Recensione NVIDIA GeForce RTX 3070, la migliore prezzo-prestazioni!

27 Ottobre 2020 637


Dopo aver provato nelle scorse settimane GeForce RTX 3080 e RTX 3090 è giunto il momento di mettere sotto torchio anche la più economica delle tre schede NVIDIA di ultima generazione: la nuova GeForce RTX 3070 nella versione FE. Proposta ad un prezzo di listino di 519 euro, è la più abbordabile, ma non per questo la meno interessante, delle tre. Secondo quanto dichiarato dal CEO di NVIDIA, infatti, quello che porta dalla serie 20 alla serie 30 è il più grande salto generazionale di sempre. Ecco quindi che la nuova 3070 va a competere direttamente con quella che era la scheda top di gamma fino a poco tempo fa, ovvero la 2080Ti.

Rispetto a quest'ultima le prestazioni dovrebbero essere allineate o addirittura in alcuni casi leggermente a favore della nuova proposta. Ma se dobbiamo guardare al vero salto generazione su generazione il confronto è allora con la RTX 2070, rispetto alla quale l'incremento prestazionale è addirittura di oltre il 60%. Insomma, una scheda di fascia media assolutamente in grado di di fare la voce grossa e che si prospetta come la scelta migliore per tanti, anzi, tantissimi utenti, specialmente in quanto a rapporto prezzo/prestazioni.

SOMMARIO

GEFORCE RTX 3070 - CARATTERISTICHE

Prima di passare ai numeri della NVIDIA GeForce RTX 3070 diamo un breve sguardo al design che, sostanzialmente, riprende lo stesso approccio visto per i modelli di fascia alta GeForce RTX 3090 (qui la nostra prova) e GeForce RTX 3080 (recensita qui). Si parte dall'ideazione di un nuovo PCB, sensibilmente più compatto e denso rispetto al passato, disegnato in modo da favorire al massimo la dissipazione della componentistica.

GeForce RTX 3070 utilizza poi un telaio unibody nonchè il sistema di dissipazione "Flow Through" con doppia ventola di raffreddamento, un trio di novità che garantisce una migliore efficienza rispetto alle soluzioni viste sulla precedente generazione. Secondo quanto dichiara l'azienda, il nuovo design permette di incrementare la capacità di dissipazione del 44% a fronte di un guadagno di circa 16 dBA per quanto concerne la rumorosità, il tutto rispetto alla GeForce RTX 2070 Founders Edition.


Che NVIDIA abbia alzato l'asticella prestazionale nel segmento di fascia media - o medio/alta - è stato chiaro fin dal lancio della serie GeForce RTX 30. Modelli top di gamma a parte, in occasione del lancio molti si dimostrarono però scettici riguardo le specifiche della GeForce RTX 3070: una scheda al pari - se non più veloce - della GeForce RTX 2080 Ti, alla metà del prezzo e con una migliore ottimizzazione per il ray-tracing.

Un salto prestazionale così notevole - già confermato dalla GeForce RTX 3080 - è stato possibile dall'adozione della nuova architettura GPU Ampere: fino a 1,9 volte più efficiente di Turing grazie anche al processo produttivo custom Samsung a 8 nm.

GPU NVIDIA AMPERE

Abbiamo già parlato delle migliorie introdotte da Ampere rispetto a Turing, e guardando alla scheda tecnica della GeForce RTX 3070 non abbiamo particolari sorprese, almeno sulla carta. La nuova scheda NVIDIA si affida a una GPU Ampere (GA104) da 17,4 miliardi di transistor e 46 SM (Streaming MultiProcessor); a bordo troviamo 5888 Cuda Core, 184 Tensor Core e 46 RT Core, il tutto abbinato a 8GB di VRAM GDDR6 14Gbps su bus a 256 bit.

NVIDIA dichiara prestazioni il 60% superiori rispetto alla GeForce RTX 2070 che da un lato è dotata di soli 2304 Cuda Core, ma dall'altro però vanta un TGP (Total Graphic Power) inferiore:185W contro i 220W della GeForce RTX 3070. Quest'ultima utilizza inoltre il nuovo connettore di alimentazione NVIDIA a 12pin e viene fornita con un adattatore 12pin-8pin PCIe, allineandosi così alla sua antenata.

