Recensione Lenovo Yoga Slim 7, il Ryzen 7 4700U spacca!

28 Luglio 2020 482

Rimani aggiornato quotidianamente sui video, approfondimenti e recensioni di HDblog. Iscriviti ora al canale Youtube, basta un Click!

Ebbene sì, alla fine è arrivato anche il mio turno di mettere le mani su un notebook dotato dei nuovi processori AMD Ryzen 4000 nella loro versione ULV. Dopo l'Asus ROG Zephyrus G14 con Ryzen 4000H è quindi giunto il momento di provare anche la versione a basso consumo delle nuove piattaforme AMD (annunciate a gennaio), che promettono ottime prestazioni ed una autonomia in linea con le migliori soluzioni concorrenti sul mercato.

Da Lenovo è infatti arrivato il nuovo Yoga Slim 7, che possiamo considerare come il successore dello Yoga S740 e che è equipaggiato con il Ryzen 7 4700U. Ok, lo ammetto, non vedevo l'ora di provare un portatile con questa piattaforma e posso già dirvi che le mie aspettative non sono state deluse. Per scoprire però come se la cava davvero questo notebook dovete continuare a leggere qui sotto!

SOMMARIO

COMPATTO E COSTRUITO COME SI DEVE

No, non parto raccontandovi del nuovo Ryzen, voglio tenervi un pochino sulle spine. Comincio dicendovi invece che una volta estratto lo Slim 7 dalla scatola vi troverete di fronte una soluzione realizzata con cura, sobria e molto solida. Lo chassis è spesso 15 millimetri ed è realizzato interamente in alluminio, particolare che permette al notebook di mantenere una buona rigidità senza però rinunciare ad un peso accettabile. Si parla di circa 1,4 Kg: non sono pochissimi, ma rimangono comunque entro un range che permette di trasportare il portatile in maniera sufficientemente comoda.

Il design è molto sobrio e riprende le linee e lo stile delle ultime generazioni di notebook Lenovo. Ho molto apprezzato alcuni dettagli come il logo Lenovo a contrasto in un angolo del pannello dietro al display e l'incisione Yoga 7 Series sulla cornice. Sono piccoli particolari, è vero, ma è anche in queste cose che si differenziano le soluzioni di una certa fascia.


Dicevamo della scocca solida e rigida in tutti i suoi punti, compreso il poggiapolsi e il piano della tastiera. Una tastiera che quindi non flette ed è caratterizzata da tasti di buone dimensioni, con la classica forma a U tipica delle soluzioni Lenovo. Come sempre siamo di fronte a una delle migliori soluzioni in circolazione, anche se questa volta un piccolo difetto gliel'ho trovato. La corsa è buona e il click si sente senza risultare troppo rumoroso e fastidioso ma i tasti non sono esattamente stabili come vorrei. C'è un piccolo, anzi piccolissimo, gioco laterale che risulterà probabilmente impercettibile ai più ma che, se siete abituati a certi standard, non potrete fare a meno di notare.

Al centro del poggiapolsi, allineato alla barra spaziatrice, troviamo poi il touchpad. Non è enorme ma nemmeno piccolino, diciamo che forse si sarebbe potuto rosicchiare qualche altro millimetro ma anche così resta usabilissimo. Le dita scorrono bene e la risposta è sempre precisa. Sono ovviamente supportati il tocco multiplo e di conseguenza le gesture di sistema.


Ai lati della tastiera troviamo poi le griglie dietro a cui si nascondono gli speaker che sono dotati di un volume abbastanza elevato e di una qualità nella media delle soluzioni di questo genere. Ovviamente non ci sono molti bassi ma sappiamo che sono poche le soluzioni che riescono a fare meglio e in generale gli alti risultano spesso predominanti anche sui medi.


Nella parte alta del display, al centro, la cornice crea una sorta di notch dentro a cui troviamo inserita la webcam a 720p e i sensori a infrarossi per il riconoscimento del volto che abilitano l'accesso rapido al sistema tramite Windows Hello. Non c'è sensore per il riconoscimento delle impronte ma data la presenza di quello facciale non posso considerarla una grave mancanza.

Chiudo con due parole riguardo alle porte di espansione, il cui numero e la cui varietà sono un valore aggiunto per questo Yoga Slim 7. Sul lato destro abbiamo due USB 3.1 Type A e un lettore di schede microSD, mentre quello sinistro ospita due Type C, di cui una con uscita video, una HDMI e il jack audio combo per cuffie e microfono. Che dire? trovare tutte queste porte su una soluzione così sottile è sempre più una rarità.

