Huawei: processori made in China per reagire al ban USA

22 Settembre 2022 82

Huawei ha tutte le intenzioni di tornare a produrre processori, e l'unico modo per farlo è senza il supporto degli Stati Uniti. Il ban vieta qualsivoglia rapporto commerciale, dunque l'unica strada è quella delle partnership con realtà cinesi. La società guidata da Ren Zhengfei è scomparsa dalle classifiche, i processori utilizzati sugli smartphone sono spesso rimanenze di magazzino o versioni limitate come lo Snapdragon 8+ Gen 1 di Mate 50 e 50 Pro privo di connettività 5G. E lo stesso fondatore ha parlato di recente di tempi duri che aspettano l'azienda.

Huawei sta stringendo collaborazioni con produttori cinesi di semiconduttori, anch'essi all'interno della lista nera stilata a suo tempo di Donald Trump e poi ratificata (ed aggiornata) da Joe Biden. Stando alle voci provenienti da Oriente, l'azienda avrebbe anche apportato modifiche progettuali ai suoi chip così da essere realizzati con tecnologie meno evolute e, dunque, più facili da reperire nel Paese.

TORNARE SUL MERCATO, SUBITO

Kirin 9000 è presente all'interno di Mate 40 Pro.

Realizzare linee di produzione libere dalle interferenze americane: è questo l'obiettivo di Huawei, che ha fretta di tornare ad essere uno dei protagonisti del mercato. Per farlo non sta costruendo nuovi impianti, scegliendo piuttosto di aiutare finanziariamente (assieme al governo di Pechino) tutti i piccoli produttori di chip sparsi per il Paese. Tra i collaboratori più stretti Nikkei Asia cita Fujian Jinhua Integrated Circuit Co. - già sottoposta a sanzioni USA - e Ningbo Semiconductor International. Per ora si parla solo di investimenti, e non di una partecipazione diretta di Huawei nelle società coinvolte.

I chip saranno soprattutto destinati alle apparecchiature di rete per le telecomunicazioni, in quanto in questo ambito vengono richieste tecnologie meno evolute rispetto a quelle necessarie per i processori degli smartphone (es.: possono essere di dimensioni più grandi). Altro ambito di applicazione sarà quello automotive, che assieme alle infrastrutture di rete viene considerato una priorità per l'azienda.


82

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Andre Sergio Da Rio

hai anche tu le tue ragioni, ma capisci bene che uno investe soldi se ha un ritorno, se non ci fosse nessun ritorno non investirebbe più nessuno

Il corpo di Cristo in CH2O

in questo caso non gli si vuole dare accesso alla tecnologia, la cosa è ben diversa. nel loro mercato interno possono fare quello che vogliono, è questo che non è chiaro, il come di come funzionano le cose tra stati diversi. siamo noi che stiamo giocando con regole pazzotiche e obblighiamo tutto questo.

Andre Sergio Da Rio

il problema è come funzionano i brevetti in cina. ovvero non funzionano

Everetth

se l'ìimperatore non manda la cina in bancarotta, il potenziale il popolo cinese lo possiede ^^ ...

Il corpo di Cristo in CH2O

quando si dice "reinventare l'acqua calda". se tu hai un brevetto per fare l'acqua calda e non lo vendi in una nazione, non ti aspettare che loro non si facciano l'acqua calda in casa con la stessa tecnologia.

Il corpo di Cristo in CH2O

si si molto bello, peccato che quelle aziende siano le prime a non poter vendere in cina seppur siano europee. quando si dice "faccio i miei interessi".

Il corpo di Cristo in CH2O

dov'è che di preciso è citata l'autodisciplina nella costituzione?

Il corpo di Cristo in CH2O

pensa che tirando in ballo il patto sociale europeo è possibile rifiutarsi di fare qualsiasi cosa che non sia un trattamento sanitario obbligatorio (supponendo i medici onesti secondo giuramento, cosa della quale avrei più che qualche dubbio).

frank700

Questa frase c'entra poco.

frank700

È nei tuoi diritti. Pensa che nella storia recente italiana si era costretti ad andare a votare.

cristian ricci frabattista

Incendiati

cristian ricci frabattista

Cina shit

cristian ricci frabattista

Esatto

cristian ricci frabattista

Meglio

cristian ricci frabattista

Ahahah

,.!.

cristian ricci frabattista

Sì certo, noob

cristian ricci frabattista

Ti accontenti di poco

cristian ricci frabattista

Ahah si certo

cristian ricci frabattista

Non sono in grado

Patrocinante in Cassazione

io non andro' a votare

frank700

Questa è una questione che riguarda tutti nel mondo. Che cosa possono fare i votanti se votano qualcuno per determinati motivi e poi gli impegni non vengono rispettati? Col tempo la probabilità di votare qualacuno solo perchè ha i denti più belli diventa sempre più elevata. Per i politici la politica è il loro mestiere, e il mestiere viene prima di tutto. In Italia c'è anche un problema culturale, la cultura è praticamente morta. In più, una componente della cultura attuale italiana è la menzogna, e ne costituisce la parte più importante. Nonchè io non vedo nessuna volontà di evolversi. Ecco perchè io non dò nessuna colpa ai votanti.

Cloud387

Quello che dici è vero, tuttavia ultimamente non si vedono grandi balzi come in passato.

Quindi questo gap potrebbe rivelarsi meno ampio di quanto possiamo immaginare.