Preso atto di questi dati, il confronto proposto da NVIDIA tra una GeForce RTX 3070 e una GeForce RTX 2080 Ti sembra forse più sensato; per completezza ricordiamo che RTX 2080 Ti è equipaggiata con GPU Turing TU102 a 12nm (TSMC) da 4352 Cuda Core e 11GB di GDDR6 14Gbps (bus 352 bit).

Architettura e caratteristiche a parte, va ricordato inoltre che la nuova generazione GeForce RTX 30 può contare su una serie di nuove tecnologie in grado di migliorare sia l'esperienza in gaming sia in ambito produttività; tra queste: NVIDIA RTX I/O (qui il nostro approfondimento), NVIDIA Reflex per ridurre la latenza e NVIDIA Broadcast che abbiamo provato di recente con ottimi risultati. Di tutte trovate comunque una breve spiegazione in fondo all'articolo.

GEFORCE RTX 3070 - ANATOMIA DELLA SCHEDA

Dopo aver avuto tra le mani la RTX 3080 e la RTX 3090, entrambe Founders Edition, appena tirata fuori dalla sua scatola questa RTX 3070 sembra quasi un giocattolino. Piccola, compatta, leggera, è sicuramente quella che impatta meno delle tre quando la inseriamo all'interno di un case ed è quindi quella più consigliata nel caso in cui non ne abbiate uno di grosse dimensioni. Il design resta comunque a due slot ma sono state adottate soluzioni differenti rispetto agli altri modelli per quanto riguarda il sistema di dissipazione.

Nonostante le dimensioni più contenute vi posso assicurare che la qualità dell'assemblaggio e la solidità di questa RTX 3070 non vengono meno, anzi. Il design è estremamente sobrio e resta il mio preferito tra tutte le Founders Edition degli ultimi anni e stacca di netto anche quello della 2080Ti che era comunque, a mio modo di vedere, molto bella. Si tratta ovviamente di un giudizio soggettivo ma sia a bordo della test-bench sia all'interno di un case questa scheda fa assolutamente una bellissima figura.


Rispetto ai due modelli provati in precedenza cambia il sistema di dissipazione che non è più il Dual-Axial Flow Through ma un più semplice Flow Through in cui le ventole sono entrambe dallo stesso lato della scheda. La ventola di sinistra è quella che spinge l'aria fuori dallo chassis attraverso le feritoie situate in corrispondenza dei connettori, mentre quella di destra cattura l'aria fresca che viene introdotta nel case dal sistema di ventilazione frontale.

Come già detto sopra questa RTX 3070 utilizza il connettore a 12-pin custom che abbiamo già visto su RTX 3080 e RTX 3090, ma a differenza di queste ultime riceve corrente da un solo connettore a 8-pin proveniente dall'alimentatore. Nel caso in cui la vostra scheda madre ne fosse provvista, questa scheda supporta anche le PCIe di quarta generazione.


E chiudo parlandovi dei connettori disponibili. Come per le altre due schede della serie 30 anche qui troviamo una porta HDMI 2.1 e 3 connettori Display Port 1.4. Grazie alla HDMI 2.1 e al supporto al CODEC AV1 è possibile gestire un segnale 8K HDR con un solo cavo grazie alla bandwith maggiore e all'ottimizzazione del segnale video.

PRESTAZIONI OTTIME

Due rapide premesse prima di passare ai grafici dei test. Nella scelta dei giochi da testare abbiamo voluto mixare titoli recenti che supportano RTX e DLSS e giochi privi di queste tecnologie ma comunque molto diffusi. Tutti sono stati eseguiti in 1440p, 4K e, dove possibile, in 4K con DLSS e RTX attivi. Nei casi in cui è disponibile abbiamo utilizzato il benchmark integrato per poter avere risultati perfettamente paragonabili.

CONFIGURAZIONE DI TEST:

  • Scheda madre: ASUS ROG STRIX Z490 A-Gaming
  • CPU: Intel Core i7 10700K
  • RAM: 2x8GB DDR4 Corsair Vegeance Pro a 3200MHz
  • Storage: 1x Corsair MP510 da 512GB (O.S.) + 1x Crucial P1 da 1TB (Dati)
  • Raffreddamento: NZXT Kraken x53
  • PSU: NZXT C850 (80+ GOLD)
  • Test Bench: DimasTech Easy V3
  • Driver: 456.96

Ecco i risultati dei test svolti:

Come potete vedere i risultati ottenuti rispecchiano perfettamente quelle che erano le aspettative. Sin da subito NVIDIA ha dichiarato per questa RTX 3070 prestazioni molto simili a quelle della "vecchia" 2080Ti e così è effettivamente. La nuova scheda di fascia media è probabilmente la migliore tra le tre Serie 30 provate fin qui in termini di rapporto prezzo/prestazioni. Le prestazioni a tutte le risoluzioni sono spesso leggermente superiori rispetto alla 2080 Ti e mantengono, considerando la differenza di prezzo, uno scarto accettabile nei confronti della RTX 3080.

