Floppy disk, vecchio a chi? Industria aeronautica cliente affezionato

20 Settembre 2022 126

Il floppy disk è morto? Tutt'altro, a quanto pare. Ne è certo Tom Persky, fondatore di floppydisk.com, che in un libro scritto da Niek Hilkmann e Thomas Walskaar ha rivelato come in realtà il supporto di memoria sia ancora largamente utilizzato e ricercato. E non solo dagli appassionati e dai nostalgici, anzi.

Persky si auto-definisce l'ultimo uomo rimasto nel business dei floppy disk e afferma che i principali acquirenti vengono dal mondo industriale, e in particolare dall'aeronautica. Un fatto decisamente curioso che stona con l'avanzata tecnologica degli aeromobili, ma coerente con la realtà se consideriamo che addirittura alcuni di questi ricevono tuttora aggiornamenti software proprio tramite floppy disk.

IL BOEING 747

Basti ricordare cosa era stato trovato a bordo del Boeing 747 della British Airways un paio di anni fa, un'unità floppy da 3,5 pollici con cui gli addetti caricavano ogni 28 giorni gli aggiornamenti del database di navigazione che include aeroporti, piste di atterraggio, piste di decollo e percorsi di volo.

Quando questi mezzi sono stati progettati, gli ingegneri hanno integrato le tecnologie più recenti, pensando di poterle utilizzare per un lungo lasso di tempo fino all'obsolescenza del velivolo. E così è facile immaginare come un 747 realizzato negli anni '90 potesse essere dotato di un "avanzato" supporto di memoria, il meglio che il mercato potesse offrire. Peccato però che lo sviluppo tecnologico sia proseguito a grandi falcate, rendendo il floppy un oggetto vintage e fuori dal tempo.

LA STAZIONE SPAZIALE INTERNAZIONALE

Un altro settore che fa largo uso del floppy disk è quello medico, dice Tom Persky, cui si devono ad ogni modo aggiungere i semplici appassionati. Non dimentichiamoci nemmeno la Stazione Spaziale Internazionale, perché qualche anno fa al suo interno furono ritrovati all'interno di un armadietto una serie di floppy disk tra cui Norton Utilities per Windows 95/98 e alcuni dischi di supporto per i membri dell'equipaggio.

Di recente la questione floppy disk è emersa anche in Giappone: il Digital Minister Taro Kono ha apertamente dichiarato guerra a questo supporto di memoria per incentivare la pubblica amministrazione a completare la transazione verso i supporti digitali.

Dopo il ritorno del vinile sarà dunque il turno dei floppy disk?


126

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
oxidized

Lo dicevo per il titolo, stiamo parlando di tecnologie vecchie su mezzi vecchi, quindi non capisco

JustATiredMan

Roba troppo nuova. Io ho visto passare il cpm e l'apple dos

JustATiredMan

Fortunatamente ci sono settori che ancora guardano all'affidabilità più che al marketing... Metà della roba IT uscita negli ultimi 20 anni è in realtà solo fuffa fatta per costringere la gente a fare upgrade e comprare nuovo hardware.

Alberto D'Agostini

Interessano a qualcuno? Se vuoi ne ho altri.

Paolone

Che tristezza. Avresti potuto provare a venderli o regalarli ad appassionati

Simone

Infatti i nastri magnetici(ovviamente molto diversi da quelli dei floppy disk), sono utilizzatissimi in ambido backup "storici".
FujiFilm continua ad investire in questo settore ed ha nastri che raggiungono anche 300Mb/s in lettura, non male considerando che sono pensati per essere resilienti e capienti. A differenza di un hdd é molto piú affidabile in lettura, possono essere stoccati in depositi criogenici e sono enormemente capiente, mi sembra 3TB a metro o qualcosa di simile.

Tob

Per smagnetizzare un bit su superficie hdd, fdd e nastro bisogna fare una oscillazione d'isteresi non da poco (sfruttando anche l'avvicinamento/allontanamento durante il trascinamento) e un evento ionizzatore di un transiente non e' sufficiente. Quindi si puo star molto tranquilli.

Aster

hanno solo nastri e floppy

Tob

"No" cosa?

LaVeraVerità

Qui c'è gente che ha cominciato col CP/M e col VM/370

Aster

No hanno dei nastri magnetici della Sony ma non so dove si usano

Tob

Sottoscrivo

Tob

Siii... E anche i floppy giganti da 8"

Tob

Io con il CBM 3032

Francesco Renato

Nessun ritorno, serena continuazione ad esaurimento.

Actarus71

anche per far compagnia alle hostess

Marco Fulgenzi

presente purtroppo

Marco Fulgenzi

il canale tv dei bambini?

=METTEK=
MatitaNera

No no c'erano anche tipo 40 floppy

Aster

dipende!ci sono alternative,ci sono almeno le usb A,sui famosi apple pro che dovevano rimpiazzare il pc dei professionisti di tutto il mondo no!Non c'e neanche il modem lte

Ziggy

Encarata, le giornate in edicola a comprare Giochi per il mio PC, Win Magazine, Hacker Journal... con tutti quei CD pieni di shareware e freeware che altrimenti non avresti avuto, perché come dici te Internet c'era ma costava ben 1.000 lire al minuto la connessione!