UN DISPLAY DISCRETO MA FATELO OPACO!

Lenovo Yoga Slim 7 offre un display da 14 pollici con risoluzione fullHD e classico formato 16:9. Si tratta di un pannello di tipo IPS con finitura lucida e un trattamento anti-riflesso che non definirei esattamente eccezionale. Sinceramente su una soluzione di questo tipo, senza display touch e senza supporto al pennino, non condivido la scelta di usare un display lucido. A meno che non sia strettamente necessario tendo sempre a preferire i pannelli opachi, in grado di garantire una migliore visibilità specialmente in presenza di fonti di luce diretta.

Tolta questa considerazione parliamo di uno schermo comunque discreto. La luminosità massima si ferma a circa 300 cd/mq, sufficiente per utilizzarlo agevolmente in interna anche in ambienti molto luminosi. In esterna, invece, meglio se vi limitate alle zone di penombra.



La misurazione tramite colorimetro e software Calman mostra una buona copertura dello standard sRGB, siamo praticamente al 100%, e dei delta E medi non eccezionali ma comunque accettabili. Parliamo di 5,8 per la scala di grigi e poco più di 3 per i colori. Non siamo all'interno di quella che è considerata come la soglia di errore tollerabile ma restiamo comunque ad un livello per cui le differenze con lo standard sono comunque accettabili.

HARDWARE TOP E MESSA A PUNTO DA F1

Ed eccoci al momento clou di tutta la recensione, ovvero quello nel quale vi parlo un po' di questa nuova piattaforma AMD e di quello che la accompagna dentro a questo Lenovo Yoga Slim 7. Come vi ho già detto la configurazione tra le mie mani è dotata di un Ryzen 7 4700U accompagnato da 16 GB di RAM LPDDR4X a 4266MHz, ancora poco diffuse se guardiamo alle schede tecniche della maggior parte dei notebook in commercio. La CPU è octa-core, con frequenza base di 2 GHz realizzata con processo produttivo a 7nm. La GPU è una AMD Radeon RX Vega 7, naturale evoluzione della Vega che trovavamo integrate nelle soluzioni di precedente generazione.

SCHEDA TECNICA LENOVO YOGA SLIM 7 (AMD):

  • Display: IPS Full HD (1920 x 1080) da 35,56 cm (14"), 300 nit
  • CPU: AMD Ryzen 7 4700U / octa-core 2.0 GHz base clock
  • GPU: AMD Radeon RX Vega
  • RAM: 16 GB LPDDR4X a 4266MHz
  • Storage: SSD NVMe PCIe da 1 TB
  • Connettività: Wi-Fi 6 (Wi-Fi 2 x 2 A), Bluetooth 5.0
  • Porte: 2 USB Type A 3.1 Gen 2, USB C 3.1 (DP+alimentazione), USB C 3.1, Micro SD, HDMI, Jack Audio combo
  • Batteria: 60.7 Wh
  • Dimensioni: 32,06 x 20,8 x 1,49 cm
  • Peso: 1,4 Kg

L'unico componente aggiornabile di tutta la dotazione è l'SSD, ovviamente NVMe PCIe, che comunque offre 1 TB di spazio e velocità di lettura e scrittura sequenziali superiori a 3000 MB/s. Sulla scheda madre si trova un secondo slot M.2 che, leggendo online, pare non possa essere utilizzato in contemporanea con quello in cui troviamo installato l'SSD. In poche parole c'è ma non credo vi sarà molto utile.


Ovviamente, come per tutte le nostre prove, abbiamo messo sotto torchio il nuovo Ryzen 7 4700U caricando al 100% tutti i core per oltre 10 min e il risultato è quello che vedete nel grafico riportato qui sopra. Le frequenze dei core si stabilizzano a circa 3,2 GHz e lì restano per tutta la durata del test. Il TDP è stabile intorno ai 30W, mentre la temperatura media è di 96 gradi. L'avrete intuito anche voi, si tratta di una implementazione bella spinta ma devo dire che, nonostante le temperature interne, la tastiera e la scocca rimangono sempre abbastanza fresche; non si va infatti mai oltre i 37 gradi. Tutto questo ovviamente avviene dopo aver impostato la modalità Prestazioni Elevate all'interno dell'app Lenovo Vantage. Se utilizzate profili più conservativi le frequenze saranno un pochino più basse e il sistema tenderà a mantenere i componenti più freschi a discapito di qualche MHz.


