Guida alle schede madri ASUS Z790: quale scegliere per le CPU Raptor Lake?

20 Dicembre 2022 63

A circa due mesi dal lancio della piattaforma desktop Intel "Raptor Lake-S" con i processori Core 13a gen serie K, torniamo sull'argomento per parlare di schede madri basate su chipset Z790 e in particolare della nuova gamma proposta dal colosso taiwanese ASUS, verosimilmente uno dei partner più importanti di Intel quando si tratta di piattaforme desktop e sistemi DIY (Do It Yourself). Questa panoramica arriva a ridosso del CES di Las Vegas (inizio gennaio), evento tra i più sentiti nel settore che, stando alle ultime indiscrezioni, sarà anche la vetrina di lancio per le CPU Core 13a gen "non-K" e le schede madri LGA 1700 di fascia media basate su chipset Intel B760.

Fatta questa premessa, iniziamo subito dicendo che con questo articolo analizzeremo l'offerta di ASUS per identificare la fascia di appartenenza dei vari modelli, cercando poi di capire quale possa essere la scelta migliore in base alle esigenze - tecnico/prestazionali - dell'utente, il tutto ovviamente in relazione anche al budget che si vuole investire. Per la fruizione del pezzo è importante tenere ben presente questo aspetto, semplicemente perchè diversamente si rischia di cadere velocemente nella solita diatriba: da una parte abbiamo chi può investire cifre importanti per assemblare il PC senza problemi, dall'altra - probabilmente la maggioranza - quella fascia di utenza che vuole o deve ottimizzare per forza i costi, cercando allo stesso tempo di non perdere troppo nel rapporto qualità/prestazioni.

Sempre in quest'ottica, c'è da tenere in considerazione che in questo particolare caso parliamo di prodotti basati sul chipset Intel top di gamma - Z790 appunto - quindi chi mira a una soluzione economica di fascia più bassa per Raptor Lake-S dovrà attendere e ripiegare su un modello B760 di prossima introduzione.


Muoversi nel catalogo di schede madri ASUS non è semplice, i modelli sono tantissimi ma fortunatamente il produttore ne facilita l'identificazione con delle precise nomenclature che negli anni abbiamo imparato a riconoscere. Questa tradizione continua anche con la serie Intel Z790 che vede a listino schede madri Z790 ROG (Republic of Gamers), TUF Gaming e PRIME; all'interno del catalogo poi abbiamo una distinzione tra i modelli ROG Maximus e ROG Strix, mentre merita una menzione a parte anche la ProArt Z790-Creator WiFi, destinata ai creatori di contenuti che cercano il meglio per connettività e capacità di espansione.

ASUS ROG MAXIMUS Z790: TUTTO AL TOP, NIENTE COMPROMESSI

Se avete acquistato - anche in passato - una scheda madre della serie ASUS ROG Maximus concorderete con noi che siamo davanti a prodotti che si collocano al top della loro categoria per qualità costruttiva, affidabilità, prestazioni e capacità di espansione/personalizzazione; la linea ROG Maximus Z790 non cambia direzione, anzi come visto per la serie Alder Lake-S Z690 alza ulteriormente il livello della competizione nella fascia alta. Prima di andare ulteriormente avanti facciamo però subito una considerazione secca sull'attuale situazione prezzi che, soprattutto nel segmento della componentistica per PC, sta penalizzando non poco gli utenti del mercato europeo per via dell'inflazione (ma non solo). Basti guardare al listino ufficiale ASUS e confrontarlo ai prezzi europei - vale per qualsiasi altro produttore - per rendersi conto che seppur con qualche aumento "reale" sui listini ufficiali rispetto alla scorsa generazione (vedi materie prime, trasporti ecc), la lievitazione sostanziale dei prezzi non è da attribuire direttamente o soltanto alle aziende produttrici. In quest'ottica, i prodotti di fascia più alta sono sicuramente quelli più facilmente criticabili, ma al tempo stesso è anche vero che un'utente enthusiast che non bada a spese riesce a chiudere serenamente un occhio se la sua scheda madre preferita di ultima generazione è aumentata di cento o duecento euro (a fronte di una spesa di migliaia di euro).


Dopo quest'ulteriore e ultima premessa, torniamo a focalizzarci sui prodotti ROG Z790 Maximus di quest'anno, in ordine: ROG Maximus Z790 Extreme, ROG Maximus Z790 APEX e ROG Maximus Z790 Hero. L'ammiraglia è come al solito la variante Extreme, un vero capolavoro, che con oltre 1.300 euro di listino non è sicuramente un prodotto per tutte le tasche, destinato in sostanza a chi cerca il top.
Al pari degli altri due modelli, ROG Maximus Z790 Extreme offre il meglio della tecnologia ASUS su tutti i fronti: qualità, sezione di alimentazione, prestazioni, espansione, periferiche onboard, supporto software e, non per ultima, un"estrema" propensione all'overclock che la rende ideale per sessioni con sistemi di dissipazione non convenzionali come l'azoto liquido (qui però lo scettro va alla variante APEX).


