Recensione Honor MagicBook Pro, occhio ai paragoni azzardati!

23 Ottobre 2020 160

Rimani aggiornato quotidianamente sui video, approfondimenti e recensioni di HDblog. Iscriviti ora al canale Youtube, basta un Click!

MagicBook Pro è il primo portatile che Honor lancia nel nostro Paese in "esclusiva", anticipando quindi l'arrivo della versione Huawei dello stesso dispositivo. Sicuramente una buona notizia perché permette all'azienda di diversificare la propria line-up inserendo un prodotto che garantisce prestazioni e caratteristiche superiori al MagicBook da 14 pollici (di cui trovate QUI la nostra recensione), con un display di dimensioni maggiori e dunque dal target leggermente differente.

Attenzione però a non esagerare con le aspettative. Il marketing dell'azienda ha associato a questo MagicBook l'aggettivo Pro ma diciamo che di "livello Pro" il prodotto ha giusto la piattaforma. Il prezzo d'altra parte è molto competitivo e per poterlo mantenere tale è senza dubbio necessario scendere a compromessi più o meno importanti.

SOMMARIO

OCCHIO AI PARAGONI

Da MagicBook Pro a MacBook Pro il passo è breve, almeno nella mente di chi legge soltanto il nome e osserva il prodotto da fuori. Entrambi hanno la scocca in materiale metallico di colore grigio scuro, una tastiera in contrasto con la scocca, speaker posizionati ai lati della tastiera e un display da 16 pollici di diagonale, anche se con un rapporto di forma differente.

Insomma, pensare che questo notebook possa essere l'alternativa economica al top di gamma Apple è abbastanza naturale ma è proprio l'errore che dobbiamo evitare di commettere. Siamo comunque di fronte a un prodotto realizzato molto bene. La scocca è solida e il design sobrio. Se consideriamo le caratteristiche, poi, anche lo spessore e il peso non sono per nulla esagerati, anzi. Apprezzo sempre molto la cura con cui Honor e Huawei realizzano i loro prodotti anche appartenenti a fasce di mercato economiche.


Nulla da dire anche a proposito della tastiera, i tasti a isola sono di buone dimensioni, correttamente spaziati tra loro e dotati di una corsa né troppo lunga né troppo corta, semplicemente giusta. Il click si sente senza essere fastidioso e in generale parliamo di una tastiera che offre un feedback ottimo quando digitiamo anche per molto tempo. Non mancano la retroilluminazione e il tasto tra F6 e F7 che nasconde la webcam, come accade su tante altre soluzioni della stessa famiglia. E come per tutti gli altri prodotti che usano questa tecnologia ci sono dei pro e dei contro.

Se da un lato questa implementazione permette di contenere molto le dimensioni della cornice superiore del display, dall'altro avremo una inquadratura dal basso verso l'altro non esattamente fantastica. Se, ad esempio, state seguendo una call di lavoro e nel frattempo volete prendere degli appunti il vostro volto sarà quasi interamente coperto dalle dita che si muovono sulla tastiera.


Come dicevamo poco fa, ai lati della tastiera trovano spazio gli speaker in un posizionamento che apprezzo sempre molto perché permette al suono di fuoriuscire frontalmente all'utente e di ottenere un'esperienza d'ascolto migliore. L'effetto stereo è molto buono e il volume è sufficientemente elevato. Anche la qualità è tutto sommato discreta, mancano un po' di bassi, dettaglio in cui MacBook Pro fa la differenza, ma è difficile pretendere di più considerando la dimensione degli altoparlanti.

Inserito proprio all'interno della griglia dell'altoparlante di destra troviamo poi il sensore per il riconoscimento delle impronte digitali. Sempre veloce e preciso nello svolgere il suo compito, è anche l'unico metodo di accesso sicuro al sistema tramite Windows Hello. Sicuramente apprezzato dal momento che ci evita il noioso processo di inserimento della password ad ogni avvio.


Lungo il perimetro della scocca trovano invece posto le porte di espansione la cui configurazione non mi ha del tutto convinto. Abbiamo infatti ben 3 USB Type A e una sola Type C che, tra l'altro, serve per la ricarica e quindi sarà sempre o quasi occupata dal connettore dell'alimentatore. Avrei certamente gradito una Type C in più e magari un lettore di SD dato che si tratta di un prodotto "Pro", o forse no. Oltre a quanto appena elencato abbiamo anche una HDMI e il classico jack audio.

