Intel conclude un trimestre finanziario difficile: licenziamenti in vista

28 Ottobre 2022 11

È stato un brutto trimestre finanziario anche per Intel, evidenziando un trend piuttosto comune per le grandi aziende tech in questo periodo. Il chipmaker ha riportato utili netti pari a 1 miliardo di dollari, l'85% in meno dello stesso periodo dell'anno scorso (ma sempre meglio del trimestre precedente in cui era finita in rosso di circa 500 milioni di dollari), a fronte di un fatturato di 15,3 miliardi di dollari (3,9 miliardi in meno rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente). Di conseguenza, la società ha annunciato un piano di ristrutturazione e riduzione dei costi, che includerà anche dei licenziamenti.

Intel punta a risparmiare tra gli 8 e i 10 miliardi di dollari l'anno da qui al 2025; non ha specificato quante persone perderanno il proprio lavoro, ma secondo Bloomberg siamo nell'ordine delle migliaia. Per alcuni lavoratori saranno anche implementate riduzioni dell'orario di lavoro nelle fabbriche; le divisioni più colpite dovrebbero essere quella operativa e quella del marketing. Contestualmente, la società rinvigorirà le proprie iniziative per incrementare la sua capacità produttiva in patria.

Come abbiamo avuto modo di osservare a più riprese in questi giorni, il mercato sta presentando il conto ai grandi colossi tech per gli ultimi due anni di fortissima crescita grazie alla pandemia di COVID-19: da una situazione di domanda eccessiva ci stiamo spostando a una di offerta eccessiva - si sta producendo più di quanto serva, detta in altri termini, e quindi i prezzi calano, così come i profitti dei produttori.

Parlando con Reuters, l'amministratore delegato Pat Gelsinger ha comunque confermato che nel complesso le spese relative al personale incidono in modo minoritario sul bilancio complessivo di Intel, quindi ci si concentrerà dove ci sono più margini di risparmio, ovvero le fabbriche e le fonderie. Nel complesso, comunque, gli investitori sono stati contenti, perché le previsioni erano ancora peggiori, e le azioni di Intel sono salite di circa il 6% nelle ore immediatamente successive all'annuncio. Intel ha comunque riveduto al ribasso le proprie stime per l'anno completo: ora prevede di chiudere con un fatturato tra i 63 e i 64 miliardi di dollari, ovvero tra i 2 e i 4 miliardi in meno rispetto a quanto ipotizzato in precedenza.


11

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Maxatar

No, questo perché siamo in periodo di crisi sistemica globale, anche la concorrenza ( AMD nello specifico ) fa meno 90%, mica se la ride.

Andre Sergio Da Rio

Magari non loro direttamente, ma trovavi cassoni con celeron a prezzi folli

Slenter97

Intel non c'entra niente, i prezzi sono sempre stati in linea. Il problema finanziario é causato da altri motivi.

T. P.

triste storia... :(

Andre Sergio Da Rio

avete voluto fregarci (o tentare di farlo) nei due anni di pandemia vendendo baracconi a prezzi assurdi? e mo la pagate. vale per Intel, amd, nvidia e apple. purtroppo apple continua a macinare soldi nonostante gli aumenti

opt3ron

Intel ha fatto passi in avanti sotto tutti i punti di vista durante la pandemia ma il mercato non l'ha premiata , personalmente penso che il valore delle sue azioni sia troppo basso rispetto al valore reale , evidentemente la crisi economica fa troppa paura, l'unica cosa che può fare è effettivamente licenziare .

Fade

più che capitalismo è gestione scellerata, durante la pandemia hanno avuto ricavi inaspettati e per chi sà quale motivo pensavano di continuare su quella falsa riga

Patrocinante in Cassazione

Scommetto che INTEL ha la sede in Olanda

frank700

Purtroppo è il capitalismo.

Margaret Thatcher
Jotaro

Questo perchè la concorrenza sta funzionando alla grande, non come nel periodo 2011-2017.

Recensione Gigabyte GeForce RTX 4080 AERO OC: Potente e imponente

Recensione Intel Core i5-13600K: Core i7 sei tu? Test con DDR4 e DDR5

Recensione AMD Ryzen 9 7950X e Ryzen 7 7700X: ecco i nostri test con ECO MODE

Recensione Intel Core i9-13900K: Raptor Lake-S sfida AMD Zen4