ASUS ROG Maximus Z790 Extreme è una scheda EATX, imponente per dimensioni del PCB ma altrettanto impressionante se guardiamo al sistema di dissipazione ideato da ASUS. Anche l'estetica è molto curata ed elaborata con una dotazione importante di led che sfociano nel display Anime Matrix e nella LiveDash Color OLED, un piccolo display da 2" che mostra i codici POST e può essere impostato per visualizzare le metriche di sistema.

Ci siamo già occupati di schede madri ASUS ROG e saprete bene che elencarne tutte le specifiche/funzionalità è quasi impossibile, per questo vi rimandiamo alla scheda tecnica completa del prodotto, mentre a seguire segnalimo le caratteristiche a nostro avviso più importanti:

ROG Maximus Z790 Extreme

  • Supporto CPU Intel Core 13a/12a gen socket LGA 1700
  • 4 slot DIMM DDR5 (max 128GB) sino a 7.800 MT/s in base alla configurazione
  • 5 slot M.2
  • 2 slot PCI-E 5.0 x16 e uno slot PCI-E 5.0 M.2
  • ROG DIMM.2
  • VRM a 24+1 fasi
  • WiFi 6E, Thunderbolt 4, Ethernet 10Gbps
  • AI Overclocking, AI Cooling, supporto ARGB AURA Sync
  • ROG WATER-COOLING ZONE

Un gradino sotto, a circa 850 euro, troviamo la ROG Maximus Z790 APEX, una scheda "particolare" ideata e ottimizzata per offrire le migliori prestazioni possibili in ambito overclock; in questo caso il design è diverso, più sobrio potremmo dire (senza mancare di carattera), ma ideato in un certo modo anche per supportare chi si cimenta con l'overclock estremo. Il produttore opta questa volta per una colorazione bianca, mentre come tutti i prodotti equivalenti dei competitor spicca la dotazione con due soli slot DIMM DDR5, configurazione che garantisce attualmente i migliori risultati in termini di frequenza (non a caso la Z790 APEX supporta le DDR5 8000).

A questo link trovate la scheda tecnica completa, a seguire invece le caratteristiche di spicco:

ROG Maximus Z790 APEX

  • Supporto CPU Intel Core 13a/12a gen socket LGA 1700
  • 2 slot DIMM DDR5 (max 64GB) sino a 8000+ MT/s (overclock/XMP 3.0)
  • 4 slot M.2
  • 2 slot PCI-E 5.0 x16, supporto SSD M.2 Gen5 con scheda di espansione PCI-E 5.0
  • ROG DIMM 2
  • VRM a 24+1 fasi
  • WiFi 6E, Thunderbolt 4, Ethernet 2.5Gbps
  • AI Overclocking, AI Cooling, supporto ARGB AURA Sync
  • ROG WATER-COOLING ZONE

Chiude la serie il modello ROG Maximus Z790 Hero, vero best seller e prodotto che potremmo definire una variante meno spinta della Z790 Extreme; a 799 euro di listino, questa scheda madre è molto simile alla sorella maggiore, riprendendone la maggior parte delle caratteristiche tecniche. Le differenze ovviamente ci sono, partendo dal VRM che passa da 24+1 a 20+1 fasi, la mancanza di particolari funzionalità come OptiMem III, lo slot dedicato M.2 Gen 5.0 - supportato comunque con la scheda di espansione fornita in bundle - e la scheda di rete da 2.5 Gbps (contro la doppia LAN 10+2.5 Gbps della Z790 Extreme).

Per quanto concerne il resto resto delle caratteristiche, la capacità di espansione e la connettività non sono molto distanti; anche sul versante illuminazione troviamo una soluzione meno spinta che però si affida agli ottimi effetti del display Polymo, già visto all'opera su altri modelli ASUS. Dal nostro punto di vista, a meno che il budget sia l'ultimo dei vostri problemi, la ASUS ROG Maximus Z790 Hero - scheda tecnica - risulta sovradimensionata per la maggior parte dell'utenza (anche enthusiast).

