Recensione MSI Prestige 14 EVO, Tiger Lake all'ennesima potenza

21 Aprile 2021 65

Rimani aggiornato quotidianamente sui video, approfondimenti e recensioni di HDblog. Iscriviti ora al canale Youtube, basta un Click!

Parliamo di MSI e immediatamente ci vengono in mente notebook, periferiche e hardware da gaming. Giusto così, l'azienda taiwanese si è da sempre distinta proprio in questo settore ma da qualche tempo a questa parte ha iniziato a lavorare, e lo fa molto bene, su soluzioni destinate a target di utenza abbastanza differenti. Esempio lampante di questa nuova tendenza è l'MSI Prestige 14 EVO che sto utilizzando da qualche giorno. Un notebook leggero, sottile, ergonomico, che non rinuncia ad una messa a punto "da gara" e ad un look sicuramente più sobrio rispetto alla maggior parte delle soluzioni destinate ai videogiocatori.

Allontanarsi dalla propria comfort zone non è mai facile, ma MSI l'ha fatto in maniera intelligente, iniziando dalle soluzioni per i creatori di contenuti, una tipologia di utenti con necessità in parte simili a quelle dei videogiocatori. Tanta potenza di calcolo, una buona efficienza termica e connettività di livello sono alcune delle caratteristiche comuni ai due target e, allo stesso tempo, aspetti su cui MSI ha già una grandissima esperienza. Come saranno andati quindi questi giorni in compagnia del Prestige 14 EVO?

SOMMARIO

TIGER LAKE ALLA MASSIMA POTENZA

Comincio subito con il cosiddetto botto, non voglio perdermi in chiacchiere e quindi vi racconto subito qual'è la caratteristica che distingue questo prodotto da molti dei suoi concorrenti: la messa a punto di tutto il sistema. Sotto la scocca di questo Prestige 14 EVO troviamo un chipset Intel Core i7 1185G7 accompagnato da scheda grafica integrata Intel Iris Xe Graphics, 16 GB di RAM LPDDR4X e un SSD NVMe PCIe 4.0 da 512 GB. Quest'ultimo è l'unico elemento aggiornabile, prodotto da Phison e in grado di raggiungere velocità di lettura e scrittura pari a 5000 MB/s e 2500 MB/s.

Letta così non sembra chissà quale scheda tecnica ed effettivamente sulla carta non lo è. La differenza in questo caso è data dalla messa a punto studiata da MSI. Affidandosi a due generose heatpipe e ad una ventola di dimensioni interessanti (tutto considerando le misure complessive del notebook), i tecnici taiwanesi sono riusciti a spremere questo Tiger Lake come mai avevo visto prima d'ora. Il TDP configurabile di queste CPU è davvero una manna dal cielo e MSI l'ha sfruttato al meglio per trarre il massimo da questo notebook.

SCHEDA TECNICA MSI PRESTIGE 14 EVO

  • CPU: Intel Core i7 1185G7
  • GPU: Intel Iris Xe Graphics
  • RAM: 16GB LPDDR4X 4266 MHz
  • Schermo: 14 pollici 16:9 Full HD opaco 100% sRGB
  • Archiviazione: 1x M.2 NVMe PCIe Gen4 PHISON da 512GB
  • Porte: 1x USB-A 2.0 / 2x USB-C 3.1 Gen1 con supporto Thunderbolt 4 / Jack 3.5 mm combo / microSD
  • Rete: Wi-Fi ax Intel AX / Bluetooth 5.1
  • Dimensioni: 319 x 219 x 15.9 mm / Peso: 1.29 kg / MIL-STD 810G
  • Batteria: 52 Wh / Alimentatore: 65 watt
  • OS: Windows 10 Home
  • Altro: Webcam: 720p / Altoparlanti 2x 2 W / Tastiera illuminata con LED bianchi / TPM 2.0