Chiudiamo questa parte parlando del touchpad che è stato, a parer mio, riciclato dai modelli già presenti in gamma. Le dimensioni sono infatti praticamente identiche a quelle di MateBook D e del MagicBook da 14 pollici. Con tutto lo spazio che abbiamo a disposizione sul poggiapolsi avrei gradito una superficie touch più ampia. Detto questo, resta comunque un buon touchpad per reattività e scorrevolezza. I tocchi vengono sempre riconosciuti correttamente e si riescono a sfruttare le gesture di sistema senza troppi problemi.

DISPLAY? TANTO SPAZIO MAL SFRUTTATO

Il display è un altro elemento importante di questo prodotto dato che offre una diagonale quasi inedita. Sono pochissime le soluzioni sul mercato che adottano un pannello con questa diagonale; a caldo mi vengono in mente soltanto l'ultimo XPS di Dell e, appunto, il MacBook Pro di Apple. Capite quindi che anche con questa scelta poni l'asticella ad un certo livello e ti esponi a paragoni e giudizi inevitabili.

Parliamo di uno schermo IPS da 16 pollici di diagonale con risoluzione Full HD, un po' poco dal mio punto di vista. Non mi riferisco però alla definizione delle immagini, che è comunque buona, quanto all'impossibilità di aumentare la densità, ridurre la dimensione degli elementi e sfruttare al meglio lo spazio a disposizione. Bene per chi ha qualche problema con le diottrie, meno per chi lavora con tante finestre aperte.



Il display in sé è comunque un buonissimo pannello. La luminosità non è elevatissima ma la visibilità è comunque sempre garantita da una finitura anti-riflesso assolutamente riuscita ed estremamente efficace. Bene, anzi, molto bene anche la precisione nella riproduzione dei colori. Come mostrano i grafici che vedete qui sopra abbiamo infatti una copertura praticamente totale dello standard sRGB e dei delta E medi, sia per la scala di grigi che peri colori, inferiori a 3.

A colpire è il fatto che anche nei casi peggiori il delta E è sempre in un range di errore più che accettabile. Non si supera mai il 4,5, valore che indica comunque un colore molto vicino a quella che è la tonalità di riferimento.

RYZEN 5 4600H, LA POTENZA DI CALCOLO NON MANCA

Passiamo quindi alla piattaforma che è probabilmente l'elemento che più avvicina questo prodotto ad una utenza di professionisti. All'interno di MagicBook Pro troviamo infatti una CPU AMD Ryzen 5 4600H con grafica AMD Radeon RX Vega 6. Come avrete intuito dalla lettera H alla fine della sigla che identifica il processore non si tratta di una classica piattaforma a basso consumo, come quelle che troviamo abitualmente a bordo di soluzioni di questo tipo, bensì di un SoC con TDP di 45W e quindi, almeno sulla carta, in grado raggiungere frequenze più elevate e mantenerle più a lungo.

La nostra configurazione è poi completata da 16 GB di memoria RAM e da un SSD NVMe PCIe da 512 GB con velocità di lettura e scrittura pari a circa 3400 e 2700 MB/s. SSD che è anche l'unico elemento aggiornabile del sistema in quanto le RAM risultano saldate sulla scheda madre e non ci sono eventuali slot per poter procedere all'espansione. La versione attualmente disponibile in Italia è invece quella dotata di 8 GB di RAM e 256 GB di storage.



Come dicevamo il TDP di questa piattaforma dovrebbe permettere al sistema di ottenere prestazioni migliori rispetto alle soluzione a basso consumo. Effettivamente gli stress test che coinvolgono CPU e GPU mostrano un andamento molto buono e raro da osservare con questi valori a bordo di soluzioni portatili con simile spessore e peso. Dopo un picco iniziale in cui si vanno a sfiorare i 4GHz, le frequenze si assestano a 3,4 GHz per tutta la durata del test, con una temperatura media all'interno della scocca poco superiore agli 80 gradi. Il TDP è invece fisso a 36 W e le temperature esterne non superano mai i 40 gradi.

Aggiungendo la GPU al nostro test il risultato resta praticamente invariato, scendono leggermente le frequenze che si assestano intorno ai 3 GHz ma TDP e temperature sono praticamente le stesse. Non c'è throttling termico penalizzante e il sistema dà sempre l'impressione di restare reattivo, anche quando viene messo pesantemente sotto sforzo. Le ventole destinate al raffreddamento sono due e anche alla massima velocità di rotazione producono un fruscio comunque abbastanza sommesso.