ROG Maximus Z790 HERO

  • Supporto CPU Intel Core 13a/12a gen socket LGA 1700
  • 4 slot DIMM DDR5 (max 128GB) sino a 7.800 MT/s in base alla configurazione
  • 5 slot M.2
  • 2 slot PCI-E 5.0 x16, supporto SSD M.2 Gen5 con scheda di espansione PCI-E 5.0
  • ROG DIMM.2
  • VRM a 20+1 fasi
  • WiFi 6E, Thunderbolt 4, Ethernet 2.5Gbps
  • AI Overclocking, AI Cooling, supporto ARGB AURA Sync
  • ROG WATER-COOLING ZONE

ASUS ROG STRIX Z790: IL MEGLIO PER GAMER E OVERCLOCKER

Insieme ai modelli TUF, la linea ROG Strix è tra le più ricercate nel catalogo ASUS quando parliamo di gamer (ma anche overclocker), nel dettaglio ci riferiamo a quegli utenti che hanno un buon budget da dedicare alla motherboard e cercano qualità, prestazioni, senza rinunciare a buone capacità di espansione o alle funzionalità proprietarie ASUS. Negli ultimi anni abbiamo avuto modo di testare diversi modelli di schede madri ROG STRIX, compresi due dei modelli che compongono la gamma Z790, ossia la ROG Strix Z790-E Gaming WiFi (DDR5) e la ROG Strix Z790-A Gaming WiFi D4 (DDR4).

I due modelli in questione sono piuttosto simili, fatta eccezione per la livrea bianca e il reparto RAM che vede la ROG Strix Z790-A utilizzare le memorie DDR4 in luogo delle più recenti DDR5. In linea di massima, la variante ROG STRIX-E Gaming WiFi è un prodotto più spinto e leggermente superiore per prestazioni assolute, collocandosi a nostro avviso al livello della Maximus Z790 Hero che costa in pratica 140 euro in più (799 vs 659 euro per la precisione).


Abbiamo provato ed esaminato queste schede in occasione delle recensioni degli Intel Core i9-13900K e del Core i5-13600K (link), quindi vi rimandiamo ai precedenti articoli per avere qualche dettaglio aggiuntivo. Rispetto ai modelli dello scorso anno, con chipset Z690 per intenderci, anche qui si nota un balzo in avanti a livello qualitativo e per dotazione onboard; il VRM è migliorato su tutti i modelli e sulla ROG Strix Z790-E Gaming WiFi (scheda tecnica) ora è a 18+1 fasi, 16+1 sulla versione ROG Strix Z790-A Gaming WiFi D4 che, costando 200 euro in meno (469 euro), offre anche un reparto di espansione più limitato e meno "fronzoli".

ROG STRIX Z790-E Gaming WiFi

  • Supporto CPU Intel Core 13a/12a gen socket LGA 1700
  • 4 slot DIMM DDR5 (max 128GB) sino a 7.800 MT/s in base alla configurazione
  • 5 slot M.2
  • 1 slot PCI-E 5.0 x16 e uno slot PCI-E 5.0 M.2
  • VRM a 18+1 fasi
  • WiFi 6E, LAN 2.5G, USB 3.2 Gen 2x2 20Gbps
  • AI Overclocking, AI Cooling, supporto ARGB AURA Sync


ROG STRIX Z790-A Gaming WiFi D4

  • Supporto CPU Intel Core 13a/12a gen socket LGA 1700
  • 4 slot DIMM DDR4 (max 128GB) sino a 5.333 MT/s
  • 4 slot M.2
  • 1 slot PCI-E 5.0 x16
  • VRM a 16+1 fasi
  • WiFi 6E, LAN 2.5G, USB 3.2 Gen 2x2 20Gbps
  • AI Overclocking, AI Cooling, supporto ARGB AURA Sync

In mezzo a questi due modelli - con un prezzo di 569 euro - si inserisce la ROG Strix Z790-F Gaming WiFi, in pratica la variante DDR5 della Z790-A Gaming WiFi D4 con la quale condivide la quasi totalità delle caratteristiche tecniche; fatta eccezione per le RAM DDR5 7800 e altre piccolezze (qualche porta USB in più), ritroviamo le medesime funzionalità e dotazione di periferiche onboard. Come tutte le schede madri Z790 non manca il supporto PCI-E 5.0, limitato però a un solo slot PCI-E x16; il VRM è comunque robusto (16+1 fasi) e anche la dissipazione risulta curata, pur essendo più scarna rispetto alla STRIX Z790-E Gaming (che personalmente preferiamo).

ROG STRIX Z790-F Gaming WiFi

  • Supporto CPU Intel Core 13a/12a gen socket LGA 1700
  • 4 slot DIMM DDR5 (max 128GB) sino a 7.800 MT/s in base alla configurazione
  • 4 slot M.2
  • 1 slot PCI-E 5.0 x16
  • VRM a 16+1 fasi
  • WiFi 6E, LAN 2.5G, USB 3.2 Gen 2x2 20Gbps
  • AI Overclocking, AI Cooling, supporto ARGB AURA Sync

Allo stesso prezzo della STRIX Z790-F Gaming WiFi, ASUS offre anche la ROG Strix Z790-I Gaming WiFi (scheda tecnica), altro prodotto particolare in quanto sposa lo standard mini-ITX e quindi si indirizza agli amanti dei sistemi SFF (Small Form Factor). In questa occasione abbiamo tra le mani una scheda madre ROG di fascia alta "compressa" in 17x17cm, che però non si fa mancare nulla pur dovendo fare i conti con un PCB meno spazioso.