Utilizzando il software pre-installato MSI Center for Business and Productivity è possibile modificare i profili d'utilizzo variandoli tra i 4 pre-impostati; ed è proprio qui che avviene la magia. Il profilo ad alte prestazioni porta infatti i valori di PL1 e PL2 a 41 e 64 Watt rispettivamente. Poco? Tanto? Vi basti pensare che il valore massimo consigliato da Intel per il TDB base (PL1) è di 28W, 13W in meno di quello impostato da MSI. Ovviamente gli altri profili sono decisamente meno spinti, altrimenti l'autonomia sarebbe sempre inconsitente. Con la modalità Bilanciata il TDP base scende a 28W, con quella Silenziosa siamo a 15W e il risparmio energetico porta i valori di PL1 e PL2 a 10W.


Va bene, abbiamo visto come MSI abbia deciso di fornire a questo SoC tutta la potenza necessaria per esprimersi al meglio ma sappiamo bene che senza un raffreddamento adeguato tutto questo sarebbe inutile. Quindi, come si comporta poi nella realtà questo hardware? Lo stress test che coinvolge la sola CPU mostra un andamento interessante. Le frequenze dei core sono infatti sempre vicine ai 3GHz, per tutta la durata del test e su tutti i core, un valore importante che è accompagnato da una temperatura media di circa 94 gradi sulla CPU e 39-41 all'esterno (la parte sinistra della tastiera è quella più calda). La ventola si fa sentire abbastanza, specialmente quando attiviamo il Cooler Boost, ma ho sentito prodotti anche più rumorosi. Non siamo quindi certamente di fronte ad una soluzione fresca e super silenziosa ma, se vogliamo un certo tipo di prestazioni su un notebook di queste dimensioni sono compromessi noti.


Aggiungendo la GPU le frequenze sui core si abbassano di circa 1 GHz, mentre le temperature restano praticamente invariate. Da questa situazione possiamo poi notare come nonostante il limite del TDP impostato a 64W non si vada mai oltre i 56, che comunque non sono pochi, anzi. L'impatto della GPU sui consumi e sulle prestazioni si fa quindi sentire ma, non trattandosi di una soluzione discreta, non è certo esagerato.

Ovviamente non parliamo di una soluzione fatta per giocare. Se questo è il vostro scopo, ma più in generale se vi serve molta potenza di calcolo grafica, è sicuramente meglio propendere per una soluzione dotata di una scheda video dedicata. Con questa integrata è infatti possibile togliersi lo sfizio di qualche ora di svago con titoli con grafica non troppo impegnativa, magari scendendo a qualche compromesso con i dettagli, ma andare oltre è altamente sconsigliato.


Quello che ho tra le mani è quindi un notebook ottimo per ogni tipo di produttività. Il multitasking qui trova terreno fertile, così come tutti quei programmi che gravano sulla CPU, fogli calcolo, conversione di file e ovviamente tutta la gestione dei flussi lavorativi più comuni. Anche la connettività è completa grazie ad un modem WiFi AX di ultima generazione e al Bluetooth in versione 5.1.

SOBRIO E LEGGERO

Dopo aver dato uno sguardo dentro la scocca passiamo ad analizzare l'aspetto estetico e la qualità dei materiali e dell'assemblaggio. Parto subito parlandovi di quello è a mio avviso l'unico difetto di questo prodotto, che è però conseguenza di uno dei suoi maggiori pregi. Sto parlando del fatto che sia il pannello del display che il piano della tastiera flettono quando applichiamo un certo quantitativo di forza su di essi. Non vi allarmate, Prestige 14 EVO è stato comunque testato a dovere e ha ottenuto la certificazione MIL-STD 810G, ma certo la sensazione di robustezza non è massima quando ci troviamo di fronte questi piccoli difetti.