Le piattaforme AMD si dimostrano quindi ancora una volta delle vere e proprie macchine da guerra in termini di pura potenza di calcolo, soprattutto nei test e nelle operazioni multi-core. C'è indubbiamente ancora da lavorare sull'ottimizzazione, ma non mi riferisco ai consumi e alle temperature, quanto ai software. Molti programmi per la produttività non comunicano ancora in maniera ottimale con questi nuovi Ryzen e ciò causa rallentamenti e incertezze anche con tutta questa potenza di calcolo a disposizione. Con Adobe Premiere Pro, ad esempio, è quasi impossibile gestire un montaggio video in 4K muovendosi senza problemi su e giù per la timeline. In parte è sicuramente colpa dell'assenza di una scheda grafica dedicata ma mi è capitato di provare alcune piattaforme sulla carta meno potenti, ma probabilmente meglio ottimizzate, che riescono meglio in questo compito.

A proposito di scheda grafica; la RX Vega 6 non è sicuramente il top se avete spesso a che fare con elaborazioni grafiche complesse ma permette comunque di togliersi qualche sfizio in ambito videoludico. Giochi non eccessivamente impegnativi come Fortnite, Overwatch e Valorant girano senza troppi problemi in FHD con dettaglio medio/basso.

SCHEDA TECNICA HUAWEI MATEBOOK D14 (2020):

  • Display: IPS 16 pollici FullHD (1920x1080 pixel)
  • CPU: AMD Ryzen 5 4600 H, esa-core a 3.00 GHz
  • GPU: AMD Radeon RX Vega 6
  • RAM: 8 GB DDR4 Dual-Channel
  • Storage: SSD NVMe PCIe 256 GB
  • Connettività: WiFi 802.11ac dual band, Bluetooth 5.0
  • Porte: 1 HDMI, 3 USB 3.2 Type-A,, 1 USB 3.1 Type-C, 1 jack 3.5 mm
  • Batteria: 56 Wh
  • Dimensioni: 369 x 234 x 16,9 mm
  • Peso: 1,7 Kg

Chiudo con la solita nota riguardante il disco e il suo partizionamento non-sense che è ormai una caratteristica distintiva di queste soluzioni Huawei/Honor, quasi quanto la webcam sotto al tasto. Anche qui alla prima accensione troviamo infatti il disco diviso in due partizioni: una C: idealmente destinata ad OS e programmi e una D: dedicata ai dati. In realtà non avendo a disposizione un SSD enorme per capienza, specie nella versione italiana, il partizionamento è più fastidioso che utile e quindi il mio consiglio è quello di unificare gli spazi seguendo alcuni semplici passaggi:

  • cliccare con il tasto destro del mouse sull’icona del menu di Windows
  • selezionate Gestione Disco
  • nella finestra che si apre selezionate la partizione più capiente
  • cliccate con il tasto destro e selezionate “Elimina Volume”
  • accettate tutto e al termine avrete dello spazio non assegnato delle dimensioni esatte del volume appena eliminato
  • cliccate con il tasto destro su C: e selezionate estendi volume
  • portate avanti il processo senza modificare nulla e al termine avrete un’unica partizione C comprensiva di tutto lo spazio a disposizione sul disco escluse le unità di ripristino

Ricordate di fare tutto ciò come prima operazione in assoluto e soprattutto prima di salvare qualsiasi dato sulla partizione D:. Il processo elimina infatti tutti i dati che si trovano sulla porzione di disco che andate a pulire ed eliminare.

UNA BATTERIA PICCOLA, FORSE TROPPO

Parliamo ora di batteria e autonomia. All'interno di MagicBook Pro c'è un modulo da solo 56 Wh, altro elemento ereditato dai vari MateBook e MagicBook e che indubbiamente stona con l'aggettivo Pro. Del resto per poter proporre tale soluzione al prezzo che vedremo tra poco era necessario risparmiare da qualche parte, e qui il concetto di economia di scala aiuta molto a comprendere certe scelte.

Il risultato dell'utilizzo di un simile modulo in abbinamento a una piattaforma che comunque consuma di più di quelle che troviamo nei prodotti citati poco fa porta ad una autonomia ovviamente inferiore a quella dei fratelli minori. Parte della colpa è poi sicuramente anche del display che, essendo più grande, necessita di maggiore energia per potere essere correttamente illuminato.

Luminosità schermo al 50%, audio al 50%. Modalità energetica "Batteria Migliorata".