Questa peculiarità si palesa subito nella sezione di alimentazione a 10+1 fasi (lo spazio è quello che è), passando ai due slot DDR5 che supportano sino a 64GB con velocità a 7600 MT/s; mancano ovviamente gli slot PCI-E che potrebbero trovare posto su una normale scheda ATX, tuttavia ASUS bilancia molto bene con uno slot PCI-E x16 e un M.2, entrambi PCI-E 5.0. Sempre in ottica I/O segnaliamo la nuova ROG Strix Hive che mette a portata di mano alcuni importanti controlli, il reparto I/O (con diverse porte USB) e l'audio, elementi che spesso devono essere "sacrificati" nelle build mini-ITX (specialmente su quelle più spinte).

ROG STRIX Z790-I Gaming WiFi

  • Supporto CPU Intel Core 13a/12a gen socket LGA 1700
  • 2 slot DIMM DDR5 (max 128GB) sino a 7.600 MT/s
  • 2 slot M.2
  • 1 slot PCI-E 5.0 x16 e uno slot M.2 PCI-E 5.0
  • VRM a 10+1 fasi
  • WiFi 6E, LAN 2.5G, Thunderbolt 4, USB 3.2 Gen 2x2 20Gbps
  • AI Overclocking, AI Cooling, supporto ARGB AURA Sync

ASUS TUF GAMING Z790: QUALITA' E PRESTAZIONI GARANTITE

La linea di schede madri TUF GAMING si è ritagliata una precisa fetta di utenza nel listino ASUS, sposando i favori di quei gamer (ma non solo) che puntano alle prestazioni e al budget, il tutto con uno sguardo particolare all'affidabilità viste le lunghe sessioni di gioco che può affrontare un appassionato del genere quotidianamente. La serie TUF, che si è espansa oltre le schede madri e prevede anche schede video e periferiche gaming, nasce proprio come una linea di prodotti "corazzata" che punta tutto sull'affidabilità e la durata nel tempo, offrendo però molte delle opzioni e delle funzionalità (anche BIOS) che ritroviamo sui modelli più costosi.

Negli ultimi anni l'azienda ha migliorato il design, rendendolo più accattivante e integrando gli ormai immancabili LED RGB che possono essere gestiti con il software proprietario AURA Sync. Detto questo, la gamma TUF Gaming Z790 prevede sulla carta tre modelli: la TUF Gaming Z790-PLUS WiFi DDR5 che ancora non sembra disponibile in Italia, affiancata alle TUF Gaming Z790-PLUS D4 e Z790-PLUS D4 WiFi, praticamente identiche fatta eccezione per il modulo WiFi 6 2x2 in dotazione a quest'ultima.


Prendiamo come riferimento la ASUS TUF Gaming Z790-PLUS D4 WiFi (scheda tecnica) prodotto che attualmente si trova in offerta a circa 350 euro e che, specifiche alla mano, è sicuramente la scelta da fare se puntate su questa nuova gamma con chipset Z790. A bordo è presente un robusto VRM a 16 fasi che non teme i processori più esigenti in termini di erogazione (vedi Core i9-13900K ad esempio), mentre per la memoria troviamo 4 slot DIMM che supportano 128GB DDR4 sino a 5.333 MT/s. Ottima per capacità di espansione - manca solo lo slot M.2 PCI-E 5.0 nativo ma c'è ad esempio l'header Thunderbolt - questa variante Intel Z790 ha le carte in tavola per accaparrarsi i favori di un'ampia fascia di utenza, oltre il gaming per essere chiari.

ASUS TUF GAMING Z790-PLUS D4/Z790-PLUS D4 WiFi

  • Supporto CPU Intel Core 13a/12a gen socket LGA 1700
  • 4 slot DIMM DDR4 (max 128GB) sino a 5.333 MT/s
  • 4 slot M.2
  • 1 slot PCI-E 5.0 x16
  • VRM a 16+1 fasi
  • WiFi 6 2x2, LAN 2.5G, USB 3.2 Gen 2x2 20Gbps
  • AI Cooling, supporto ARGB AURA Sync

Prima di passare alla linea ASUS Z790 PRIME, una breve parentesi per un altro interessante modello "non gaming", parliamo della ProArt Z790-Creator WiFi che, come suggerisce il nome, è indirizzata ai creatori di contenuti e a quei professionisti che cercano il meglio in fatto di connettività e capacità di espansione. Al momento disponibile solo sul sito ufficiale ASUS (non in Italia), questa scheda madre porta avanti il design della precedente generazione, garantendo ricchezza di funzionalità e di porte, che ritroviamo solo sulle top di gamma. Le primissime unità sono in arrivo in Italia proprio in questi giorni ad un prezzo di listino di circa 700 euro.

