione Intel sui laptop é al pari della gen AMD serie 4000.
Non bisogna acquistare ora un laptop a (meno che non si abbia davvero bisogno ) per un vero hardware del 2021 bisogna aspettare i Ryzen 5600u e 5800u

Gli AMD sul sito Lenovo sono tutti fuori stock.

Frà

Ammazza che schifezza

AllBlack

Suppongo di si dato che parliamo del sito ufficiale Lenovo, però non ho esperienza personale in merito.

Aster

A io questo girò li vorrei provare questi nuovi ryzen,per le prestazioni non saprei cosa ci si può aspettare da un ultrabook o portatile del genere

Mr. G - No OIS no party

Abbiamo un Pro 5 (2017) a casa che non ha mai dato problemi.
Il 7 è un disastro. Problemi di driver per audio, gpu, throttling a più non posso

fabio

???
in che senso?
con il pro 4 sono 3 anni che è acceso almeno 8-10 ore al giorno
lavoro full carico in combo un targus con 3 monitor collegati mai un problema
che bug avresti trovato scusa

Mr. G - No OIS no party

Avuto... il computer più buggato della mia vita

fabio

surface pro 7 a 799 i5 8/128

ctretre

Non è accettabile una tastiera non retroilluminata dopo i 700€, e per quanto ci saranno offerte non arriveranno mai sotto quella cifra

pietro

Prezzi dell'hw all'assurdo.

Vado un attimo ot, ma invece che buttare il mio vecchio PC su base FM1, quindi roba antica, ho preferito portare quell' hw al limite spendendo pochi euro nell'usato per tirare avanti un altro po', e devo dire, gaming a parte, si campa bene

Andredory

Mi stai preoccupando, quello del Dell è visibilmente più grosso sia in altezza che in larghezza: è lungo più della barra spaziatrice e di un tasto compreso mentre il Huawei a mala pena è lungo quanto la barra spaziatrice ed un tasto. Anche ammettendo che i tasti del Huawei sono più grandi il Dell rimane comunque in vantaggio, vantaggio che per quanto riguarda l'altezza è a dir poco schiacciante già ad occhio nudo.
Se odi Dell basta dirlo, c'è anche l'ideapad con R4700u 8/512 a 700€ (+10% di sconto penso) con tastiera retroilluminata, tastierino numerico e cam con blocco fisico nella cornice. Se poi sei fan Huawei in quel caso non è un mio problema, ma per consigliare questa schifezza a 800€ ce ne vuole di coraggio.

Andredory

Wow, molto bello, non lo conoscevo. Sai per caso se fanno fattura alle aziende tramite fatturazione elettronica? Se sì lo prendo subito.

Strefano Bianchi

bn

Samsung Galaxy Book Pro 360: le nostre prime impressioni

Samsung Galaxy Book e Galaxy Book Pro ufficiali: leggeri e veloci

App e gadget low cost per imparare a suonare la chitarra durante il lockdown

La (mia) postazione da Creator: dal Desktop MSI al Monitor 5K Prestige