USB, prestazioni più chiare con i nuovi nomi | In arrivo entro l'anno

03 Ottobre 2022 149

Novità nella nomenclatura di prese e connettori USB arrivano dall'organo USB-IF Certification, che ha aggiornato linee guida e loghi rendendo molto più semplice l'identificazione dei diversi dispositivi e delle relative prestazioni.

Arriva così la fine del marchio SuperSpeed, che molti non conoscono o non ricordano poiché è sempre stato indicato come lo standard USB 3. Come logica conseguenza anche lo standard USB 4 sta per essere lentamente abbandonato, a favore di una nomenclatura più snella e chiara, maggiormente rivolta agli utenti finali. Le modifiche sono entrate in vigore già in questo trimestre e potrebbero iniziare ad apparire su prodotti e scatole entro la fine dell'anno, secondo il presidente e direttore operativo di USB-IF, Jeff Ravencraft.

È bene chiarire che tutti i prodotti che sono stati certificati prima delle modifiche potranno ancora utilizzare i vecchi marchi. Ravencraft ha spiegato che il nuovo marchio è progettato per dare la priorità alle prestazioni piuttosto che alla versione USB su cui si basano, come chiarito dopo una call con The Verge.

"Quando abbiamo iniziato ad aggiornare il nostro marchio, abbiamo condotto molti studi di focus group con tipologie diverse di consumatori e nessuna di queste persone ha capito i messaggi e il marchio, e non capiscono il controllo di revisione o nomi delle specifiche. Quello che i consumatori vogliono sapere, e quello che abbiamo imparato, sono essenzialmente due cose: qual è il livello di prestazioni di scambio dati più alto che il prodotto può raggiungere? E qual è il livello di potenza più alto che posso ottenere da questo prodotto? "Questo è tutto ciò che vogliono sapere.


Ed ecco arrivare indicazioni più chiare, come da immagine superiore, sulle effettive velocità dei dispositivi USB certificati. Così invece del numero di versione avremo le USB 10 Gbps, 20 Gbps, 40e così via. Ad esempio, quando uscirà USB 4 v2.0 sarà noto come USB 80Gbps.

Ma non basterà indicare la capacità di trasferimento dati, poiché come spiegato da Ravencraft le confezioni dovranno necessariamente riportare altri dati fondamentali, come la potenza di ricarica espressa in Watt.

La nuova marcatura si applica indipendentemente dalla tipologia di porta USB, che si tratti di USB Type-A, microUSB o USB Type-C, tuttavia solo la versione più recente è in grado di supportare velocità di trasferimento superiori a 10 Gbps. Volendo essere precisi ci sono due eccezioni a tutte queste regole che sono l'USB Hi-Speed, nota da tutti come USB 2.0, e la USB 1.0. Le loro velocità sono considerate 'obsolete' e come tali non saranno indicate a fianco della nomenclatura sulle confezioni.


È importante notare che l'utilizzo di questi marchi non sarà propriamente obbligatorio, si applicherà infatti ai dispositivi USB certificati da USB-IF ma questi coprono solo una frazione del numero totale di prodotti USB presenti sul mercato. Questo accade perché a differenza di specifiche come Thunderbolt 4, che i produttori devono concedere in licenza direttamente da Intel, USB è uno standard aperto che chiunque è libero di utilizzare. Questa sua caratteristica lo ha reso onnipresente sui mercati, ma per come effetto collaterale USB-IF è praticamente incapace di impedire alle aziende di creare prodotti USB allineati nelle specifiche agli standard decisi.

I primi prodotti dovrebbero vedere l'adozione dei nuovi marchi già entro la fine dell'anno, non ci resta che attendere ancora qualche tempo.


149

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
BlackLagoon

Rimango della mia idea che un consumatore debba essere consapevole. Senza consapevolezza, non c'è logo che ti pari le ciapét.

csharpino

Tutto questo è chiarissimo per te e per chi conosce questi standard non per chi non li conosce che sono poi i principali fruitori di questi loghini come già detto più e più volte. Come vedo poi anche altri ti stanno facendo notare le stesse cose ma o non ci arrivi o sei semplicemente troppo supponente pensando che quello che sai tu lo debbano sapere tutti, quindi la chiudo qui tanto in entrambi 2 i casi è una partita persa in partenza..

Jhonny

E poi ci sono attuali smartphone xiomi Redmi ecc che hanno usb C ma ancora 2.0 da specifiche!

BlackLagoon

FastCharge è una caratteristica opzionale del protocollo USB ed è parte integrante della Power Delivery 3.0.

Questo vuol dire che se tu hai un loghino "nuovo" Fast Charge 100W sai che quel dispositivo verrà caricato "in fretta" fino a 100W (se l'altro dispositivo lo supporta, altrimenti andranno alla minima specifica supportata da entrambi).