La variante Intel Z790 viene proposta su piattaforma DDR5 per massimizzare le prestazioni in ambito produttività e multi-threading; a bordo troviamo supporto per kit sino a 7.200 MT/s, tre slot PCI-E x16 (due Gen.5) e quattro M.2 che, stranamente, non prevedono un M.2 PCI-E 5.0 nativo.

Il reparto I/O è ottimo: ci sono due Thunderbolt 4, USB 3.2 Gen 2x2, WiFi 6E 2x2 e doppia LAN che, oltre alla classica Intel 2.5G affianca un chip Marvell AQtion 10Gb. Con un VRM a 16+1 fasi, la ProArt Z790-Creator WiFi si può cimentare anche nell'overclock, aiutata tra l'altro dalla presenza dell'utility ASUS AI Overclocking che sfrutta l'Intelligenza Artificiale per aggiustare al meglio frequenze e tensioni in base alle temperature; a questa si aggiunge poi ProArt Creator Hub che permette di tenere sotto controllo il proprio workflow e personalizzare le prestazioni attraverso l'impostazione di diversi profili.

ASUS ProArt Z790-Creator WiFi

  • Supporto CPU Intel Core 13a/12a gen socket LGA 1700
  • 4 slot DIMM DDR5 (max 128GB) sino a 7.200 MT/s
  • 4 slot M.2 (Gen 4) + 8 SATA 6Gbps
  • 2 slot PCI-E 5.0 x16 e uno slot PCI-E 4.0 x16 (x4)
  • VRM a 16+1 fasi
  • WiFi 6E, LAN 2.5G+10G, 2x Thunderbolt 4, USB 3.2 Gen 2x2 20Gbps con Power Delivery
  • AI Overclocking, AI Cooling, AURA Sync, ProArt Creator Hub

ASUS PRIME Z790: LA BASE DI PARTENZA PER INTEL RAPTOR LAKE

In attesa di vedere sul mercato le prime proposte basate sui chipset Intel più economici, B760 in primis, i modelli della serie PRIME Z790 rappresentano il punto d'ingresso dell'offerta ASUS per quanto concerne il chipset Z790 e i processori Core 13a gen su socket LGA 1700. Si spazia dalla microATX PRIME Z790M-PLUS D4 alla ammiraglia della serie, Prime Z790-A WiFi, il tutto con un sostanziale miglioramento delle specifiche rispetto alla serie Z690.

I modelli sono in tutto cinque, tre con memorie DDR5 e due con supporto DDR4:

A parte il VRM a 16+2 fasi e la presenza di slot PCI-E aggiuntivi della top di gamma - Z790-A WiFi - le caratteristiche delle varianti DDR5 sono molto simili; queste schede garantiscono supporto DDR5 7200 (via XMP), slot PCI-E 5.0 x16 e almeno tre slot M.2 (PCI-E 4.0) per SSD di ultima generazione. Su tutti i modelli (tranne uno) è presente almeno una USB 3.2 Gen 2x2 oltre a una porta LAN 2.5G e, dove supportato, troviamo anche un modulo WiFi 6 (WiFi 6E 2x2 su PRIME Z790-A WiFi).


Nonostante sia la fascia più bassa proposta da ASUS, il VRM utilizzato garantisce una certa stabilità anche in overclock (se fosse necessario), abbinato a diverse funzionalità proprietarie ASUS per il monitoraggio, la gestione dei led ARGB e una corposa suite software.

ASUS PRIME Z790-A WiFi

  • Supporto CPU Intel Core 13a/12a gen socket LGA 1700
  • 4 slot DIMM DDR5 (max 128GB) sino a 7.200 MT/s
  • 4 slot M.2 (Gen 4) + 4 SATA 6Gbps
  • 1 slot PCI-E 5.0 x16, 1 slot PCI-E 4.0 x4, 2 slot PCI-E 3.0 x1
  • VRM a 16+2 fasi, 2x 8pin EPS
  • WiFi 6E, LAN 2.5G, USB 3.2 Gen 2x2 20Gbps
  • AI Cooling, AURA Sync, M.2 Q-Latch, PCIe Slot Q-Release

Passando invece alle ultime due schede ASUS Z790 con DDR4, la PRIME Z790-P D4 è quasi identica alla Z790-P DDR5, fatta eccezione per il reparto RAM che sposa le più economiche DDR4 (max 5.333 MT/s). Chiude il cerchio la piccola di casa, ASUS PRIME Z790M-PLUS D4, ideata per chi non vuole rinunciare alle peculiarità del chipset Intel Z790 (almeno non a tutte) ma non ha a disposizione un budget particolarmente elevato.