Difetti che derivano dal fatto che MSI, per contenere al massimo il peso del prodotto, ha utilizzato dei pannelli in lega di alluminio molto molto sottili. La bilancia si ferma infatti a 1,29 Kg, che sono pochi se pensiamo di essere di fronte ad un notebook con display da 14 pollici di diagonale. Anche lo spessore è contenuto, siamo a 1,6 cm, comunque sufficienti per ospitare lungo i lati un set di porte di espansione sufficiente. Abbiamo il classico Jack audio, una USB Tipo A 2.0 e due USB-C con supporto Thunderbolt 4 che consentono di caricare il notebook e supportano l’uscita video. C’è anche un lettore di micro SD che è spesso raro anche in soluzioni di dimensioni superiori.


Detto ciò il design di questo Prestige 14 EVO è assolutamente sobrio. La colorazione blu notte mantiene una certa eleganza pur non cadendo nell'anonimato e, in generale, posso dire che le linee che caratterizzano questa famiglia di prodotti mi sono sempre piaciute e continuano a piacermi.

Spendo poi due parole a proposito della tastiera che in generale offre un buon feedback ma che "pecca" se guardiamo al layout. I tasti sono di buone dimensioni e correttamente spaziati tra loro. Anche la corsa è più che sufficiente ma avrei certamente preferito un click un pochino più netto. Come dicevo, tuttavia, il vero neo di questa tastiera è il layout un pochino sacrificato e abbastanza diverso da quello a cui siamo abituati con la maggior parte delle tastiere. La U accentata che dimezza lo spazio dell'Invio, la riga di tasti extra a destra, le freccette schiacciate, insomma ci vorrà sicuramente qualche giorno in più per abituarsi.

Il touchpad ha invece un form factor molto allungato e integra il lettore per il riconoscimento delle impronte. La scorrevolezza è buona e la sensibilità molto alta, forse anche troppo o comunque non ben tarata a livello di palm rejection, tanto che in alcuni casi potreste incappare in falsi tocchi. Buono invece il click, specialmente se vi piacciono i tasti che affondano molto.

UN BUON DISPLAY

E siamo a parlare del display che qui non spicca per chissà quali caratteristiche ma resta pur sempre l'elemento con cui interagiamo per la maggior parte del tempo e gioca quindi un ruolo chiave. Lo schermo di questo Prestige 14 EVO misura 14 pollici di diagonale e offre una risoluzione di 1920x1080 pixel. Come sempre ho apprezzato tanto la finitura opaca che permette di ridurre al minimo i riflessi e di guadagnare così visibilità nelle situazioni complesse.

Una caratteristica ancora più importante qui dal momento che la luminosità massima non è elevatissima. Parliamo di circa 300 nit che sono sufficienti per un utilizzo agevole negli ambienti interni, anche molto illuminati, ma che in esterna vi costringeranno a cercare una zona di penombra per poter lavorare al meglio. Il rapporto di contrasto tocca un valore di 1700:1 e abbiamo un bilanciamento del bianco discreto.

Parlando invece di colori e di precisione nella riproduzione delle tonalità il pannello del Prestige offre una copertura del 100% dello standard sRGB con una leggera tendenza a extra-saturare in corrispondenza dei rossi. In generale abbiamo comunque dei delta E abbastanza contenuti, in media inferiori a 3 e con valori singoli mai eccessivamente oltre questa soglia.

Restando in ambito multimediale ma parlando dell'audio; i due speaker da 2W posizionati sotto la scocca non sono esattamente il top. Il volume è abbastanza ridotto e specialmente le tonalità basse vanno perdendosi già ai valori più alti della frequenza.

AUTONOMIA

E chiudo parlandovi della batteria e dell'autonomia che questa può garantire. All'interno di questo Prestige 14 EVO troviamo un modulo da 52 Wh che si carica tramite il caricatore da 65W in confezione con connettore Type-C. Per una ricarica completa con il notebook in stand-by occorre poco più di un'ora. Ok ma poi quanto dura questa carica?

Per analizzare il comportamento della batteria dobbiamo come sempre distinguere gli scenari d'uso. Con un utilizzo lavorativo standard sotto rete WiFi in modalità bilanciata si può arrivare ad ottenere una autonomia di 6-7 ore che salgono a circa 10 se utilizziamo il notebook solamente per riprodurre contenuti con l'app Netflix presente sul Microsoft Store. A ulteriore conferma di quanto sia spinta la messa a punto di questo Prestige, invece, a pieno carico difficilmente vi porterà oltre l'ora di utilizzo.

