Anker: su Kickstarter stampante 3D super veloce, ed è subito un successo

06 Aprile 2022 26

Anker torna su Kickstarter con un progetto diverso da quello di gennaio, il proiettore Cosmos Laser 4K da oltre 2.000 euro. L'accessorio che, immaginiamo, ha tutto il potenziale per ingolosire più di qualche appassionato di fai da te costa decisamente meno nonostante prometta tanto. È la stampante 3D AnkerMake M5, la prima del produttore che si è fatto conoscere su Amazon anni or sono grazie al rapporto qualità prezzo dei suoi accessori per smartphone.

PARTICOLARITÀ? È VELOCISSIMA, OUT OF THE BOX

AnkerMake M5 ha dalla sua una specifica che spicca sulle altre. Promette di essere una delle stampanti 3D più rapide sul mercato, con una velocità standard di stampa cinque volte più elevata della concorrenza. Velocità standard significa che la stampante di Anker è impostata in fabbrica per andare a 250 millimetri al secondo, quindi in un certo senso si tratta del suo normale ritmo di lavoro. Nessun extra, nessuna fatica, insomma, per andare cinque volte più delle altre.

L'azienda ha puntato parecchio anche sulla facilità d'uso. Si può inviare un progetto agli 8 GB di memoria di AnkerMake M5 via Wi-Fi o da remoto tramite cloud e la stampante farà tutto il resto, avviando l'estrusione senza che siano necessarie traduzioni in codice attraverso software o applicazioni. Inoltre è provvista di una webcam in 1080p e 30 fps che consente di osservare il processo da remoto o di realizzare video timelapse dei progetti da condividere poi sui social. C'è anche un sistema che rileva automaticamente l'eventuale rottura del filamento.

RICHIESTI 45 MILA EURO, HA SUPERATO IL MILIONE

La cifra minima per l'avvio del progetto è stata raggiunta in un flash: servivano poco più di 45 mila euro, nel momento in cui scriviamo, quando mancano 44 giorni alla fine, siamo oltre quota un milione. Per portarne una a casa servono circa 450 euro, la spedizione in Italia è gratuita e le prime partiranno a novembre 2022, salvo imprevisti. Pagina Kickstarter al primo link in VIA.

ANKERMAKE M5 - PRINCIPALI SPECIFICHE
  • volume di stampa: 235 x 235 x 250 mm
  • velocità standard di stampa: 250 mm al secondo
  • velocità operativa di stampa: 50-300 mm/s
  • accelerazione di stampa: 2.500 mm/sˆ2
  • estrusione diretta
  • diametro ugello: 0,4 mm
  • diametro filamento: 1,75
  • materiali di stampa: PLA, PETG, TPU, ABS
  • rumorosità: 50 dB
  • temperatura massima di estrusione: 260 °C
  • CPU: Ingenic X2000 a 1,2 GHz
  • memoria interna: 8 GB
  • sistema operativo: Linux
  • connettività: Wi-Fi, USB
  • night vision con infrarossi e luce
  • controlli remoti: Google Assistant, Amazon Alexa, app AnkerMake
  • software di slice: AnkerMake (Windows e macOS), Simplify 3D, Ultimaker Cura, PrusaSlicer
  • potenza: 350 watt
  • dimensioni e peso: 502 x 438 x 470 mm, netto di 12,4 kg.

26

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Luke

Concordo, per questo bisogna tanto stare attenti, non sono altro che dei Mastrota 4.0 e dicono tante str**zate visto che trattano 1000 argomenti e manco uno ne sanno bene

LaVeraVerità

Se è per questo sono tutti così, a cominciare dal farmacista dalla parlata ansiogena (Issam n.d.r.)

Luke

Concordo, finché non la vedo in mano a uno che la sbudella e la mette sotto torchio si tratta dell'ennesima stampante cinese che la spara grossa col marketing

Luke

Starei attento agli euforismi di overvolt, basta che una cosa sia su bangood con tanto di refferal e son tutti best buy

Karellen

L'estrusore di una ender sicuramente no, va in crisi già attorno agli 8 mm3/sec, ma su questa anker sembra ci sia una sorta di bondtech, ma con riduzione a doppio stadio, potrebbe non avere problemi anche fino a 50 mm3/sec! Per tutto il resto mi trovi d'accordo, sono anch'io piuttosto scettico sul fatto che possa stampare veramente a 250 mm/sec senza problematiche di qualità o di durata nel medio periodo, e che addirittura sia impostata come velocità predefinita. Anche se devo dire che se riescono a mettere una sorta di controllo delle risonanze che funzioni almeno benino, avendo un'accelerazione relativamente bassa (almeno per quelle velocità) e un letto abbastanza leggero e con doppia cinghia, potrebbe anche essere fattibile!

Mauricio

Certo, le puoi spingere alla Voron ma poi voglio vedere se l'estrusore sta dietro, la qualità di stampa, l'usura/rottura delle parti, rumorosità...
Dico solo che con la tipologia di meccanica che ha (cartesiana, direct, hotend non all-metal) possa gestire quelle velocità nello stato standard di come esce di fabbrica.

Karellen

In realtà ti stupiresti di sapere quanto abuso può subire il pezzo stampato! Conosco un tizio che ha fatto una delta invertita (una delta che muove il piatto anzichè la testina) e avendo come piatto un banale disco in fibra di carbonio senza tappetino riscaldante riesce a muovere questo piatto nell'ordine del metro al secondo con 100.000 mm/sec² di accelerazione, che sono 10 G, 10 volte la forza di gravità!