Essendo una motherboard microATX, quello che differenzia la Z790M-PLUS dalla Z790-P D4 è sostanzialmente la dimensione del PCB che, come visto per la variante ROG Strix Z790-I Gaming, porta a dover risparmiare spazio sugli slot PCI-E e "comprimere" al massimo la zona socket che in questo caso può contare su un VRM a sole 10+2 fasi (comunque non male). Inutile dire che non troveremo tutte le funzionalità avanzate dei modelli più blasonati, ma con un costo decisamente contenuto abbiamo a disposizione uno slot PCI-E 5.0 x16, tre slot M.2 Gen 4 e una buona dotazione di porte USB che non si fanno mancare una doppia USB 3.2 Gen 2x2. Lato software/monitoraggio non manca Aura Sync, AI Cooling II e ASUS EZ Flash 3 (per aggiornare il BIOS), insomma anche un gamer che non ha particolari esigenze potrebbe optare per una scheda madre di questo tipo senza porsi il problema del rapporto prestazioni/affidabilità.

ASUS PRIME ZZ790M-PLUS

  • Supporto CPU Intel Core 13a/12a gen socket LGA 1700
  • 4 slot DIMM DDR4 (max 128GB) sino a 5.333 MT/s
  • 3 slot M.2 (Gen 4) + 4 SATA 6Gbps
  • 1 slot PCI-E 5.0 x16, 1 slot PCI-E 4.0 x16 (x4), 2 slot PCI-E 4.0 x1
  • VRM a 10+1 fasi
  • LAN 1Gbps, USB 3.2 Gen 2x2 20Gbps, header Thunderbolt
  • AI Cooling, AURA Sync, OptiMem II

QUATTRO BUILD CON LE SCHEDE MADRI ASUS Z790

Fatta questa panoramica sulla nuova gamma di schede madri ASUS Z790, chiudiamo questo articolo con qualche consiglio per gli acquisti, il tutto come sempre senza alcuna particolare pretesa visto che il budget e le esigenze degli utenti sono sempre soggettivi. Per l'occasione prenderemo in considerazione anche altri prodotti targati ASUS che, come anticipato sopra, offre un catalogo completo per gli amanti del PC DIY (GPU, dissipatori, case, alimentatori).

Prima di vedere cosa abbiamo scelto per le quattro build ideate, ricapitoliamo nuovamente a quale fascia di utenza sono indirizzate le quattro linee di motherboard ASUS.

  • ROG MAXIMUS: fascia enthusiast, per chi cerca il top senza compromessi in tutti gli ambiti compreso l'overclock estremo
  • ROG STRIX: l'opzione migliore per i gamer ma anche per chi utilizza il PC in altri ambiti; ottime anche per l'overclock
  • ASUS TUF GAMING: per i gamer e gli appassionati che mirano a prestazioni e affidabilità con un occhio di riguardo al prezzo
  • ASUS PRIME: utenza standard che non ha particolari pretese, ha un budget contenuto ma vuole comunque un prodotto di qualità e un certo standard prestazionale

Andiamo quindi in ordine con le quattro configurazioni consigliate, da queste escludiamo case, monitor, eventuali drive dati, periferiche aggiuntive o ventole custom e relativi sistemi di illuminazione proprietari.


ASUS ROG MAXIMUS Z790

Per la build top di gamma abbiamo pensato a un sistema capace di spaziare dal gaming, alla produttività, senza alcun problema ad effettuare anche impegnativi lavori di rendering. In questo caso si presume che il costo non sia un problema, quindi ecco cosa ci metteremmo:

ASUS ROG STRIX GAMING

Della serie ROG STRIX ci è piaciuta molto la Z790-E Gaming WiFi, tuttavia il costo piuttosto vicino alla Maximus Hero ci spinge a ripiegare sulla STRIX Z790-F Gaming WiFi, 100 euro più economica.

ASUS TUF GAMING

Se con le schede madri ROG Maximus e ROG Strix non abbiamo guardato al portafogli, con i modelli TUF GAMING e PRIME cerchermo invece di contenere di più i costi, mirando comunque a sistemi ad alte prestazioni che, come anticipato in apertura, sono consoni alla piattaforma top di gamma Intel Z790; per questo motivo le due restanti piattaforme saranno ideate con lo standard DDR4 in luogo delle più recenti e costose DDR5.

ASUS PRIME


Tutte le considerazioni sopra saranno chiaramente apprezzate dagli amanti del PC fai da te (DIY) ed in grado di mettere mano al proprio PC, per realizzarlo da zero o per fare un aggiornamento della propria build. Per quanti invece non si sentono pronti a mettersi in gioco in prima persona con assemblaggio o aggiornamenti, o semplicemente non hanno tempo da poter dedicare, suggeriamo di rivolgersi ai Partner aderenti al programma Powered by ASUS che raccoglie dealer certificati, capaci di assistere dalla scelta ed ottimizzazione dei componenti fino alla realizzazione finale del setup che meglio si presta a soddisfare le proprie esigenze.

