Tutti i prezzi sono validi al momento della pubblicazione. Se fai click o acquisti qualcosa, potremmo ricevere un compenso.

Dimensity 9300 è ufficiale: MediaTek gioca la carta della CPU All Big Core

06 Novembre 2023 20

Mediatek ha pescato solo core potenti dal paniere di Arm per realizzare il Dimensity 9300. Le indiscrezioni della vigilia sulla nuova generazione del SoC migliore in gamma hanno trovato conferma durante la presentazione: il Dimensity 9300 appena ufficializzato a Taiwan non ha core Arm della serie Cortex-A5xx, quelli che normalmente si utilizzano per far sì che anche dei SoC che devono distinguersi per prestazioni possano consumare poca energia quando i carichi di lavoro non sono particolarmente impegnativi.

ARCHITETTURA 'ALL BIG CORE'

MediaTek ne ha fatto a meno: la CPU octa core di Dimensity 9300 è composta da 4 Cortex-X4 e 4 Cortex-A720, niente Cortex-A520 e nessuna mezza misura in termini di frequenze di clock. A Taiwan lo chiamano "design All Big Core". I più potenti possono tutti raggiungere i 3,25 GHz mentre il tetto alla frequenza dei quattro Cortex-A720, normalmente da medio carico, è molto più in basso: non superano i 2 GHz. MediaTek li ha utilizzati come degli A520, la sensazione è che a Taiwan con il Dimensity 9300 abbiano voluto giocarsi il jolly per sopravanzare finalmente Qualcomm e il suo Snapdragon 8 Gen 3 uscendo dagli schemi e dalle consuetudini.


Il rischio è che con questa scelta si lasci qualcosa per strada in termini di efficienza, che i modelli con Dimensity 9300 abbiano autonomia inferiore rispetto ai rivali con Snapdragon 8 Gen 3. In attesa che i primi modelli con l'uno e con l'altro SoC ci diano la possibilità di ragionare sulla base di risultati concreti, MediaTek è sicura di aver imboccato la direzione corretta: Dimensity 9300, dice, "ha delle performance maggiori del 40% rispetto alla generazione precedente (il Dimensity 9200, ndr) e consumi inferiori del 33%".

A parità di carichi, dunque, nonostante i 4 core Cortex-A510 che garantiscono efficienza a Dimensity 9200, secondo i dati ufficiali i consumi del nuovo SoC possono essere inferiori anche di un terzo malgrado un cluster insolito che dovrà processare le operazioni più blande, una sforbiciata che nell'uso di tutti i giorni dovrebbe essere evidente. Non vediamo l'ora di verificarlo sul campo.

APU E ISP, L'AI È OVUNQUE

Siamo partiti dall'aspetto che più ci aveva incuriositi durante le settimane passate ma naturalmente non è l'unico di Dimensity 9300 che vale la pena approfondire. Presentando il suo nuovo SoC migliore, MediaTek ha parlato della APU 790 AI, il componente incaricato di elaborare le operazioni che richiedono l'intelligenza artificiale che è integrato in quel completissimo pacchetto che sono oggi i processori per gli smartphone, i System on a Chip o SoC per l'appunto.

La APU 790 AI del Dimensity 9300 secondo MediaTek offre prestazioni maggiori impiegando quasi la metà (il 45% in meno) delle risorse che le occorrevano in passato. In particolare la velocità di elaborazione è cresciuta di 8 volte dalla scorsa generazione, con Stable Diffusion possono essere generate da zero delle immagini in 1 secondo. Con la tecnologia di compressione della memoria NeuroPilot la banda di memoria può essere utilizzata in modo più efficiente così da abbassare i requisiti in termini di memoria stessa per l'elaborazione AI di modelli linguistici di grandi dimensioni. Dimensity 9300 supporterà i più noti, tra cui Meta Llama 2, Baichuan 2, Baidu AI LLM.

L'intelligenza artificiale è chiamata a collaborare anche alle operazioni dell'ISP (il processore d'immagine) Imagiq 990, in grado di garantire la registrazione di video in 4K a 60 fps con HDR, o in 4K a 30 fps con la "cinematic mode" e il tracking dell'effetto bokeh in tempo reale o la noise reduction in 4K. MediaTek dice che il Dimensity 9300 grazie all'Imagiq 990 supporta il formato Ultra HDR di Android 14.

GPU A 12 CORE E LE ALTRE CARATTERISTICHE

Anche in tema di elaborazione grafica MediaTek ha annunciato per il Dimensity 9300 un incremento delle prestazioni a fronte di consumi inferiori. La GPU è la Immortalis-G720 MC12 a 12 core, grazie alla quale il nuovo SoC mette sul piatto performance nei giochi superiori del 46% e consumi più bassi del 40% a parità di prestazioni con il Dimensity 9200. L'azienda ha introdotto il ray tracing engine di seconda generazione, "gli smartphone con Dimensity 9300 - ha spiegato - offriranno giochi con ombre e riflessi di livello paragonabile alle console mantenendo la fluidità dei 60 fps".