Karellen

250 mm/sec penso sia possibile raggiungerli tranquillamente anche su una ender stock, a patto di mettere klipper, e fregandosene dell'usura. Con klipper grazie al controllo delle risonanze puoi spingere molto di più e con una qualità migliore! Probabilmente vogliono mettere qualcosa di simile dato che dicono che la percentuale di completamento del firmware è molto bassa, dovranno lavorarci parecchio! Comunque 250 mm/sec fa un po' ridere con 2500 mm/sec², vuol dire che ci mette 1/10 di secondo, e quindi 25/50 mm... Sfrutti la velocità solo su parti grandi...

xpy

Modificare è la parte più bella, sopratutto se stampi pezzi per moddare la stampante stessa

LaVeraVerità

Si, la q5

Ngamer

ma quale la q5?? io gli ho cambiato la ventola che sta nel blocco della scheda madre con una meno rumorosa , non ho messo una noctua che a parte il costo maggiore fanno sicuramente meno rumore ma anche meno flusso d aira . ho sostituito la 40x40x20 con una 60x60x15 con un dc/dc perchè dalla sceda escono 24v la ventola che ho messo va a 12v . non sono un grande esperto di stampanti 3d ma questa mi sembra molto semplice da usare e ha il livellamento automatico comodissimo e le stampe aderisco bene al piano ed è discretamente veloce

Mauricio

Infatti, per agevolare l'uso della stampante ho messo un Raspberry Pi 4 con Octoprint.

BATTLEFIELD

A quanto pare aggiungendo un Raspberry Pi Zero puoi utilizzare una versione modificata di Klipper

Mauricio

Il firmware è quello originale, non so su cosa si basi, l'interfaccia è castrata. Il firmware della Ender 3 è molto più avanzato in confronto.
Io disegno con Fusion 360.

LaVeraVerità

Comprata due mesi fa con la scimmia caricata a molla da un video di Overvolt e ancora nella scatola. Prima o poi mi deciderò a montarla.

BATTLEFIELD

Occhio, potresti scoprire che ti piace di più modificare la stampante che usarla XD. Che firmware usa? E,altra curiositá, che software usi per disegnare?

Mauricio

Io ho preso il bltouch insieme alla stampante ma dopo le sistemazioni dei cavi (pessima la soluzione originale) non ho voluto montarlo, mi sono concentrato nei disegni e stampa di un progetto personale.
Magari la Ender 6 ha una meccanica decente ma il firmware è troppo castrato, non permette quasi alcuna regolazione o taratura. Arriverà un giorno che dovrò fare una parte di quello che hai fatto tu.

BATTLEFIELD

Si vedono anche CNC a 5 assi modificate per stampare (tanta roba)

BATTLEFIELD

Esatto! XD ma partivo da una stampante "difficile" tu parti da un prodotto di qualità superiore. E cmq ci ho messo 5 anni a fare tutte queste modifiche, dimenticavo il bltouch, un incubo da configurare e connettere con la duet ma tanta soddisfazione, non ho più ricalibrato la Z (ma proprio mai negli ultimi 12 mesi!)

Mauricio

Cacchio, hai praticamente fatto una stampante nuova. :D

BATTLEFIELD

Partivo da una tronxy x5s poi ho modificato tutto, elettronica e meccanica, ho messo mgn 12h su x e y e ho sostituito la scheda cinese con una duet wifi, ho cambiato anche le viti della Z (due) mettendone due più lunghe e ho eliminato uno dei due motori Z sincronizzando con una cinghia entrambe le viti. Gruppo hot end totalmente ridisegnato e stampato per alleggerire. Insomma è una Frankenstein XD

Ngamer

se il video sul sito fosse vero è tanta roba e poi basta con questo tipo di stampanti oramai si vedono in giro stampanti 5d 6d ok al momento non hanno grandi areee di stampa ma le trovo davvero interessanti. per il momento mi tengo la piccola flsun q5 :P

Mauricio

Finché stampano i benchy va tutto bene ma non appena comici a mettere delle stampe alte, con baricentro medio-alto, prima o poi ti stacca il pezzo dal piatto con il movimento Y.
Che stampante hai? Non ho visto molte XY con le guide, a parte quelle modificate. Avevo pensato di modificare la mia (Ender 6) ma non credo di ottenere molti vantaggi.

BATTLEFIELD

Concordo pienamente, ho una corexy che arriva senza grossi problemi a 200 mm/s ma ho: guide lineari, gruppo estrusore alleggerito all'osso (ovviamente bowden) ed elettronica duet. Una cartesiana da 200 mm/s senza zwobble la devo ancora vedere, troppa massa col piatto in movimento

Mauricio

Posso dire che lo slogan principale "5X più veloce" è quasi solo uno slogan, non solo per questa stampante ma per tutte le altre da 250mm/s, nella grande maggioranza dei casi sarà 40/60% più veloce.
Poi voglio vedere una vera recensione (non sponsorizzata), già su una CoreXY con guide lineari metalliche, 250mm/s è molta velocità, su una cartesiana con scorrimento in policarbonato ho qualche dubbio.
Direi che è più interessante per le altre caratteristiche.

xpy

Sembra molto interessante, ma mi da l'impressione che sia fin troppo chiusa e noiosa da smontare, e in una stampante 3d vuoi poterci mettere le mani perché se la usi qualcosa da sistemare prima o poi c'è e questa sembra creata da un designer della Apple

Recensione Gigabyte GeForce RTX 4080 AERO OC: Potente e imponente

Recensione Intel Core i5-13600K: Core i7 sei tu? Test con DDR4 e DDR5

Recensione AMD Ryzen 9 7950X e Ryzen 7 7700X: ecco i nostri test con ECO MODE

Recensione Intel Core i9-13900K: Raptor Lake-S sfida AMD Zen4