Contenuto in collaborazione con ASUS


63

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
M D

follia allo stato puro. se uno vuole farsi un pc durevole deve spendere 4 o 5 mila euro al giorno d'oggi
io presi appunto la z97 hero, un i7 4790k, 32 gb di ram (4 banchi hyper x) 1600Mhz cl10 (ma le ho impostate cl9), 2 SSD sata ed un hd da 3tb ed una meravogliosa r9 280 dual x. mi pare che il tutto lo pagai 1200/1300 euro circa. 4 nni fa presi usata una r9 290x tri-x da 4gb, che ancora mi accompagna, per 100 euro.
il mio pc è del gennaio 2015.
ed era il top del top su lga 1150.
mi sta passando la voglia di fare un pc moderno, ma tanto io gioco pure col Commodore 64, quindi..

GGiuliano93

Purtroppo sì, le schede basiche costano sui 3-400€ tipo, follia

M D

800???? io ho una z97 hero, presa nuova nel gennaio 2015, non ricordo quanto la pagai, mi pare intorno ai 180!

GGiuliano93

Comprata una z790 hero, difettosa, usb che si disconnettono, controllo qualità = 0, 800€ di scheda madre… bei tempi quando una scheda madre la pagavo 150€

Robbie2k

si scrive "fa", non "fa'"

Robbie2k

A proposito, dato che non mi va di parlare con qualcuno a cui son rimasti 2 neuroni e stanno pure giocando a dama, adios e sparisci. PUFF!

Robbie2k

Sei pure duro di comprendonio vedo, eppure l'ho spiegato bene in italiano il motivo, evidentemente da buon fanboy riesci a vedere solo la parte dove è scritto nVidia.
Ultima volta poi ti diamo per perso: Io ho solo fatto una citazione su un fenomeno che si è venuto a generare in questi anni, non esiste un solo responsabile ma se cito nVidia cito SICURAMENTE il MAGGIORE, semplicemente perché essendo il maggior produttore di schede grafiche è quello che condiziona maggiormente il mercato PUNTO.

Sinceramente se lo fa pure AMD non me ne frega un benemerito c..zo e come ho detto a qualcun altro cito chi c.zo mi pare, senza dover certo chieder eil consenso a qualcuno.

Robbie2k

Cioé deve spiegarlo a te? vai a nanna vai..

pillybilly

800 e passa euro per una scheda madre che non è neanche per WS? Ma che siete scemi o cosa?!?!?!

GePaCa

Mi associo alle 4 milioni di persone che hanno già espresso il proprio disappunto riguardo ai prezzi (folli).

comatrix

Appunto, come volevasi dimostrare

Patrocinante in Cassazione

Una volta le CPU AMD e INTEL si potevano mettere su qualsiasi scheda madre, ma parliamo di tantissimi anni fa

Scrofalo

Già, come da titolo

Davide

le 4080 se le devono lanciare nelle ampolle rettali in Nvidia. Anyway, io non sono uno che lesina danè ma il costo dei componenti sta diventando insostenibile. Capisco l'aumento per i wafer ma qui ci stiamo facendo prendere un pò troppo la mano. Tempo 4 anni ed il top di gamma Iphone arriva a 3k. Qui si marca male. Mi auguro solo che il legislatore dia un bel giro di vite per quanto riguarda l'obsolescenza programmata lato sw ed hw con le riparazioni in modo da permettere alle genti di usare maggiormente i propri dispositivi, costringere i costruttori ad aumentare i prezzi per via delle mancate vendite e poi vedere il sistema collassare. Ma il problema é che questa ipotesi risulta remota per via della popolazione in aumento.

Ciccillo73

Esattamente, spiegalo a questo fanboy.

carta_IGNica

Noi aggiorniamo i PC una volta ogni 4/5 anni e sono tutti Intel.
Teniamo il case e l'alimentatore a volte anche gli SSD/HDD, il resto va venduto nel mercato del usato.

carta_IGNica

Hai ragione, una MB top dovrebbe costare MASSIMO 300€.

Robbie2k

Addio, testa di c..o

sgru

ah, sei un bambino, scusa

Patrocinante in Cassazione

No, caro, non esistono

Robbie2k

E sti c..zi!?!? io cito nVidia ok??

sgru

quando la Z77 costava 150 euro il casello autostradale lo pagavo 60 centesimi mentre adesso costa 2,10

sgru

Hanno fatto schifo allo stesso modo....e quanto visto basta per dire che AMD farebbe esattamente come Nvidia a parti invertite. Durante la pandemia chiunque acquistava GPU per minare e Nvidia immise anche quelle col limite ma ormai c'erano troppi scalper in giro. Fino a prova contraria le founders edition costavano sempre uguale ma solo in pochi riuscivano a comprarne una.