CONSUMI E TEMPERATURE

Ed eccoci a parlare della gestione termica ed energetica di questa RTX 3070 Founders Edition. Si tratta di una scheda ovviamente meno energivora rispetto alle due Serie 30 analizzate fino ad oggi ma non è certo un dato inaspettato. Le specifiche tecniche e la possibilità di alimentare la scheda con un singolo connettore a 8 pin sono del resto elementi abbastanza eloquenti.

Per andare a verificare consumi e temperature ho utilizzato due test differenti. Il primo è Furmark che simula un carico del 100% sulla GPU per un periodo di tempo prolungato, il secondo è invece 3D Mark nella scena TimeSpy in 4K; in questo caso abbiamo uno scenario che si avvicina maggiormente all'utilizzo in gaming.


Quello che vedete qui sopra è il grafico relativo a Furmark e, come potete notare, mostra un consumo massimo da parte della scheda pari a 220W. Le temperature, invece, dopo oltre 5 minuti di test si attestano intorno ai 72 gradi, a testimonianza del fatto che il lavoro svolto da NVIDIA in fatto di dissipazione è assolutamente ottimo, nonostante il differente design rispetto ai modelli superiori. La 2080Ti Founders Edition, nello stesso test, arrivava ad avere un consumo di circa 40W superiore con frequenze inferiori.


3D Mark Timespy Extreme è invece il test utilizzato per osservare il comportamento delle temperature. Come è possibile notare dal grafico l'andamento di queste ultime per le due schede in analisi è molto simile e si tratta sostanzialmente della stessa tendenza che abbiamo rilevato anche nei test di gioco reali. Con sessioni molto lunghe e carico elevato si superano sempre di poco i 70 gradi, con picchi raramente sopra i 75.

BROADCAST, REFLEX E STUDIO

Ok la potenza bruta e gli FPS ma le nuove schede NVIDIA giungono corredate da una serie di strumenti e tecnologie che permettono all'utente di sfruttarle al meglio in diversi ambiti. Non sarà questa la sede in cui andremo ad analizzare tuttI questi altri fattori, probabilmente dedicheremo loro degli approfondimenti a parte, ma è giusto comunque citarle e spiegare a cosa servono per comprendere meglio il lavoro che c'è alle spalle di un lancio di questo tipo.

Partiamo quindi da NVIDIA Broadcast, un nuovo software a corredo delle schede RTX, non solo della serie 30, che ha l'obiettivo di ampliare le funzioni e migliorare le videoconferenze e lo streaming. Un software di ottimizzazione quindi, che è in grado di migliorare i flussi audio e video di webcam e microfoni per avvicinare il più possibile l'esperienza di trasmissione a quella di uno studio professionale. Il sistema interviene con strumenti come la cancellazione del rumore o l'applicazione di uno sfondo virtuale per migliorare le videochiamate o lo streaming di contenuti.

A questo si aggiunge Reflex che più che un software è una suite di tecnologie che misura e ottimizza la latenza del sistema per consentire all'utente di ottenere un'esperienza di gioco molto più reattiva. Due sono i componenti fondamentali che vi permetteranno di sfruttare Reflex al 100%: il primo elemento è NVIDIA Reflex Low Latency Mode, uno strumento attivabile nelle impostazioni di alcuni giochi che è in grado, da solo, di ridurre la latenza fino al 50%; per ottenere il massimo dell'esperienza sarà poi necessario affiancare al Low Latency Mode l'NVIDIA Latency Analizer. Inserita all'interno dei monitor di nuova generazione, questa tecnologia misura il tempo intercorso tra il click e il cambiamento dei pixel e ottimizza la velocità di reazione per abbassare ulteriormente questo ritardo.