In sostanza con una carica completa si riescono a coprire circa 5 ore e mezza di utilizzo lavorativo sotto rete WiFi, 7 ore di visualizzazione di video in streaming su YouTube o con l'app Netflix e più o meno due ore e mezza di utilizzo a pieno carico svolgendo operazioni pesanti come gaming o rendering.

La ricarica è affidata ad un caricatore da 65W che è quello classico che troviamo in tutti i notebook della famiglia Huawei e che offre un connettore Type C e dimensioni abbastanza contenute. Un aspetto sicuramente da non sottovalutare perché ci permette di trasportarlo facilmente e di utilizzarlo come unico alimentatore per caricare anche il nostro smartphone.

CONSIDERAZIONI FINALI

Siamo arrivati alle conclusioni, e anche stavolta partiamo dal prezzo. Honor MagicBook Pro è disponibile sul sito ufficiale Honor nella versione 8/256 GB ad un prezzo di 749 euro. Converrete con me che si tratta di un prezzo più che adeguato per quello che offre, anzi, lo ritengo forse anche più basso del dovuto. E infatti, come già sottolineato, si tratta di un prodotto azzeccato per molte delle sue caratteristiche e per posizionamento, ma totalmente sbagliato dal punto di vista della comunicazione e del marketing.

Chiamare questo prodotto Pro, usare un display da 16 pollici soltanto per imitare la concorrenza e dargli un aspetto quanto più simile a quello dell'alternativa Apple è secondo me un azzardo troppo grande. Nonostante questo ve lo consiglio? Se basta a soddisfare le vostre esigenze assolutamente sì, a questa cifra è difficile - anzi, quasi impossibile - trovare soluzioni con le stesse specifiche e prestazioni. Attenti però a non sopravvalutarlo e a non farvi ingannare dall’appellativo PRO.

PRO E CONTRO
Materiali e costruzionePotenza di calcoloPrezzo contenutoRapporto schermo dimensioni
Batteria piccolaDisplay solo FHDGPU sottotono rispetto alla CPU
  • CODICE SCONTO 50€ AHDBLOG50PRO

VIDEO


160

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Michele Milani

Ciao a tutti,

ho trovato sul sito la versione 16GB + 512GB, non sembra esserci alcuno sconto... :(

Qualcuno l'ha già acquistato? commenti?

Grazie!

daniele

Preso!

Roberto

Ottimo, grazie mille!

21cole

Sicuramente è meglio della Vega 6

Roberto

Grazie. E la mx250 è buona per fare un po' di grafica? (grafica leggera)

21cole

beh c'è l'msi prestige 14 con la mx250 su bpm power

Roberto

1000 euro direi

21cole

budget?

David Lo Pan

Non è prima o dopo a fare la differenza. Parere mio, stavolta la differenza la fa la MIUI 12, davvero molto bella e più curata, rispetto alla precedente.

Andrea Pantaleo

visto vhe il max 3 è un redmi note 5 ma enorme, dovrebbe arrivarmi a breve

thinking_about

esattamente. In ogni caso questo di listino è 749€ 8/256, il Matebook 14” è 899€ di listino 16/512

mail9000it

Ni.Se utilizzi molto la tastiera per scrivere la flessione della stessa dá molto fastidio. Per lo stesso motivo c'é chi apprezza e compra una tastiera meccanica da 120 euro al posto di una a membrana da 10.
Ovvio che se non hai questa esigenza non ti serve.

Altro fattore molto importante é quanto scalda. Tempo fa avevo un portatile (dell'ufficio) con il quale durante l'uso avevo una mano normale, mentre l'altra sembrava su un fornello. Una senzazione orrenda.

mail9000it

Controlla anche i modelli con i ryzen 4000, solitamente costano qualcosa di meno e attualmente sono meglio degli intel. Inoltre il black friday si avvicina.

mail9000it

Mah! Trovo questa guerra di design assurda.
Di un portatile guardo soprattutto cosa c'é dentro, poi guardo il fuori.
Certo... deve essere esteticamente accettabile, ma se assomiglia a quello o a questo o se é orginale non mi interessa.
Gli Honor (mi pare) hanno la telecamera sotto un tasto, ecco questo é una cosa di design e funzionale insieme, ma la valutazione rimane su quanto é funzionale.

Nickname2

poco in piu sarebbe 899 contro 699 di questo?

Nickname2

poco in piu sarebbe 899 contro 699?

Nickname2

ma la tastiera ha una versione italiana?

Nickname2

ma la tastiera che voi sappiata è in versione italiana?