A questo punto non potevo non aggiungere un pochino di carico sulla GPU e quindi con entrambe le componenti al impegnate al 100% ho ripetuto il test e ho verificato che le frequenze si abbassano fino a 2,5 Ghz ma contestualmente anche le temperature, sia all'interno che all'esterno calano in maniera importante. Nel dettaglio parliamo di circa 75 gradi sulla CPU e 32-33 gradi all'esterno. La frequenza della GPU è invece stabile intorno ai 700 Mhz.

Direi che non ci sono dubbi quindi, questo è un notebook con cui potete svolgere tutte le operazioni lavorative standard a occhi chiusi. Ma non solo, la potenza a disposizione e il modo in cui è stata messa a punto la piattaforma consentono anche di far girare programmi decisamente più impegnativi rispetto alla classica suite Office senza troppe limitazioni. Io, ad esempio, ho utilizzato più volte Photoshop e Lightroom in tutta tranquillità e ho anche provato con successo a montare un video in 4K con Premiere Pro. Ovviamente vi parlo di montaggio base, niente effetti speciali o transizioni troppo complesse. La timeline viene gestita in maniera corretta e l'anteprima è abbastanza reattiva.

Ci possiamo giocare? No, non è un notebook da gaming. Nonostante l'ottima CPU, infatti, la Radeon RX Vega che troviamo qui dentro non è una GPU pensata per far girare i titoli AAA più recenti. Si tratta se mai di un buon supporto alla CPU per tutte quelle applicazioni che supportano l'accelerazione grafica, ad esempio. Ciò non toglie che titoli graficamente poco impegnativi come i vari Fortnite e Overwatch girano con una discreta fluidità in fullHD anche con dettaglio medio.

LENOVO VANTAGE E AUTONOMIA

Prima di parlarvi dell'autonomia, che è un altro degli aspetti che mi ha sorpreso, vorrei spendere due parole riguardo al software. Non sto ovviamente parlando del sistema operativo, che probabilmente conosciamo tutti abbastanza bene, ma dell'applicazione Lenovo Vantage. Si tratta di una sorta di centro di controllo all'interno del quale troviamo tutte le info riguardanti il notebook, dalla scheda tecnica alla garanzia e all'assistenza, ma anche una serie di strumenti che possiamo attivare o disattivare per sfruttare al massimo le possibilità di questa macchina.

Vi ho già citato le modalità d'uso: si può passare da quella "Prestazioni Elevate" a "Risparmio Energetico" o "Raffreddamento Intelligente", ognuna con le sue caratteristiche e i suoi scenari di utilizzo, oppure possiamo attivare la ricarica rapida, che in 30 minuti ricarica il 50% della batteria, o ancora selezionare la modalità conservazione. In questo caso la batteria non sarà caricata mai oltre il 55-60%, in modo da limitarne il più possibile il deterioramento nel tempo. Insomma, uno di quei software che inizialmente forse maledici perché vorresti un sistema pulito ma che poi ti accorgi essere molto utile.

Ed eccoci a parlare di autonomia. La batteria all'interno di questo Lenovo Yoga Slim 7 è da 60,7 Wh e consente di ottenere risultati davvero interessanti. Lavorando sotto rete WiFi con l'impostazione Batteria Migliorata si riesce a coprire oltre 10 ore di uso continuativo. Abbassando poi la luminosità dello schermo intorno al 50% si arriva a superare le 11 ore senza troppi problemi. Sotto pieno carico, invece, la batteria si scarica completamente in circa 2 ore.

Consumo orario Autonomia
Lavoro Internet giornaliero in Wi-Fi -9,2 % 10,8 ore
Netflix HD su app Metro -9,6 % 10,4 ore
Rendering Premiere Pro / Giochi -52,5 % 1,9 ore
Draining in standby (Connected Standby On) -0,1% 41 giorni

Luminosità schermo al 50%, audio al 50%. Modalità energetica "Batteria Migliorata".

Slim 7 si carica tramite USB C e con il caricatore in confezione da 65W occorre circa un'ora e mezza per ricaricarlo completamente. Come già anticipato c'è poi la ricarica rapida che permette di ottenere fino al 50% di carica in soltanto 30 minuti.