Latency Analizer sarà inserito nei nuovi monitor gaming a 360 Hz dotati di NVIDIA G-Sync, i primi dei quali arriveranno in primavera, e sarà supportato dalle principali periferiche di gioco. La tecnologia è arrivata con i driver GameReady di settembre; i primi titoli compatibili sono, tra gli altri, Valorant e Destiny.

E infine, ultimo ma non per importanza, il programma NVIDA Studio, a cui abbiamo dedicato un approfondimento qualche tempo fa. Così come le schede di precedente generazione anche le nuove Serie 30 sono compatibili con il programma NVIDIA Studio e con tutti gli elementi che lo compongono; dai driver dedicati ai software largamente ottimizzati. Lo scopo è ovviamente quello di rendere il processo produttivo più fluido e veloce riducendo quanto più possibile la distanza temporale tra idea e realizzazione.

CONSIDERAZIONI FINALI

E siamo al momento di tirare le conclusioni a partire ovviamente dal prezzo della scheda. La nuova NVIDIA GeForce RTX 3070 nella versione Founders Edition da noi provata costa di listino 519 euro, un prezzo sensibilmente inferiore rispetto ai 1200 euro richiesti per la 2080 Ti al lancio nonostante le prestazioni praticamente sovrapponibili, se non alcune volte migliori. Anche se volessimo paragonarla alla RTX 2070 il paragone resta comunque sbilanciato a favore del nuovo modello, 130 euro in meno al lancio e prestazioni fino al 60% superiori. A costo di sembrare ripetitivo direi che a questo giro il posizionamento delle nuove schede è più che corretto.

A chi consiglio quindi questa GeForce RTX 3070? Fondamentalmente a tutti. A mio modo di vedere è la scheda più accessibile in questo momento per giocare agilmente in 1440p a praticamente qualsiasi titolo in commercio. Ma non solo, in molti casi anche il 4K a 60 fps è raggiungibile in maniera abbastanza semplice, specie se si attiva il DLSS. Se volete una build per giocare in 1440p senza spendere cifre esorbitanti, diciamo restando intorno ai 1000/1200 euro di budget, questa è probabilmente la scheda che fa per voi.


637

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Stefano Petrini

Con un imac? Il tuo amico se ne intende ....

Big wall

ahahahah quello significa che è tutto normale.

Daccio985

Sono tornate brevemente, prezzi fuori di testa, manco a dirlo già sold out.
Vabbè poco male, aspetto le radeon

Emiliano Frangella

Le msi lighting erano il top ;)

noncicredo
noncicredo
noncicredo
Scooty Bucky

Ecco vedi? Ragioni da vecchio con un po' di soldi da parte.
Ma i giovani squattrinati? Che sono quelli che giocano di piu'?
Come la mettiamo?

makeka94

sono riuscito ad entrare ed ho visto i prezzi oltre a 650€ =) comprerò altro.

The_Th

immagino possano uscire anche gli aggiornamenti crackati, ma sarò vecchio io e non ho più voglia di sbattermi per un gioco, voglio qualcosa che avvio e funziona, tanto non prendo 30giochi/anno e quei 30/40€ a gioco fortunatamente li posso spendere, anche perchè poi risparmio su altro, tipo uscite inutili per passare il tempo.

Scooty Bucky

Volendo escono anche gli aggiornamenti crackati.
Ma a parte questo ormai la gente cerca di risparmiare proprio su tutto (soprattutto dopo aver speso 1500 nel pc)

Scooty Bucky

Ah ecco. Allora si. Avevo capito male io :)

RiccardoB

No assolutamente, non mi pare di averlo scritto infatti.
Intendevo dire che trattasi di due settori differenti: uno è conosciuto da tutti e risponde ad una forte domanda e a quanto pare può "permettersi" anche di alzare l'asticella dei prezzi (assurdi sia chiaro), l'altro è più di nicchia ed evidentemente vuole rimanere tale.

The_Th

Pensavo fosse morta quella pratica, alla fine con Steam o altri store online si trovano giochi a 15/20€, se non addirittura gratis a volte, basta non avere la smania da day1, che se proprio vuoi un gioco al day1 perchè lo consideri il top spendi quei 60€ 1 volta all'anno, dopo che ne hai spesi 1500 di PC...
Poi con tutti gli aggiornamenti che escono, l'online eccecc come fai a tenere giochi non originali?