Cloud387

Purtroppo il vecchio detto: "Per colpa di qualcuno non si fa più credito a nessuno" è attualissimo

Patrocinante in Cassazione

Intanto speriamo che domenica gli italiani votino con saggezza

frank700

Beh, la libertà personale va autodisciplinata. Quindi, solo per qualcuno devono pagare tutti gli altri? Io vedo mancanza di evoluzione.

meyinu

Sulla frase dell'articolo:

La società guidata da Ren Zhengfei è scomparsa dalle classifiche,

Direi che va tradotto in "Huawei è scomparsa dalle top 5". Ma per esempio in Italia Huawei è in questa posizione come vendite secondo l'agenzia AGI:

In Italia, come in molti altri Paesi occidentali, la distanza tra Samsung e la Mela si assottiglia (30,7% contro 29,3), mentre si allarga quella con i marchi cinesi: Xiaomi vale il 15,5% delle vendite, Huawei resiste al 10,4%

https://www.agi.it/economia/news/2022-09-07/crisi-mercato-smartphone-sacrifica-fascia-media-17976568/

Il dato dell'Agenzia giornalistica italiana è di settembre 07, quindi un paio di settimane fa e si riferisce all'Italia. Siamo per Huawei al 10% abbondante contro il 30% delle top Samsung/Apple. Direi assolutamente non male per l'Italia.

Inoltre le vendite mondiali sono in decisa crescita anche se Huawei è fuori dalle top 5:

4Q2021 ........ 4.7 milioni di smartphone
1Q2022 ........ 5.6 milioni di smartphone
2Q2022 ........ 6.4 milioni di smartphone

La buona notizia è che i numeri stanno migliorando, la cattiva è che sono modesti. Intanto huawei vende a livello mondiale più di 1/10 di Samsug che è il top player.

frank700

Tutto dipende dal valore che dai alla libertà personale. Per me è imprescindibile. Poi, nessun sistema dittatoriale ti dà una giustizia migliore. Anzi, in questi sistemi le conoscenze sono sempre più importanti.

Si vabbè

asd555

Chiaro ma il mondo dell'industria funziona così dalla notte dei tempi.
Non ci sono regole, non è un campionato, nessuno vieta alla Cina di essere "scorretta" e finché può farlo arriverà sempre prima degli altri.

Andre Sergio Da Rio

Beh sui salari e diritti umani per fortuna non lo siamo allora. Poi li quando devono costruire qualcosa prendono le persone e le spostano semplicemente, qui tra espropri cause e tutto ci vogliono millenni. Mi immagino poi li le norme antiinquinamento e il resto... Capisci che non è proprio concorrenza leale

AntonioMicky

Per quanto mi riguarda la situazione è irrilevante. Sono 5 anni che ho un Huawei e va una spada, non ho mai avuto un problema, veramente il top di gamma. Sono queste le cose importanti quando acquisti un telefono, non capisco perché ancora ci siano tutti questi dubbi.

CESTA DI TAZZO

ah..se solo in USA esistesse un analista competente quanto te, questa mossa falsa sarebbe evitata.
Perchè non ti proponi come consulente? ti ricoprirebbero d'oro!

CESTA DI TAZZO

disse nostradamus

CESTA DI TAZZO

"hanno segreti custoditi da secoli"

e tu come li conosci?

asd555

Se non siamo competitivi è colpa nostra mica dei cinesi.

STAFF

Ho sentito che vogliono fare lo stretto di Taiwan.

salvatore esposito

non hanno ancora superato mamma Apple e comunque lontane dalla qualità dei prodotti di huawei.
probabilmente honor potrebbe essere degno erede se huawei non dovesse riuscire a rialzarsi prima visto quanto stanno investendo come terzo store

opt3ron

Xiaomi e Oppo non sono bannate , il problema è il controllo delle infrastrutture della rete.

Andre Sergio Da Rio

no non ho nulla contro i cinesi, quando fanno le cose come si deve! ma è anni che fanno concorrenza sleale sotto tutti i profili, poi alla fine qua chiudono perchè all'imprenditore medio piace delocalizzare dove costa meno e non ci sono diritti, ci troviamo con le pezze al c..o e dipendenti da tutto. guarda una puntata di report ogni tanto per curiosità.

Andre Sergio Da Rio

cara margaret, una statista come lei. le dice niente il caso evergrande? non stanno messi tanto bene

salvatore esposito
kanna mustafa

Non è un grosso problema, Taiwan fa parte della Cina giusto?.........

vegeta nexus 5X

Appunto.

salvatore esposito

L'Iraq ha avuto una minima possibilità di dire che non aveva armi di distruzione di massa?

Margaret Thatcher

Allora, o sono competitive e quindi non hanno bisogno di dumping commerciale oppure non sono competitive e ne hanno bisogno; nel secondo caso il bilancio statale cinese dovrebbe essere un buco nero mostruoso, ma per ora gli unici buchi neri si vedono in occidente...

AcommonAlien

Ho avuto mate 10 pro e faceva foto peggiori del LG G4. Non facciamo i fanboy.

Patrocinante in Cassazione

W la CINA e XI

Ma è vergognoso! Si stanno accordando tra tutti i produttori finiti nella black list per produrre chip scadenti, che si surriscaldano, senza il 5G, pieni di pubblicità, che spiano. Sono liberissimi di farlo ma allora se li tengono in Cina.

Recensione AMD Ryzen 9 7900X e Ryzen 5 7600X: Zen4 è tra noi!

Recensione AMD Ryzen 7 6800U, la iGPU ora convince

Recensione AMD Ryzen 7 5800X3D: la V-Cache 3D funziona alla perfezione

Recensione NVIDIA GeForce RTX 3090 Ti: l'ultimo grido di Ampere