CONSIDERAZIONI FINALI

Siamo quindi al momento di tirare le somme e come sempre la prima cosa da fare è parlare di prezzo. Yoga Slim 7 nella configurazione da noi provata con Ryzen 7 4700U, 16 GB di RAM e SSD da 1 TB costa 1299 euro. Tanto? Beh, in valore assoluto sì, non sono cifre che tutti possono permettersi di spendere; ma potete farvi carico di una spesa di questo tipo, allora state sicuri che la soluzione che vi portate a casa è assolutamente valida.

Alternative? Direi Dell XPS 13, che parte però da un prezzo un pochino superiore, oppure Huawei MateBook 14, posizionato esattamente alla stessa cifra ma con piattaforme Intel di decima generazione. Insomma, non costa poco ma non è sovrapprezzato e se lo street price dovesse calare fino a circa 1000 euro diventerebbe probabilmente uno dei notebook più interessanti nella fascia alta del mercato.

PRO E CONTRO
Materiali e costruzioneRAM a 4266MHzAutonomiaMessa a punto spinta ma che scala bene
No ThunderboltDisplay lucido molto riflettente
VIDEO

Il 5G che non rinuncia a niente? Motorola Edge, in offerta oggi da Tecnosell a 499 euro oppure da Media World a 580 euro.

482

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Vincenzo Minolfi

Ordinato ieri sera!

Marco Marcellino

no scusa... mi era sfuggito, il mio vivobook è di 15,6"

Andrea
Giovanni Calice

capisco, beh a questo punto non ti rimane che chiamare l'assistenza e chiedere direttamente a loro.

Giovanni Calice

stessa fascia? cioè sempre 14?

Giovanni Calice

penso perchè i convertibili siano per uso "ufficio" prevalentemente e quindi 8 giga sono ottimi.

Andrea

Sì lo so, ma in questo caso non c'era nessuna opzione o configurazione da scegliere prima dell'acquisto.
Immagino che quindi dipenda dal modello/configurazione che viene importato in ogni singolo paese, visto che all'estero pare esserci, e per questo chiedevo di qualcun altro che lo avesse preso dal sito ITA.

Giovanni Calice

oddio a me pare che siano recensioni proprio similari a quelle che faceva riccardo palombo...anzi mi sembra abbiano voluto copiare lo stile.

Giovanni Calice

opzionale di solito significa che in fase di configurazione sul sito devi aggiungerlo prima di pagarlo.

Giovanni Calice

ottimo prodotto ma prezzo alto e la mancanza di tb3 e schermo qhd per me non sono il massimo come cose...però rimane un prodotto con un processore fantastico per i laptop.

Andrea
mikelino666

Anche io ero indeciso con il dell ma alla fine sono passato al MSI prestige 15, che consiglio ad occhi chiusi.

Matt3Franc3

Grazie! :D Anche se a dire il vero sono più interessato al 14".

Filippo Rossano

È tornato disponibile il 15" col 4800U se sei interessato.

Filippo Rossano

Disponibile alla configurazione il 15" col 4800U.

Keres

Peccato che in quello configurabile non si puo inserire la scheda grafica Amd.. :( e in quello pronto non si possano mettere i 16gb di ram

OnlyKekko

Sei stato tu ha hai citato la configurazione ed il prezzo.. io ho solo controllato sul sito.
Francamente se devo spendere la stessa cifra preferisco una garanzia valida e Win che comunque mi devo comprare.

Matteo

Assolutamente no. Ci tenevo a precisare la pratica scorretta di Lenovo. L'utilità dei display 4K sui portatili di piccola taglia è fortemente opinabile, forse si sente di più l'assenza della Thunderbolt.
Chi non ha necessità dell'una o dell'altra fa solo un favore a se stesso e al proprio portafogli prendendo un portatile AMD. I Ryzen 4700 sono un piacere da usare

Slartibartfast

È dual? Nella maggior parte dei notebook con lppdr4 che ho visto recensiti fin'ora usano bus a 64bit.

Slartibartfast

La mia configurazione ha 32GB di ram e viene 1043€, senza però ssd che conviene comprarlo a parte.
Togli windows e metti la garanzia di base se non ti tornano i conti.

giacomofurlan

Sono colori slavati... sRGB dichiarato 55% (vedi: ~50%). L'ho comprato per mio padre, il PC è super silenzioso ed abbastanza performante, ma pecca appunto nei colori.

Aster

si chiamano cosi,equivalente di assemblati fissi per dire

Gef

quindi sconsigli gli AMD?

Gef

clevo?