Altre caratteristiche chiave di Dimensity 9300 sono:

  • processo produttivo TSMC di terza generazione a 4 nanometri
  • supporto al Wi-Fi 7 (be) fino a 6,5 Gbps e Bluetooth 5.4
  • tecnologia Multi-Link Hotspot, velocità maggiori di 3 volte rispetto a soluzioni concorrenti
  • supporto a display fino a 180 Hz in risoluzione QHD+ o fino a 120 Hz in 4K
  • supporto a memorie RAM di tipo LPDDR5T fino a 9,6 Gbps (come Snapdragon 8 Gen 3), archiviazione fino a UFS 4.0
  • supporto a fotocamere fino a 320 MP, video fino a 8K @ 30 fps.

DEBUTTO A GIORNI

MediaTek ha detto che i primi dispositivi con Dimensity 9300 sono imminenti. Tra i primi a portarlo al debutto dovrebbe esserci Vivo X100, durante l'evento sia MediaTek che Vivo hanno confermato che la X100 series avrà il nuovo SoC e verrà presentata in Cina il 13 novembre.

Il Dimensity 9300 è il chip più potente che MediaTek abbia mai prodotto, con il nostro innovativo design All Big Core garantiamo agli smartphone top di gamma un incremento enorme in termini di pura potenza di calcolo. Questa architettura unica combinata con la nostra nuova APU (AI Processing Unit, ndr) inaugurerà una nuova era di applicazioni per l'intelligenza artificiale generativa - ha commentato Joe Chen, Presidente di MediaTek.


20

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Hiruzen

Infatti sono molto curioso di vederlo in azione, anche Oppo dovrebbe montare 9300 su find x7 pro

Hiruzen

Grazie, così lo seguirò, mi interessa molto

Tony_x

E 32gb di RAM? Che fai, te ne privi?

andrea

Lo tengo sempre nel borsello quindi no problem ho il culo salvo

Federico

Ma lo scopo?
Costruire un supercomputer collegando assieme un po' di telefoni cellulari?

Manuel Ismaeli

Vivo x100. E già stato confermato praticamente

Zødiac

Io fossi stato in Mediatek mi sarei spinto ancora di più e avrei messo i Cortex A720 a un massimo di 2,3 Ghz.
Il punto è molto semplice: è un processore top di gamma? E sfruttiamolo per l'unica cosa che abbia senso in un telefono top di gamma, ovvero gaming e comparto multimediale. E se dopo 3 ore di schermo è già scarico pazienza, il senso è esattamente quello di spomparlo.
Se vuoi un processore efficiente, poco energivoro e l'utilizzo è base con giusto un po' di gaming e editing ti prendi quelli della serie 8xxx/7xxx e sei a posto.
Spero che onestamente sia il primo di tanti con questa filosofia.

Chucky

Non basta, ci vuole un deca-core con tutti Cortex-X4 tutti a 3,85 GHz
Così riuscirò ad aprire Whatsapp

Hiruzen

Ok tutto quello che vuoi, ma quale top di gamma lo monterà? Xiaomi ha già messo Qualcomm, Huawei usa i suoi, Samsung exynos o Qualcomm. Boh

andrea

Bello! quest'anno lo compro uno smartphone con mediatek che spacca il culo a tutti!

Big G

Super dimesity!!

franky29

Dipende se gli a720 a 2ghz vanno meglio dei a520 a 2.2ghz e consumano meno o uguale, hanno ragione loro.

Lato CPU dovrebbe essere una bestia, e la produzione da parte di TSMC comunque fa ben sperare anche riguardo all'efficienza, anche se 4 X-4 a quelle frequenze mi sembra strano che non ciuccino un bel po' quando vengono spremuti per bene.

Lato GPU probabilmente rimarrà sotto lo Snapdragon che sembra una bella bestia.

Chucky

https://media3.giphy.com/me...

Daniele Lanza

Se davvero questo 9300 ha consumi inferiori del 33% rispetto al 9200 e prestazioni superiori del 40% MT ha fatto il botto questa volta perché già il 9200 sui Mi 13T va una bellezza senza problemi di autonomia

Alessandro Scarozza

gli e-core intel sono sempre stati per le prestazioni MT, hanno solo sbagliato il marketing all'inizio

Ottoore

Da una parte c'è Intel che utilizza gli e-cores non per il loro scopo originale, l'efficienza, ma per aumentare le prestazione MT visto che non può farlo con i P-cores (consumano troppo).
Dall'altra c'è Mediatek che non li utilizza in un dispositivo che dovrebbe puntare tutto sull'efficienza, un dispositivo compatto a batteria.

Strani approcci.

T. P.

io punto su All In!

https://media1.giphy.com/me...

Marco 1979

Ottimo per l'inverno

Fagiolo Borlotti

Posso postare il mio disappunto su Twitter ancora più velocemente

Recensione OnePlus Watch 2: sfida a Samsung con Wear OS e un'ottima batteria

Recensione Xiaomi 14, il TOP compatto che vorrei! | VIDEO

Xiaomi 14 ufficiale in Italia. Video anteprima 14 Ultra

Xiaomi Pad S6 Pro, Watch 2, S3 e Smart Band 8 Pro ufficiali in Italia | PREZZI