Roberto

Ciao, la Vega 6 non è buona? Da come scrivono sembra di no... cercavo in verità, un piccolo notebook per fare qualche lavoretto semplice con Autocad/solidworks/Sketchup e una partitina ogni tanto con Asphalt9... ma adesso vi vengono i dubbi... Cosa mi consigliate?

Alex

un portatile può durare anche più 10 anni se si acquista un prodotto di qualità e ben bilanciato in termini prestazionali sia lato cpu che gpu e ram e con un telaio che sia ben studiato lato dissipazione

Aster

si bastano

GuessWho'sGuest

Se non devi tenere troppi programmi pesanti contemporaneamente potrebbero andare bene.. Ovvio comunque che in generale di RAM più ce n'è meglio è... Se windows dovesse appesantirsi troppo in futuro potresti passare ad una distribuzione Linux!

Giustino

Ti è arrivato il notebook? Sono tentatissimo anche io dalla versione con 4500U, prime impressioni? Tempi di spedizione dal sito honor?

Gianvito

Ma secondo voi, più esperti, per un utilizzo "normale" (Office, navigazione web, ed operazioni simili, quindi non così stressanti), potrebbero andare bene 8 GB di RAM? Oppure, essendo un tipo che non cambia pc ogni 48 h, pensate che alla lunga potrebbero risultare un pò stretti (visti anche gli aggiornamenti continui alla quale veniamo oggi sottoposti)? Grazie mille per i vostri suggerimenti, anticipatamente

David Lo Pan
Aster

x1 carbon

eXces

Arrivato anche a me! Goduria

Davide G.

Assolutamente il primo. La MX330 non offre nulla in più rispetto alle nuove integrate di Intel (o AMD), se non più consumo di batteria

dario

a me ha smesso di ricaricarsi...
vabbè, sarà il caricabatterie! no.
vabbè, sarà la batteria! no.
vabbè, saranno i connettori! no.
scheda madre da cambiare, 550 carte.
6 anni di vita. macbook air.

dario

durata limitata nel senso che si rompono presto o nel senso che diventano obsoleti presto a livello di prestazioni?
personalmente, reputo che il ciclo di vita di un laptop si esaurisca in un massimo di 5 anni, nel senso che dopo tale lasso di tempo difficilmente non si verrà assaliti dalla voglia di cambiarlo con qualcosa più al passo coi tempi.
qualche utente con mac è vero, l'ho visto scavallare tale limite e spingersi anche a 6 o 7 anni, ma che le prestazioni fossero con standard qualitativi elevati è piuttosto opinabile.
non posso esprimermi sulla durata dei componenti dei matebook, ma non presentano né a livello costruttivo né a livello qualitativo alcun limite sulla carta tale da far pensare che il loro ciclo vitale dovrà essere necessariamente inferiore alla media.

Pole

DOMANDA DA IGNORANTE SU NOTEBOOK

Meglio avere i7 con iris Xe o i5 con mx 330 ? (entrambi processori di 11 generazione)

Uso misto, gioco poco o niente, ma se mi venisse voglia vorrei che qualche giochetto girasse.

Aggiungo altre parole perché il filtro antispam mi blocca per commento simile

Michele Brunetti

Sinceramente credo che non si metta mai veramente a confronto un prodotto con il suo prezzo e credo che per 700 € o meno questi portatili huawei (e anche honor ovviamente) siano ottimi. Poi è ovvio che questo magicbook pro ,a parte per il processore, non sia molto adatto all'uso professionale ma ricordiamoci che costa comunque 700€ (sicuramente sarebbe stato meglio lanciare in Italia anche la versione da 16 gb di ram e 512 di ssd). Per quanto riguarda il paragone coi macbook credo che quest'ultimi siano degli ottimi pc (sopratutto per quanto riguarda il sistema operativo che è qualcosa di totalmente diverso da windows) con un bel design e per questo vengono spesso e volentieri copiati però penso che sia anche un bene perchè in molti (me compreso) si sono scocciati dei classici "plasticoni" e vorrebbero vedere sul mercato molti più portatili ben costruiti e con materiali resistenti come l'alluminio. Concludo dicendo che huawei e honor (come altri produttori) potrebbero sicuramente creare un loro design senza copiare quello degli altri perchè comunque i loro portatili sono tra i migliori nella loro fascia di prezzo.

Andredory

E ti direi anche grazie al cavolo dato che i Matebook (soprattutto D) stanno a meno di 700€ di listino generalmente (con prezzi dopo svalutazione che hanno una forbice che va dai 500 ai 600€) mentre il MacBook più pattone con un processore scarsissimo e raffreddamento wireless sta a 1200 e passa € (e si troverà a 1000€ con svalutazione). In più ha Mac OS e non Windows ed un SSD generalmente di capienza inferiore. Non ha senso paragonarli.