CONSIDERAZIONI FINALI

Siamo alle considerazioni finali e come sempre partiamo dal prezzo. La configurazione a nostra disposizione è attualmente anche l'unica disponibile per l'acquisto in Italia e a fronte di un prezzo di listino di 1399 euro è in realtà già acquistabile stabilmente intorno ai 1200 euro. Con questi 200 euro in meno rispetto al listino mi sento di considerare il prezzo adeguato alla tipologia di soluzione e alle prestazioni che offre.

Certo le alternative in questa fascia di mercato non mancano, quella che va tra gli 800 e i 1200 euro è probabilmente la categoria di prodotti più affollata ma se volete un notebook leggero, sobrio ma allo stesso tempo in grado di spremere al massimo i nuovi processori Intel di undicesima generazione questa rimane sicuramente una delle alternative più valide.

PRO E CONTRO
Compatto e leggeroMessa a punto al topMemorie molto velociDoppia Thunderbolt 4
Layout della tastiera sacrificatoLa scocca flette un po'Volume degli speaker basso
VIDEO


65

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Alessandro Mian

Si sono scelte, da un lato sono contento di poter modificare il funzionamento del 9750h a mio piacimento, però dall'altro mi chiedo, su un laptop da 1800€, perché devo io andare ad eseguire un tuning per ottimizzare l'efficienza?
Comunque su una cpu serie U 15W sono più che sufficienti per un utilizzo anche più che semplicemente basilare, è che probabilmente non è stato pensato per un utilizzo pesante, quindi tutto è gestito di conseguenza.

mikelino666

Eh immagino. Diciamo che il mio problema principale è che se volessi più di 15 W a batteria, non ne lo permetterebbe, impedendomi quindi di usare programmi pesanti in modo adeguato se non attaccato alla presa.. Sono scelte! Di solito si ha una presa per cose pesanti però, per esempio, in un aeroporto e le ed ore di attesa, non farebbe male poter aumentare! Throttlestop è una manna dal cielo e con un po' di undervolt ho migliorato le prestazioni in un bel 15/20%, consumo ridotto, temperature inferiori e temperatura massima settata a 90° . A livello di benchmarks con cinebench r23 faccio 2700, nonostante sia un processore U!

Mikel
Rettore Università di Disqus

Puoi avere quanto contrasto vuoi.
Il livello di luminosità è insufficiente a contrastare quella ambientale.
Per vedere decentemente ci vogliono almeno 500nits.

Mikel

No, può essere influenzato, una gamma e contrasti elevati aiutano la visibilità a luminosità maggiori o meglio la definizione dei contorni fra i diversi colori è visibile meglio. Per quanto riguarda la qualità fidati che i 100% srgb non sono tutti uguali tra le varie marche, inoltre, puoi avere due monitor 100% srgb, ma uno che ha più gamma in rosso, l’altro in blu.

Alessandro Mian
Rettore Università di Disqus

La luminosità di un pannello è un dato oggettivo.
Poco c'entra col volume colore.
300nits non sono niente con luce battente sul display.
Puoi avere la qualità che vuoi.
Questo è il concetto.

mikelino666

Ma infatti il bello di questi notebook MSI è la gestione del pl1 e pl2 in base alle condizioni. A batteria vengono limitati per l'uso a batteria abbassando il pl1 e pl2. Ti posso fare l'esempio con il mio. A corrente ha un pl1 da 40/42 W, con un pl2 di picco da 55 circa. A bstteria, se non erro ,pl1 e 2 sono entrambi a 15 w. Con throttlestop a batteria, mi sono fatto altri due profili a parte; uno come appena indicato, e uno a bassissimo consumo da 3W 1ghz, completamente fanless, e durata della batteria sulle 13 ore senza avere alcun calo significativo delle prestazioni per lavoro classico da ufficio. Temperature sui 45°c. Meglio di così!