Filippo Rossano

Era disponibile nel configuratore ai primi di giugno ma è rimasto disponibile meno di una settimana, ora lo hanno tolto.

Point

non sembra terribile quel pannello

Matt3Franc3

Io vedo solo modelli con al massimo il 4700u :( nome preciso del modello?

DV

Esatto...

VolTroN

Sul sito di Lenovo non sono nemmeno acquistabili gli Yoga C940, C740 (questo indicato "in arrivo" da mesi) e C640. Per avere un convertibile decente con 16gb di ram devi andare su modelli ultra premium da 2000€, anche no...

Vincenzo Minolfi

Ad esempio mentre porti i bimbi nel cortile sotto casa oppure sei sul terrazzo o in un portico.. Certo non è comune usare il notebook in mezzo ad un parco giochi ma nelle situazioni che ho citato penso di sì e sono tutte situazioni nelle quali ti serve un'alta luminosità, e lo dico io che quando sono in casa uso il livello più basso possibile di retroilluminazione sul macbookpro! Quando sono all'esterno la tengo al massimo (500nit) ed è appena appena accettabile per non cavarsi gli occhi, anche se sono all'ombra.

TheRaptus

COsa significa il secondo slot M.2? Non posso avere un secondo HDD, "usato assieem all'esistente". Un raid?

Vincenzo Minolfi

Fortunello! Io sono arrivato tardi e trattandosi del mio unico computer non voglio accontentarmi del 4700U, anche per la differenza in termini di iGPU. Piuttosto che trovarmi con la iGPU del 4700U per i prossimi 4-5 anni cerco qualcosa tra i portatili da gioco con la nvidia 1660Ti, rinunciando chiaramente a leggerezza e minori consumi. Se ne facessero una versione con la MX350 (da usare all'occorrenza) sarebbe fantastico!

VolTroN

Mi sa che avete ragione, guardando le foto pare abbia i fori di areazione solo nella parte inferiore della scocca e dubito siano sufficienti...

Alessio Ferri

Ho dato a un cliente la versione 13 pollici touch. L'i7 è inutile e mi sono dovuto raccomandare di non toccare la parte griglia se non vuole scottarsi ed in teoria é la versione basso consumo

pollopopo

io sto litigando col mio HP col m7 6y75 per abilitare nel bios il Connected Standby On.....c'è ma non si attiva...

Matteo

Sul mobile si. Sul desktop, fortunatamente, Intel non può dettare legge

Gark121

Francamente, una recensione di un pc in cui non c'è una scheda tecnica e un prezzo chiaramente visibili all'inizio e bisogna fare una caccia in una paginata infinita di testo per cercare le info essenziali e capire se può interessare o meno leggere il resto è illeggibile e improponibile.
Capisco che r i c c a r d o abbia voluto cambiare percorso e che giustamente ogni articolista voglia scegliere il proprio approccio personale, ma le basi di corretta gestione di un qualsiasi testo scritto vanno mantenute: prima un'idea generale di che cosa si sta parlando, poi tutto il resto.

Matteo

Non saprei come motivarla una scelta del genere altrimenti

Filippo Rossano

Fino a 2 GB presa da quella di sistema.

Aster

Io ho portatili da 2000€ con linux (;

Aster

No costa 1290€ amazon spagna;)

Pablo Escodalbar

Ma questa gpu quanta ram ha?
Non sono pratico di AMD.

Pablo Escodalbar

https://uploads.disquscdn.c...

Mario

stessa cosa per me. al mw hanno la versione 8gb. sul sito nessuna delle due

Pablo Escodalbar

Ma costa 1800 euro!

Pablo Escodalbar

Basta togliere l'SSD e si puo' mettere!

Pablo Escodalbar

I prezzi di Xiaomi ERANO ottimi.

Pablo Escodalbar

Chi compra AMD e' sempre stato uno sfigato.
Si sa.

Pablo Escodalbar

Vabbeh. Quelle sono cose che copiano da Apple. La regina di queste manovre :D:D:D

DV

No, la questione è che se la gpu succhia via anche solo 4gb della ram (cosa che può accadere con svariati software, non solo con i giochi), ne resta ben poca per il resto del sistema.

Recensione MateBook 14: è il migliore tra i notebook Huawei

Apple annuncia i processori proprietari per Mac basati su architettura ARM

PlayStation 5 ufficiale: due versioni, design grintoso e futuristico | Caratteristiche

Recensione Honor MagicBook, al pari di MateBook D14 ma costa meno!