Andredory

Ma puntare su un 14" che ha uno stacco minore che passare dal 15 al 13? Hanno anche hardware di migliore qualità avendo i Ryzen 4000H e 16Gb di RAM, roba che su Surface o Dell' XPS paghi una fortuna. Stessa cosa per l'SSD da 512Gb. Tutto ciò ad un prezzo molto inferiore di listino rispetto a quelli da te citati. Certo, sicuramente il pannello seppur ottimo non sarà ai loro livelli però per esempio hai un hardware migliore. Se non sei un grafico o ti serve per particolari esigenze professionali secondo me andrebbe più che bene.

GiankulottoGranbiscotto

Ragazzi vorrei passare dal mio Xps15 (i7 6700) a qualcosa di più leggero e portatile per lavorare in mobilità. stavo puntando xps13 nuovo con gli i7 11th gen. avete controproposte? avevo pensato di prendere un surface book ma non sono pienamente convinto

Ikaro

Anche le invida si fondevano li anche l'usare la dissipazione dei puffi non aiuta ;) personalmente a me si ruppe la scheda wifi, dovetti cercare negli "sfasci" della zona e per cambiarla dovetti smontare tutto il computer (perché sti fenomeni decisero di metterla sotto al display)... :(

edd

Osservando come le due aziende Huawei ed Honor operano nel settore smartphone, ho dato piena fiducia ad Honor acquistando il loro magicbook.

generalszh

purtroppo si rompono soprattutto le ciofeche di schede video amd. a me si è rotta anche la webcam integrata, mah

Francesco Renato

Ma migliaia di utenti sostengono esami on line e se possono leggere facendo finta di guardare la telecamera!

Minion

chiedo... ma perché parlate di Honor MagicBook Pro e poi mettete la scheda tecnica de Huawei MateBook D?

ho visto che in italia c'è solo 8/256... allora di "pro" ha poco... dai...
16 gb (oltretutto saldati) ci devono essere su un pro

Aster

boh chiedilo a quelli che li usano:)nessuna assicurazione ti risarcita se ti prende fuoco la casa o l'ufficio per una prolunga

Aster

io ho almeno un macbook dal 2008 e non ho visto tutto questa qualit,tranne la batteria e chip wifi.

Ikaro

Ma per favore, un macbook ha gli stessi componenti di tutti gli altri (non basta colorarli di nero per fare faigo o cambiargli il form factor per rendere la riparazione più difficile) e si rompe come tutti gli altri, e ti dirò di più google è tuo amico, di storie clamorose sui macbook ne troverai a iosa...

billkilluscoTrmp2020

i soldi stanno ad arcore!! il nano non c'è quindi possono venire i topi a ballare!!

androidev

Il problema di tutti sti notebook cinesi che vezzeggiano i macbook (tipo il matebook per intenderci) e che sono riempiti di apparente ottima dotazione è l’obsolescenza dei componenti, un MacBook (e lo dice uno che spesso e volentieri critica Apple pur essendone utente) ha componenti di qualità assoluta che ti permettono di usare il notebook anche dopo dieci anni o più mantenendo uno standard qualitativo elevato, questi notebook a basso costo hanno una durata dei componenti limitata nel tempo...spesso molto limitata.

Sapobully 4L

Ma non diciamo cavolate NON c'è il modello 16gb se me lo trovi che lo posso acquistare ti pago ma non si trova

NonLoSo

ma la suite Adobe non era stata sistemata sui processori AMD? Ricordo alcune recensioni con Asus ROG da 14" prima e dopo la patch con risultati abbastanza diversi

ghost

Lo fa anche iPad e come iPad devi considerarlo una feature

ghost

Sulla carta i numeri sono quelli poi dipende dall'ottimizzazione e dalle temperature ma il lavoro fatto da AMD è sotto gli occhi di tutti

Undertaker

Subito "Class Action" è che k@sso, proprio non si può nel quasi 2001queste cose...

Huawei Watch Fit, GT 2 Pro, FreeBuds Pro e MateBook 14 AMD | Prezzi e Anteprima

Le 10 migliori estensioni per Chrome che utilizziamo quotidianamente

Microsoft e Google: breve storia di un'insolita alleanza

Come scegliere un PC portatile: cosa guardare prima di comprare un notebook