Se non ce l'ha, ma ha fino a 240W di potenza, sai che non verrà caricato in fretta, ma puoi caricarci portatili desktop replacement o altra roba "tosta" fino appunto a 240W.

Per me è chiarissimo. Non devi più vedere la versione del power delivery supportata, o districarti fra quick charge (qualcomm-specific), fast charge, PD etc..

csharpino

No quel logo non ti comunica per nulla la tecnologia supportata, o meglio lo fa in modo parziale e non compatibile con la possibilità di essere usato come unico parametro per la scelta da un utente non tecnico.
Se sullo smartphone c'è scritto che supporta QC chi me lo dice che "Fast Charge" è compatibile? E se ho un dispositivo PD?
Io sono un consumatore del prodotto non della tecnologia che implementa e non devo dover conoscere gli standard di ricarica e le loro differenze per usare uno smartphone.

BlackLagoon

Il loghino serve a comunicare che tecnologia supporta. Poi se quella è la tecnologia che ti serve (perché da bravo consumatore CONSAPEVOLE ti sei informato) la compri, altrimenti ti rivolgi ad altro.

La tecnologia è qui per semplificarci la vita: assolutamente vero. Ma ci sono TANTE tecnologie che fanno le cose più disparate: partendo da un esigenza, scegli la tecnologia più efficace.

csharpino

Seguendo questo principio allora cosa ce lo mettono a fare il "loghino" se tanto chi deve prendere una decisione su un acquisto deve essere consapevole ed istruito sulle specifiche tecniche dettagliate di un oggetto o appoggiarsi a qualcuno che lo è? Ci mettono un bel elenco di sigle incomprensibili al 90% della popolazione che dettagliano in modo impeccabile meglio del "loghino" tutti gli standard supportati e siamo a posto così!!
Se non arrivi a capire che la tecnologia è li per semplificare la vita alla gente non per complicargliela non so che farci, che poi è un concetto base applicato da molti anni e che ha fatto la differenza in termini di adozione di massa in centinaia di casi, basti pensare all'adozione dei PC portata grazie alle interfacce grafiche al posto del prompt comandi o all'intera filosofia Apple.

Frank

Hai scritto un tema per spiegarlo, non mi stupisco che i consumatori abbiano frainteso :-)

Darkat

Si infatti XD

matteventu

I caricabatterie per cellulari e smartphone non sono mai stati tutti uguali, fino all'avvento delle MiniUSB, MicroUSB e USB-C ora.

Scusa eh, in che mondo hai vissuto?

dorcon

Ti stai dimenticando che il 3.1 è stato rinominato in 3.2

BlackLagoon

Ma io non capisco, non puoi non pretendere che il consumatore sia CONSAPEVOLE di cosa sta comprando. Esiste poi - da sempre - l'importantissimo ruolo del commesso che aiuta chi non è esperto e vuole un consiglio.
Spendi soldi per comprare quello che ti serve. Ma se non sai cosa ti serve, non compri. O chiedi a chi ne sa più di te e ti informi. Funziona così da sempre. Non puoi pretendere che un loghino risolva questa matassa.

csharpino

Non vorrei darti delle delusioni ma al mondo non esistono solo i telefonini, anzi questi nuovi standard per la maggiore sono rivolti a tutt'altro..
L'unica lampadina che dovrebbe illuminarsi è quella nella testa di gente come te che da per scontato che la gente comune debba sapere cosa sono i Watt o di come funziona uno standard di ricarica, la tecnologia non è fatta per complicare la vita alle persone ma per l'esatto opposto.
Se uno legge 240W su un caricatore e 100W su un altro da per scontato che essendo 240>100 sarà più veloce e sulle confezioni dei dispositivi non trovi lo stesso logo perchè gli standard di ricarica che vengono usati sono svariati dal QC al PD....

csharpino

Ma perchè dite fesserie? Se non sapete di cosa state parlando non è obbligatorio rispondere...

Darkat

Aspetta però, hanno effettivamente rinominato USB 3.0 in USB 3.1 Gen 1 e USB 3.1 in USB 3.1 Gen 2. E poi non contenti ancora in USB 3.1 Gen 1x1.
È vero che non sono nomi commerciali ma le nomenclature commerciali includevano più standard insieme quindi un venditore era praticamente obbligato ad usare anche queste nomenclature tecniche per informare gli utenti di cosa stavano comprando.
Quindi si, un po' di confusione l'hanno fatta e come, serviva questo rebranding

Squak9000

ehehe faccio così... che ci posso fare mi sono evoluto allo stadio successivo.

Se poi la gente ancora sta con le chiavette, affari loro.

Roberto85

Autoconvincimento level: fanboy

Squak9000
Roberto85
Roberto85

Il 4S, poi li ho buttati dove meritano. Nella spazzatura ;)

Squak9000

e tu lamenti pure... prendi un cinaphonino se devi avere questo genere di file.

Tizio Caio
Francesco Venturini

Avrei tolto Gbps da tutti i loghi! o lasciato solo G

Goose

12 Pro

Everything in its right place.