Mikel

Quello che ti ho detto io, 300 nit msi non sono gli stessi di 300 nit asus suppongo, così come 100% di copertura srgb del pannello msi non è la stessa di quella asus, possono ricoprire aree o volumi in zone differenti.

Rettore Università di Disqus

Guarda che io ho un MSI prestige che fa proprio 300nit con srgb notevole e ti dico che per luminosità il pannello è imbarazzante se messo accanto a un macbook pro.
Poi si fa perdonare tutto in gestione termica, con un po' di undervolt si fanno miracoli, però il display per luminosità è bocciatissimo.

Mikel

Si, magari 300 nit msi non saranno come 300 nit asus o il contrario, dovresti però valutare come pompa i colori alla luminosità massima per assurdo se l’abbassasi un po’ potresti anche vedere meglio controluce. Avere un pannello 300 nit con srgb 70 % non ha alcun senso secondo me, di solito puoi trovare 300/100 e 250/70...

Alessandro Mian

Oddio, non sono così tanto sicuro che sia un bene. Stiamo parlando di un ultrabook da 14" quindi immagino sia pensato per essere usato in mobilità, spingere troppo significa peggiorare le temperature e l'autonomia, e il guadagno nelle prestazioni non sempre giustifica questo peggioramento. In dispositivi portatili è consigliabile aumentare l'efficienza.

Rendiamociconto

sicuramente anzi uno prenderebbe un lenovo e un dell quasi sempre, purtroppo ultimamente dell sembra che si stia ritirando dal mercato europeo in sordina

Rendiamociconto

sicuramente, la domanda crescente non informata ha fatto crescere l'offerta ma diminuendo le performance.....quindi a parità di esigenza uno sceglie il prodotto migliore in base a quello che deve fare e per te come tanti altri ma non tutti può essere un mac

Alessandro Mian

Per la tastiera basterebbe rendere disponibile anche una versione con il layout americano, più pulito e nessun tasto sprecato per le accentate.

Blackspace

boh a me non sembra che il prezzo sia centrato... un i7 senza scheda grafica dedicata e con un monitor non esaltante?...siamo fuori di quasi 500€, poi ok il desine ma 500€ di desine...nota positiva la quantità di ram e l'ssd 4.0 ma per il resto potrebbe essere tranquillamente scambiato con il prestige dell'anno scorso e risparmiare un bel po'...parere personale.

Alex

USB 2.0 nel 2021 è ridicolo. Poi tutti questi elogi alla CPU non li capisco, ho un Ryzen 5 4500U e sta a frequenze più alte con consumi comunque ottimi, perché dovremmo prendere Tiger Lake?

Mikel

Il problema è che tutti i laptop Windows sono sovrapprezzati, un qualsiasi laptop di media qualità con prezzo sui 1000 euro è considerato un best buy, un paio di anni fa la stessa fascia costava 700 euro. In realtà al posto di questo mi prenderei tranquillamente un Mac.

Aster

Concordo,io ho configurato e comprato 4 aero 14 l'anno scorso durante lockdown per delle colleghe,ottimi

Massimo Potere

vero, ma un xps si

Rendiamociconto

di certo se fai un uso del genere di certo non sei il target di questo prodotto....bisognerebbe comprare all'uso e alle necessità personali, poi se uno compra un prodotto non adatto è un suo problema...ma non è che i non adatti clienti vanno usati per comparare mele con pere

Rendiamociconto

20000 nits, perchè no anche una tintarella nel mentre si lavora

Rendiamociconto

perchè no? sono due categorie di prodotto ben diverse, non è che al posto di questo ti compri un mac

pacaldi

Ma poi ancora schermi FHD su pc così costosi è imbarazzante!

21cole

Nello stesso telaio (che mi pare sia uguale da un paio d'anni) no, ma con qualche modifica è assolutamente fattibile

Dark Passenger

l Aero 15 l ho preso seriamente in considerazione, ma il RB è un amore platonico per me. sempre desiderato e mai avuto/visto.