Scooty Bucky

Perche' l'iPhone 12 te lo puoi portare in giro senza caricatore? :D

Scooty Bucky

Quindi mi stai dicendo che gli assurdi prezzi dei telefoni sono accettabili perche' sono oggetti quasi indispensabili?
Mhmhmhm :D

Scooty Bucky

Ah scusa. Volevo solo esternare un esempio concreto.

Frazzngarth

ma io non ho mica detto che non può farlo nessuno, ho scritto che "non sono molti"...

RiccardoB

Con la differenza che un telefono, per come ormai siamo abituati, svolge una funzione indispensabile.
Qui stiamo parlando di componenti hw utilizzati per il gaming da una fascia molto ristretta di pubblico.
Vero che poi ci si abitua a tutto, come detto io sono il primo a comprare a questi prezzi.

Scooty Bucky

Certo che c'entra.
Ti volevo spiegare che se ti fai aiutare dai parenti puoi anche fare il lavoro per cui hai studiato.

Giulk since 71'

Ovvio, la scheda video mica me la posso portare in giro no?

Scooty Bucky

Anche i prezzi degli ultimi anni dei telefoni sono fuori di testa ma la gente si abitua a tutto e li compra lo stesso.

Scooty Bucky

Pero' ti sei comprato un iPhone!

Scooty Bucky

Sta gente e' fuori di testa.

Scooty Bucky

A giudicare dai dati di certi siti pare proprio di si.
Incredibile.

Scooty Bucky

Non lo so. Se ne andata via subito un po' scocciata.

Malpensante

::triggered::

Malpensante

Lei come ha risposto?

The_Th

C'è ancora gente che scarica i giochi crackati?

Frazzngarth

non ho capito cosa c'entri...

Scooty Bucky

No allora aspetta un attimo.
Te ne do 40 :D

Scooty Bucky

E poi esistono pure quelli crackati che costano ancora meno.

Scooty Bucky

Non e' vero.
Altrimenti non ti venderebbero le auto solo a rate.

Scooty Bucky

Ti voleva far capire che usare la scheda video da 500€ per guardare i porno non conta come utilizzo.

Scooty Bucky

Io mai. Ma tanto sono mezzo cieco. Non vedrei nessuna differenza. E risparmio pure.

Scooty Bucky

Quante minkiate... la verita' e' che serve un 10% di preparazione e un 90% di coolo. Tanto coolo.

Scooty Bucky

Beh non e' vero.
Un mio amico si e' laureato in economia e ora fa il commercialista.
Nello studio di suo padre...

Scooty Bucky

Di dove sei?

Scooty Bucky

Hai ragione.
Perfino un ritardato come Trump ha fatto i soldi.
Li possono fare tutti con un po' di impegno.

Scooty Bucky

Oggi mi mancava il classico universitario che mentre studiava faceva il classico cameriere.

Scooty Bucky

Ma cosa stai dicendo?
Un mio amico ha speso 2599 euro per un iMac e manco riesce a giocarci decentemente!

Scooty Bucky

Dai dillo. Le sigarette.

Scooty Bucky

Proprio la stessa cosa ho detto ad una prostituta l'altro giorno.

TecR6

Io i consigli te li ho dati, poi vedi tu se continuare così o migliorare.

Emiliano Frangella

Io metto msi al primo posto.
E costa molto meno

LeoX

Eh ci crediamo tutti.

TecR6

Cameriere mentre facevo l'università;

meno lamentele e più impegno.

LeoX

Disse colui che è nato in famiglia con casa di proprietà :)

Star Techno

La cosa paradossale è che nell usato le schede vecchie costano quasi quanto le nuove,se una cosa è stata aperta in nessun modo puoi farmela passare per nuova....

Star Techno

No ma in questo momento non la comprerei lo stesso, siamo reali li fuori c'è linferno, e personalmente preferisco spendere i miei soldi con un pò più di saggezza, per ora la penso cosI', da parte mia priorita' a chi in questo momento è in difficolta', le multinazionali possono aspettare.

Recensione Mac Mini Apple Silicon M1, ho QUASI sostituito il mio desktop da 2K euro

Recensione HONOR Router 3: il miglior Router Wi-Fi 6 qualità/prezzo

Apple Silicon è il futuro di Apple: da desktop a smartphone, andata e ritorno

Recensione Honor MagicBook Pro, occhio ai paragoni azzardati!