Chris

Principalmente si usano perché costerebbe troppo cambiare sistemi su aerei così vecchi non per poca affidabilità di USB, DVD o altri hard drive più moderni. Ogni singolo cambio su un aereo ha così enormi e visto che i floppy per aerei così vecchi vanno bene gli conviene.

Sherthes

Si, ma tranquillo. Infatti, probabilmente proprio per questo (penso più per necessità che per altro, dato che al tempo avevano quella tecnologia tra le mani) ancora utilizzano supporti magnetici e non a transistor. Infatti, la smagnetizzazione avviene con il tempo, con la temperatura (ma le T di Curie sono estremamente elevate) o con una fonte magnetica molto potente (pensa che per smagnetizzare completamente un HDD serve la potenza che ha un elettromagnete per sollevare un'automobile). Invece, per memorie flash basta appunto una scarica elettrica, tra cui le radiazioni ionizzanti provenienti dal Sole.

Alberto D'Agostini

Ho portato in discarica un sacco (non in senso figurato) di floppy proprio la settimana scorsa. Se l'avessi saputo prima, li avrei venduto alla Boing...

NOMC19

Io avevo il cd, però c'era anche il floppy per fare il boot, quello si.

Baronz

Però io ricordo che all'epoca avevo una specie di flat notturna con il 56k.

Body123

Sui portatili sono anni che la maggior parte dei PC che montano Windows non hanno più il lettore cd/dvd, non è solo Apple

Nico Ds

Linee separate, 95 e 98 customer; 2000 Enterprise.

oxidized

Il 747 è un aereo di almeno 40 fa

Birra

I piloti servono per controbilanciare il peso dei passeggeri

Il Robottino

Gli altri 2/3 sarebbero, essere pirata e avere una moglie molesta?

virtual

Infatti prima ho cercato per curiosità NE555 e ne sono usciti un sacco di obsoleti. Cool!

Pip

Altra curiosità.
Alla Rochester electronics comprano perfino gli interi wafer di silicio dei prodotti in obsolescenza, così possono tagliarli e offrirli ai clienti nel formato che desiderano.
I wafer sono conservati in magazzini in atmosfera di azoto per evitare contaminazioni.
Come ho detto prima i prezzi sono estremamente esagerati, con cifre per singolo chip che raggiungono 200 volte e anche più il prezzo di mercato, spesso superando centinaia di dollari per una componente che quando è uscita costava due dollari.
Ma è una cosa fondamentale per alcuni mercati, in particolare quello miliare.
Se ad esempio si rompe qualcosa progettata negli anni 90 e c'è bisogno di un chip nuovo per aggiustarlo, non possono usare un chip equivalente uscito ad esempio nel 2010,ma sono obbligati a seguire il progetto originale, e quindi devono usare la stessa identica componente usata nel '90, che ovviamente non è più sul mercato.
In questi casi si rivolgono a Rochester.
Certo, spesso sono limitazioni prettamente burocratiche, ma si ricollega tutto al mio discorso di prima. Nessuno vuole prendersi la responsabilità di cambiare qualcosa in attrezzature critiche, quindi preferiscono pagare perfino 200 volte il prezzo di mercato per avere quell'esatta componente.

Se fai un giro su digikey, che è un fornitore di elettronica, vedi digikey vende a 1 euro una componente, e Rochester magari la vende a 200 euro.
Digikey però ha la componente aggiornata prodotta nel 2020 con nuovo codice prodotto.
Rochester ha lo stesso identico componente che fa la stessa identica cosa ma con codice seriale degli anni 90, quindi prodotto con le maschere e tecnologia degli anni 90.

Sobotame Tanlistes
MatitaNera

Oddio

Tiwi

le nostre vite in mano a dei floppy disk...

Andhaka

Avevi già il modello avanzato.. Io avevo il 1541 che comunque non era costato poco. Credo di aver risparmiato qualche mese di paghette e lavoretti per averlo. :D

Cheers

Mimmo

Avuto anche quello ovviamente!

ddavv

il timore del buffer underrun...

Nick126

Un aereo dovrebbe andare meglio con il cloud

Jaws 19

Confermo. A me quelle di stamattina sono arrivate verso sera.

Ogni giorno ne esce fuori una.

Io non ho attivato e non attiverò MAI le notifiche tramite mail, questo è poco ma sicuro.

Un terzo…

Devi vedere l’altra…

Andreunto

L'ho mancato veramente per pochissimo quello

SpiritoInquieto

Io col Vic-20!

Marco Revello

Roba troppo moderna: io ho iniziato col DOS 2.11 su dischetti da 5,25

xoryzont

Norton Utilities :) durante installazione cancellava una libreria di sistema di Windows e poi te lo notificava come errore ... Non un problema tale perdita, xò dai XD

Andreunto

Io ho iniziato col c64

Recensione AMD Ryzen 9 7900X e Ryzen 5 7600X: Zen4 è tra noi!

Recensione AMD Ryzen 7 6800U, la iGPU ora convince

Recensione AMD Ryzen 7 5800X3D: la V-Cache 3D funziona alla perfezione

Recensione NVIDIA GeForce RTX 3090 Ti: l'ultimo grido di Ampere