F3NN3clol

sono d'accordo... ma in quelle dimensioni forse di più non si poteva fare...

Aster

Comunque con gnome nuovo dovrebbero esserci delle novità interessanti per le gestures del touchpad

Aster

Se vuoi aumentare i dubbi;)io sono rimasto impressionato anche dai gigabyte oltre i soliti clevo.Concordo sul prezzo del rb15, anche io ormai sono anni che non gioc seriamente sul PC.Se avro tempo penso questo giro di prendere una console

Dark Passenger

mi hai convinto, lo userei anche io con linux anche se spesso devo switchare a windows. ci tengo a precisare che non sono un gamer ma usando molte VMs per pentesting ecc, ho bisogno comunque di laptop che mi dia soddisfazioni.
e poi RB15 base model con RTX3060 a 1800 euro mi sembra un ottimo prezzo. la tastiera dovrebbe essere spagnola ma poco importa.
grazie di cuore per le risposte

Tiwi

bene, ma si poteva fare qualcosa in piu

mikelino666

Felice possessore del prestige 15 del 2020. MSI spinge al massimo i processori con pl1 e pl2 elevatissimi, e ben venga!

Levi Nanni

Ho da sempre un dubbio su questi portatili con lo schermo che rialza la tastiera: lo schermo balla mentre si scrive? E quanto si consumano i gommini? Non voglio fare polemica, vorrei un parere da chi ne fa un uso intenso quotidiano.

Aster

Confermo sul mio schermo igzo fantastico (uguale xps) non so se lo fanno su tutti i modelli.Touchpad non saprei perché uso molto Linux e mouse esterno

Dark Passenger

gli unici dubbi che ho sono: display tastiera e touchpad.

Aster

Avuti entrambi e confermo,anche i vecchi razer sono molto meglio di alcuni xps

Aster

razer

Aster

Solito 60 hz

Aster

Almeno ssd e scheda wifi si possono cambiare.

Andrea Rich

Hz del monitor?

Maverick

Tanta roba il Razer, vorrei tanto che Palombo ne provasse uno.

21cole

Buono come sempre ma va svecchiato, 16:10 e un po'di batteria in più almeno

DefinitelyNotBruceWayne

M1 è ottimo, ma non è la soluzione ad ogni male. A seconda del settore in cui lavori potresti trovarti male con Mac OS per mancanza di sw o con Rosetta2 (non tutto funziona e se funziona non è detto che funzioni bene)

7829/bis

Se non ha 80000 nits non è buono

Mikel

Non puoi avere la stessa fascia di prezzo del Mac.

Mikel

300 nit dovrebbero essere sufficienti con 100% srgb, è pur sempre un 14 pollici, poi vabbè è in alluminio, ma sulle 1000 non di più, è pur sempre senza scheda integrata e parliamo di un monitor 60Hz.

LoseYourself

Perchè macos non piace a tutti? Perchè tanti software girano anche su Windows senza problemi? Perchè in tanti software intel va meglio di AMD? Perchè l'11th gen intel è ottima? Perchè AMD fa presentazioni solo su carta senza produrre mezza cpu? Perchè non tutti hanno bisogno di una cpu arm con parco app limitato? Ma perchè in questo blog dovete comportarvi da detentori della verità?

LoseYourself

Involuzione degli ultrabook. Invece di migliorarli rimuovono pezzi e gonfiano i prezzi.

7829/bis
Dark Passenger

io sono indeciso se prendere un Razer Blade 15 base model (rtx3060) o un xps 9500

Samsung Galaxy Book Pro 360: le nostre prime impressioni

Samsung Galaxy Book e Galaxy Book Pro ufficiali: leggeri e veloci

Recensione MSI OPTIX MAG274R: è il monitor perfetto per giocare in FHD

Recensione Alimentatore Corsair RM1000x 80Plus Gold: look rinnovato, stessa qualità