Ho sputato un polmone

momentarybliss

Tanto la media degli utenti continuerà a chiamare qualsiasi variante "cavetto USB"

Everything in its right place.

Esatto. Il caricatore del mio pc è type C a 65 watt e può essere usato per caricare un telefono perché può gestire 5volt a 3 Ampere, ma non è comunque un "FAST" perché non supporta carica rapida PPS e gestisce lo stesso wattaggio (15 watt costante nel tempo).

Tizio Caio

Ma anche no, la ricarica rapida è un sistema che gestisce la curva di ricarica variandola nel tempo (con un picco all'inizio e una stabilizzazione successiva) quella normale è costante nel tempo. Poi ovvio che 240w caricano più di 100w ma ripeto la potenza è una cosa la curva di ricarica (se ti piace di più scritto così) è un'altra. Quindi ha senso differenziare le due cose, tant'è vero che ci sono caricatori compatibili con la ricarica rapida e altri no, eppure il wattaggio è sempre quello

piervittorio

Ma nemmeno per sogno...
La USB 3.1 prevedeva 5gbps e il classico connettore blu, poi hanno presentato la 3.1gen2 da 10gbps, ed infine hanno presentato il connettore USB tipo C, che si affiancava ai tre tipo A preesistenti.
Semmai il caos è iniziato proprio nel 2013 con la 3.1, ed è peggiorato nel 2017 con la 3.2.
Fino alla 3.0 era più semplice: connettore tradizionale ma con linguetta blu e 5gbps, fine.

BATTLEFIELD

non ho mai parlato di watt quanto di ampere. PPS fast charging regola voltaggio e amperaggio in base allo stato di carica del dispositivo, ha senso

Giuseppe Pasquale

Da quando avete inventato le uSB è un casino inoltre dopo un pò pure i connettori degli smartphone si consumano e si ha difficoltà a caricare il proprio telefono, quanto rimpiango i tempi in cui erano tutti uguali i caricabatterie, non esistevano le USB e sopratutto le batterie erano removibili.

Mostra 1 nuova risposta

Ma guarda l'etichetta della ricarica, se non è stupido chiamare Fast Charge quella da 100W mentre quella da 240W solo Charge, "non so nemmeno cosa sia reale"

MatitaNera

Ah ah ah

ErCipolla

Il contenzioso nell'altra discussione era che ricordarsi sia il numero di versione del protocollo che la lettera indicante la porta era un'impresa impossibile, cosa che continuo a ritenere assurda. Certo, col logo è più immediato, nessuno lo nega, ma non era una tragedia neanche prima a mio avviso.

Everything in its right place.

Si ma "FAST" non vuol dire che ci passano tanti watt, chiaro? Ma che il cavo supporta e gestisce PPS fast charging.

Roberto

Meno male che c'è la sezione commenti per i giusti approfondimenti che di norma dovremmo leggere negli articoli.
Thanks

Felk

Eh, peccato che la potenza non sia 240W ma circa 440W se sono 2A a 220V (o 230, non cambia tantissimo).

Quindi ora la tecnologia è abbastanza matura?

ice.man

in realt' il casino hanno iniziato a farlo loro dal usb 3.2 gen1 e gen 2
fino al usb 3.1 le cose erano chiarissime

Nicola Corsi

Ehm no (la velocità con cui ricarichi una batteria dipende dalla potenza impiegata nella ricarica)

rsMkII

Wow ma allora si meritano il Nobel!

T. P.

tu neanche quello!!! :)

Squak9000

se hai 1 video... per una volta che trasferisci 1 file da 10GB e ci impieghi qualche minuto in più non penso che sia un grande problema.

Squak9000

che iPhone hai???

Squak9000

che iPhone hai??

Squak9000

che iPhone hai?

matteventu

Chiarito perfettamente, grazie!

matteventu

Quando Di0 distribuiva il dono della sintesi, io ero a far la coda alla fila per bellezza e simpatia :)

Antsm90

Riassumendo: I vari nomi che si utilizzano al momento (USB 3.0, USB 3.1 Gen 1, eccetera) dovevano essere utilizzati solo internamente, ma blog e produttori li hanno diffusi comunque fregandosene della [lunghissima] nomenclatura ufficiale (SuperSpeed USB 5Gbps, SuperSpeed USB 10Gbps, eccetera), così USB IF ha creato i nuovi bollini nella speranza che questa volta vengano utilizzati

MK50

https://uploads.disquscdn.c...

Recensione Gigabyte GeForce RTX 4080 AERO OC: Potente e imponente

Recensione Intel Core i5-13600K: Core i7 sei tu? Test con DDR4 e DDR5

Recensione AMD Ryzen 9 7950X e Ryzen 7 7700X: ecco i nostri test con ECO MODE

Recensione Intel Core i9-13900K: Raptor Lake-S sfida AMD Zen4