Background 07122017

Ma è stato così anche con le DDR3 alle DDR4 ovvio che al inizio sono sconvenienti a molto

Background 07122017

Boh, se fai un PC con le "vecchie" tecnologie il prezzo è normale (eccetto per alcune fasce di GPU).
Oh situazione identica ad anni fa con le ddr4 e mobo che supportavano che venivano relativamente di più della controparte "vecchia"

Robbie2k

Capisco, sei un fanboy di nVidia e ti sei sentito malissimo quando ho detto che hanno avuto e stanno avendo una politica che fa schifo sui prezzi e non solo.
A parte che AMD non è assolutamente arrivato alle vette dello schifo di nVidia (non so se qualcuno potrà mai) ma ho citato nVidia solo perché è stato un "bubbone" che è esploso, ovvero il maggior produttore di schede grafiche fa tendenza, detta leggi di mercato, ed avendo fatto quello che ha fatto durante la pandemia e sta continuando a fare pure dopo, gli altri mica son scemi che rimangono a guardare.
A me sinceramente di quello che fa AMD non mi importa un tubo perché non condiziona né può condizionare il mercato come può farlo nVidia.
Spero di essere stato chiaro, e se permetti discorso chiuso ora, perché siamo ampiamente OT, qui si parla di MoBo "consigliate" per i Raptor Lake, ed il mio intervento era teso a specificare che c'è modo di risparmiare anche continuando ad adottare le DDR5.

Ciccillo73

Perche' hai etichettato solo Nvidia quando poi AMD ha fatto esattamente lo stesso e poi parli Delle 3060 azzoopate e cosa mi dici Delle version AMD che finivano col 50, non son ridicoli anche quelle? Cioe'tu usi due misure diverse con gli stessi pesi, cerca di essere piu' coerente.

Jotaro

Steam è down proprio ora.

Aquarius

io ho fatto cosi=)

Robbie2k

No, nVidia ha vatto schifo durante E DOPO la pandemia, e molti gli sono andati dietro AMD compresa, anche se in misura minore, ma quello che sta facendo nVidia è veramente il top dello schifo, non solo per i prezzi ma anche per l'intera politica attuata, vedasi l'ultima 3060 con le gddr azzoppate.
Perché mai dovrei smetterla?

Ciccillo73

Cioe' Nvidia ha fatto schifo durante la pandemia invece le schede grafiche AMD costavano il giusto...ma dai smettila.

AndreDNA

:(

Scrofalo

Ci sono schede madri con chipset Z790 per AMD ?

GianlucaA

MSI z77 top di gamma a 150€ anni orsono. Ormai ci aggiungono 5000 orpelli per far lievitare il prezzo.
Nel case ho una gpu 3770 con schermo lcd incorporato. Spiegami a che caspita serve uno schermo lcd sul lato di una gpu

piero

Bei tempi quando c'erano le schede madri epox e si lappava il dissì mettendoci una tornado. Ora fregacazz1

Patrocinante in Cassazione

peccato siano tutte per CPU INTEL

sgru

ogni due

Joaquin Santana

il mio vecchio z170-P D3, equivalente a quest'anno, costa 300€, io ricordo di aver pagato il mio mb 90€....

Robbie2k

C'è modo di contenere i costi anche con DDR5, per esempio con una Z690 di Asus.

Antonio

Grazie

Ottoore

Non avrai problemi.

comatrix

BINGO!!!

comatrix

L'ho detto più sopra ^_^

comatrix

Solo un po', sono letteralmente fuori di melone

comatrix

Ho avuto ROG Strix e TUF, sulle schede madri onestamente serve a ben poco andare oltre certi limiti. ergo una TUF va oltremodo più che ottimamente per il 90% degli utilizzatori.
Invece io suggerisco di evitare e serie B se desiderate poi manipolare il tutto

Antonio

si ho corretto, è la x470 aorus gaming 7 wifi v1.1

Ottoore

Aorus Gaming 7 e Aorus ultra son 2 schede diverse. Quale delle 2? È importante per il VRM, il 5800x è una cpu da 140w quindi diventa impegnativa per la scheda madre.

Conviene? Se devi giocare a framerate elevati assolutamente sì.
Idem ovviamente se la devi usare per un workload basato sulla cpu. Il prezzo al momento è buono.

Cicileu Ieu

mai

Antonio

2700x -> 5800x vale la pena?

sk madre x470 aorus ultra gaming 7 - 16gb flare x 3200 cl14

Paolo Cocci

Come prima penso non torneranno mai. Vediamo verso fine dell'anno prox

Recensione Asus Zenbook S13, vale la pena comprare un notebook premium?

Zenfone 9 con Android 13: Android Stock con tanti piccoli miglioramenti | Video

Rog vs Rog vs Batman: Mediatek 9000 o Snapdragon 8+ gen.1 | Video

Come scegliere il notebook giusto? Ecco i nostri consigli!